20.7 C
Rome
mercoledì, 16 Ottobre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Famiglia e Vita di Coppia Trasmettiamo ai figli ciò che realmente siamo!

Trasmettiamo ai figli ciò che realmente siamo!

- Advertisement -

Dei valori giusti, quelli “importanti” da trasmettere ad un figlio non ho mai avuto alcun dubbio.
Questo fino a qualche settimana fa quando il notiziario ha trasmesso una storia, che più di tante altre, ha riempito il mio cuore di tristezza, facendo un po’ vacillare le mie certezze.
La storia è quella di un ragazzo messicano di 14 anni,Antonio de Jesus Lopez Monje, la cui vita è stata interrotta da un gruppo di ragazzi che si è scagliato contro di lui all’uscita della scuola.
L’ennesima vittima di “bullismo”!
Dopo 16 lunghi mesi, passati tra numerosi interventi chirurgici e profonde ferite inflitte nel corpo e nel cuore, i genitori di Antonio hanno deciso di rinunciare anche alle ultime speranze alle quali si erano aggrappati per scegliere di esaudire l’ultimo desiderio del loro figlioletto amato…trascorrere gli ultimi giorni della sua vita in riva al  mare.

Non so perché ma la storia di questo ragazzo mi è entrata nella mente e nel cuore e non è voluta più andar via!
Mi sono chiesta quali siano stati i valori che i genitori di Antonio hanno desiderato trasmettere al proprio bimbo ormai adolescente. Forse sono gli stessi dei quali io ero fermamente convinta e che adesso tra i miei pensieri trovano un po’ di incertezza?
Mi sono trovata tante volte a sentirmi dire, ascoltando storie di questo genere, con tono quasi di rimprovero: “…. Insegna l’amore a tuo figlio, il rispetto per il prossimo e poi vedi cosa succede!”
Nell’indicare ad un figlio la strada giusta da percorrere si commettono tanti errori, seppur in buona fede…
Si sbaglia quando per paura che il proprio figlio si possa far male non lo si lascia correre. Quando i discorsi rivolti al figlio diventano “monologhi”. Quando non gli si insegna a difendersi o quando si tenta di  insegnarglielo con “troppa convinzione” e alla fine si ha sempre una grande responsabilità perché più di ciò che desideriamo realmente trasmettere, trasmetteremo ciò che realmente siamo!

E’ bello pensare che i tanti ragazzi volati in cielo così prematuramente, strappati dalle braccia amorevoli di chi li ha tanto amati, ora si trovano avvolti nel tenero abbraccio della nostra Mamma Celeste che li tiene stretti a sé colmando il loro cuore di ogni bene!
Chi è lasciato in terra a continuare il cammino della vita senza il proprio “bimbo” è inconsolabile!
Solo Dio può donare un po’ di pace a  questi cuori.

Sarebbe difficile, se non impossibile, spiegare alla mamma di Antonio che lei non ha nessuna colpa per quel che è accaduto a suo figlio e che forse i ragazzi che hanno provocato questa triste vicenda non hanno seguito l’insegnamento della loro mamma, forse non l’hanno avuta neanche una mamma o semplicemente magari qualcuno ha pensato  fosse giusto far credere loro che potevano “vincere” il mondo con la forza piuttosto che con l’amore.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Trasmettiamo ai figli ciò che realmente siamo!

  

- Advertisement -

Dei valori giusti, quelli “importanti” da trasmettere ad un figlio non ho mai avuto alcun dubbio.
Questo fino a qualche settimana fa quando il notiziario ha trasmesso una storia, che più di tante altre, ha riempito il mio cuore di tristezza, facendo un po’ vacillare le mie certezze.
La storia è quella di un ragazzo messicano di 14 anni,Antonio de Jesus Lopez Monje, la cui vita è stata interrotta da un gruppo di ragazzi che si è scagliato contro di lui all’uscita della scuola.
L’ennesima vittima di “bullismo”!
Dopo 16 lunghi mesi, passati tra numerosi interventi chirurgici e profonde ferite inflitte nel corpo e nel cuore, i genitori di Antonio hanno deciso di rinunciare anche alle ultime speranze alle quali si erano aggrappati per scegliere di esaudire l’ultimo desiderio del loro figlioletto amato…trascorrere gli ultimi giorni della sua vita in riva al  mare.

Non so perché ma la storia di questo ragazzo mi è entrata nella mente e nel cuore e non è voluta più andar via!
Mi sono chiesta quali siano stati i valori che i genitori di Antonio hanno desiderato trasmettere al proprio bimbo ormai adolescente. Forse sono gli stessi dei quali io ero fermamente convinta e che adesso tra i miei pensieri trovano un po’ di incertezza?
Mi sono trovata tante volte a sentirmi dire, ascoltando storie di questo genere, con tono quasi di rimprovero: “…. Insegna l’amore a tuo figlio, il rispetto per il prossimo e poi vedi cosa succede!”
Nell’indicare ad un figlio la strada giusta da percorrere si commettono tanti errori, seppur in buona fede…
Si sbaglia quando per paura che il proprio figlio si possa far male non lo si lascia correre. Quando i discorsi rivolti al figlio diventano “monologhi”. Quando non gli si insegna a difendersi o quando si tenta di  insegnarglielo con “troppa convinzione” e alla fine si ha sempre una grande responsabilità perché più di ciò che desideriamo realmente trasmettere, trasmetteremo ciò che realmente siamo!

E’ bello pensare che i tanti ragazzi volati in cielo così prematuramente, strappati dalle braccia amorevoli di chi li ha tanto amati, ora si trovano avvolti nel tenero abbraccio della nostra Mamma Celeste che li tiene stretti a sé colmando il loro cuore di ogni bene!
Chi è lasciato in terra a continuare il cammino della vita senza il proprio “bimbo” è inconsolabile!
Solo Dio può donare un po’ di pace a  questi cuori.

Sarebbe difficile, se non impossibile, spiegare alla mamma di Antonio che lei non ha nessuna colpa per quel che è accaduto a suo figlio e che forse i ragazzi che hanno provocato questa triste vicenda non hanno seguito l’insegnamento della loro mamma, forse non l’hanno avuta neanche una mamma o semplicemente magari qualcuno ha pensato  fosse giusto far credere loro che potevano “vincere” il mondo con la forza piuttosto che con l’amore.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
602FollowerSegui
57IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Dell’essere e dell’amore

A scuola di preghiera

Le 110 parabole di papa Francesco

Cosentino: Non è quel che credi

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO