25 C
Roma
Gio, 13 Agosto 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita Ecclesiale Terra Santa, la mancanza di pellegrini non spegne la speranza

Terra Santa, la mancanza di pellegrini non spegne la speranza

“Noi siamo nella terra dove Gesù è risorto e siamo noi che dobbiamo conservare la visione pasquale della vita, fatta di croce, ma anche di risurrezione”

- Advertisement -

L’arcivescovo Pierbattista Pizzaballa, amministratore apostolico del Patriarcato latino di Gerusalemme, racconta lo stato d’animo della Chiesa impegnata a sostenere con preghiera e carità le migliaia di famiglie messe in crisi dalla pandemia: “Noi siamo nella terra dove Gesù è risorto e siamo noi che dobbiamo conservare la visione pasquale della vita, fatta di croce, ma anche di risurrezione”

Federico Piana- Città del Vaticano

“I pellegrinaggi in Terra Santa sono quasi completamente fermi”. L’arcivescovo Pierbattista Pizzaballa, amministratore apostolico del Patriarcato latino di Gerusalemme, spiega con dolore che l’emergenza provocata dalla pandemia sta continuando a rendere di fatto impossibile l’arrivo dei pellegrini: “In primo luogo, perché i confini sono ancora chiusi. Gran parte dei Paesi con i quali ci sono ancora relazioni richiedono la quarantena e questo naturalmente scoraggia i pellegrini. A ciò va aggiunto il fatto che nell’ultima settimana, in Israele e Palestina, si è verificata una seconda ondata di contagi molto forte che ha davvero spaventato”.

Il virus non cancella la preghiera

A mettere a dura prova la fede in questi luoghi santi è anche il fatto che in molti casi i sacerdoti sono ancora costretti a trasmettere le celebrazioni liturgiche on-line ed incontrare i fedeli solo tramite i social. Questo però, assicura l’arcivescovo Pizzaballa, non fa mancare l’intensità della preghiera: “Noi siamo in Oriente e in Oriente c’è una Chiesa tradizionale – nel senso bello del termine – dove la partecipazione alla liturgia è molto sentita. Uno dei problemi attuali delle famiglie è quello di non poter partecipare, o di partecipare in maniera limitata, alle liturgie: per ovviare alle difficoltà, i nostri parroci si sono attrezzati per rendere concrete delle forme di preghiera alternative, per fare visite dov’è possibile, per formare i capi famiglia, affinché possano portare la comunione ai propri familiari quando il sacerdote è impossibilitato a recarsi sul posto. Senza alcun dubbio, la preghiera è un sostegno umano e spirituale assolutamente necessario”.

Nuovi sacerdoti per la Terra Santa: segno di speranza

E la preghiera si trasforma anche in un segno tangibile di speranza. Perché, è il pensiero di Pizzaballa, “mettersi davanti al Signore per la preghiera d’intercessione, in questo momento, è il pane necessario del quale abbiamo estremamente bisogno, oltre al pane quotidiano. Noi siamo nella terra dove Gesù è risorto e siamo noi che dobbiamo conservare la visione pasquale della vita, fatta di croce ma anche di risurrezione”. In Terra Santa, finora sono stati ordinati undici sacerdoti e diciotto diaconi, anche questo un segno di ottimismo per il futuro. “Nonostante tutte le fatiche e nonostante tutte le divisioni, anche politiche, il Signore ci benedice con le vocazioni e per tutto questo lo ringraziamo” dice l’arcivescovo.

La Chiesa si accosta ai sofferenti

La durezza del virus ha colpito al cuore migliaia di famiglie della Terra Santa, che da diversi mesi si sono ritrovate senza alcun lavoro, soprattutto nelle zone più povere come la Palestina e la Giordania. La Chiesa non si tira indietro e, racconta Pizzaballa, ha messo in moto un meccanismo che consente concretamente di soddisfare i bisogni della gente: “Lo facciamo attraverso il supporto di tante istituzioni. Penso in modo particolare ai Cavalieri del Santo Sepolcro. Con loro abbiamo aperto dei punti d’emergenza, soprattutto nella zona di Betlemme, nel nord della Palestina e a Gerusalemme est, oltre che in Giordania, naturalmente. I punti di emergenza servono per dare aiuto alle famiglie che si sono ritrovate senza più nulla e che sono state spinte sulla soglia della povertà. Abbiamo attivato un sostegno alimentare, un supporto scolastico e sanitario. E’ il massimo che possiamo fare in questo momento storico”.

Il futuro prossimo

La visione del prossimo futuro, l’arcivescovo Pizzaballa la condensa in un pensiero, concreto: “Abbiamo messo in conto che per circa un anno vivremo come stiamo vivendo ora. Siamo coscienti, poi, che per i pellegrinaggi non ci saranno più i numeri che avevamo prima: i viaggi saranno più complicati, anche il post-covid richiederà di mettere in atto attenzioni che nel passato non si prendevano. Il pellegrinaggio, insomma, dovrà adattarsi alle nuove situazioni con forme, modalità ed itinerari diversi. Allo stesso tempo, però, in Terra Santa il pellegrinaggio avrà sempre la caratteristica fondamentale dell’incontro con Gesù nei suoi luoghi. Ciò non cambierà mai”.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Terra Santa, la mancanza di pellegrini non spegne la speranza

“Noi siamo nella terra dove Gesù è risorto e siamo noi che dobbiamo conservare la visione pasquale della vita, fatta di croce, ma anche di risurrezione”

  

- Advertisement -

L’arcivescovo Pierbattista Pizzaballa, amministratore apostolico del Patriarcato latino di Gerusalemme, racconta lo stato d’animo della Chiesa impegnata a sostenere con preghiera e carità le migliaia di famiglie messe in crisi dalla pandemia: “Noi siamo nella terra dove Gesù è risorto e siamo noi che dobbiamo conservare la visione pasquale della vita, fatta di croce, ma anche di risurrezione”

Federico Piana- Città del Vaticano

“I pellegrinaggi in Terra Santa sono quasi completamente fermi”. L’arcivescovo Pierbattista Pizzaballa, amministratore apostolico del Patriarcato latino di Gerusalemme, spiega con dolore che l’emergenza provocata dalla pandemia sta continuando a rendere di fatto impossibile l’arrivo dei pellegrini: “In primo luogo, perché i confini sono ancora chiusi. Gran parte dei Paesi con i quali ci sono ancora relazioni richiedono la quarantena e questo naturalmente scoraggia i pellegrini. A ciò va aggiunto il fatto che nell’ultima settimana, in Israele e Palestina, si è verificata una seconda ondata di contagi molto forte che ha davvero spaventato”.

Il virus non cancella la preghiera

A mettere a dura prova la fede in questi luoghi santi è anche il fatto che in molti casi i sacerdoti sono ancora costretti a trasmettere le celebrazioni liturgiche on-line ed incontrare i fedeli solo tramite i social. Questo però, assicura l’arcivescovo Pizzaballa, non fa mancare l’intensità della preghiera: “Noi siamo in Oriente e in Oriente c’è una Chiesa tradizionale – nel senso bello del termine – dove la partecipazione alla liturgia è molto sentita. Uno dei problemi attuali delle famiglie è quello di non poter partecipare, o di partecipare in maniera limitata, alle liturgie: per ovviare alle difficoltà, i nostri parroci si sono attrezzati per rendere concrete delle forme di preghiera alternative, per fare visite dov’è possibile, per formare i capi famiglia, affinché possano portare la comunione ai propri familiari quando il sacerdote è impossibilitato a recarsi sul posto. Senza alcun dubbio, la preghiera è un sostegno umano e spirituale assolutamente necessario”.

- Advertisement -

Nuovi sacerdoti per la Terra Santa: segno di speranza

E la preghiera si trasforma anche in un segno tangibile di speranza. Perché, è il pensiero di Pizzaballa, “mettersi davanti al Signore per la preghiera d’intercessione, in questo momento, è il pane necessario del quale abbiamo estremamente bisogno, oltre al pane quotidiano. Noi siamo nella terra dove Gesù è risorto e siamo noi che dobbiamo conservare la visione pasquale della vita, fatta di croce ma anche di risurrezione”. In Terra Santa, finora sono stati ordinati undici sacerdoti e diciotto diaconi, anche questo un segno di ottimismo per il futuro. “Nonostante tutte le fatiche e nonostante tutte le divisioni, anche politiche, il Signore ci benedice con le vocazioni e per tutto questo lo ringraziamo” dice l’arcivescovo.

La Chiesa si accosta ai sofferenti

La durezza del virus ha colpito al cuore migliaia di famiglie della Terra Santa, che da diversi mesi si sono ritrovate senza alcun lavoro, soprattutto nelle zone più povere come la Palestina e la Giordania. La Chiesa non si tira indietro e, racconta Pizzaballa, ha messo in moto un meccanismo che consente concretamente di soddisfare i bisogni della gente: “Lo facciamo attraverso il supporto di tante istituzioni. Penso in modo particolare ai Cavalieri del Santo Sepolcro. Con loro abbiamo aperto dei punti d’emergenza, soprattutto nella zona di Betlemme, nel nord della Palestina e a Gerusalemme est, oltre che in Giordania, naturalmente. I punti di emergenza servono per dare aiuto alle famiglie che si sono ritrovate senza più nulla e che sono state spinte sulla soglia della povertà. Abbiamo attivato un sostegno alimentare, un supporto scolastico e sanitario. E’ il massimo che possiamo fare in questo momento storico”.

Il futuro prossimo

La visione del prossimo futuro, l’arcivescovo Pizzaballa la condensa in un pensiero, concreto: “Abbiamo messo in conto che per circa un anno vivremo come stiamo vivendo ora. Siamo coscienti, poi, che per i pellegrinaggi non ci saranno più i numeri che avevamo prima: i viaggi saranno più complicati, anche il post-covid richiederà di mettere in atto attenzioni che nel passato non si prendevano. Il pellegrinaggio, insomma, dovrà adattarsi alle nuove situazioni con forme, modalità ed itinerari diversi. Allo stesso tempo, però, in Terra Santa il pellegrinaggio avrà sempre la caratteristica fondamentale dell’incontro con Gesù nei suoi luoghi. Ciò non cambierà mai”.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
285FansMi piace
949FollowerSegui
13,000FollowerSegui
626FollowerSegui
102IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x
È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO