14.5 C
Rome
mercoledì, 16 Ottobre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita Ecclesiale Un sinodo per i popoli dell’Amazzonia

Un sinodo per i popoli dell’Amazzonia

- Advertisement -

Per una Chiesa “vicina ai più poveri, agli esclusi, agli scartati, ai dimenticati e ai feriti”

E’ accattivante e singolare la proposta di Papa Francesco, suggerita nel recente incontro con i vescovi del Perù in Vaticano per la loro quinquennale visita ad Limina: un sinodo per i popoli e nazioni che vivono nella foresta pluviale dell’Amazzonia, popoli che appartengono attualmente a 9 Paesi: Brasile (67%), Perù (13%), Bolivia (11%), Colombia (6%), Ecuador (2%), Venezuela (1%), Suriname, Guyana e Guyana francese (insieme 0,15%).

Nell’area amazzonica del Sudamerica abitano 2.779.478 di aborigeni appartenenti a 390 popoli autoctoni e 137 popoli “isolati” (non-contattati). Sono persone che parlano 240 lingue diverse che appartengono a 49 rami linguistici, le più rilevanti dal punto di vista storico e cultuale. Queste chiese locali dunque hanno una o più diocesi amazzoniche, in particolare il Brasile, e da settembre 2014 possono contare sul sostegno della Rete Ecclesiale Panamazzonica (REPAM), nata a Brasilia in occasione di un incontro fra Vescovi di diocesi che includono nel loro territorio regioni amazzoniche, sacerdoti, missionari e missionarie di congregazioni che lavorano nella giungla amazzonica, rappresentanti di alcune Caritas nazionali e laici appartenenti a varie strutture della Chiesa.

Nel marzo 2015 il cardinale Peter Kodwo Appiah Turkson presentando a Roma la REPAM ha sottolineato tre sue caratteristiche:

1. La transnazionalità: l’elevato numero di Paesi coinvolti è dovuto alla consapevolezza che un’efficace azione di contrasto a sfide che oltrepassano i confini di un singolo Stato richiede la sinergia delle forze vive di tutte le Nazioni interessate: dal livello del Segretariato della REPAM a quello delle diocesi e delle altre iniziative della Chiesa nei vari Stati, senza dimenticare che, sin dall’inizio, la REPAM lavora in sintonia con la Santa Sede, il CELAM e le sue strutture.

2. L’ecclesialità: Oltre ad operare in modo transnazionale, la REPAM si propone di creare una collaborazione armoniosa fra le varie componenti della Chiesa: Congregazioni religiose, diocesi, Caritas, varie associazioni o Fondazioni cattoliche, e gruppi di laici.

3. L’impegno per la tutela della vita: la REPAM nasce per rispondere a sfide importanti. È in gioco la difesa della vita di svariate comunità che, sommate, rappresentano oltre 30 milioni di persone. Esse sono minacciate dall’inquinamento, dal radicale e rapido cambiamento dell’ecosistema dal quale dipendono, e dalla mancata tutela di fondamentali diritti umani. Ciò avviene quando per esempio la deforestazione avanza senza controllo, o quando progetti minerari e agricoli intensivi vengono avviati senza consultare, né tantomeno coinvolgere, le popolazioni locali dell’Amazzonia, nel rispetto della loro dignità.

In queste considerazioni ci sono tutti gli elementi fondamentali che danno sostegno e prospettiva ecclesiale al suggerimento di Papa Francesco e che il principale animatore della REPAM, il cardinale Claudio Hummes, ha così sottolineato a Radio Vaticana: «Il Santo Padre Francesco ci ha fortemente incoraggiati in questa direzione, quando nel corso della Giornata Mondiale della Gioventù, nel 2013, a Rio de Janeiro, parlando ai Vescovi Brasiliani, disse che “l’Amazzonia è una verifica decisiva, un banco di prova per la Chiesa e la società” e aggiunse “un forte richiamo al rispetto e alla custodia dell’intera creazione che Dio ha affidata all’uomo non perché la sfrutti selvaggiamente, ma perché la renda un giardino”. E disse ancora: “Vorrei aggiungere che va ulteriormente incentivata e rilanciata l’opera della Chiesa in Amazzonia”. La creazione della Rete Ecclesiale Pan-amazzonica si pone come ulteriore incentivo e rilancio dell’opera della Chiesa in Amazzonia, fortemente voluta dal Santo Padre. Lì, la Chiesa vuol essere con coraggio e determinazione una Chiesa missionaria, misericordiosa, profetica, vicina a tutta la gente, specialmente ai più poveri, agli esclusi, agli scartati, ai dimenticati e ai feriti. Una Chiesa con un “volto amazzonico” e un “clero autoctono”, come ha proposto Papa Francesco nel suo sopracitato discorso ai vescovi brasiliani».

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Un sinodo per i popoli dell’Amazzonia

  

- Advertisement -

Per una Chiesa “vicina ai più poveri, agli esclusi, agli scartati, ai dimenticati e ai feriti”

E’ accattivante e singolare la proposta di Papa Francesco, suggerita nel recente incontro con i vescovi del Perù in Vaticano per la loro quinquennale visita ad Limina: un sinodo per i popoli e nazioni che vivono nella foresta pluviale dell’Amazzonia, popoli che appartengono attualmente a 9 Paesi: Brasile (67%), Perù (13%), Bolivia (11%), Colombia (6%), Ecuador (2%), Venezuela (1%), Suriname, Guyana e Guyana francese (insieme 0,15%).

Nell’area amazzonica del Sudamerica abitano 2.779.478 di aborigeni appartenenti a 390 popoli autoctoni e 137 popoli “isolati” (non-contattati). Sono persone che parlano 240 lingue diverse che appartengono a 49 rami linguistici, le più rilevanti dal punto di vista storico e cultuale. Queste chiese locali dunque hanno una o più diocesi amazzoniche, in particolare il Brasile, e da settembre 2014 possono contare sul sostegno della Rete Ecclesiale Panamazzonica (REPAM), nata a Brasilia in occasione di un incontro fra Vescovi di diocesi che includono nel loro territorio regioni amazzoniche, sacerdoti, missionari e missionarie di congregazioni che lavorano nella giungla amazzonica, rappresentanti di alcune Caritas nazionali e laici appartenenti a varie strutture della Chiesa.

Nel marzo 2015 il cardinale Peter Kodwo Appiah Turkson presentando a Roma la REPAM ha sottolineato tre sue caratteristiche:

1. La transnazionalità: l’elevato numero di Paesi coinvolti è dovuto alla consapevolezza che un’efficace azione di contrasto a sfide che oltrepassano i confini di un singolo Stato richiede la sinergia delle forze vive di tutte le Nazioni interessate: dal livello del Segretariato della REPAM a quello delle diocesi e delle altre iniziative della Chiesa nei vari Stati, senza dimenticare che, sin dall’inizio, la REPAM lavora in sintonia con la Santa Sede, il CELAM e le sue strutture.

- Advertisement -

2. L’ecclesialità: Oltre ad operare in modo transnazionale, la REPAM si propone di creare una collaborazione armoniosa fra le varie componenti della Chiesa: Congregazioni religiose, diocesi, Caritas, varie associazioni o Fondazioni cattoliche, e gruppi di laici.

3. L’impegno per la tutela della vita: la REPAM nasce per rispondere a sfide importanti. È in gioco la difesa della vita di svariate comunità che, sommate, rappresentano oltre 30 milioni di persone. Esse sono minacciate dall’inquinamento, dal radicale e rapido cambiamento dell’ecosistema dal quale dipendono, e dalla mancata tutela di fondamentali diritti umani. Ciò avviene quando per esempio la deforestazione avanza senza controllo, o quando progetti minerari e agricoli intensivi vengono avviati senza consultare, né tantomeno coinvolgere, le popolazioni locali dell’Amazzonia, nel rispetto della loro dignità.

In queste considerazioni ci sono tutti gli elementi fondamentali che danno sostegno e prospettiva ecclesiale al suggerimento di Papa Francesco e che il principale animatore della REPAM, il cardinale Claudio Hummes, ha così sottolineato a Radio Vaticana: «Il Santo Padre Francesco ci ha fortemente incoraggiati in questa direzione, quando nel corso della Giornata Mondiale della Gioventù, nel 2013, a Rio de Janeiro, parlando ai Vescovi Brasiliani, disse che “l’Amazzonia è una verifica decisiva, un banco di prova per la Chiesa e la società” e aggiunse “un forte richiamo al rispetto e alla custodia dell’intera creazione che Dio ha affidata all’uomo non perché la sfrutti selvaggiamente, ma perché la renda un giardino”. E disse ancora: “Vorrei aggiungere che va ulteriormente incentivata e rilanciata l’opera della Chiesa in Amazzonia”. La creazione della Rete Ecclesiale Pan-amazzonica si pone come ulteriore incentivo e rilancio dell’opera della Chiesa in Amazzonia, fortemente voluta dal Santo Padre. Lì, la Chiesa vuol essere con coraggio e determinazione una Chiesa missionaria, misericordiosa, profetica, vicina a tutta la gente, specialmente ai più poveri, agli esclusi, agli scartati, ai dimenticati e ai feriti. Una Chiesa con un “volto amazzonico” e un “clero autoctono”, come ha proposto Papa Francesco nel suo sopracitato discorso ai vescovi brasiliani».

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
602FollowerSegui
57IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Le lettere di Paolo

Wilmer: Mosè, lezioni di deserto

Vincere ansietà e paure

Libri – Diacone: un dossier di studio

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO