5.2 C
Roma
Gio, 27 Febbraio 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno C XIX Domenica Tempo Ordinario - Anno C - 7 agosto 2016

XIX Domenica Tempo Ordinario – Anno C – 7 agosto 2016

- Advertisement -

IL VANGELO STRABICO

XIX Domenica Tempo Ordinario  – C

(Sapienza 18, 6-9; Ebrei 11, 1-2. 8-19; Luca 12, 32-48)

A  cura di Benito Giorgetta

Un innamorato desidera essere desiderato

Ascoltiamo il Vangelo:

 

“…Non temere, piccolo gregge, perché al Padre vostro è piaciuto dare a voi il Regno.
Vendete ciò che possedete e datelo in elemosina; fatevi borse che non invecchiano, un tesoro sicuro nei cieli, dove ladro non arriva e tarlo non consuma. Perché, dov’è il vostro tesoro, là sarà anche il vostro cuore.… Siate pronti, con le vesti strette ai fianchi e le lampade accese; siate simili a quelli che aspettano il loro padrone quando torna dalle nozze, in modo che, quando arriva e bussa, gli aprano subito. 
Beati quei servi che il padrone al suo ritorno troverà ancora svegli; in verità io vi dico, si stringerà le vesti ai fianchi, li farà mettere a tavola e passerà a servirli. E se, giungendo nel mezzo della notte o prima dell’alba, li troverà così, beati loro! 
Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora viene il ladro, non si lascerebbe scassinare la casa. Anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo»…”

 

Di Gesù è detto che tornerà, lo ha promesso egli stesso. Ma non sarà un giudice spietato, quasi contento dei nostri errori e compiaciuto per le eventuali, nefaste, conseguenze. Nel giudizio finale lui sarà il nostro avvocato e Dio, che ci giudicherà, ci guarderà con gli occhi di una mamma e ci amerà con il cuore di Padre. Ci userà misericordia.

Ma prima che tutto questo accada, lui, innamorato di ogni uomo, desidera essere desiderato. Ci insegna il modo come vivere per arrivare al momento del confronto, non a mani vuote, delusi e paurosi, ma con mani se non piene almeno sporcate per aver cercato di impegnarle, in modo da avere nel cuore depositato il desiderio di un abbraccio e la speranza di un premio. ”Fatevi borse che non invecchiano, un tesoro sicuro nei cieli, dove ladro non arriva e tarlo non consuma. Perché, dov’è il vostro tesoro, là sarà anche il vostro cuore.…”. Dio vuole essere il nostro tesoro. Vuole che accumuliamo, investendo in modo sicuro, lì dove la ricchezza non si estingue e non viene aggredita e consumata dalla ruggine. Occorre procurarsi borse che non invecchiano che non “cadono” a picco per svalutazione o recessione. Ciò che il tarlo non può consumare è solo il bene scritto nella vita degli altri travasato nell’esistenza del prossimo. Li si conversa, si amplifica, viene custodito e al momento opportuno apparirà in tutto il suo splendore e in tutta il suo fascino.

L’invito ad essere sempre pronti, non è una minaccia, ma un avvertimento, un’indicazione, una esortazione per non essere impreparati. Dio ci lascia liberi come sono liberi i servi della parabola a cui tutto è dato in custodia sotto la loro responsabilità. Sembra che poi ci lasci soli e giunge la notte, le difficoltà, gli scoraggiamenti, le incomprensioni. Allora è il tempo della resistenza, della fedeltà, dell’attesa. “Siate pronti, con le vesti strette ai fianchi e le lampade accese; siate simili a quelli che aspettano il loro padrone quando torna dalle nozze, in modo che, quando arriva e bussa, gli aprano subito”.

Essere trovati pronti significa aver accolto i doni averli trafficati, amplificati e donati. Questo è il capolavoro che Dio attende da ciascuno di noi. E lui da padrone diventa servo, servo della nostra felicità a cui lui vuole dare l’ospitalità eterna. Allora vale la pena servirlo perché lui è l’unico che, davvero, si è fatto mio servitore e lo sarà per la vita eterna, dove ci attende, ci accoglie e resterà per sempre con noi.

 

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

XIX Domenica Tempo Ordinario – Anno C – 7 agosto 2016

  

- Advertisement -

IL VANGELO STRABICO

XIX Domenica Tempo Ordinario  – C

(Sapienza 18, 6-9; Ebrei 11, 1-2. 8-19; Luca 12, 32-48)

A  cura di Benito Giorgetta

Un innamorato desidera essere desiderato

- Advertisement -

Ascoltiamo il Vangelo:

 

“…Non temere, piccolo gregge, perché al Padre vostro è piaciuto dare a voi il Regno.
Vendete ciò che possedete e datelo in elemosina; fatevi borse che non invecchiano, un tesoro sicuro nei cieli, dove ladro non arriva e tarlo non consuma. Perché, dov’è il vostro tesoro, là sarà anche il vostro cuore.… Siate pronti, con le vesti strette ai fianchi e le lampade accese; siate simili a quelli che aspettano il loro padrone quando torna dalle nozze, in modo che, quando arriva e bussa, gli aprano subito. 
Beati quei servi che il padrone al suo ritorno troverà ancora svegli; in verità io vi dico, si stringerà le vesti ai fianchi, li farà mettere a tavola e passerà a servirli. E se, giungendo nel mezzo della notte o prima dell’alba, li troverà così, beati loro! 
Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora viene il ladro, non si lascerebbe scassinare la casa. Anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo»…”

 

Di Gesù è detto che tornerà, lo ha promesso egli stesso. Ma non sarà un giudice spietato, quasi contento dei nostri errori e compiaciuto per le eventuali, nefaste, conseguenze. Nel giudizio finale lui sarà il nostro avvocato e Dio, che ci giudicherà, ci guarderà con gli occhi di una mamma e ci amerà con il cuore di Padre. Ci userà misericordia.

Ma prima che tutto questo accada, lui, innamorato di ogni uomo, desidera essere desiderato. Ci insegna il modo come vivere per arrivare al momento del confronto, non a mani vuote, delusi e paurosi, ma con mani se non piene almeno sporcate per aver cercato di impegnarle, in modo da avere nel cuore depositato il desiderio di un abbraccio e la speranza di un premio. ”Fatevi borse che non invecchiano, un tesoro sicuro nei cieli, dove ladro non arriva e tarlo non consuma. Perché, dov’è il vostro tesoro, là sarà anche il vostro cuore.…”. Dio vuole essere il nostro tesoro. Vuole che accumuliamo, investendo in modo sicuro, lì dove la ricchezza non si estingue e non viene aggredita e consumata dalla ruggine. Occorre procurarsi borse che non invecchiano che non “cadono” a picco per svalutazione o recessione. Ciò che il tarlo non può consumare è solo il bene scritto nella vita degli altri travasato nell’esistenza del prossimo. Li si conversa, si amplifica, viene custodito e al momento opportuno apparirà in tutto il suo splendore e in tutta il suo fascino.

L’invito ad essere sempre pronti, non è una minaccia, ma un avvertimento, un’indicazione, una esortazione per non essere impreparati. Dio ci lascia liberi come sono liberi i servi della parabola a cui tutto è dato in custodia sotto la loro responsabilità. Sembra che poi ci lasci soli e giunge la notte, le difficoltà, gli scoraggiamenti, le incomprensioni. Allora è il tempo della resistenza, della fedeltà, dell’attesa. “Siate pronti, con le vesti strette ai fianchi e le lampade accese; siate simili a quelli che aspettano il loro padrone quando torna dalle nozze, in modo che, quando arriva e bussa, gli aprano subito”.

Essere trovati pronti significa aver accolto i doni averli trafficati, amplificati e donati. Questo è il capolavoro che Dio attende da ciascuno di noi. E lui da padrone diventa servo, servo della nostra felicità a cui lui vuole dare l’ospitalità eterna. Allora vale la pena servirlo perché lui è l’unico che, davvero, si è fatto mio servitore e lo sarà per la vita eterna, dove ci attende, ci accoglie e resterà per sempre con noi.

 

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
280FansMi piace
915FollowerSegui
13,000FollowerSegui
622FollowerSegui
64IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

La ricerca storica su Gesù

Le sei parole di Maria

Teilhard, rivoluzione teologica

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO