Cookie Consent by Free Privacy Policy website
10.6 C
Roma
Sab, 16 Ottobre 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno BV Domenica del Tempo Ordinario - Anno B - 7 febbraio 2021...

V Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 7 febbraio 2021  

La preghiera, nella vita del cristiano, non è un accessorio, ma vitale, essenziale






    Dal Vangelo secondo Marco

    “In quel tempo, Gesù, uscito dalla sinagoga, subito andò nella casa di Simone e Andrea, in compagnia di Giacomo e Giovanni. La suocera di Simone era a letto con la febbre e subito gli parlarono di lei. Egli si avvicinò e la fece alzare prendendola per mano; la febbre la lasciò ed ella li serviva.
    Venuta la sera, dopo il tramonto del sole, gli portavano tutti i malati e gli indemoniati. Tutta la città era riunita davanti alla porta. Guarì molti che erano affetti da varie malattie e scacciò molti demòni; ma non permetteva ai demòni di parlare, perché lo conoscevano.
    Al mattino presto si alzò quando ancora era buio e, uscito, si ritirò in un luogo deserto, e là pregava. Ma Simone e quelli che erano con lui si misero sulle sue tracce. Lo trovarono e gli dissero: «Tutti ti cercano!». Egli disse loro: «Andiamocene altrove, nei villaggi vicini. perché io predichi anche là; per questo infatti sono venuto!».
    E andò per tutta la Galilea, predicando nelle loro sinagoghe e scacciando i demòni”.




    La compassione che Gesù manifesta in ogni circostanza agisce a tutto campo. Arrivavano a lui malati d’ogni genere e lui li guariva. I lebbrosi gli correvano incontro supplicandolo, i ciechi invocavano da lui la guarigione, c’era perfino qualcuno, come la donna emorroissa che sperava solo di toccare il lembo del suo mantello e le sarebbe bastato. La sua fama si diffondeva ovunque per essere un grande guaritore, sappiamo bene, però, che a lui interessava piuttosto la guarigione del cuore che quella corporale o comunque attraverso la seconda voleva arrivare alla prima. La fiducia che riponevano in lui era talmente tanta che una volta a causa della folla scoperchiarono il tetto per far scendere davanti a lui la barella di un paralitico. Per Gesù tutti avevano diritto al suo intervento, nessuno escluso, lui è venuto per tutti e non solo per alcuni.

    Guarisce finanche la suocera di Pietro affetta da febbre e costretta a letto. Una volta guarita si mise a servirli, visto che Gesù andò a casa di Simone e Andrea dopo essere passato per la sinagoga. Come dire preghiera e azione. Incontro con Dio suo padre e condivisione con gli altri. Dopo tutto questo comunque Gesù avverte la necessità di un incontro personale ed intimo attraverso la preghiera. “Al mattino presto si alzò quando ancora era buio e, uscito, si ritirò in un luogo deserto, e là pregava”.

    La preghiera è energia, è sangue vitale che circola nelle vene della chiesa e di chi vuole agire, di chi vuole esprimere la forza di Dio e non la propria. La preghiera è intimità colloquiale con colui che, amandoci ci attira a sé e, vuole parlare al nostro cuore. La preghiera per la vita del cristiano non è un accessorio ma è essenziale, vitale, indispensabile. “Senza di me non potete fare nulla” (Giovanni 15,7). Ecco, si, senza Dio nulla di buono possiamo realizzare, perciò una giornata senza preghiera è una giornata da cestinare. Non pregare è come vivere in un cielo senza stelle e in un’alba senza sole, cioè impossibile. Possiamo fare anche cose grandi ma mai faremo “grandi cose”. Per questo occorre la forza di Dio che si imprime nelle nostre mani e nei nostri piedi con la preghiera. Pregare è esporsi al calore di Dio e poi tutto fiorisce, tutto sboccia. Proprio come il fiore che si apre con la sua variopinta corolla quando si riempie di luce. Come la pianta che, attratta dal sole, si eleva da terra e nutre sé stessa diventando albero che porta il suo frutto. La vita del cristiano è lo stesso. Dio entra nelle fibre dell’esistenza umana attraverso la preghiera. Non illudiamo noi stesi credendo che pregando diamo qualcosa a lui. No! Pregando, dice sant’Agostino, siamo come coloro che si scaldano al fuoco. Non diamo nulla noi a lui, ma lui tutto a noi: calore, energia, compagnia, forza. Allora facciamo riscaldare dall’amore di Dio pregando sull’esempio di Gesù che si ritirava spesso a pregare, nel silenzio, nella solitudine, nell’intimità.   




    Lo Spirito di Gesù è il principale artefice
    della preghiera della Chiesa;
    affidandoci alla sua ispirazione interiore
    innalziamo al Padre la nostra preghiera.

    R. Esaudisci il tuo popolo, signore.

    Per la santa Chiesa,
    perché in ogni sua parola e in ogni suo gesto
    faccia trasparire sempre più chiaramente il signore Gesù
    in cui crede e in cui spera, preghiamo. R.

    Per la città in cui viviamo,
    perché il signore dia a tutti noi forza e immaginazione,
    per creare rapporti veramente umani
    in un mondo dominato dalla fretta e dall’ansia, preghiamo. R.

    Per le nostre famiglie,
    perché accrescano il senso di ospitalità e di comunione nell’amore
    e diventino luogo privilegiato di crescita nella speranza, preghiamo. R.

    Per le suore di clausura,
    che nella preghiera e nel lavoro edificano silenziosamente
    l’unità della Chiesa e la pace nel mondo,
    perché siano liete e perseveranti nell’offerta della loro vita, preghiamo. R.

    Per noi qui presenti,
    perché sappiamo interrogarci davanti a Dio e ai fratelli
    sui nostri limiti e le nostre contraddizioni,
    per fare della comunità eucaristica una vera famiglia, preghiamo. R.

    Concedi, a noi il dono della tua sapienza, o Padre,
    e fa’ che la tua Chiesa
    diventi segno concreto dell’umanità nuova,
    fondata nella libertà e nella comunione fraterna.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    O Dio, che ci hai resi partecipi di un solo pane e di un solo calice, + fa’ che uniti a Cristo in un solo corpo portiamo con gioia frutti di vita eterna per la salvezza del mondo. Per Cristo nostro Signore.





Dal Vangelo secondo Marco

“In quel tempo, Gesù, uscito dalla sinagoga, subito andò nella casa di Simone e Andrea, in compagnia di Giacomo e Giovanni. La suocera di Simone era a letto con la febbre e subito gli parlarono di lei. Egli si avvicinò e la fece alzare prendendola per mano; la febbre la lasciò ed ella li serviva.
Venuta la sera, dopo il tramonto del sole, gli portavano tutti i malati e gli indemoniati. Tutta la città era riunita davanti alla porta. Guarì molti che erano affetti da varie malattie e scacciò molti demòni; ma non permetteva ai demòni di parlare, perché lo conoscevano.
Al mattino presto si alzò quando ancora era buio e, uscito, si ritirò in un luogo deserto, e là pregava. Ma Simone e quelli che erano con lui si misero sulle sue tracce. Lo trovarono e gli dissero: «Tutti ti cercano!». Egli disse loro: «Andiamocene altrove, nei villaggi vicini. perché io predichi anche là; per questo infatti sono venuto!».
E andò per tutta la Galilea, predicando nelle loro sinagoghe e scacciando i demòni”.



La compassione che Gesù manifesta in ogni circostanza agisce a tutto campo. Arrivavano a lui malati d’ogni genere e lui li guariva. I lebbrosi gli correvano incontro supplicandolo, i ciechi invocavano da lui la guarigione, c’era perfino qualcuno, come la donna emorroissa che sperava solo di toccare il lembo del suo mantello e le sarebbe bastato. La sua fama si diffondeva ovunque per essere un grande guaritore, sappiamo bene, però, che a lui interessava piuttosto la guarigione del cuore che quella corporale o comunque attraverso la seconda voleva arrivare alla prima. La fiducia che riponevano in lui era talmente tanta che una volta a causa della folla scoperchiarono il tetto per far scendere davanti a lui la barella di un paralitico. Per Gesù tutti avevano diritto al suo intervento, nessuno escluso, lui è venuto per tutti e non solo per alcuni.

Guarisce finanche la suocera di Pietro affetta da febbre e costretta a letto. Una volta guarita si mise a servirli, visto che Gesù andò a casa di Simone e Andrea dopo essere passato per la sinagoga. Come dire preghiera e azione. Incontro con Dio suo padre e condivisione con gli altri. Dopo tutto questo comunque Gesù avverte la necessità di un incontro personale ed intimo attraverso la preghiera. “Al mattino presto si alzò quando ancora era buio e, uscito, si ritirò in un luogo deserto, e là pregava”.

La preghiera è energia, è sangue vitale che circola nelle vene della chiesa e di chi vuole agire, di chi vuole esprimere la forza di Dio e non la propria. La preghiera è intimità colloquiale con colui che, amandoci ci attira a sé e, vuole parlare al nostro cuore. La preghiera per la vita del cristiano non è un accessorio ma è essenziale, vitale, indispensabile. “Senza di me non potete fare nulla” (Giovanni 15,7). Ecco, si, senza Dio nulla di buono possiamo realizzare, perciò una giornata senza preghiera è una giornata da cestinare. Non pregare è come vivere in un cielo senza stelle e in un’alba senza sole, cioè impossibile. Possiamo fare anche cose grandi ma mai faremo “grandi cose”. Per questo occorre la forza di Dio che si imprime nelle nostre mani e nei nostri piedi con la preghiera. Pregare è esporsi al calore di Dio e poi tutto fiorisce, tutto sboccia. Proprio come il fiore che si apre con la sua variopinta corolla quando si riempie di luce. Come la pianta che, attratta dal sole, si eleva da terra e nutre sé stessa diventando albero che porta il suo frutto. La vita del cristiano è lo stesso. Dio entra nelle fibre dell’esistenza umana attraverso la preghiera. Non illudiamo noi stesi credendo che pregando diamo qualcosa a lui. No! Pregando, dice sant’Agostino, siamo come coloro che si scaldano al fuoco. Non diamo nulla noi a lui, ma lui tutto a noi: calore, energia, compagnia, forza. Allora facciamo riscaldare dall’amore di Dio pregando sull’esempio di Gesù che si ritirava spesso a pregare, nel silenzio, nella solitudine, nell’intimità.   



Lo Spirito di Gesù è il principale artefice
della preghiera della Chiesa;
affidandoci alla sua ispirazione interiore
innalziamo al Padre la nostra preghiera.

R. Esaudisci il tuo popolo, signore.

Per la santa Chiesa,
perché in ogni sua parola e in ogni suo gesto
faccia trasparire sempre più chiaramente il signore Gesù
in cui crede e in cui spera, preghiamo. R.

Per la città in cui viviamo,
perché il signore dia a tutti noi forza e immaginazione,
per creare rapporti veramente umani
in un mondo dominato dalla fretta e dall’ansia, preghiamo. R.

Per le nostre famiglie,
perché accrescano il senso di ospitalità e di comunione nell’amore
e diventino luogo privilegiato di crescita nella speranza, preghiamo. R.

Per le suore di clausura,
che nella preghiera e nel lavoro edificano silenziosamente
l’unità della Chiesa e la pace nel mondo,
perché siano liete e perseveranti nell’offerta della loro vita, preghiamo. R.

Per noi qui presenti,
perché sappiamo interrogarci davanti a Dio e ai fratelli
sui nostri limiti e le nostre contraddizioni,
per fare della comunità eucaristica una vera famiglia, preghiamo. R.

Concedi, a noi il dono della tua sapienza, o Padre,
e fa’ che la tua Chiesa
diventi segno concreto dell’umanità nuova,
fondata nella libertà e nella comunione fraterna.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



O Dio, che ci hai resi partecipi di un solo pane e di un solo calice, + fa’ che uniti a Cristo in un solo corpo portiamo con gioia frutti di vita eterna per la salvezza del mondo. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

V Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 7 febbraio 2021  

La preghiera, nella vita del cristiano, non è un accessorio, ma vitale, essenziale



Dal Vangelo secondo Marco

“In quel tempo, Gesù, uscito dalla sinagoga, subito andò nella casa di Simone e Andrea, in compagnia di Giacomo e Giovanni. La suocera di Simone era a letto con la febbre e subito gli parlarono di lei. Egli si avvicinò e la fece alzare prendendola per mano; la febbre la lasciò ed ella li serviva.
Venuta la sera, dopo il tramonto del sole, gli portavano tutti i malati e gli indemoniati. Tutta la città era riunita davanti alla porta. Guarì molti che erano affetti da varie malattie e scacciò molti demòni; ma non permetteva ai demòni di parlare, perché lo conoscevano.
Al mattino presto si alzò quando ancora era buio e, uscito, si ritirò in un luogo deserto, e là pregava. Ma Simone e quelli che erano con lui si misero sulle sue tracce. Lo trovarono e gli dissero: «Tutti ti cercano!». Egli disse loro: «Andiamocene altrove, nei villaggi vicini. perché io predichi anche là; per questo infatti sono venuto!».
E andò per tutta la Galilea, predicando nelle loro sinagoghe e scacciando i demòni”.



La compassione che Gesù manifesta in ogni circostanza agisce a tutto campo. Arrivavano a lui malati d’ogni genere e lui li guariva. I lebbrosi gli correvano incontro supplicandolo, i ciechi invocavano da lui la guarigione, c’era perfino qualcuno, come la donna emorroissa che sperava solo di toccare il lembo del suo mantello e le sarebbe bastato. La sua fama si diffondeva ovunque per essere un grande guaritore, sappiamo bene, però, che a lui interessava piuttosto la guarigione del cuore che quella corporale o comunque attraverso la seconda voleva arrivare alla prima. La fiducia che riponevano in lui era talmente tanta che una volta a causa della folla scoperchiarono il tetto per far scendere davanti a lui la barella di un paralitico. Per Gesù tutti avevano diritto al suo intervento, nessuno escluso, lui è venuto per tutti e non solo per alcuni.

Guarisce finanche la suocera di Pietro affetta da febbre e costretta a letto. Una volta guarita si mise a servirli, visto che Gesù andò a casa di Simone e Andrea dopo essere passato per la sinagoga. Come dire preghiera e azione. Incontro con Dio suo padre e condivisione con gli altri. Dopo tutto questo comunque Gesù avverte la necessità di un incontro personale ed intimo attraverso la preghiera. “Al mattino presto si alzò quando ancora era buio e, uscito, si ritirò in un luogo deserto, e là pregava”.

La preghiera è energia, è sangue vitale che circola nelle vene della chiesa e di chi vuole agire, di chi vuole esprimere la forza di Dio e non la propria. La preghiera è intimità colloquiale con colui che, amandoci ci attira a sé e, vuole parlare al nostro cuore. La preghiera per la vita del cristiano non è un accessorio ma è essenziale, vitale, indispensabile. “Senza di me non potete fare nulla” (Giovanni 15,7). Ecco, si, senza Dio nulla di buono possiamo realizzare, perciò una giornata senza preghiera è una giornata da cestinare. Non pregare è come vivere in un cielo senza stelle e in un’alba senza sole, cioè impossibile. Possiamo fare anche cose grandi ma mai faremo “grandi cose”. Per questo occorre la forza di Dio che si imprime nelle nostre mani e nei nostri piedi con la preghiera. Pregare è esporsi al calore di Dio e poi tutto fiorisce, tutto sboccia. Proprio come il fiore che si apre con la sua variopinta corolla quando si riempie di luce. Come la pianta che, attratta dal sole, si eleva da terra e nutre sé stessa diventando albero che porta il suo frutto. La vita del cristiano è lo stesso. Dio entra nelle fibre dell’esistenza umana attraverso la preghiera. Non illudiamo noi stesi credendo che pregando diamo qualcosa a lui. No! Pregando, dice sant’Agostino, siamo come coloro che si scaldano al fuoco. Non diamo nulla noi a lui, ma lui tutto a noi: calore, energia, compagnia, forza. Allora facciamo riscaldare dall’amore di Dio pregando sull’esempio di Gesù che si ritirava spesso a pregare, nel silenzio, nella solitudine, nell’intimità.   



Lo Spirito di Gesù è il principale artefice
della preghiera della Chiesa;
affidandoci alla sua ispirazione interiore
innalziamo al Padre la nostra preghiera.

R. Esaudisci il tuo popolo, signore.

Per la santa Chiesa,
perché in ogni sua parola e in ogni suo gesto
faccia trasparire sempre più chiaramente il signore Gesù
in cui crede e in cui spera, preghiamo. R.

Per la città in cui viviamo,
perché il signore dia a tutti noi forza e immaginazione,
per creare rapporti veramente umani
in un mondo dominato dalla fretta e dall’ansia, preghiamo. R.

Per le nostre famiglie,
perché accrescano il senso di ospitalità e di comunione nell’amore
e diventino luogo privilegiato di crescita nella speranza, preghiamo. R.

Per le suore di clausura,
che nella preghiera e nel lavoro edificano silenziosamente
l’unità della Chiesa e la pace nel mondo,
perché siano liete e perseveranti nell’offerta della loro vita, preghiamo. R.

Per noi qui presenti,
perché sappiamo interrogarci davanti a Dio e ai fratelli
sui nostri limiti e le nostre contraddizioni,
per fare della comunità eucaristica una vera famiglia, preghiamo. R.

Concedi, a noi il dono della tua sapienza, o Padre,
e fa’ che la tua Chiesa
diventi segno concreto dell’umanità nuova,
fondata nella libertà e nella comunione fraterna.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



O Dio, che ci hai resi partecipi di un solo pane e di un solo calice, + fa’ che uniti a Cristo in un solo corpo portiamo con gioia frutti di vita eterna per la salvezza del mondo. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
645FollowerSegui
319IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Preghiera per proteggere la tua casa e scacciare gli spiriti cattivi

E' una lunga invocazione che chiede anzitutto l'intervento della gloria di Gesù Cristo E’ una preghiera potente in cui si invocano Gesù Cristo, la Madonna...

Libri consigliati

La teologia di papa Francesco

Il Vangelo di Marco

Ri-innamorarsi

Libri consigliati – Aprile 2019

Salire a Gerusalemme

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x