28.4 C
Rome
martedì, 18 Giugno 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Rubriche Storie Studenti, sposi, professionisti. Quando la santità è «laica»

Studenti, sposi, professionisti. Quando la santità è «laica»

Uomini e donne, giovani e adulti, celibi e genitori, studenti e professionisti, dall’Europa e dall’America.

- Advertisement -
Verso la beatificazione di Guadalupe Ortiz de Landazuri. Ecco chi, come lei, ha testimoniato il Vangelo immerso nella vita “normale” di tutti i giorni
 

Uomini e donne, giovani e adulti, celibi e genitori, studenti e professionisti, dall’Europa e dall’America: questo il quadro assai composito della giornata di riflessione sulla santità laicale tenutasi ieri all’Università Santa Croce di Roma e organizzata dallo stesso ateneo pontificio. Sette le figure presentate nel corso della tavola rotonda dai postulatori delle cause o da persone particolarmente vicine a questi “santi della porta accanto”, che ne hanno messo in risalto le caratteristiche principali, a partire dal titolo delle singole relazioni.

Ecco dunque la beata Chiara Luce Badano «la giovane dal sorriso aperto» (Franz Coriasco, giornalista, amico e biografo di Badano); il venerabile Carlo Acutis, «un nativo digitale innamorato dell’Eucaristia» (Federico Piana, giornalista); il servo di Dio Enrique Shaw, «l’imprenditore che visse i valori in cui credeva » (Silvia Correale, postulatrice); la serva di Dio Chiara Corbella Petrillo, «la forza di Dio nella coppia » (Romano Gambalunga, postulatore); la serva di Dio Marta Obregón Rodríguez«studentessa e martire della purezza» (Antonio Riquelme, Cammino Neocatecumenale); Angelica Tiraboschi, «gioiosa testimone nella Croce» (Marcello Tiraboschi, padre di Angelica). Tutte testimonianze in presa diretta e dallo stile estremamente colloquiale, che in più passaggi – anche per la rivelazione di episodi poco noti o addirittura inediti di questa o quella figura – hanno commosso il numeroso e attento uditorio (molti gli studenti presenti, soprattutto stranieri). E, come ulteriori tratti in comune, dalla tavola rotonda moderata da Francesco Russo, sono emersi il senso di ecclesialità, del sentirsi Chiesa di questi laici (senza stare da una parte o in una parte); così come della bellezza e della gioia.

Una intera sessione è stata invece dedicata all’imminente beatificazione (il 18 maggio prossimo a Madrid) di Guadalupe Ortiz de Landázuri, chimico, che ha svolto un ampio apostolato in Messico, ma che per due anni ha vissuto anche a Roma, prima laica dell’Opus Dei ad essere beatificata. Oltre ad alcune persone coinvolte nella causa di beatificazione (Carla Vassallo, Gema Bellido e Juan Narbona), è intervenuta anche la coordinatrice internazionale dell’ong Harambee Africa International, Rosalinda Corbi, ha presentato un progetto per 100 borse da concedere nei prossimi dieci anni ad altrettanti ricercatori africani che scelgono di resta- re in quel continente, in memoria della nuova beata, alla quale è stata dedicata anche una mostra con dei pannelli informativi, sempre negli spazi dell’ateneo pontificio della Santa Croce.

Un pomeriggio molto intenso, dunque, che ha visto anche il saluto di Fernando Ocariz, prelato dell’Opus Dei e gran cancelliere dell’Università Santa Croce, che ha ricordato l’invito di papa Francesco «a contemplare il volto più bello della Chiesa» nelle figure dei santi, mentre la professoressa cilena Pilar Rio, della facoltà di teologia dell’Università della Santa Croce – il cui rettore Luis Navarro ha poi chiuso i lavori – ha offerto una riflessione teologica sulle caratteristiche della santità laicale «che non è nata a tavolino, ma dalla stessa vita dei santi. Nell’ordinarietà hanno cercato di stare al “gioco di Dio” dovunque si presentava, agendo sempre da cristiani, con consapevolezza e libertà », anche perché, ha rimarcato la Rio, «la santità laicale è santità tout court».

Originale: Avvenire.it
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Studenti, sposi, professionisti. Quando la santità è «laica»

Uomini e donne, giovani e adulti, celibi e genitori, studenti e professionisti, dall’Europa e dall’America.

  

- Advertisement -
Verso la beatificazione di Guadalupe Ortiz de Landazuri. Ecco chi, come lei, ha testimoniato il Vangelo immerso nella vita “normale” di tutti i giorni
 

Uomini e donne, giovani e adulti, celibi e genitori, studenti e professionisti, dall’Europa e dall’America: questo il quadro assai composito della giornata di riflessione sulla santità laicale tenutasi ieri all’Università Santa Croce di Roma e organizzata dallo stesso ateneo pontificio. Sette le figure presentate nel corso della tavola rotonda dai postulatori delle cause o da persone particolarmente vicine a questi “santi della porta accanto”, che ne hanno messo in risalto le caratteristiche principali, a partire dal titolo delle singole relazioni.

Ecco dunque la beata Chiara Luce Badano «la giovane dal sorriso aperto» (Franz Coriasco, giornalista, amico e biografo di Badano); il venerabile Carlo Acutis, «un nativo digitale innamorato dell’Eucaristia» (Federico Piana, giornalista); il servo di Dio Enrique Shaw, «l’imprenditore che visse i valori in cui credeva » (Silvia Correale, postulatrice); la serva di Dio Chiara Corbella Petrillo, «la forza di Dio nella coppia » (Romano Gambalunga, postulatore); la serva di Dio Marta Obregón Rodríguez«studentessa e martire della purezza» (Antonio Riquelme, Cammino Neocatecumenale); Angelica Tiraboschi, «gioiosa testimone nella Croce» (Marcello Tiraboschi, padre di Angelica). Tutte testimonianze in presa diretta e dallo stile estremamente colloquiale, che in più passaggi – anche per la rivelazione di episodi poco noti o addirittura inediti di questa o quella figura – hanno commosso il numeroso e attento uditorio (molti gli studenti presenti, soprattutto stranieri). E, come ulteriori tratti in comune, dalla tavola rotonda moderata da Francesco Russo, sono emersi il senso di ecclesialità, del sentirsi Chiesa di questi laici (senza stare da una parte o in una parte); così come della bellezza e della gioia.

Una intera sessione è stata invece dedicata all’imminente beatificazione (il 18 maggio prossimo a Madrid) di Guadalupe Ortiz de Landázuri, chimico, che ha svolto un ampio apostolato in Messico, ma che per due anni ha vissuto anche a Roma, prima laica dell’Opus Dei ad essere beatificata. Oltre ad alcune persone coinvolte nella causa di beatificazione (Carla Vassallo, Gema Bellido e Juan Narbona), è intervenuta anche la coordinatrice internazionale dell’ong Harambee Africa International, Rosalinda Corbi, ha presentato un progetto per 100 borse da concedere nei prossimi dieci anni ad altrettanti ricercatori africani che scelgono di resta- re in quel continente, in memoria della nuova beata, alla quale è stata dedicata anche una mostra con dei pannelli informativi, sempre negli spazi dell’ateneo pontificio della Santa Croce.

Un pomeriggio molto intenso, dunque, che ha visto anche il saluto di Fernando Ocariz, prelato dell’Opus Dei e gran cancelliere dell’Università Santa Croce, che ha ricordato l’invito di papa Francesco «a contemplare il volto più bello della Chiesa» nelle figure dei santi, mentre la professoressa cilena Pilar Rio, della facoltà di teologia dell’Università della Santa Croce – il cui rettore Luis Navarro ha poi chiuso i lavori – ha offerto una riflessione teologica sulle caratteristiche della santità laicale «che non è nata a tavolino, ma dalla stessa vita dei santi. Nell’ordinarietà hanno cercato di stare al “gioco di Dio” dovunque si presentava, agendo sempre da cristiani, con consapevolezza e libertà », anche perché, ha rimarcato la Rio, «la santità laicale è santità tout court».

- Advertisement -
Originale: Avvenire.it
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
271FansMi piace
792FollowerSegui
13,000FollowerSegui
571FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Bibbia: poeti e poesie

La ricerca storica su Gesù

I profeti minori “quadriformi”

Libri consigliati

Il Vangelo di Marco

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO