15.7 C
Roma
Ven, 23 Ottobre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Trolls

- Advertisement -

Una adorabile storia di amore, amicizia, senso del dovere e lealtà verso tutto e tutti.

La principessa dei Toll, scampata in tenera età, alla voracità dei mostri chiamati Bergen prende molto sul serio la missione del suo popolo. Un popolo che collegato all’Universo dell’amore si occupa giornalmente di felicità, abbracci e feste costanti. Un popolo colorato, felice e sempre ottimista. L’unico che si oppone, o forse meglio dire che ha rinunciato a ragion veduta a questa filosofia di vita, è Branch – un troll spento da un trauma – e che mette in guardia la piccola principessa dall’attrarre l’attenzione dei Bergen. 

L’ottimismo purtroppo può causare qualche problema e la piccola Poppy – la principessa – vivrà anche lei il suo dramma personale. Sfortunatamente la gioia, i suoni e i colori delle loro feste finiscono per rivelare la loro posizione al nemico e ci sarà di nuovo un traumatico rapimento di gruppo.

Tra i rapiti c’è il suo vecchio padre e anche il suo innamorato segreto e nulla può fermare il senso di dovere della nostra Puppy che senza esitare parte al salvataggio del suo popolo. Fortunatamente si scopre che non sarà sola in questa avventura e che l’accompagnerà Branch, il gentilissimo ragazzo “troppo razionale”, cioè spento, ma molto più versato nel mondo della realtà, cioè quella dei Bergen. Insieme compieranno la loro missione ben oltre quanto sperato.

I Trolls non sono personaggi di recente creazione, la loro nascita risale al 1959 per mano del danese Thomas Dam. Oggi la grafica ne ha fortemente addolcito i lineamenti e in questa avventura cinematografica una oculata colonna sonora – la rivisitazione di brani storici come The sound of Silence ( Simon & Garfunkel ), True Colours (Cindy Lauper), September, (Earth, Wind & Fire), Can’t stop the feeling, hanno fatto di questo cartone animato una piccola opera d’arte, un vero musical stile Mary Poppins e Tutti insieme Appassionatamente.

Il portento e la grazia di questo film di animazione non è solo nella piacevolezza cromatica e/o in quella sonora o come qualcuno ancora non smette sentenziare, cioè la sua “leziosità stucchevole”, ma è un qualcosa di molto più travolgente e profondo. Nulla che ha a che vedere con femminilità o mascolinità. Ma fonda le radici nell’anima dell’essere umano.

L’essere umano che non accetta la presenza del male, l’essere umano che sa di essere spesso oggetto e ancor più spesso soggetto di ciò che lui stesso odia. Per questa ragione la pellicola ci ricorda che una via alla soluzione di questa pestis antiqua esiste da-con-nell’uomo stesso. Positività ed amore ad oltranza. Soprattutto crederci senza dubitare.

[review]

REVIEW OVERVIEW

Contributo allo sviluppo della personalità:
8
Culturalmente valido:
5
Spiritualmente utile:
7
Discernimento del bene e del male:
9
Avvincente:
9
Innovativo:
9
Resa dei personaggi:
8
Colonna sonora:
9
Fotografia:
7
Pertinenza linguistica e prossemica:
8
Montaggio:
9
E. Simonetti
Ha conseguito il Baccalaureato in S. Teologia presso l'Istituto Teologico Abruzzese-Molisano di Chieti affiliato alla Pontificia Università Lateranense - Roma.
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Trolls

  

- Advertisement -

Una adorabile storia di amore, amicizia, senso del dovere e lealtà verso tutto e tutti.

La principessa dei Toll, scampata in tenera età, alla voracità dei mostri chiamati Bergen prende molto sul serio la missione del suo popolo. Un popolo che collegato all’Universo dell’amore si occupa giornalmente di felicità, abbracci e feste costanti. Un popolo colorato, felice e sempre ottimista. L’unico che si oppone, o forse meglio dire che ha rinunciato a ragion veduta a questa filosofia di vita, è Branch – un troll spento da un trauma – e che mette in guardia la piccola principessa dall’attrarre l’attenzione dei Bergen. 

L’ottimismo purtroppo può causare qualche problema e la piccola Poppy – la principessa – vivrà anche lei il suo dramma personale. Sfortunatamente la gioia, i suoni e i colori delle loro feste finiscono per rivelare la loro posizione al nemico e ci sarà di nuovo un traumatico rapimento di gruppo.

Tra i rapiti c’è il suo vecchio padre e anche il suo innamorato segreto e nulla può fermare il senso di dovere della nostra Puppy che senza esitare parte al salvataggio del suo popolo. Fortunatamente si scopre che non sarà sola in questa avventura e che l’accompagnerà Branch, il gentilissimo ragazzo “troppo razionale”, cioè spento, ma molto più versato nel mondo della realtà, cioè quella dei Bergen. Insieme compieranno la loro missione ben oltre quanto sperato.

I Trolls non sono personaggi di recente creazione, la loro nascita risale al 1959 per mano del danese Thomas Dam. Oggi la grafica ne ha fortemente addolcito i lineamenti e in questa avventura cinematografica una oculata colonna sonora – la rivisitazione di brani storici come The sound of Silence ( Simon & Garfunkel ), True Colours (Cindy Lauper), September, (Earth, Wind & Fire), Can’t stop the feeling, hanno fatto di questo cartone animato una piccola opera d’arte, un vero musical stile Mary Poppins e Tutti insieme Appassionatamente.

- Advertisement -

Il portento e la grazia di questo film di animazione non è solo nella piacevolezza cromatica e/o in quella sonora o come qualcuno ancora non smette sentenziare, cioè la sua “leziosità stucchevole”, ma è un qualcosa di molto più travolgente e profondo. Nulla che ha a che vedere con femminilità o mascolinità. Ma fonda le radici nell’anima dell’essere umano.

L’essere umano che non accetta la presenza del male, l’essere umano che sa di essere spesso oggetto e ancor più spesso soggetto di ciò che lui stesso odia. Per questa ragione la pellicola ci ricorda che una via alla soluzione di questa pestis antiqua esiste da-con-nell’uomo stesso. Positività ed amore ad oltranza. Soprattutto crederci senza dubitare.

[review]

- Advertisement -
Contributo allo sviluppo della personalità:
8
Culturalmente valido:
5
Spiritualmente utile:
7
Discernimento del bene e del male:
9
Avvincente:
9
Innovativo:
9
Resa dei personaggi:
8
Colonna sonora:
9
Fotografia:
7
Pertinenza linguistica e prossemica:
8
Montaggio:
9

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

E. Simonetti
Ha conseguito il Baccalaureato in S. Teologia presso l'Istituto Teologico Abruzzese-Molisano di Chieti affiliato alla Pontificia Università Lateranense - Roma.
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
286FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
630FollowerSegui
122IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Libri consigliati

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x