22.2 C
Roma
Lun, 14 Giugno 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno BV Domenica di Pasqua - Anno B - 2 maggio 2021

V Domenica di Pasqua – Anno B – 2 maggio 2021

 Dove c’è Dio c’è tutto e dove c’è tutto non manca nulla






    Dal Vangelo secondo Giovanni

    “In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Io sono la vite vera e il Padre mio è l’agricoltore. Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo taglia, e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto. Voi siete già puri, a causa della parola che vi ho annunciato.
    Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può portare frutto da se stesso se non rimane nella vite, così neanche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e secca; poi lo raccolgono, lo gettano nel fuoco e lo bruciano.
    Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto. In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli»”.




    Gesù continua ad annunciare, ammaestrare e a proporsi attingendo, ancora una volta, dalla simbologia agricola. Ha parlato di pecore e di pastori, ora parla di vite e vigna. Il legame indissolubile tra la vite e i tralci, che di essa sono una emanazione, un frutto, lo slancio della vita che rinasce e si sviluppa; segna anche il legame che può intercorrere tra Gesù e ciascuno di noi. Lui vuole avere con ognuno un rapporto stretto perché di sé dice: “ Io sono la vite, voi i tralci”. Un tralcio se non è unito alla vite è infruttifero, inutile, addirittura viene tagliato e buttato nel fuoco. La nostra vita se non è innestata in quella di Cristo non produce nessun frutto duraturo. Allora occorre rimanere in lui, come ammonisce sempre il vangelo: “Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto”. Il rimanere è vitale. Nel breve spazio di pochi versetti, il verbo è utilizzato ben sei volte.

    Ecco: rimanere, stare, fare esperienza. Essere uniti, far parte della stessa pianta. Il nostro contatto con lui non può essere né fugace, né di circostanza. Abbiamo bisogno di legami, di connessioni con lui che, solo così, diventa la linfa della nostra vita. Il nostro, con Cristo, è un legame vitale. La forza che alimenta, la vita che genera, la compagnia che arricchisce, la fiducia che dona forza, il nutrimento che sostiene ogni fatica saranno veramente tali solo se saremo uniti a lui, altrimenti sarà solo uno sterile per quanto apprezzabile, sforzo umano infruttifero. Quando il sangue della nostra esistenza diventa Gesù stesso, solo allora noi sperimentiamo che non manca nulla nella nostra vita. No di quello che desideriamo ma di quello di cui abbiamo realmente bisogno. San Bernardo ammonisce: “dove c’è Dio c’è tutto e dove c’è tutto non manca nulla”.

    Un’altra immagine che ci proviene dal linguaggio simbolico della vite e dei tralci è la potatura. Quel taglio, quel gesto della troncatura, quelle ferite inflitte da chi pota, non sono per la distruzione, la sparizione, la mortificazione della pianta che lo subisce. La potatura è un’arte sapiente e ricca di speranza. È un gesto profetico. Chi pota, spera, attende, si augura un frutto migliore in qualità e quantità. Gesù lo dice esplicitamente: “In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli»”. “Molto frutto” è il desiderio col quale Dio permette la potatura nelle nostre vite. La realizzazione dell’auspicio di Dio per ciascuno di noi passa attraverso le forche caudine del sacrificio, della rinuncia, delle scelte.

    Tutto questo ci porta a fidarci di Dio e della storia che lui permette per ciascuno di noi. Le nostre attese spesso non coincidono con quanto lui ci offre. I rami della nostra esistenza non si distendono lì dove noi vorremmo, quanto piuttosto ci dona altre direzioni determinate dalla sua potatura. Allora non rimane che dire:” Signore: non ho ricevuto niente di quello che chiedevo ma mi hai dato tutto quello di cui avevo bisogno e quasi contro la mia volontà” (Kirk Kilgour).




    Dio ci ha dato tanti benefici,
    primo fra tutti il dono della fede.
    Preghiamo perché ci renda capaci di testimoniare
    con la coerenza della vita questo valore inestimabile.

    R. Accresci in noi la fede, Signore.

    Perché la Chiesa di Cristo goda di vera e stabile pace su tutta la terra,
    e crescendo nell’amore e timore di Dio Padre,
    sia piena del conforto dello Spirito Santo, preghiamo. R.

    Perché i credenti in Cristo non ricadano sotto le potenze del male,
    ma sempre liberi da ogni compromesso e da ogni paura,
    professino apertamente il loro credo, preghiamo. R.

    Perché l’assemblea domenicale manifesti sempre più la vera natura della Chiesa,
    che nasce dalla parola di Dio e si edifica nel banchetto eucaristico,
    per testimoniare la carità fraterna, preghiamo. R.

    Perché ogni cristiano, a immagine somiglianze del Padre,
    abbia un cuore grande,
    lento all’ira e sempre disponibile al perdono, preghiamo. R.

    Perché il Vangelo che abbiamo proclamato con la bocca,
    metta radici di fede nella nostra vita
    e produca sostanziosi frutti di giustizia e di santità, preghiamo. R.

    O Signore, che ci hai creati e redenti,
    fa’ che la nostra fede porti frutti abbondanti di giustizia e di carità,
    perché il mondo veda le nostre opere buone
    e glorifichi il tuo nome.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    Assisti con bontà il tuo popolo, o Signore, e poiché lo hai colmato della grazia di questi santi misteri, donagli di passare dalla nativa fragilità umana alla vita nuova nel Cristo risorto. Egli vive e regna nei secoli dei secoli.





Dal Vangelo secondo Giovanni

“In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Io sono la vite vera e il Padre mio è l’agricoltore. Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo taglia, e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto. Voi siete già puri, a causa della parola che vi ho annunciato.
Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può portare frutto da se stesso se non rimane nella vite, così neanche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e secca; poi lo raccolgono, lo gettano nel fuoco e lo bruciano.
Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto. In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli»”.



Gesù continua ad annunciare, ammaestrare e a proporsi attingendo, ancora una volta, dalla simbologia agricola. Ha parlato di pecore e di pastori, ora parla di vite e vigna. Il legame indissolubile tra la vite e i tralci, che di essa sono una emanazione, un frutto, lo slancio della vita che rinasce e si sviluppa; segna anche il legame che può intercorrere tra Gesù e ciascuno di noi. Lui vuole avere con ognuno un rapporto stretto perché di sé dice: “ Io sono la vite, voi i tralci”. Un tralcio se non è unito alla vite è infruttifero, inutile, addirittura viene tagliato e buttato nel fuoco. La nostra vita se non è innestata in quella di Cristo non produce nessun frutto duraturo. Allora occorre rimanere in lui, come ammonisce sempre il vangelo: “Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto”. Il rimanere è vitale. Nel breve spazio di pochi versetti, il verbo è utilizzato ben sei volte.

Ecco: rimanere, stare, fare esperienza. Essere uniti, far parte della stessa pianta. Il nostro contatto con lui non può essere né fugace, né di circostanza. Abbiamo bisogno di legami, di connessioni con lui che, solo così, diventa la linfa della nostra vita. Il nostro, con Cristo, è un legame vitale. La forza che alimenta, la vita che genera, la compagnia che arricchisce, la fiducia che dona forza, il nutrimento che sostiene ogni fatica saranno veramente tali solo se saremo uniti a lui, altrimenti sarà solo uno sterile per quanto apprezzabile, sforzo umano infruttifero. Quando il sangue della nostra esistenza diventa Gesù stesso, solo allora noi sperimentiamo che non manca nulla nella nostra vita. No di quello che desideriamo ma di quello di cui abbiamo realmente bisogno. San Bernardo ammonisce: “dove c’è Dio c’è tutto e dove c’è tutto non manca nulla”.

Un’altra immagine che ci proviene dal linguaggio simbolico della vite e dei tralci è la potatura. Quel taglio, quel gesto della troncatura, quelle ferite inflitte da chi pota, non sono per la distruzione, la sparizione, la mortificazione della pianta che lo subisce. La potatura è un’arte sapiente e ricca di speranza. È un gesto profetico. Chi pota, spera, attende, si augura un frutto migliore in qualità e quantità. Gesù lo dice esplicitamente: “In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli»”. “Molto frutto” è il desiderio col quale Dio permette la potatura nelle nostre vite. La realizzazione dell’auspicio di Dio per ciascuno di noi passa attraverso le forche caudine del sacrificio, della rinuncia, delle scelte.

Tutto questo ci porta a fidarci di Dio e della storia che lui permette per ciascuno di noi. Le nostre attese spesso non coincidono con quanto lui ci offre. I rami della nostra esistenza non si distendono lì dove noi vorremmo, quanto piuttosto ci dona altre direzioni determinate dalla sua potatura. Allora non rimane che dire:” Signore: non ho ricevuto niente di quello che chiedevo ma mi hai dato tutto quello di cui avevo bisogno e quasi contro la mia volontà” (Kirk Kilgour).



Dio ci ha dato tanti benefici,
primo fra tutti il dono della fede.
Preghiamo perché ci renda capaci di testimoniare
con la coerenza della vita questo valore inestimabile.

R. Accresci in noi la fede, Signore.

Perché la Chiesa di Cristo goda di vera e stabile pace su tutta la terra,
e crescendo nell’amore e timore di Dio Padre,
sia piena del conforto dello Spirito Santo, preghiamo. R.

Perché i credenti in Cristo non ricadano sotto le potenze del male,
ma sempre liberi da ogni compromesso e da ogni paura,
professino apertamente il loro credo, preghiamo. R.

Perché l’assemblea domenicale manifesti sempre più la vera natura della Chiesa,
che nasce dalla parola di Dio e si edifica nel banchetto eucaristico,
per testimoniare la carità fraterna, preghiamo. R.

Perché ogni cristiano, a immagine somiglianze del Padre,
abbia un cuore grande,
lento all’ira e sempre disponibile al perdono, preghiamo. R.

Perché il Vangelo che abbiamo proclamato con la bocca,
metta radici di fede nella nostra vita
e produca sostanziosi frutti di giustizia e di santità, preghiamo. R.

O Signore, che ci hai creati e redenti,
fa’ che la nostra fede porti frutti abbondanti di giustizia e di carità,
perché il mondo veda le nostre opere buone
e glorifichi il tuo nome.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



Assisti con bontà il tuo popolo, o Signore, e poiché lo hai colmato della grazia di questi santi misteri, donagli di passare dalla nativa fragilità umana alla vita nuova nel Cristo risorto. Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

V Domenica di Pasqua – Anno B – 2 maggio 2021

 Dove c’è Dio c’è tutto e dove c’è tutto non manca nulla



Dal Vangelo secondo Giovanni

“In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Io sono la vite vera e il Padre mio è l’agricoltore. Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo taglia, e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto. Voi siete già puri, a causa della parola che vi ho annunciato.
Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può portare frutto da se stesso se non rimane nella vite, così neanche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e secca; poi lo raccolgono, lo gettano nel fuoco e lo bruciano.
Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto. In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli»”.



Gesù continua ad annunciare, ammaestrare e a proporsi attingendo, ancora una volta, dalla simbologia agricola. Ha parlato di pecore e di pastori, ora parla di vite e vigna. Il legame indissolubile tra la vite e i tralci, che di essa sono una emanazione, un frutto, lo slancio della vita che rinasce e si sviluppa; segna anche il legame che può intercorrere tra Gesù e ciascuno di noi. Lui vuole avere con ognuno un rapporto stretto perché di sé dice: “ Io sono la vite, voi i tralci”. Un tralcio se non è unito alla vite è infruttifero, inutile, addirittura viene tagliato e buttato nel fuoco. La nostra vita se non è innestata in quella di Cristo non produce nessun frutto duraturo. Allora occorre rimanere in lui, come ammonisce sempre il vangelo: “Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto”. Il rimanere è vitale. Nel breve spazio di pochi versetti, il verbo è utilizzato ben sei volte.

Ecco: rimanere, stare, fare esperienza. Essere uniti, far parte della stessa pianta. Il nostro contatto con lui non può essere né fugace, né di circostanza. Abbiamo bisogno di legami, di connessioni con lui che, solo così, diventa la linfa della nostra vita. Il nostro, con Cristo, è un legame vitale. La forza che alimenta, la vita che genera, la compagnia che arricchisce, la fiducia che dona forza, il nutrimento che sostiene ogni fatica saranno veramente tali solo se saremo uniti a lui, altrimenti sarà solo uno sterile per quanto apprezzabile, sforzo umano infruttifero. Quando il sangue della nostra esistenza diventa Gesù stesso, solo allora noi sperimentiamo che non manca nulla nella nostra vita. No di quello che desideriamo ma di quello di cui abbiamo realmente bisogno. San Bernardo ammonisce: “dove c’è Dio c’è tutto e dove c’è tutto non manca nulla”.

Un’altra immagine che ci proviene dal linguaggio simbolico della vite e dei tralci è la potatura. Quel taglio, quel gesto della troncatura, quelle ferite inflitte da chi pota, non sono per la distruzione, la sparizione, la mortificazione della pianta che lo subisce. La potatura è un’arte sapiente e ricca di speranza. È un gesto profetico. Chi pota, spera, attende, si augura un frutto migliore in qualità e quantità. Gesù lo dice esplicitamente: “In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli»”. “Molto frutto” è il desiderio col quale Dio permette la potatura nelle nostre vite. La realizzazione dell’auspicio di Dio per ciascuno di noi passa attraverso le forche caudine del sacrificio, della rinuncia, delle scelte.

Tutto questo ci porta a fidarci di Dio e della storia che lui permette per ciascuno di noi. Le nostre attese spesso non coincidono con quanto lui ci offre. I rami della nostra esistenza non si distendono lì dove noi vorremmo, quanto piuttosto ci dona altre direzioni determinate dalla sua potatura. Allora non rimane che dire:” Signore: non ho ricevuto niente di quello che chiedevo ma mi hai dato tutto quello di cui avevo bisogno e quasi contro la mia volontà” (Kirk Kilgour).



Dio ci ha dato tanti benefici,
primo fra tutti il dono della fede.
Preghiamo perché ci renda capaci di testimoniare
con la coerenza della vita questo valore inestimabile.

R. Accresci in noi la fede, Signore.

Perché la Chiesa di Cristo goda di vera e stabile pace su tutta la terra,
e crescendo nell’amore e timore di Dio Padre,
sia piena del conforto dello Spirito Santo, preghiamo. R.

Perché i credenti in Cristo non ricadano sotto le potenze del male,
ma sempre liberi da ogni compromesso e da ogni paura,
professino apertamente il loro credo, preghiamo. R.

Perché l’assemblea domenicale manifesti sempre più la vera natura della Chiesa,
che nasce dalla parola di Dio e si edifica nel banchetto eucaristico,
per testimoniare la carità fraterna, preghiamo. R.

Perché ogni cristiano, a immagine somiglianze del Padre,
abbia un cuore grande,
lento all’ira e sempre disponibile al perdono, preghiamo. R.

Perché il Vangelo che abbiamo proclamato con la bocca,
metta radici di fede nella nostra vita
e produca sostanziosi frutti di giustizia e di santità, preghiamo. R.

O Signore, che ci hai creati e redenti,
fa’ che la nostra fede porti frutti abbondanti di giustizia e di carità,
perché il mondo veda le nostre opere buone
e glorifichi il tuo nome.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



Assisti con bontà il tuo popolo, o Signore, e poiché lo hai colmato della grazia di questi santi misteri, donagli di passare dalla nativa fragilità umana alla vita nuova nel Cristo risorto. Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
648FollowerSegui
311IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

L’ateismo interroga la fede

Le sei parole di Maria

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x