14.9 C
Roma
Mar, 18 Febbraio 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno B V Domenica di Pasqua - Anno B - 3 maggio 2015

V Domenica di Pasqua – Anno B – 3 maggio 2015

- Advertisement -

La vite della fecondità.

At 9, 26-31; 1Gv 3, 18-24; Gv 15, 1-8

A te la mia lode, Signore, nella grande assemblea.

Il cambiamento di mentalità che in questi decenni ha pervaso l’Europa, ha favorito l’acutizzarsi di una concezione politico-economico strettamente congiunta alla capacità produttiva di un popolo. L’uomo, di conseguenza, ne subisce il retaggio e, la sua stessa dignità, è definita paradossalmente da una scala di valori fondata sulle abilità produttive: “Tu vali, certo, ma solo se produci e consumi”. Tale ideologia, evidentemente, è la risultante di una riduzione inquietante e deprimente. Il rischio acclarato, pertanto, consiste nella progressiva “scomparsa” dalla comune attenzione degli anziani, dei disabili, dei poveri e di tutti coloro i quali non sono né produttori né consumatori. Tuttavia e fortunatamente, il gioco delle dignità non si definisce in cifre; il vangelo stesso preferisce esprimersi in termini di fecondità piuttosto che di produttività: «In questo è glorificato il Padre mio, che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli» (Gv 15, 8).

L’immagine della vite utilizzata nella narrazione giovannea ha come background il mondo veterotestamentario. Il popolo di Israele è la vite piantata, custodita, coltivata dal Signore, anche se spesso tale metafora è utilizzata per denunciare l’infedeltà di Israele stesso produttore di uva cattiva.

Il vangelo, dal canto suo, ne fa una questione cristologica: è Cristo stesso la vite. È lui la «vera vite» (Gv 15, 1), l’incarnazione del popolo eletto, fedele e santo. Gesù Cristo è il mediatore della grazia, il ponte tra Dio e gli uomini e in virtù di questa costituzione in lui si creano le condizioni di accesso alla relazione con il Padre. Cristo è la vite e i suoi discepoli sono i tralci, è questo il senso di tal espediente letterario. Esso, inoltre, trova anche perfetta concretizzazione sia sul versante personale sia su quello ecclesiastico dell’uomo: la comunità innesta il suo esistere e la sua missione in Cristo sempre presente in essa.

Il vangelo insiste sul verbo “rimanere”. La sua funzione è chiara: intende esprimere una condizione necessaria tra il discepolo e il Risorto, una reciproca correlazione di comunione. Ciò è possibile per la risurrezione che fa sì che il Cristo sia presente nella sua comunità in ogni tempo e in ogni luogo. Rimanere esprime uno stato di quiete, ma che nel vangelo diventa presupposto di dinamismo e operosità spirituale: «chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto» (Gv 10, 5). Rimanere è quindi un evento che designa la maturità del rapporto del credente con il suo Signore, dice l’amore del discepolo per il Signore stesso.

In conclusione, è evidente come il percorso della comunione richieda costante esercizio, purificazione e continuo desidero di miglioramento; tuttavia, la misericordia del Signore è sempre più grande della nostra debolezza: «Dio è più grande del nostro cuore e conosce ogni cosa» (1Gv 3, 20). La consolazione promessa da Gesù è in ogni dove straripante e lenitiva: «Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto» (Gv 15, 7); in essa ci si ritrova, in lei ci si forma e ancora in lei si generano quelle buone forze atte a costruire una vita cristiana rispondente alle attese del Messia.

Giuseppe Gravante

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

V Domenica di Pasqua – Anno B – 3 maggio 2015

  

- Advertisement -

La vite della fecondità.

At 9, 26-31; 1Gv 3, 18-24; Gv 15, 1-8

A te la mia lode, Signore, nella grande assemblea.

Il cambiamento di mentalità che in questi decenni ha pervaso l’Europa, ha favorito l’acutizzarsi di una concezione politico-economico strettamente congiunta alla capacità produttiva di un popolo. L’uomo, di conseguenza, ne subisce il retaggio e, la sua stessa dignità, è definita paradossalmente da una scala di valori fondata sulle abilità produttive: “Tu vali, certo, ma solo se produci e consumi”. Tale ideologia, evidentemente, è la risultante di una riduzione inquietante e deprimente. Il rischio acclarato, pertanto, consiste nella progressiva “scomparsa” dalla comune attenzione degli anziani, dei disabili, dei poveri e di tutti coloro i quali non sono né produttori né consumatori. Tuttavia e fortunatamente, il gioco delle dignità non si definisce in cifre; il vangelo stesso preferisce esprimersi in termini di fecondità piuttosto che di produttività: «In questo è glorificato il Padre mio, che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli» (Gv 15, 8).

- Advertisement -

L’immagine della vite utilizzata nella narrazione giovannea ha come background il mondo veterotestamentario. Il popolo di Israele è la vite piantata, custodita, coltivata dal Signore, anche se spesso tale metafora è utilizzata per denunciare l’infedeltà di Israele stesso produttore di uva cattiva.

Il vangelo, dal canto suo, ne fa una questione cristologica: è Cristo stesso la vite. È lui la «vera vite» (Gv 15, 1), l’incarnazione del popolo eletto, fedele e santo. Gesù Cristo è il mediatore della grazia, il ponte tra Dio e gli uomini e in virtù di questa costituzione in lui si creano le condizioni di accesso alla relazione con il Padre. Cristo è la vite e i suoi discepoli sono i tralci, è questo il senso di tal espediente letterario. Esso, inoltre, trova anche perfetta concretizzazione sia sul versante personale sia su quello ecclesiastico dell’uomo: la comunità innesta il suo esistere e la sua missione in Cristo sempre presente in essa.

Il vangelo insiste sul verbo “rimanere”. La sua funzione è chiara: intende esprimere una condizione necessaria tra il discepolo e il Risorto, una reciproca correlazione di comunione. Ciò è possibile per la risurrezione che fa sì che il Cristo sia presente nella sua comunità in ogni tempo e in ogni luogo. Rimanere esprime uno stato di quiete, ma che nel vangelo diventa presupposto di dinamismo e operosità spirituale: «chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto» (Gv 10, 5). Rimanere è quindi un evento che designa la maturità del rapporto del credente con il suo Signore, dice l’amore del discepolo per il Signore stesso.

In conclusione, è evidente come il percorso della comunione richieda costante esercizio, purificazione e continuo desidero di miglioramento; tuttavia, la misericordia del Signore è sempre più grande della nostra debolezza: «Dio è più grande del nostro cuore e conosce ogni cosa» (1Gv 3, 20). La consolazione promessa da Gesù è in ogni dove straripante e lenitiva: «Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto» (Gv 15, 7); in essa ci si ritrova, in lei ci si forma e ancora in lei si generano quelle buone forze atte a costruire una vita cristiana rispondente alle attese del Messia.

Giuseppe Gravante

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
280FansMi piace
904FollowerSegui
13,000FollowerSegui
619FollowerSegui
64IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

La preghiera, la sete, le radici

Dell’essere e dell’amore

Paolo e il suo Vangelo

Le 217 domande di Gesù

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO