25.9 C
Roma
Lun, 10 Maggio 2021
Home Tags Culmen et Fons

Tag: Culmen et Fons

Ministero e liturgia

di: Andrea Cappelletti (a cura) Sul ruolo del presbitero, sullo stato della liturgia e sulla incidenza della stessa nella pastorale, raccogliamo la visione di don Massimiliano Cenzato, direttore dell’ufficio liturgico e dell’archivio della Diocesi di Mantova. Massimiliano, quale bilancio ti senti di tracciare a più di...

Perché il rito della consacrazione dice che il sangue di Cristo è versato “per voi e per tutti”

«Questo è il calice del mio Sangue per la nuova ed eterna alleanza, versato per voi e per tutti in remissione dei peccati». Così il testo del rito della consacrazione traduce, nel Messale italiano, il latino "pro vobis et pro multis". Perché si è scelta questa...

«Pace in terra agli uomini, amati dal Signore»: il vero significato della nuova traduzione

«Pace in terra agli uomini, amati dal Signore»: il liturgista don Roberto Gulino spiega il vero significato della nuova traduzione e l'importanza di quella virgola, senza la quale si rischia di fraintendere L'entrata in vigore del nuovo Messale romano testimonia la vitalità e la freschezza...

Perché si dice “non sono degno” prima di ricevere l’Eucaristia?

"O Signore non sono degno di partecipare alla tua mensa ma di soltanto una parola e io sarò salvato". Un lettore chiede perché la liturgia ci fa dire queste parole prima di accostarci alla Comunione. La risposta del liturgista. Durante la liturgia eucaristica prima di ricevere...

Qual è la corretta posizione delle mani per ricevere l’Eucaristia?

Un lettore chiese qual è la corretta posizione delle mani per ricevere l'Eucaristia. La risposta del liturgista padre Lamberto Crociani. Sono un vecchio catechista. Mi permetto disturbare per porre una domanda che mi è stata fatta a mia volta alla quale desidero rispondere esattamente. Ho...

Ma è davvero un Messale “nuovo”?

di: Luca Mazzinghi Con l’Avvento 2020 la Chiesa italiana ha inaugurato l’uso della nuova edizione del Messale romano. L’attenzione dei media cade inevitabilmente sulla traduzione del Padre nostro, che in realtà esiste dal 2008 nella nuova edizione della Bibbia CEI, si focalizza su una frase cambiata all’inizio del Gloria, sull’aggiunta...

Una spiritualità per chi presiede la liturgia

di: Matteo Ferrari Certamente la figura di Giovanni Battista come ce lo presenta il quarto Vangelo riguarda ogni cristiano. In qualche modo, egli viene presentato come un modello del discepolo di Gesù. Giovanni è “testimone della luce”, ha il compito nel mondo di ridestare quel desiderio...

Perché nel nuovo Messale si parla della «rugiada dello Spirito Santo»?

Una lettrice chiede perché nel nuovo Messale si usa la formula "con la rugiada dello Spirito Santo". La spiegazione del liturgista Desidero sapere le ragioni per cui nel nuovo messale tra le innovazioni si trova anche questa: «santifica questi doni con la rugiada (e non...

Minorità di una messale maggiorenne

di: Andrea Grillo Ora che sta per entrare nell’uso comune, in molte diocesi, a partire dalla I domenica di Avvento, questa “terza edizione” del Messale romano in lingua italiana merita una più precisa parola di considerazione, di commento e di accompagnamento. Perché ora, proprio nell’arrivare alla meta tanto...

Perché i 3 cicli dell’anno liturgico?

L'anno liturgico non corrisponde a quello civile. Inizia la prima Domenica d'Avvento, quest'anno il 29 novembre 3 cicli dell’anno liturgico: cosa rappresentano, e come sapere se siamo nell’anno A, B o C? Ora, nel novembre 2020, stiamo terminando un anno liturgico del ciclo A e ci...

Celebrare è un’arte

di: Renato Borrelli Di ars celebrandi si parla tanto, come pure di teologia liturgica, ed è giusto. Può succedere che a tanta ricchezza non corrisponda una pratica adeguata che la metta a frutto. Si teorizza tanto, ma si celebra male. Tuttavia, perché nella vita liturgica qualcosa si realizzi, occorre...

Dal Messale un modello di Chiesa

di: Matteo Ferrari Papa Francesco, nella sua prima enciclica, affermava: «La fede ha bisogno di un ambito in cui si possa testimoniare e comunicare (…). Per trasmettere tale pienezza esiste un mezzo speciale, che mette in gioco tutta la persona, corpo e spirito, interiorità e relazioni....

Il destino del canto liturgico

di: Tarcisio Cola Quando e come ritorneremo a celebrare le messe di “prima”? Come e quando le scholae cantorum torneranno ad animare pienamente le nostre liturgie? Sono le domande che mi vengono rivolte in questo tempo e che mi sto personalmente ponendo. Pandemia e canto Per un periodo molto lungo che...

Il segno “cancellato”

di: Emanuele Curzel Il bacio, un saluto che esprime grande intimità e fiducia reciproca, compare più volte nelle formule di chiusura delle lettere di Paolo (“Salutatevi gli uni gli altri con il bacio santo”: Romani 16,16; 1 Corinzi 16,20; 2 Corinzi 13,12; 1 Tessalonicesi 5,26) e...

“Non ci indurre in tentazione”. Attenti! Non significa che Dio ci vuole far peccare

«E non indurci in tentazione!» ma una tal formulazione suscita immediatamente lo stupore di chiunque vede in Dio un padre infinitamente buono «che non tenta nessuno» e che «non saprebbe tentare per il male» (Giacomo 1, 13-14135). Secondo il biblista Jean Carmignac (1914-1986), nel libro postumo “Ascoltiamo...

«Noi ti battezziamo…»: formula invalida

di: Congregazione per la dottrina della fede Recentemente la Congregazione per la dottrina della fede ha trattato alcuni casi di amministrazione del sacramento del battesimo nei quali è stata arbitrariamente modificata la formula sacramentale stabilita dalla Chiesa nei libri liturgici. Per tale motivo, il Dicastero ha preparato...
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
650FollowerSegui
294IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility