23.9 C
Rome
sabato, 21 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Rubriche Storie Un terrorista Islamico persecutore di cristiani ed ebrei si converte: un incredibile...

Un terrorista Islamico persecutore di cristiani ed ebrei si converte: un incredibile miracolo lo ha salvato

- Advertisement -

La conversione del “nuovo” San Paolo di Tarso: islamico persecutore di cristiani ed ebrei, si converte con un miracolo. “L’odio imparato, l’amore vissuto”, l’incredibile conversione di Eric

Odiava i cristiani, insultava gli ebrei e desiderava la morte di tutti gli infedeli che non servissero il progetto e la legge di Allah: ma qualcosa è cambiato in Yasser Eric e da persecutore è diventato un fedele seguace in Gesù Cristo, chiedendo e ottenendo perdono per tutto il male provocato e “sperato”.

È la storia incredibile di questo miracolo di conversione vera e propria, raccontato in questi giorni dalla rivista tedesca Pro Christliches Medienmagazin, ripresa poi da tutti i media teutonici. Un libro-confessione in cui Yassir racconta la sua storia di dolore, calvario e conversione in piena Africa nera, nel nord del Sudan. Nel suo libro l’ex islamista radicale racconta di aver imparato lungo la sua vita sia l’odio imperterrito verso l’altro, che sia cristiano o ebreo, faceva lo stesso, e poi dopo la conversione travagliata “ho imparato a costruire ponti”. Addirittura da giovanissimo ha compiuto un attentato contro una sua compagna di classe cristiana di nome Zakaria: «ho viaggiato nel Sudan inseguendo la jihad musulmana assieme alla mia famiglia, ricca e benestante, che mi ha insegnato i dettami del Corano, odiando tutti gli infedeli», spiega nel suo libro Eric. Un’incontro su tutti lo cambia profondamente, trattandosi dello zio a cui più era legato l’islamista radicale: una conversione operata tramite… un musulmano a sua volta! Ecco l’incredibile storia che lo stesso Eric racconta senza timore: «volevo bene a mio zio Khaled, lui ha lavorato per i servizi segreti sudanesi e proprio durante il suo lavoro Khaled dovevo uccidere un leader cristiano. Ma invece di ucciderlo, mio zio entra in contatto con la Parola di Dio e alla fine diventa cristiano».

IL MIRACOLO CHE GLI HA CAMBIATO LA VITA

Per Eric, figlio di uno dei leader jihadista della sua regione, lo choc fu potente: lo zio viene espulso dal clan appena racconta la sua conversione, lo stesso nipote è inorridito dalla scelta del parente eppure qualcosa dentro sembra muoverlo tanto che chiede allo zio di sapere che cos’è davvero la fede cristiana. «Mi regala una bibbia e io penso tra me e me che così potevo finalmente scoprire tutte le menzogne di quel testo per poter convincere lo zio di tornare all’Islam. Ma più leggo la Bibbia e più Dio mi parla». A questo punto il miracolo è già in atto, come spiega Yassir Eric: un fatto poi compie il “passo” definitivo verso la completa conversione di quel giovane odiatore seriale di cristiani ed ebrei. Il figlio dello zio Khaled, il cugino di Eric, va in coma per 4 settimane e un gruppo di cristiani copti prega ininterrottamente in ospedale per la sua salvezza. Il giovane si sveglia dal coma e in questo modo Eric è ormai convinto: «non posso più far finta, “devo” credere a Gesù ora», racconta alla rivista tedesca cattolica. Il difficile arriva dopo, quando comunica alla famiglia la stessa notizia dello zio Khaled: il padre lo espelle dal clan e lo caccia definitivamente divenendo di colpo perseguitato lui e inseguito dagli jihadisti cui faceva parte fino a pochi giorni prima. Addirittura viene sequestrato dai servizi segreti sudanesi e tenuto in prigionia per mesi, subendo torture, abusi, e rischiando la morte. Riesce però a scappare e fugge anche dal Sudan, grazie ad un secondo incontro che gli cambierà ancor di più la vita: si innamora di una donna cristiana e tedesca e si trasferisce in Germania. Da allora diviene una voce importante a Berlino organizzando convegni, eventi e incontri dove parla della sua esperienza di conversione, del male perpetrato dall’odio religioso islamista: «voglio diventare un ponte per gli altri, prima odiavo, ora amando intendo aprire le porte per poter permettere una sempre migliore integrazione».

Non solo, fa sua una tesi molto importante e netta sul rapporto tra Islam e cultura occidentale: «Un Islam che svaluta i credenti di altre fedi e legittima la violenza non deve avere un posto in Germania», sostiene nel suo libro, attirando molte critiche e l’odio di alcuni suoi ex-compagni di fede. Ma anche qui, Eric stupisce i lettori e il pubblico: una tesi molto dura che si accompagna ad una modalità di affermarla tutt’altro che intransigente. Non è con la restrizione della libertà religiosa che si raggiungerà la pace e la migliore integrazione: ma è interrogando, stando di fronte alle esigenze di tutti, musulmani compresi, che si può cercare di proporre e spiegare il messaggio di amore cristiano. «L’odio imparato, l’amore vissuto»: è nel titolo del libro tutto il senso della sua testimonianza, un’amore non imparato e nemmeno insegnato, ma semplicemente vissuto come esperienza di vita e di bene. «L’opera di Dio conosce vie inconcepibili e un islamista può diventare un successore di Gesù. Questa immagine di vita può incoraggiare le persone nella loro fede», spiega Eric nella sua incredibile testimonianza, che risuona proprio come una “novella” conversione sulla strada di Damasco del “nuovo” Paolo di Tarso.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Un terrorista Islamico persecutore di cristiani ed ebrei si converte: un incredibile miracolo lo ha salvato

  

- Advertisement -

La conversione del “nuovo” San Paolo di Tarso: islamico persecutore di cristiani ed ebrei, si converte con un miracolo. “L’odio imparato, l’amore vissuto”, l’incredibile conversione di Eric

Odiava i cristiani, insultava gli ebrei e desiderava la morte di tutti gli infedeli che non servissero il progetto e la legge di Allah: ma qualcosa è cambiato in Yasser Eric e da persecutore è diventato un fedele seguace in Gesù Cristo, chiedendo e ottenendo perdono per tutto il male provocato e “sperato”.

È la storia incredibile di questo miracolo di conversione vera e propria, raccontato in questi giorni dalla rivista tedesca Pro Christliches Medienmagazin, ripresa poi da tutti i media teutonici. Un libro-confessione in cui Yassir racconta la sua storia di dolore, calvario e conversione in piena Africa nera, nel nord del Sudan. Nel suo libro l’ex islamista radicale racconta di aver imparato lungo la sua vita sia l’odio imperterrito verso l’altro, che sia cristiano o ebreo, faceva lo stesso, e poi dopo la conversione travagliata “ho imparato a costruire ponti”. Addirittura da giovanissimo ha compiuto un attentato contro una sua compagna di classe cristiana di nome Zakaria: «ho viaggiato nel Sudan inseguendo la jihad musulmana assieme alla mia famiglia, ricca e benestante, che mi ha insegnato i dettami del Corano, odiando tutti gli infedeli», spiega nel suo libro Eric. Un’incontro su tutti lo cambia profondamente, trattandosi dello zio a cui più era legato l’islamista radicale: una conversione operata tramite… un musulmano a sua volta! Ecco l’incredibile storia che lo stesso Eric racconta senza timore: «volevo bene a mio zio Khaled, lui ha lavorato per i servizi segreti sudanesi e proprio durante il suo lavoro Khaled dovevo uccidere un leader cristiano. Ma invece di ucciderlo, mio zio entra in contatto con la Parola di Dio e alla fine diventa cristiano».

IL MIRACOLO CHE GLI HA CAMBIATO LA VITA

Per Eric, figlio di uno dei leader jihadista della sua regione, lo choc fu potente: lo zio viene espulso dal clan appena racconta la sua conversione, lo stesso nipote è inorridito dalla scelta del parente eppure qualcosa dentro sembra muoverlo tanto che chiede allo zio di sapere che cos’è davvero la fede cristiana. «Mi regala una bibbia e io penso tra me e me che così potevo finalmente scoprire tutte le menzogne di quel testo per poter convincere lo zio di tornare all’Islam. Ma più leggo la Bibbia e più Dio mi parla». A questo punto il miracolo è già in atto, come spiega Yassir Eric: un fatto poi compie il “passo” definitivo verso la completa conversione di quel giovane odiatore seriale di cristiani ed ebrei. Il figlio dello zio Khaled, il cugino di Eric, va in coma per 4 settimane e un gruppo di cristiani copti prega ininterrottamente in ospedale per la sua salvezza. Il giovane si sveglia dal coma e in questo modo Eric è ormai convinto: «non posso più far finta, “devo” credere a Gesù ora», racconta alla rivista tedesca cattolica. Il difficile arriva dopo, quando comunica alla famiglia la stessa notizia dello zio Khaled: il padre lo espelle dal clan e lo caccia definitivamente divenendo di colpo perseguitato lui e inseguito dagli jihadisti cui faceva parte fino a pochi giorni prima. Addirittura viene sequestrato dai servizi segreti sudanesi e tenuto in prigionia per mesi, subendo torture, abusi, e rischiando la morte. Riesce però a scappare e fugge anche dal Sudan, grazie ad un secondo incontro che gli cambierà ancor di più la vita: si innamora di una donna cristiana e tedesca e si trasferisce in Germania. Da allora diviene una voce importante a Berlino organizzando convegni, eventi e incontri dove parla della sua esperienza di conversione, del male perpetrato dall’odio religioso islamista: «voglio diventare un ponte per gli altri, prima odiavo, ora amando intendo aprire le porte per poter permettere una sempre migliore integrazione».

- Advertisement -

Non solo, fa sua una tesi molto importante e netta sul rapporto tra Islam e cultura occidentale: «Un Islam che svaluta i credenti di altre fedi e legittima la violenza non deve avere un posto in Germania», sostiene nel suo libro, attirando molte critiche e l’odio di alcuni suoi ex-compagni di fede. Ma anche qui, Eric stupisce i lettori e il pubblico: una tesi molto dura che si accompagna ad una modalità di affermarla tutt’altro che intransigente. Non è con la restrizione della libertà religiosa che si raggiungerà la pace e la migliore integrazione: ma è interrogando, stando di fronte alle esigenze di tutti, musulmani compresi, che si può cercare di proporre e spiegare il messaggio di amore cristiano. «L’odio imparato, l’amore vissuto»: è nel titolo del libro tutto il senso della sua testimonianza, un’amore non imparato e nemmeno insegnato, ma semplicemente vissuto come esperienza di vita e di bene. «L’opera di Dio conosce vie inconcepibili e un islamista può diventare un successore di Gesù. Questa immagine di vita può incoraggiare le persone nella loro fede», spiega Eric nella sua incredibile testimonianza, che risuona proprio come una “novella” conversione sulla strada di Damasco del “nuovo” Paolo di Tarso.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO