18.1 C
Rome
domenica, 20 Ottobre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita cristiana TANTI CRISTIANI MA NON IN EUROPA

TANTI CRISTIANI MA NON IN EUROPA

- Advertisement -

Pubblicato il rapporto “Il futuro delle religioni”. Nel 2050 un cristiano su quattro vivrà in Africa. Piccola l’Europa cristiana, in aumento i musulmani a causa del tasso demografico.

Non solo un Papa “venuto dalla fine del mondo”, ma un cristianesimo sempre più alla periferia del Vecchio Continente. Nel 2050, quattro cristiani su dieci vivranno nell’Africa subsahariana, in Paesi come la Nigeria e il Kenya dove oggi si viene uccisi perché credenti in Gesù. E gli Stati con il maggior numero di cristiani (delle differenti confessioni)? Nell’ordine saranno Usa, Brasile, Nigeria, Filippine, Congo, Messico, Tanzania, Russia, Etiopia e Uganda. Insomma, America e tanta Africa, poca Europa.

Lo dice il rapporto “Il futuro delle religioni”, appena pubblicato dall’autorevole Pew Research Center di Washington. Descrive come il mondo religioso stia cambiando. Del resto, tra i dieci paesi con più cristiani, già oggi la Germania è l’unico rappresentante europeo. Al nono posto, dopo Usa, Brasile, Messico, Russia, Filippine, Nigeria, Cina e Congo.

Tra 35 anni il cristianesimo continuerà a essere la religione più praticata al mondo con 2,92 miliardi di fedeli (31,4%), ma sarà quasi raggiunta dall’islam (2,76 miliardi; 29,7%).Oggi invece il divario è più ampio: 2,17 miliardi (31,4%) i cristiani, 1,6 (23,2%) i musulmani. Se il trend continuasse costante, nel 2070 le due fedi potrebbero avere lo stesso numero di seguaci e negli anni successivi inizierebbe lo storico sorpasso islamico.

Il motivo? I trend demografici. Dal 2010 al 2050, la popolazione mondiale raggiungerà i 9,3 miliardi, con un aumento del 35%. Se la crescita dei cristiani sarà perfettamente nella media (35%), quella dei credenti in Allah sarà del 73% a causa di tassi di natalità e fertilità elevati. È la stessa ragione per cui i buddisti saranno i fedeli dell’unica grande religione a non aumentare, per la bassa fertilità e l’invecchiamento della popolazione in Cina, Giappone e Tailandia.

Cresceranno invece gli induisti del 34% (da 1 miliardo a 1,4), gli ebrei del 16% (da 14 a 16,1 milioni), i seguaci delle religioni tradizionali – animisti africani, cinesi, nativi americani e aborigeni australiani – dell’11% (da 405 a 450 milioni) e gli aderenti a tutte le altre religioni – bahà’i, giainisti, sikh, taoisti– del 6% (da 58 a 61 milioni).

Tuttavia, se in termini assoluti cresceranno tutti i gruppi religiosi eccetto i buddisti, nel complesso della popolazione mondiale conteranno tutti meno. La presenza calcolata in percentuale diminuirà sempre, con la sola eccezione dell’islam e del cristianesimo. Sempre più, quindi, le due religioni monoteiste saranno destinate a confrontarsi.

La considerazione vale anche per la terza “fede” al mondo, quella dei “non affiliati”, che include gli atei e gli agnostici. Passeranno dagli attuali 1,1 miliardi a 1,2 ma in termini percentuali scenderanno dal 16 al 13%. Ci sono però delle significative eccezioni: nel 2050 i non credenti saranno il 26% della popolazione negli Stati Uniti (il 16% nel 2010), mentre diventeranno la prima “fede” in Francia, Olanda e Nuova Zelanda, Paesi che ancora oggi sono a maggioranza cristiana.

Il rapporto del Pew Research Center sottolinea altri cambiamenti. A metà del ventunesimo secolo, i musulmani in Europa saranno il 10% dell’intera popolazione (5,9% nel 2010) e negli Usa sorpasseranno gli ebrei, passando dall’attuale 0,9% al 2,1%. Nel frattempo, gli Stati Uniti rimarranno il paese al mondo con più cristiani, che però scenderanno da quattro quinti a due terzi. Infine – dicono i  ricercatori – l’Indonesia non sarà più il più popoloso Stato islamico al mondo. Infatti, pur rimanendo a maggioranza indù, lo diventerà l’India.

Tratto da: Famiglia Cristiana

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

TANTI CRISTIANI MA NON IN EUROPA

  

- Advertisement -

Pubblicato il rapporto “Il futuro delle religioni”. Nel 2050 un cristiano su quattro vivrà in Africa. Piccola l’Europa cristiana, in aumento i musulmani a causa del tasso demografico.

Non solo un Papa “venuto dalla fine del mondo”, ma un cristianesimo sempre più alla periferia del Vecchio Continente. Nel 2050, quattro cristiani su dieci vivranno nell’Africa subsahariana, in Paesi come la Nigeria e il Kenya dove oggi si viene uccisi perché credenti in Gesù. E gli Stati con il maggior numero di cristiani (delle differenti confessioni)? Nell’ordine saranno Usa, Brasile, Nigeria, Filippine, Congo, Messico, Tanzania, Russia, Etiopia e Uganda. Insomma, America e tanta Africa, poca Europa.

Lo dice il rapporto “Il futuro delle religioni”, appena pubblicato dall’autorevole Pew Research Center di Washington. Descrive come il mondo religioso stia cambiando. Del resto, tra i dieci paesi con più cristiani, già oggi la Germania è l’unico rappresentante europeo. Al nono posto, dopo Usa, Brasile, Messico, Russia, Filippine, Nigeria, Cina e Congo.

Tra 35 anni il cristianesimo continuerà a essere la religione più praticata al mondo con 2,92 miliardi di fedeli (31,4%), ma sarà quasi raggiunta dall’islam (2,76 miliardi; 29,7%).Oggi invece il divario è più ampio: 2,17 miliardi (31,4%) i cristiani, 1,6 (23,2%) i musulmani. Se il trend continuasse costante, nel 2070 le due fedi potrebbero avere lo stesso numero di seguaci e negli anni successivi inizierebbe lo storico sorpasso islamico.

Il motivo? I trend demografici. Dal 2010 al 2050, la popolazione mondiale raggiungerà i 9,3 miliardi, con un aumento del 35%. Se la crescita dei cristiani sarà perfettamente nella media (35%), quella dei credenti in Allah sarà del 73% a causa di tassi di natalità e fertilità elevati. È la stessa ragione per cui i buddisti saranno i fedeli dell’unica grande religione a non aumentare, per la bassa fertilità e l’invecchiamento della popolazione in Cina, Giappone e Tailandia.

Cresceranno invece gli induisti del 34% (da 1 miliardo a 1,4), gli ebrei del 16% (da 14 a 16,1 milioni), i seguaci delle religioni tradizionali – animisti africani, cinesi, nativi americani e aborigeni australiani – dell’11% (da 405 a 450 milioni) e gli aderenti a tutte le altre religioni – bahà’i, giainisti, sikh, taoisti– del 6% (da 58 a 61 milioni).

- Advertisement -

Tuttavia, se in termini assoluti cresceranno tutti i gruppi religiosi eccetto i buddisti, nel complesso della popolazione mondiale conteranno tutti meno. La presenza calcolata in percentuale diminuirà sempre, con la sola eccezione dell’islam e del cristianesimo. Sempre più, quindi, le due religioni monoteiste saranno destinate a confrontarsi.

La considerazione vale anche per la terza “fede” al mondo, quella dei “non affiliati”, che include gli atei e gli agnostici. Passeranno dagli attuali 1,1 miliardi a 1,2 ma in termini percentuali scenderanno dal 16 al 13%. Ci sono però delle significative eccezioni: nel 2050 i non credenti saranno il 26% della popolazione negli Stati Uniti (il 16% nel 2010), mentre diventeranno la prima “fede” in Francia, Olanda e Nuova Zelanda, Paesi che ancora oggi sono a maggioranza cristiana.

Il rapporto del Pew Research Center sottolinea altri cambiamenti. A metà del ventunesimo secolo, i musulmani in Europa saranno il 10% dell’intera popolazione (5,9% nel 2010) e negli Usa sorpasseranno gli ebrei, passando dall’attuale 0,9% al 2,1%. Nel frattempo, gli Stati Uniti rimarranno il paese al mondo con più cristiani, che però scenderanno da quattro quinti a due terzi. Infine – dicono i  ricercatori – l’Indonesia non sarà più il più popoloso Stato islamico al mondo. Infatti, pur rimanendo a maggioranza indù, lo diventerà l’India.

Tratto da: Famiglia Cristiana

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
856FollowerSegui
13,000FollowerSegui
603FollowerSegui
57IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

A scuola di preghiera

Eva e il serpente

Dieci parole per vivere

Giovani all’ombra della luce

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO