19.6 C
Rome
lunedì, 16 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita Ecclesiale «Un uomo senza cultura è un uomo morto»: chi è il nuovo...

«Un uomo senza cultura è un uomo morto»: chi è il nuovo vescovo di Mosul

«Ero sulla lista nera dell'ISIS»

- Advertisement -

Najib Mikhael Moussa, che l’Isis cercò di uccidere, è stato ordinato ieri in Iraq dal patriarca caldeo, il cardinale Luois Sako: «Smantella l’ideologia jihadista, sii il nuovo Giona per Ninive»

Quando l’Isis nell’estate del 2014 ha conquistato Mosul, la capitale economica dell’Iraq, e ha marciato ad agosto verso Qaraqosh, la principale città della Piana di Ninive, tutti i cristiani sono scappati nel cuore della notte portandosi dietro solo quello che avevano indosso. Qualche famiglia è riuscita a buttare in valigia alla rinfusa pochi e indispensabili effetti personali. Najib Mikhael Moussa, invece, non ha caricato la sua automobile con soldi e vestiti, ma con libri. Decine e decine di manoscritti antichi, che il padre domenicano catalogava e digitalizzava da decenni per preservare il patrimonio storico del popolo cristiano e di tutti gli iracheni. «Se vedevo qualcuno con le mani libere, gli mettevo in braccio un tomo, chiedendogli di restituirmelo una volta raggiunta Erbil», la capitale del Kurdistan iracheno dove centinaia di migliaia di cristiani si sono rifugiati.

«ERO SULLA LISTA NERA DELL’ISIS»

Ieri padre Moussa è diventato il nuovo arcivescovo di Mosul, ordinato come successore di Amel Nona, che nel 2014 come tutti fu costretto a fuggire dalla diocesi. Da allora, Mosul non ha più avuto un vescovo. Monsignor Moussa ha 63 anni, è nato a Mosul e da giovane ha lavorato nell’industria petrolifera, prima di recarsi in Francia per studiare in seminario e formarsi al sacerdozio. Ordinato sacerdote nel 1987, è poi tornato nella sua città natale, dove si è dedicato per anni a preservare l’eredità cristiana del suo paese, fondando l’Oriental Manuscript Digital Center. Gli archivi del centro, che da Mosul erano stati spostati a Qaraqosh e poi «grazie a una premonizione» a Erbil due settimane prima dell’invasione dei jihadisti, contengono 850 manoscritti antichi in aramaico, arabo e altre lingue insieme a circa 50 mila volumi.

In un’intervista all’Afp del marzo 2018, il neo arcivescovo ricordò perché, durante la fuga, pensò innanzitutto a mettere al sicuro i libri: «Il mio compito è di salvare il nostro patrimonio culturale, un tesoro importante. Noi non possiamo salvare un alberto se non salviamo le sue radici e un uomo senza cultura è un uomo morto». Come altri sacerdoti, «anch’io ero sulla lista dell’Isis dei cristiani da uccidere».

«SII IL NUOVO GIONA»

Durante l’ordinazione il patriarca caldeo, il cardinale Louis Rapahel I Sako, ha affidato a monsignor Moussa il compito di ricostruire il tessuto sociale ed ecclesiale di Mosul, come riportato da AsiaNews. «Nella diocesi devastata di Mosul la tua missione è di rafforzare la gioia della liberazione e stabilire la speranza di un ritorno dei cristiani», ha detto il patriarca Sako. «Promuovi la coesistenza e smantella i residui rimasti dell’Isis, fra cui l’ideologia, le abitudini e i costumi», ha aggiunto: «Che tu sia il nuovo Giona per Ninive».

Originale: Tempi.it
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

«Un uomo senza cultura è un uomo morto»: chi è il nuovo vescovo di Mosul

«Ero sulla lista nera dell'ISIS»

  

- Advertisement -

Najib Mikhael Moussa, che l’Isis cercò di uccidere, è stato ordinato ieri in Iraq dal patriarca caldeo, il cardinale Luois Sako: «Smantella l’ideologia jihadista, sii il nuovo Giona per Ninive»

Quando l’Isis nell’estate del 2014 ha conquistato Mosul, la capitale economica dell’Iraq, e ha marciato ad agosto verso Qaraqosh, la principale città della Piana di Ninive, tutti i cristiani sono scappati nel cuore della notte portandosi dietro solo quello che avevano indosso. Qualche famiglia è riuscita a buttare in valigia alla rinfusa pochi e indispensabili effetti personali. Najib Mikhael Moussa, invece, non ha caricato la sua automobile con soldi e vestiti, ma con libri. Decine e decine di manoscritti antichi, che il padre domenicano catalogava e digitalizzava da decenni per preservare il patrimonio storico del popolo cristiano e di tutti gli iracheni. «Se vedevo qualcuno con le mani libere, gli mettevo in braccio un tomo, chiedendogli di restituirmelo una volta raggiunta Erbil», la capitale del Kurdistan iracheno dove centinaia di migliaia di cristiani si sono rifugiati.

«ERO SULLA LISTA NERA DELL’ISIS»

Ieri padre Moussa è diventato il nuovo arcivescovo di Mosul, ordinato come successore di Amel Nona, che nel 2014 come tutti fu costretto a fuggire dalla diocesi. Da allora, Mosul non ha più avuto un vescovo. Monsignor Moussa ha 63 anni, è nato a Mosul e da giovane ha lavorato nell’industria petrolifera, prima di recarsi in Francia per studiare in seminario e formarsi al sacerdozio. Ordinato sacerdote nel 1987, è poi tornato nella sua città natale, dove si è dedicato per anni a preservare l’eredità cristiana del suo paese, fondando l’Oriental Manuscript Digital Center. Gli archivi del centro, che da Mosul erano stati spostati a Qaraqosh e poi «grazie a una premonizione» a Erbil due settimane prima dell’invasione dei jihadisti, contengono 850 manoscritti antichi in aramaico, arabo e altre lingue insieme a circa 50 mila volumi.

In un’intervista all’Afp del marzo 2018, il neo arcivescovo ricordò perché, durante la fuga, pensò innanzitutto a mettere al sicuro i libri: «Il mio compito è di salvare il nostro patrimonio culturale, un tesoro importante. Noi non possiamo salvare un alberto se non salviamo le sue radici e un uomo senza cultura è un uomo morto». Come altri sacerdoti, «anch’io ero sulla lista dell’Isis dei cristiani da uccidere».

«SII IL NUOVO GIONA»

Durante l’ordinazione il patriarca caldeo, il cardinale Louis Rapahel I Sako, ha affidato a monsignor Moussa il compito di ricostruire il tessuto sociale ed ecclesiale di Mosul, come riportato da AsiaNews. «Nella diocesi devastata di Mosul la tua missione è di rafforzare la gioia della liberazione e stabilire la speranza di un ritorno dei cristiani», ha detto il patriarca Sako. «Promuovi la coesistenza e smantella i residui rimasti dell’Isis, fra cui l’ideologia, le abitudini e i costumi», ha aggiunto: «Che tu sia il nuovo Giona per Ninive».

- Advertisement -
Originale: Tempi.it

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
847FollowerSegui
13,000FollowerSegui
603FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Interrogare la sofferenza

A scuola di preghiera

La grande città e la salvezza

Immergersi nella storicità di Gesù

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO