23.9 C
Rome
giovedì, 27 Giugno 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Carità e Missioni Una casa di speranza in Madagascar

Una casa di speranza in Madagascar

- Advertisement -

Partito coi salesiani un italiano ha deciso di proseguire l’impegno creando una casa famiglia per i bimbi malgasci abbandonati

La “Maison Bartolomeo Garelli” è una Casa Famiglia che nasce nell’ottobre 2009 a Ivato, in Madagascar, per accogliere ragazzi che vivono in strada grazie alla collaborazione di Roberto Occhiuzzi, e di un assistente sociale malgascio, Ando che Roberto aveva conosciuto in una precedente esperienza missionaria con i Salesiani.

LA PRECARIETA’ DEI BIMBI IN MADAGASCAR

L’idea è venuta ai due amici quando, passeggiando di sera nel mercato del paese, vicino ad Antanarivo, hanno notato i tanti bambini abbandonati che, con pochi stracci addosso, stavano per terra, sporchi ed affamati arrangiandosi con gli scarti del mercato, dormendo sotto i banchi, nei vicoli al freddo, al buio e alla mercé di chiunque.

E’ così che Roberto decide di offrire ad Ando i soldi per prendere una una casa in affitto e  l’assistente sociale, dopo averne individuata una adatta, è andato di sera a parlare con i bambini che stavano nel mercato per conoscerli e proporre loro l’opportunità della Casa: un primo ricovero dove poter almeno dormire al caldo e all’asciutto. Hanno risposto subito in 4 e nei due giorni successivi se ne sono aggiunti altri 4, che erano stati iniziamente un po’ più diffidenti.

L’età dei ragazzi era tra i 13 e i 16 anni e tutti avevano sofferto di difficili situazioni familiari, erano malvestiti e malnutriti  e uno di loro, Mbola, all’età di 15 anni, pesava appena 25 chili!

UN PROGETTO CHE CRESCE

Con il passare dei giorni e dei mesi è stato possibile offrire loro i tre pasti giornalieri ed anche l’opportunità di andare a  scuola.

Oggi i ragazzi sono 21, vivono tutti insieme all’assistente sociale, che nel frattempo si è sposato, all’interno di una serena realtà familiare; ognuno di loro è protagonista di un proprio progetto educativo e fanno sogni per il proprio futuro.

Nei primi due anni di attività lo stato fisico, psicologico, educativo e spirituale dei ragazzi è notevolmente migliorato. E’ stato possibile farli visitare da medici ed, in alcuni casi, da specialisti e l’impegno della associazione “Il mio pezzetto di Sole” continua ancora in questa direzione. I ragazzi sono allegri, collaborativi, responsabili, vivono questa esperienza considerandola un’opportunità preziosa per la propria vita.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Una casa di speranza in Madagascar

  

- Advertisement -

Partito coi salesiani un italiano ha deciso di proseguire l’impegno creando una casa famiglia per i bimbi malgasci abbandonati

La “Maison Bartolomeo Garelli” è una Casa Famiglia che nasce nell’ottobre 2009 a Ivato, in Madagascar, per accogliere ragazzi che vivono in strada grazie alla collaborazione di Roberto Occhiuzzi, e di un assistente sociale malgascio, Ando che Roberto aveva conosciuto in una precedente esperienza missionaria con i Salesiani.

LA PRECARIETA’ DEI BIMBI IN MADAGASCAR

L’idea è venuta ai due amici quando, passeggiando di sera nel mercato del paese, vicino ad Antanarivo, hanno notato i tanti bambini abbandonati che, con pochi stracci addosso, stavano per terra, sporchi ed affamati arrangiandosi con gli scarti del mercato, dormendo sotto i banchi, nei vicoli al freddo, al buio e alla mercé di chiunque.

E’ così che Roberto decide di offrire ad Ando i soldi per prendere una una casa in affitto e  l’assistente sociale, dopo averne individuata una adatta, è andato di sera a parlare con i bambini che stavano nel mercato per conoscerli e proporre loro l’opportunità della Casa: un primo ricovero dove poter almeno dormire al caldo e all’asciutto. Hanno risposto subito in 4 e nei due giorni successivi se ne sono aggiunti altri 4, che erano stati iniziamente un po’ più diffidenti.

- Advertisement -

L’età dei ragazzi era tra i 13 e i 16 anni e tutti avevano sofferto di difficili situazioni familiari, erano malvestiti e malnutriti  e uno di loro, Mbola, all’età di 15 anni, pesava appena 25 chili!

UN PROGETTO CHE CRESCE

Con il passare dei giorni e dei mesi è stato possibile offrire loro i tre pasti giornalieri ed anche l’opportunità di andare a  scuola.

Oggi i ragazzi sono 21, vivono tutti insieme all’assistente sociale, che nel frattempo si è sposato, all’interno di una serena realtà familiare; ognuno di loro è protagonista di un proprio progetto educativo e fanno sogni per il proprio futuro.

Nei primi due anni di attività lo stato fisico, psicologico, educativo e spirituale dei ragazzi è notevolmente migliorato. E’ stato possibile farli visitare da medici ed, in alcuni casi, da specialisti e l’impegno della associazione “Il mio pezzetto di Sole” continua ancora in questa direzione. I ragazzi sono allegri, collaborativi, responsabili, vivono questa esperienza considerandola un’opportunità preziosa per la propria vita.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato di SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
273FansMi piace
803FollowerSegui
13,000FollowerSegui
582FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

La teologia di papa Francesco

Giovani all’ombra della luce

Un solo Libro, due eredi

Marconi: L’infanzia di Maria

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO