25.2 C
Rome
mercoledì, 18 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Troppo centralismo nella chiesa ripartiamo dal Concilio

Troppo centralismo nella chiesa ripartiamo dal Concilio

- Advertisement -

Francesco prosegue il carteggio con Eugenio Scalfari mettendo al centro le “periferie” esistenziali e geografiche e dice “la Chiesa non cresce per proselitismo ma per testimonianza”

Fedeli in piazza San Pietro per l'Angelus.
Fedeli in piazza San Pietro per l’Angelus.

Iniziato a settembre prosegue il dialogo di papa Francesco con il fondatore di “Repubblica” Eugenio Scalfari, nel quale il Papa ribadisce il “difetto” della Curia e cioè che è “troppo vaticano-centrica”. Egli quindi, raccomanda di “ripartire dal Concilio” e conferma la sua intenzione di “aprire alla cultura moderna”.

Anzi “aprirsi alla modernità è un dovere”. In un dialogo in Vaticano, Bergoglio ha parlato a Scalfari dei suoi piani per una riforma della Chiesa.

Da oggi a giovedì Francesco si riunisce con il Consiglio degli otto cardinali, istituzionalizzato con un chirografo dello stesso pontefice. «I cattolici imoegnati nella politica hanno dentro di loro i valori della religione, ma una loro matura coscienza e competenza per attuarli.

La Chiesa non andrà mai oltre il compito di esprimere e diffondere i suoi valori, almeno fin quando io sarò qui», promette Papa Francesco, rispondendo a una domanda sull’impegno dei cattolici. «Le istituzioni politiche – spiega – sono laiche per definizione e operano in sfere indipendenti. Questo l’hanno detto tutti i miei predecessori, almeno da molti anni in qua. Sia pure con accenti diversi. La politica – sottolinea il Pontefice – è la prima delle attività civili ed ha un proprio campo di azione che non è quello della religione».

Dunque «parleremo anche del ruolo delle donne nella Chiesa, le ricordo che la Chiesa è femminile». Con queste parole Papa Francesco si è congedato da Scalfari, dopo quella che appare dunque solo come la prima delle intervista che saranno concesse dal Pontefice al fondatore di Repubblica. Nella lettera che gli aveva scritto il 4 settembre, Bergoglio affrontava nodi dottrinari di grande rilevanza. “Io non parlerei, nemmeno per chi crede, di verità “assoluta”, nel senso che assoluto è ciò che è slegato, ciò che è privo di ogni relazione- sotiene il Pontefice-. Ora, la verità, secondo la fede cristiana, è l’amore di Dio per noi in Gesù Cristo.

Dunque, la verità è una relazione! Tant’è vero che anche ciascuno di noi la coglie, la verità, e la esprime a partire da sé: dalla sua storia e cultura, dalla situazione in cui vive, ecc. Ciò non significa che la verità sia variabile e soggettiva, tutt’altro. Ma significa che essa si dà a noi sempre e solo come un cammino e una vita”.

Infatti, “non ha detto forse Gesù stesso: “Io sono la via, la verità, la vita”? In altri termini, la verità essendo in definitiva tutt’uno con l’amore, richiede l’umiltà e l’apertura per essere cercata, accolta ed espressa”.

Dunque, “bisogna intendersi bene sui termini e, forse, per uscire dalle strettoie di una contrapposizione… assoluta, reimpostare in profondità la questione”. Il Papa pensa “che questo sia oggi assolutamente necessario per intavolare quel dialogo sereno e costruttivo che auspicavo all’inizio di questo mio dire.

da Vaticaninsider

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Troppo centralismo nella chiesa ripartiamo dal Concilio

  

- Advertisement -

Francesco prosegue il carteggio con Eugenio Scalfari mettendo al centro le “periferie” esistenziali e geografiche e dice “la Chiesa non cresce per proselitismo ma per testimonianza”

Fedeli in piazza San Pietro per l'Angelus.
Fedeli in piazza San Pietro per l’Angelus.

Iniziato a settembre prosegue il dialogo di papa Francesco con il fondatore di “Repubblica” Eugenio Scalfari, nel quale il Papa ribadisce il “difetto” della Curia e cioè che è “troppo vaticano-centrica”. Egli quindi, raccomanda di “ripartire dal Concilio” e conferma la sua intenzione di “aprire alla cultura moderna”.

Anzi “aprirsi alla modernità è un dovere”. In un dialogo in Vaticano, Bergoglio ha parlato a Scalfari dei suoi piani per una riforma della Chiesa.

Da oggi a giovedì Francesco si riunisce con il Consiglio degli otto cardinali, istituzionalizzato con un chirografo dello stesso pontefice. «I cattolici imoegnati nella politica hanno dentro di loro i valori della religione, ma una loro matura coscienza e competenza per attuarli.

- Advertisement -

La Chiesa non andrà mai oltre il compito di esprimere e diffondere i suoi valori, almeno fin quando io sarò qui», promette Papa Francesco, rispondendo a una domanda sull’impegno dei cattolici. «Le istituzioni politiche – spiega – sono laiche per definizione e operano in sfere indipendenti. Questo l’hanno detto tutti i miei predecessori, almeno da molti anni in qua. Sia pure con accenti diversi. La politica – sottolinea il Pontefice – è la prima delle attività civili ed ha un proprio campo di azione che non è quello della religione».

Dunque «parleremo anche del ruolo delle donne nella Chiesa, le ricordo che la Chiesa è femminile». Con queste parole Papa Francesco si è congedato da Scalfari, dopo quella che appare dunque solo come la prima delle intervista che saranno concesse dal Pontefice al fondatore di Repubblica. Nella lettera che gli aveva scritto il 4 settembre, Bergoglio affrontava nodi dottrinari di grande rilevanza. “Io non parlerei, nemmeno per chi crede, di verità “assoluta”, nel senso che assoluto è ciò che è slegato, ciò che è privo di ogni relazione- sotiene il Pontefice-. Ora, la verità, secondo la fede cristiana, è l’amore di Dio per noi in Gesù Cristo.

Dunque, la verità è una relazione! Tant’è vero che anche ciascuno di noi la coglie, la verità, e la esprime a partire da sé: dalla sua storia e cultura, dalla situazione in cui vive, ecc. Ciò non significa che la verità sia variabile e soggettiva, tutt’altro. Ma significa che essa si dà a noi sempre e solo come un cammino e una vita”.

Infatti, “non ha detto forse Gesù stesso: “Io sono la via, la verità, la vita”? In altri termini, la verità essendo in definitiva tutt’uno con l’amore, richiede l’umiltà e l’apertura per essere cercata, accolta ed espressa”.

Dunque, “bisogna intendersi bene sui termini e, forse, per uscire dalle strettoie di una contrapposizione… assoluta, reimpostare in profondità la questione”. Il Papa pensa “che questo sia oggi assolutamente necessario per intavolare quel dialogo sereno e costruttivo che auspicavo all’inizio di questo mio dire.

da Vaticaninsider

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Accompagnare gli adulti nella fede

L’ateismo interroga la fede

Libri Consigliati – Luglio 2018

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO