14.5 C
Roma
Gio, 29 Ottobre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa «Sul genocidio un gesto di fratellanza. E di coraggio»

«Sul genocidio un gesto di fratellanza. E di coraggio»

- Advertisement -

Una visita nel nome della fratellanza, ma anche della verità storica. Un Papa coraggioso, che non ha paura perché sa che è la verità a renderci liberi. Hayk Demoan,direttore del Museo del Genocidio armeno, ha spiegato ad Avvenire perché l’Armenia sta accogliendo Papa Bergoglio con tutti gli onori e perché prova nei confronti del Pontefice un sentimento di grande gratitudine.

Hayk Demoyan, Papa Francesco è in visita ufficiale in Armenia, che significato dà a questo evento?
Si tratta senza ombra di dubbio di una visita ricca di significato e fondamentale. Rivolge un messaggio al mondo intero, ma in particolare al popolo armeno. Come nel caso di quella del 2001 condotta da Giovanni Paolo II la possiamo definire “storica”.

Uno dei momenti più importanti di questa visita è stata proprio la preghiera al Mueo del Genocidio armeno. Pensa che papa Francesco potrà ricevere nuovi attacchi dalla Turchia per questo gesto? Che significato e che valore hanno avuto le forti parole di condanna nei confronti del Genocidio armeno?
Papa Francesco ha parlato e continua a parlare come chi è dalla parte della verità. La verità ha un grandissimo potere, noi in Armenia diciamo sempre che è la verità che rende libere le persone. La Turchia dovrebbe seguire e ascoltare coloro che sono dalla parte della verità e della libertà, non della negazione e della falsificazione storica. Tra l’altro è piuttosto chiaro che la Turchia prende in considerazione solo la versione portata avanti dal governo di Ankara.

Questa visita potrebbe avere anche un risvolto politico. Come crede che il Pontefice verrà accolto nella regione, soprattutto in Azerbaigian dove andrà in settembre?
Noi accogliamo papa Francesco come capo della Chiesa Cattolica e persona rispettabile. Non ho nulla da dichiarare su come verrà accolto in Azerbaigian.

Ci può spiegare come il popolo armeno sta vivendo questi giorni e che cosa si aspetta dalla visita del Papa?
C’è una grande gioia nel vedere il Papa che viene in visita dalla popolazione cristiana più antica della Terra. Per questo molti di loro si sono mobilitati per assistere alle celebrazioni di Francesco a Erevan, Etchmiazdin e Gyumri.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

«Sul genocidio un gesto di fratellanza. E di coraggio»

  

- Advertisement -

Una visita nel nome della fratellanza, ma anche della verità storica. Un Papa coraggioso, che non ha paura perché sa che è la verità a renderci liberi. Hayk Demoan,direttore del Museo del Genocidio armeno, ha spiegato ad Avvenire perché l’Armenia sta accogliendo Papa Bergoglio con tutti gli onori e perché prova nei confronti del Pontefice un sentimento di grande gratitudine.

Hayk Demoyan, Papa Francesco è in visita ufficiale in Armenia, che significato dà a questo evento?
Si tratta senza ombra di dubbio di una visita ricca di significato e fondamentale. Rivolge un messaggio al mondo intero, ma in particolare al popolo armeno. Come nel caso di quella del 2001 condotta da Giovanni Paolo II la possiamo definire “storica”.

Uno dei momenti più importanti di questa visita è stata proprio la preghiera al Mueo del Genocidio armeno. Pensa che papa Francesco potrà ricevere nuovi attacchi dalla Turchia per questo gesto? Che significato e che valore hanno avuto le forti parole di condanna nei confronti del Genocidio armeno?
Papa Francesco ha parlato e continua a parlare come chi è dalla parte della verità. La verità ha un grandissimo potere, noi in Armenia diciamo sempre che è la verità che rende libere le persone. La Turchia dovrebbe seguire e ascoltare coloro che sono dalla parte della verità e della libertà, non della negazione e della falsificazione storica. Tra l’altro è piuttosto chiaro che la Turchia prende in considerazione solo la versione portata avanti dal governo di Ankara.

Questa visita potrebbe avere anche un risvolto politico. Come crede che il Pontefice verrà accolto nella regione, soprattutto in Azerbaigian dove andrà in settembre?
Noi accogliamo papa Francesco come capo della Chiesa Cattolica e persona rispettabile. Non ho nulla da dichiarare su come verrà accolto in Azerbaigian.

Ci può spiegare come il popolo armeno sta vivendo questi giorni e che cosa si aspetta dalla visita del Papa?
C’è una grande gioia nel vedere il Papa che viene in visita dalla popolazione cristiana più antica della Terra. Per questo molti di loro si sono mobilitati per assistere alle celebrazioni di Francesco a Erevan, Etchmiazdin e Gyumri.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
286FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
633FollowerSegui
126IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Libri consigliati

Salire a Gerusalemme

A scuola di preghiera

Liturgia e secolarizzazione

Teologia spirituale

Rut, la moabita

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x