12.4 C
Roma
Gio, 3 Dicembre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno C V Domenica di Pasqua - Anno C - 19 maggio 2019

V Domenica di Pasqua – Anno C – 19 maggio 2019

Gesù vero maestro nell’arte d’amare






    Dal Vangelo secondo Giovanni.

    “Quando Giuda fu uscito [dal cenacolo], Gesù disse: «Ora il Figlio dell’uomo è stato glorificato, e Dio è stato glorificato in lui. Se Dio è stato glorificato in lui, anche Dio lo glorificherà da parte sua e lo glorificherà subito.
    Figlioli, ancora per poco sono con voi. Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri. Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri.
    Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avete amore gli uni per gli altri»”. 




    Amore!

    E’ una delle parole più usate ma, talvolta, anche abusate. Quando è pronunciata male “brucia le labbra” dicevano i rabbini. Ma quando è tradita, interpretata in modo improprio, abusata, addirittura rischia di diventare devastante, distruttiva. L’amore è un’arte. Tutti crediamo d’esserne maestri, pochi si professano, umilmente, allievi. Avere fame d’amore, sentirsi in debito d’amore, chiedersi come amare, tormentarsi per non aver amato abbastanza, questo è vero amore. “La misura dell’amore è non avere misura” affermava sant’Agostino. Certo! Mica si può mettere un confine all’amore, non lo si può imbrigliare, imprigionare la sua meta è sempre la sazietà per l’altro, la sua propulsione è raggiungere tutti, la sua testimonianza è non escludere nessuno, la sua preferenza sono coloro che non hanno nulla con cui ricambiarti, il suo eroismo è amare chi non merita, anzi demerita. Il suo vertice è dare la vita, cioè se stessi per il bene dell’altro.

    L’Everest dell’amore è la croce di Cristo, perciò, ci invita ad amare come ha fatto lui. Praticando il suo esempio saremo come Pollicino che seguendo le briciole seminate nel percorso ritrova la strada di casa. Come l’eponimo e proverbiale filo che Arianna diede a Teseo, di cui era innamorata, che gli permise di poter segnare la strada percorsa nel labirinto per uccidere il Minotauro e quindi uscirne agevolmente. Gesù è il nostro esempio da seguire, il termine di paragone da avere presente per poterci esprimere nell’arte dell’amore e raggiungere i suoi vertici.

    Nel comandamento nuovo che ci consegna ci chiama ad amarci “gli uni gli altri. Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri”. E’ veramente nuovo, scandalosamente innovativo, l’invito di Gesù. Non amare più solo chi merita, ma tutti. Per quello e per come sono. Le persone vanno amate solo perché esistono, le incontriamo, le cerchiamo, ci relazioniamo con loro. L’amore non si merita ma si accetta. Dio, in Gesù, ci ama non per i nostri meriti, non perché belli, non perché ricchi, ma solo ed unicamente perché figli. Non amare emozionalmente ma concretamente, non intenzionalmente, “ma con i fatti e nella verità”.

    Ogni scelta d’amore per il nostro prossimo ci spinge a vedere nell’altro non un oggetto ma un maestro, un signore che ci spinge a lasciarci “abitare dalle ricchezze dell’altro”. La sofferenza, la povertà, l’esclusione, la paura, quando sono avvicinate da noi perché incontrate negli altri diventano ricchezza per noi. Sazietà per la nostra vita. Gesù ci stimola ad amare non quanto, ma, come, Lui. Nella quantità Dio ci supera ed umilia sempre perché non lo potremo mai raggiungere, nella qualità gli possiamo assomigliare. Anzi ogni volta che lo facciamo diventiamo un raggio, una emissione del suo essere amore per gli altri.I cristiani non sono quelli che amano (lo fanno in molti sotto tutte le latitudini) ma quelli che amano come Gesù: se io vi ho lavato i piedi così fate anche voi, fatelo a partire dai più stanchi, dai più piccoli, i vostri signori… Come Lui, che non solo è amore, ma esclusivamente amore” (Ermes Ronchi). Tutto l’amore!




    Gesù ci mostra la strada per seguirlo, la strada dell’amore. Il comandamento di Cristo è nuovo perché Lui per primo lo ha realizzato, gli ha dato carne, e così la legge dell’amore è scritta una volta per sempre nel cuore dell’uomo (cfr Ger 31,33). E come è scritta? E’ scritta con il fuoco dello Spirito Santo. E con questo stesso Spirito, che Gesù ci dona, possiamo camminare anche noi su questa strada! Dunque, questa Parola del Signore ci chiama ad amarci gli uni gli altri, anche se non sempre ci capiamo, non sempre andiamo d’accordo… ma è proprio lì che si vede l’amore cristiano. È proprio l’amore di Cristo, che lo Spirito Santo riversa nei nostri cuori, a compiere ogni giorno prodigi nella Chiesa e nel mondo. Sono tanti piccoli e grandi gesti che obbediscono al comandamento del Signore: “Amatevi gli uni gli altri come io ho amato voi”. Grazie alla forza di questa Parola di Cristo, ognuno di noi può farsi prossimo verso il fratello e la sorella che incontra. Gesti di vicinanza, di prossimità. In questi gesti si manifesta l’amore che Cristo ci ha insegnato.

    (REGINA COELI – Domenica, 10 maggio 2015)




    Assisti, Signore, il tuo popolo, che hai colmato della grazia di questi santi misteri, e fa’ che passiamo dalla decadenza del peccato alla pienezza della vita nuova. Per Cristo nostro Signore.





Dal Vangelo secondo Giovanni.

“Quando Giuda fu uscito [dal cenacolo], Gesù disse: «Ora il Figlio dell’uomo è stato glorificato, e Dio è stato glorificato in lui. Se Dio è stato glorificato in lui, anche Dio lo glorificherà da parte sua e lo glorificherà subito.
Figlioli, ancora per poco sono con voi. Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri. Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri.
Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avete amore gli uni per gli altri»”. 



Amore!

E’ una delle parole più usate ma, talvolta, anche abusate. Quando è pronunciata male “brucia le labbra” dicevano i rabbini. Ma quando è tradita, interpretata in modo improprio, abusata, addirittura rischia di diventare devastante, distruttiva. L’amore è un’arte. Tutti crediamo d’esserne maestri, pochi si professano, umilmente, allievi. Avere fame d’amore, sentirsi in debito d’amore, chiedersi come amare, tormentarsi per non aver amato abbastanza, questo è vero amore. “La misura dell’amore è non avere misura” affermava sant’Agostino. Certo! Mica si può mettere un confine all’amore, non lo si può imbrigliare, imprigionare la sua meta è sempre la sazietà per l’altro, la sua propulsione è raggiungere tutti, la sua testimonianza è non escludere nessuno, la sua preferenza sono coloro che non hanno nulla con cui ricambiarti, il suo eroismo è amare chi non merita, anzi demerita. Il suo vertice è dare la vita, cioè se stessi per il bene dell’altro.

L’Everest dell’amore è la croce di Cristo, perciò, ci invita ad amare come ha fatto lui. Praticando il suo esempio saremo come Pollicino che seguendo le briciole seminate nel percorso ritrova la strada di casa. Come l’eponimo e proverbiale filo che Arianna diede a Teseo, di cui era innamorata, che gli permise di poter segnare la strada percorsa nel labirinto per uccidere il Minotauro e quindi uscirne agevolmente. Gesù è il nostro esempio da seguire, il termine di paragone da avere presente per poterci esprimere nell’arte dell’amore e raggiungere i suoi vertici.

Nel comandamento nuovo che ci consegna ci chiama ad amarci “gli uni gli altri. Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri”. E’ veramente nuovo, scandalosamente innovativo, l’invito di Gesù. Non amare più solo chi merita, ma tutti. Per quello e per come sono. Le persone vanno amate solo perché esistono, le incontriamo, le cerchiamo, ci relazioniamo con loro. L’amore non si merita ma si accetta. Dio, in Gesù, ci ama non per i nostri meriti, non perché belli, non perché ricchi, ma solo ed unicamente perché figli. Non amare emozionalmente ma concretamente, non intenzionalmente, “ma con i fatti e nella verità”.

Ogni scelta d’amore per il nostro prossimo ci spinge a vedere nell’altro non un oggetto ma un maestro, un signore che ci spinge a lasciarci “abitare dalle ricchezze dell’altro”. La sofferenza, la povertà, l’esclusione, la paura, quando sono avvicinate da noi perché incontrate negli altri diventano ricchezza per noi. Sazietà per la nostra vita. Gesù ci stimola ad amare non quanto, ma, come, Lui. Nella quantità Dio ci supera ed umilia sempre perché non lo potremo mai raggiungere, nella qualità gli possiamo assomigliare. Anzi ogni volta che lo facciamo diventiamo un raggio, una emissione del suo essere amore per gli altri.I cristiani non sono quelli che amano (lo fanno in molti sotto tutte le latitudini) ma quelli che amano come Gesù: se io vi ho lavato i piedi così fate anche voi, fatelo a partire dai più stanchi, dai più piccoli, i vostri signori… Come Lui, che non solo è amore, ma esclusivamente amore” (Ermes Ronchi). Tutto l’amore!



Gesù ci mostra la strada per seguirlo, la strada dell’amore. Il comandamento di Cristo è nuovo perché Lui per primo lo ha realizzato, gli ha dato carne, e così la legge dell’amore è scritta una volta per sempre nel cuore dell’uomo (cfr Ger 31,33). E come è scritta? E’ scritta con il fuoco dello Spirito Santo. E con questo stesso Spirito, che Gesù ci dona, possiamo camminare anche noi su questa strada! Dunque, questa Parola del Signore ci chiama ad amarci gli uni gli altri, anche se non sempre ci capiamo, non sempre andiamo d’accordo… ma è proprio lì che si vede l’amore cristiano. È proprio l’amore di Cristo, che lo Spirito Santo riversa nei nostri cuori, a compiere ogni giorno prodigi nella Chiesa e nel mondo. Sono tanti piccoli e grandi gesti che obbediscono al comandamento del Signore: “Amatevi gli uni gli altri come io ho amato voi”. Grazie alla forza di questa Parola di Cristo, ognuno di noi può farsi prossimo verso il fratello e la sorella che incontra. Gesti di vicinanza, di prossimità. In questi gesti si manifesta l’amore che Cristo ci ha insegnato.

(REGINA COELI – Domenica, 10 maggio 2015)



Assisti, Signore, il tuo popolo, che hai colmato della grazia di questi santi misteri, e fa’ che passiamo dalla decadenza del peccato alla pienezza della vita nuova. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

V Domenica di Pasqua – Anno C – 19 maggio 2019

Gesù vero maestro nell’arte d’amare



Dal Vangelo secondo Giovanni.

“Quando Giuda fu uscito [dal cenacolo], Gesù disse: «Ora il Figlio dell’uomo è stato glorificato, e Dio è stato glorificato in lui. Se Dio è stato glorificato in lui, anche Dio lo glorificherà da parte sua e lo glorificherà subito.
Figlioli, ancora per poco sono con voi. Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri. Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri.
Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avete amore gli uni per gli altri»”. 



Amore!

E’ una delle parole più usate ma, talvolta, anche abusate. Quando è pronunciata male “brucia le labbra” dicevano i rabbini. Ma quando è tradita, interpretata in modo improprio, abusata, addirittura rischia di diventare devastante, distruttiva. L’amore è un’arte. Tutti crediamo d’esserne maestri, pochi si professano, umilmente, allievi. Avere fame d’amore, sentirsi in debito d’amore, chiedersi come amare, tormentarsi per non aver amato abbastanza, questo è vero amore. “La misura dell’amore è non avere misura” affermava sant’Agostino. Certo! Mica si può mettere un confine all’amore, non lo si può imbrigliare, imprigionare la sua meta è sempre la sazietà per l’altro, la sua propulsione è raggiungere tutti, la sua testimonianza è non escludere nessuno, la sua preferenza sono coloro che non hanno nulla con cui ricambiarti, il suo eroismo è amare chi non merita, anzi demerita. Il suo vertice è dare la vita, cioè se stessi per il bene dell’altro.

L’Everest dell’amore è la croce di Cristo, perciò, ci invita ad amare come ha fatto lui. Praticando il suo esempio saremo come Pollicino che seguendo le briciole seminate nel percorso ritrova la strada di casa. Come l’eponimo e proverbiale filo che Arianna diede a Teseo, di cui era innamorata, che gli permise di poter segnare la strada percorsa nel labirinto per uccidere il Minotauro e quindi uscirne agevolmente. Gesù è il nostro esempio da seguire, il termine di paragone da avere presente per poterci esprimere nell’arte dell’amore e raggiungere i suoi vertici.

Nel comandamento nuovo che ci consegna ci chiama ad amarci “gli uni gli altri. Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri”. E’ veramente nuovo, scandalosamente innovativo, l’invito di Gesù. Non amare più solo chi merita, ma tutti. Per quello e per come sono. Le persone vanno amate solo perché esistono, le incontriamo, le cerchiamo, ci relazioniamo con loro. L’amore non si merita ma si accetta. Dio, in Gesù, ci ama non per i nostri meriti, non perché belli, non perché ricchi, ma solo ed unicamente perché figli. Non amare emozionalmente ma concretamente, non intenzionalmente, “ma con i fatti e nella verità”.

Ogni scelta d’amore per il nostro prossimo ci spinge a vedere nell’altro non un oggetto ma un maestro, un signore che ci spinge a lasciarci “abitare dalle ricchezze dell’altro”. La sofferenza, la povertà, l’esclusione, la paura, quando sono avvicinate da noi perché incontrate negli altri diventano ricchezza per noi. Sazietà per la nostra vita. Gesù ci stimola ad amare non quanto, ma, come, Lui. Nella quantità Dio ci supera ed umilia sempre perché non lo potremo mai raggiungere, nella qualità gli possiamo assomigliare. Anzi ogni volta che lo facciamo diventiamo un raggio, una emissione del suo essere amore per gli altri.I cristiani non sono quelli che amano (lo fanno in molti sotto tutte le latitudini) ma quelli che amano come Gesù: se io vi ho lavato i piedi così fate anche voi, fatelo a partire dai più stanchi, dai più piccoli, i vostri signori… Come Lui, che non solo è amore, ma esclusivamente amore” (Ermes Ronchi). Tutto l’amore!



Gesù ci mostra la strada per seguirlo, la strada dell’amore. Il comandamento di Cristo è nuovo perché Lui per primo lo ha realizzato, gli ha dato carne, e così la legge dell’amore è scritta una volta per sempre nel cuore dell’uomo (cfr Ger 31,33). E come è scritta? E’ scritta con il fuoco dello Spirito Santo. E con questo stesso Spirito, che Gesù ci dona, possiamo camminare anche noi su questa strada! Dunque, questa Parola del Signore ci chiama ad amarci gli uni gli altri, anche se non sempre ci capiamo, non sempre andiamo d’accordo… ma è proprio lì che si vede l’amore cristiano. È proprio l’amore di Cristo, che lo Spirito Santo riversa nei nostri cuori, a compiere ogni giorno prodigi nella Chiesa e nel mondo. Sono tanti piccoli e grandi gesti che obbediscono al comandamento del Signore: “Amatevi gli uni gli altri come io ho amato voi”. Grazie alla forza di questa Parola di Cristo, ognuno di noi può farsi prossimo verso il fratello e la sorella che incontra. Gesti di vicinanza, di prossimità. In questi gesti si manifesta l’amore che Cristo ci ha insegnato.

(REGINA COELI – Domenica, 10 maggio 2015)



Assisti, Signore, il tuo popolo, che hai colmato della grazia di questi santi misteri, e fa’ che passiamo dalla decadenza del peccato alla pienezza della vita nuova. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
291FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
640FollowerSegui
140IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Libri consigliati

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x