23.5 C
Roma
Mar, 3 Agosto 2021
Home Tags Parola di Dio

Tag: Parola di Dio

XVII Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 luglio 2021

Dio si serve del nostro poco per renderlo molto a beneficio di tutti. Una goccia diventa oceano, una briciola si trasforma in pane per tutti, una scintilla fuoco che divampa. Una cosa è certa: Dio non guarda la quantità, ma la qualità. Se lui ci misurasse in ordine alla quantità di umilierebbe sempre. Lui è tutto e noi niente. Lui è la sazietà e noi l’indigenza perpetua. Lui la pienezza e noi il vuoto. Per nostra fortuna per Dio conta la qualità.

XVI Domenica Tempo Ordinario – Anno B – 18 luglio 2021

La stanchezza è fisiologica, è naturale, è squisitamente umana. Non occorre essere superman, ha diritto di cittadinanza anche la stanchezza nei ritmi e nei tempi del nostro quotidiano. Il fatto di stancarsi è segno di impegno profuso con generosità senza sosta né tentennamenti. Anche Gesù, agli apostoli che gli raccontano le fatiche della loro opera, suggerisce di riposarsi.

XV Domenica Tempo Ordinario – Anno B – 11 luglio 2021

Dio ci chiama per metterci in viaggio. Non ci vuole come contorno alla sua persona. Ci convoca per inviarci. Tutta la storia biblica è un pullulare di esempi: Abramo, Mosè, il popolo d’Israele, Giona...tutti.

XIV Domenica Tempo Ordinario – Anno B – 4 luglio 2021

La rigida osservanza delle regole, la lettura miope delle scritture non permettono ai conterranei di Gesù di vedere in lui il messia. Tutti attendevano portenti, avvenimenti sconvolgenti, clamore festaiolo e solenne, come se l’apparenza vale più della sostanza. Non accettano che tutto accada nell’ordinario, nella semplicità, nell’umiltà.

XIII Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 27 giugno 2021

La mano di Dio è sempre pronta a toccare ogni nostra ferita per guarirla. È sempre pronta a raggiungerci per sollevarci dalle nostre cadute, a scuoterci dai nostri torpori, a farci risorgere da tutte le nostre morti. La fanciulla, figlia di uno dei capi della sinagoga, era morta, ma Gesù afferma che dormiva e la va a svegliare. Prendendola per mano la rialza e la riconsegna ai suoi affetti.

XII Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 20 giugno 2021

“Passiamo all’altra riva”. Che bella espressione gravida della presenza di Dio nella nostra vita. Lui continuamente si impasta con la nostra storia. Già lo aveva fatto nell’incarnazione, ma lo continua a fare in ogni istante. E questo è confortante. Sapere che Dio è un nostro alleato, sempre presente, sempre vigile, sempre compagno di viaggio. Ai suoi amici, sul far della sera, quando si deve trasferire, dopo aver congedato la folla, li esorta ad andare oltre. Non li invia, non li spedisce, cammina con loro, s’imbarca con loro. “Passiamo”.

XI Domenica Tempo Ordinario – Anno B – 13 giugno 2021

Con tutto Dio germoglia. Con Dio è sempre primavera perché fa nuove tutte le cose. Come chi è ottimista e nel crepuscolo di una giornata ci vede già il nuovo giorno con l’alba che lo annuncia, così Dio in ogni nostro tramonto vede la rinascita. Il contadino che butta il seme in terra lo fa perché in esso ci vede, anzi spera, una spiga.

Santissimo Corpo e Sangue di Cristo – Anno B – 6 giugno 2021

Il pane è l’alimento essenziale per ogni uomo. È l’alimento più semplice, farina ed acqua, è l’alimento più universale e più necessario, anzi, indispensabile, per tutti. A nessuno si deve negare un pezzo di pane per la sua sussistenza. Ognuno deve riportare a casa il pane per accudire la sua famiglia.

Santissima Trinità – Anno B – 30 maggio 2021

Gesù, nel congedarsi dai suoi amici che ha convocato presso il monte degli olivi, trasmette loro gli stessi sui poteri ed affida la medesima missione. “A me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra. Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo…”. Missione dei discepoli del Signore è quella di donare a tutti la salvezza che, lui, ci ha procurato con la sua morte e risurrezione.

Pentecoste – Anno B – 23 maggio 2021

Dopo l’ascensione di Gesù in cielo quel manipolo di poveri uomini, analfabeti, dediti alla pesca, emarginati rispetto alla società che contava, vinte le loro paure, si sono messi al servizio del vangelo con le loro contraddizioni, povertà, incoerenze ed errori. Hanno imparato però che ciò che fanno è un’azione congiunta tra loro e la potenza di Dio che li ha pervasi. “Senza la tua forza nulla è nell’uomo, nulla senza colpa…”.

Ascensione del Signore – Anno B – 16 maggio 2021

Gesù dopo aver predicato, dopo essere stato messo a morte, dopo essere risorto e più volte apparso ai suoi amici, abbandona la storia del mondo che lo ha accolto. Lascia i luoghi in cui ha svolto, prima da semplice operaio il lavoro di artigiano nella bottega del padre, e poi, per tre anni, evangelizzando per le strade della Galilea, della Samaria, della Giudea. Ma prima di chiudere il sipario su questo mondo ha ancora una missione da affidare a coloro che ormai hanno vinto la loro paura, si sono scongelati dal loro timore.

VI Domenica di Pasqua – Anno B – 9 maggio 2021

Ciò che stupisce nel rapporto tra Dio e gli uomini è che non solo l’uomo, da sempre, ha cercato Dio, ma è Dio stesso che si è messo alla ricerca dell’uomo. Se si vuole essere più precisi sarebbe meglio riconoscere che Dio stesso ha messo nel cuore dell’uomo il desiderio di cercarlo, di incontrarlo. Difatti Sant’Agostino afferma: ”Ci hai fatti per te, o Signore, e il nostro cuore è inquieto finché non riposa in te”.

V Domenica di Pasqua – Anno B – 2 maggio 2021

Gesù continua ad annunciare, ammaestrare e a proporsi attingendo, ancora una volta, dalla simbologia agricola. Ha parlato di pecore e di pastori, ora parla di vite e vigna. Il legame indissolubile tra la vite e i tralci, che di essa sono una emanazione, un frutto, lo slancio della vita che rinasce e si sviluppa; segna anche il legame che può intercorrere tra Gesù e ciascuno di noi. Lui vuole avere con ognuno un rapporto stretto perché di sé dice: “ Io sono la vite, voi i tralci”.

IV Domenica di Pasqua – Anno B – 25 aprile 2021

Il linguaggio biblico, sia dell’antico come quello del nuovo testamento, è pieno di simbolismo, di immagini, di parabole. Sono espedienti letterari per farsi comprendere. Evidentemente, per poter apprendere a pieno, occorre avere la chiave di lettura. Anche la cultura e la mentalità del popolo che è stato la culla della sacra scrittura è un altro elemento fondamentale da non sottovalutare per entrare nel complicato linguaggio biblico.

III Domenica di Pasqua – Anno B – 18 aprile 2021

La delusione regna sovrana e diventa guida cieca del cammino dei due discepoli che stanno andando ad Emmaus. Si scambiano le loro opinioni e uno inquina il cuore dell’altro appesantendolo della tristezza personale.
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
649FollowerSegui
312IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

La ricerca storica su Gesù

Flavio Giuseppe: santo o traditore?

Wénin: Abramo

Eva e il serpente

Fusco: La gioia dell’ascolto

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility