Cookie Consent by Free Privacy Policy website
19 C
Roma
Gio, 21 Ottobre 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeRubricheCulmen et FonsTutti possono fare i lettori della Santa Messa? Anche i ragazzi?

Tutti possono fare i lettori della Santa Messa? Anche i ragazzi?

Culmen et Fons

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Per un buon ministero liturgico sono necessarie maturità, formazione, idoneità. Quindi c’è una selezione. Ecco chi non può esserlo

Fare il lettore della Santa Messa? Non è per tutti! Ogni ministerialità presuppone alcune criteri di maturità, formazione e idoneità, oltre che il sacramento della Cresima (cfr. Messale Romano, 101; Lezionario, 55), scrive il teologo don Silvano Sirboni su Famiglia Cristiana (31 maggio).

Il lettore e il popolo di Dio

Aleteia ha contattato il teologo don Enrico Finotti, che premette: il lettore svolge un ministero importante all’interno della celebrazione liturgica.

Ministero, osserva Finotti, significa un servizio, che implica le necessarie abilitazioni per essere compiuto con competenza, dignità ed efficacia. Digne et competenter, afferma la liturgia.

- Advertisement -

Leggi anche: Quando il lettore deve fare l’inchino?

Occorre subito escludere che tale ministero venga assegnato unicamente allo scopo di coinvolgere maggiormente nel rito: per ‘far partecipare’, si dice. Il ministero del lettore è solo indirettamente uno strumento di partecipazione, direttamente, invece, ha lo scopo di proclamare nel modo migliore la Parola di Dio e gli altri testi previsti dalla liturgia.

Attraverso il ministero del lettore, Dio parla al suo popolo e, perciò, il popolo deve poter udire con chiarezza i contenuti dei testi proclamati e, al contempo, percepire quella sacralità che ne è connessa.

Devono quindi essere valutate alcune condizioni:

– la capacità tecnica di pronunziare correttamente le parole, con voce chiara, con tono e ritmo equilibrato, con la dovuta attenzione all’uso del microfono, in modo che l’assemblea possa udire correttamente ciò che viene letto;

– la preparazione catechistica in ordine ai testi che si devono proclamare, distinguendo i generi letterari, conoscendo il tipo di rito che si sta svolgendo e la specifica festa che si sta celebrando;

– la disposizione spirituale di un credente, cosciente di svolgere un ministero sacro, che richiede dignità di abbigliamento e portamento, compunzione del cuore e coerenza di vita.

A queste condizioni, conclude Finotti, si potrà stabilire l’abilitazione a compiere il delicato ministero, che troppe volte è lasciato ad un’ iniziativa troppo superficiale con perdita di qualità.

Una pastorale saggia, chiosa il liturgista, dovrebbe mettere in agenda, in modo permanente, la formazione dei lettori, nello stesso modo che una schola cantorum esige una continua preparazione dei coristi.

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Tutti possono fare i lettori della Santa Messa? Anche i ragazzi?

Culmen et Fons

- Advertisement -

Per un buon ministero liturgico sono necessarie maturità, formazione, idoneità. Quindi c’è una selezione. Ecco chi non può esserlo

Fare il lettore della Santa Messa? Non è per tutti! Ogni ministerialità presuppone alcune criteri di maturità, formazione e idoneità, oltre che il sacramento della Cresima (cfr. Messale Romano, 101; Lezionario, 55), scrive il teologo don Silvano Sirboni su Famiglia Cristiana (31 maggio).

Il lettore e il popolo di Dio

Aleteia ha contattato il teologo don Enrico Finotti, che premette: il lettore svolge un ministero importante all’interno della celebrazione liturgica.

Ministero, osserva Finotti, significa un servizio, che implica le necessarie abilitazioni per essere compiuto con competenza, dignità ed efficacia. Digne et competenter, afferma la liturgia.

- Advertisement -

Leggi anche: Quando il lettore deve fare l’inchino?

Occorre subito escludere che tale ministero venga assegnato unicamente allo scopo di coinvolgere maggiormente nel rito: per ‘far partecipare’, si dice. Il ministero del lettore è solo indirettamente uno strumento di partecipazione, direttamente, invece, ha lo scopo di proclamare nel modo migliore la Parola di Dio e gli altri testi previsti dalla liturgia.

Attraverso il ministero del lettore, Dio parla al suo popolo e, perciò, il popolo deve poter udire con chiarezza i contenuti dei testi proclamati e, al contempo, percepire quella sacralità che ne è connessa.

Devono quindi essere valutate alcune condizioni:

– la capacità tecnica di pronunziare correttamente le parole, con voce chiara, con tono e ritmo equilibrato, con la dovuta attenzione all’uso del microfono, in modo che l’assemblea possa udire correttamente ciò che viene letto;

- Advertisement -

– la preparazione catechistica in ordine ai testi che si devono proclamare, distinguendo i generi letterari, conoscendo il tipo di rito che si sta svolgendo e la specifica festa che si sta celebrando;

– la disposizione spirituale di un credente, cosciente di svolgere un ministero sacro, che richiede dignità di abbigliamento e portamento, compunzione del cuore e coerenza di vita.

A queste condizioni, conclude Finotti, si potrà stabilire l’abilitazione a compiere il delicato ministero, che troppe volte è lasciato ad un’ iniziativa troppo superficiale con perdita di qualità.

Una pastorale saggia, chiosa il liturgista, dovrebbe mettere in agenda, in modo permanente, la formazione dei lettori, nello stesso modo che una schola cantorum esige una continua preparazione dei coristi.

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
645FollowerSegui
320IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Preghiera per proteggere la tua casa e scacciare gli spiriti cattivi

E' una lunga invocazione che chiede anzitutto l'intervento della gloria di Gesù Cristo E’ una preghiera potente in cui si invocano Gesù Cristo, la Madonna...

Libri consigliati

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x