6.4 C
Rome
Mar, 10 Dicembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita Ecclesiale Unitalsi: Lourdes anche malati psichici, moltissime le dipendenze da social

Unitalsi: Lourdes anche malati psichici, moltissime le dipendenze da social

Tra malattie neurologiche e psichiatriche il 63% dei malati che arriva a Lourdes ha una patologia di tipo mentale.

- Advertisement -

La Chiesa deve aiutare queste persone a non sentirsi isolate

Tra malattie neurologiche e psichiatriche il 63% dei malati che arriva a Lourdes, il santuario mariano sui Pirenei francesi, ha una patologia di tipo mentale. Per i pellegrini malati con meno di 34 anni questa situazione riguarda il 12 per cento. ”È un fenomeno in costante crescita e come medici e come associazione dobbiamo farci carico sempre più di queste nuove problematiche” spiega Federico Baiocco, responsabile nazionale dei medici dell’Unitalsi.

Sempre l’Unitalsi un anno fa, nel 2018, riportava che i malati erano per il 54% affetti da malattie cardiovascolari, per il 33% da malattie neurologiche e per un altro 33% da malattie del tessuto connettivo. Il 27%, invece, era affetto da malattie psichiatriche. C’è poi un lungo elenco di altre patologie che sono spesso sommate negli stessi pazienti.

“Il dato riguardante i disagi psichici è quello più nuovo, che deve fare riflettere, che richiama ancora di più il valore dell’accoglienza”, spiega ancora Federico Baiocco. La depressione colpisce anche le fasce giovanili: se nel complesso dei malati trasportati a Lourdes dalla organizzazione italiana solo l’8% ha meno di 34 anni, nel caso delle sole malattie legate alla psiche la percentuale degli under-34 sale al 12%. “Quello del disagio psichico dei giovani è un tema che è all’attenzione non solo dei sanitari ma anche del volontariato e penso che sia una delle riflessioni che verranno affrontate anche nel corso del prossimo Sinodo dei vescovi a Roma dedicato appunto ai giovani”, spiegava allora il responsabile dei medici dell’Unitalsi, un dato che – come scrivevamo in apertura – è rimasto pressapoco costante (Repubblica).

Un problema emergente

L’associazione, ma anche la Chiesa tutta, deve adattarsi a questo nuovo fenomeno che colpisce i giovani e li isola, la comunità deve quindi accompagnare e accogliere questa fragilità, fare in modo che al disagio non si accompagni anche la vergogna o il disagio nel comunicare la propria condizione.

“Una delle ricchezze del pellegrinaggio a Lourdes – spiega Baiocco – è quella di poter condividere la propria malattia con gli altri, rompere il silenzio, il disagio della propria condizione. Vale anche per i più giovani. Per noi questo disagio psichico in crescita richiama ancora di più il valore dell’accoglienza”.
Sul banco degli imputati innanzitutto i social che assorbono moltissimo tempo agli adolescenti ma anche ai giovani più adulti e che talvolta creano un distacco dalla realtà che diviene patologico. “I ragazzi hanno una capacità grande di comunicazione che però spesso non va nel profondo. Come medici, come operatori sanitari, come associazione dobbiamo essere capaci di stare accanto alle persone fragili, anche facendo fronte a questa nuova realtà”, conclude Baiocco dell’Unitalsi (HuffPost).

Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Unitalsi: Lourdes anche malati psichici, moltissime le dipendenze da social

Tra malattie neurologiche e psichiatriche il 63% dei malati che arriva a Lourdes ha una patologia di tipo mentale.

  

- Advertisement -

La Chiesa deve aiutare queste persone a non sentirsi isolate

Tra malattie neurologiche e psichiatriche il 63% dei malati che arriva a Lourdes, il santuario mariano sui Pirenei francesi, ha una patologia di tipo mentale. Per i pellegrini malati con meno di 34 anni questa situazione riguarda il 12 per cento. ”È un fenomeno in costante crescita e come medici e come associazione dobbiamo farci carico sempre più di queste nuove problematiche” spiega Federico Baiocco, responsabile nazionale dei medici dell’Unitalsi.

Sempre l’Unitalsi un anno fa, nel 2018, riportava che i malati erano per il 54% affetti da malattie cardiovascolari, per il 33% da malattie neurologiche e per un altro 33% da malattie del tessuto connettivo. Il 27%, invece, era affetto da malattie psichiatriche. C’è poi un lungo elenco di altre patologie che sono spesso sommate negli stessi pazienti.

“Il dato riguardante i disagi psichici è quello più nuovo, che deve fare riflettere, che richiama ancora di più il valore dell’accoglienza”, spiega ancora Federico Baiocco. La depressione colpisce anche le fasce giovanili: se nel complesso dei malati trasportati a Lourdes dalla organizzazione italiana solo l’8% ha meno di 34 anni, nel caso delle sole malattie legate alla psiche la percentuale degli under-34 sale al 12%. “Quello del disagio psichico dei giovani è un tema che è all’attenzione non solo dei sanitari ma anche del volontariato e penso che sia una delle riflessioni che verranno affrontate anche nel corso del prossimo Sinodo dei vescovi a Roma dedicato appunto ai giovani”, spiegava allora il responsabile dei medici dell’Unitalsi, un dato che – come scrivevamo in apertura – è rimasto pressapoco costante (Repubblica).

Un problema emergente

- Advertisement -

L’associazione, ma anche la Chiesa tutta, deve adattarsi a questo nuovo fenomeno che colpisce i giovani e li isola, la comunità deve quindi accompagnare e accogliere questa fragilità, fare in modo che al disagio non si accompagni anche la vergogna o il disagio nel comunicare la propria condizione.

“Una delle ricchezze del pellegrinaggio a Lourdes – spiega Baiocco – è quella di poter condividere la propria malattia con gli altri, rompere il silenzio, il disagio della propria condizione. Vale anche per i più giovani. Per noi questo disagio psichico in crescita richiama ancora di più il valore dell’accoglienza”.
Sul banco degli imputati innanzitutto i social che assorbono moltissimo tempo agli adolescenti ma anche ai giovani più adulti e che talvolta creano un distacco dalla realtà che diviene patologico. “I ragazzi hanno una capacità grande di comunicazione che però spesso non va nel profondo. Come medici, come operatori sanitari, come associazione dobbiamo essere capaci di stare accanto alle persone fragili, anche facendo fronte a questa nuova realtà”, conclude Baiocco dell’Unitalsi (HuffPost).

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
279FansMi piace
873FollowerSegui
13,000FollowerSegui
605FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Libri consigliati – Ottobre 2018

Le tre lettere di Giovanni

Gibran: Lazzaro e la sua amata

Lo scandalo della tenerezza

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO