11.8 C
Roma
Mer, 14 Aprile 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeMediaFotoStorie di speranza dal centro del disastro

Storie di speranza dal centro del disastro

- Advertisement -

Immagini dalle zone del sisma

Il drammatico terremoto che si è abbattuto sul centro Italia ieri notte ha ormai portato il conto delle vittime alla triste cifra di 247 persone oltre alle centinaia di feriti e alle migliaia di persone sfollate, alcune temporaneamente altre con lo sguardo sconsolato sulle macerie della loro casa. Ma per fortuna, anche una buona notizia. Dall’inizio dei soccorsi ben 215 persone estratte vive! La speranza è a prova di terremoto…

Nel cuore del disastro
Case sventrate, famiglie travolte, talvolta annientate dal terremoto, gesti di solidarietà, drammatici gesti di sciacallaggio che tanto feriscono anche chi non è direttamente coinvolto. Storie di umanità con luci e ombre poi quel disprezzo riversato sul web nei confronti di chi, come molti migranti, che pur non avendo nulla hanno messo a disposizione quel poco, compresa la propria disponibilità a dare una mano.

I richiedenti asilo residenti nelle Marche, prevalentemente nordafricani, aiutano già ora la Protezione Civile. Anche i 75 richiedenti asilo di Gioiosa Ionica (in provincia di Reggio Calabria), avendo difficoltà ad organizzare la partenza, per aiutare hanno deciso di donare il pocket money, ossia la somma garantita loro per le spese personali, per i terremotati. Gesti di solidarietà che non vanno disprezzati, ma riconosciuti con gratitudine a dimostrazione che spesso proprio chi non ha più nulla, è solidale perché empatico con chi è nella disgrazia.

Storie belle
Come quella di Suor Mariana, salvata da quello che lei stessa definisce come un “eroe”, che ha messo a repentaglio la propria vita per tirarla fuori dalle macerie:

“Ha rischiato la sua vita per salvarmi. Ha fatto un gesto eroico e il Signore lo ricompenserà”. A parlare è suor Mariana, 32enne albanese, che si trovava ad Amatrice nel convento ‘Don Minozzi, in villeggiatura. Altre tre religiose sono state messe in salvo dai soccorritori, mentre si cerca ancora tra le macerie del convento le tre suore e i quattro ospiti della struttura che mancano all’appello dopo il sisma (Repubblica, 25 agosto).

…e amare
O come nonna Vitaliana che grazie alla sua prontezza ha messo al sicuro i suoi nipotini di 6 e 4 anni nascondendoli sotto il letto e facendo scudo col suo corpo ai due bambini e assicurandone così la salvezza. Sono stati estratti tutti e tre vivi e non corrono immediato pericolo. Purtroppo nonno Vito – invece – non ce l’ha fatta (Vanity Fair, 24 agosto).

Un “Grazie” ai soccorritori è doveroso…

Gli interventi dei vigili del fuoco che estraggono dalle macerie due bambini ancora vivi. L’applauso è liberatorio!

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Storie di speranza dal centro del disastro

- Advertisement -

Immagini dalle zone del sisma

Il drammatico terremoto che si è abbattuto sul centro Italia ieri notte ha ormai portato il conto delle vittime alla triste cifra di 247 persone oltre alle centinaia di feriti e alle migliaia di persone sfollate, alcune temporaneamente altre con lo sguardo sconsolato sulle macerie della loro casa. Ma per fortuna, anche una buona notizia. Dall’inizio dei soccorsi ben 215 persone estratte vive! La speranza è a prova di terremoto…

- Advertisement -

, Vigili del fuoco: 215 persone estratte vive da macerie http://skytg24.it/diretta 

Nel cuore del disastro
Case sventrate, famiglie travolte, talvolta annientate dal terremoto, gesti di solidarietà, drammatici gesti di sciacallaggio che tanto feriscono anche chi non è direttamente coinvolto. Storie di umanità con luci e ombre poi quel disprezzo riversato sul web nei confronti di chi, come molti migranti, che pur non avendo nulla hanno messo a disposizione quel poco, compresa la propria disponibilità a dare una mano.

I richiedenti asilo residenti nelle Marche, prevalentemente nordafricani, aiutano già ora la Protezione Civile. Anche i 75 richiedenti asilo di Gioiosa Ionica (in provincia di Reggio Calabria), avendo difficoltà ad organizzare la partenza, per aiutare hanno deciso di donare il pocket money, ossia la somma garantita loro per le spese personali, per i terremotati. Gesti di solidarietà che non vanno disprezzati, ma riconosciuti con gratitudine a dimostrazione che spesso proprio chi non ha più nulla, è solidale perché empatico con chi è nella disgrazia.

Storie belle
Come quella di Suor Mariana, salvata da quello che lei stessa definisce come un “eroe”, che ha messo a repentaglio la propria vita per tirarla fuori dalle macerie:

“Ha rischiato la sua vita per salvarmi. Ha fatto un gesto eroico e il Signore lo ricompenserà”. A parlare è suor Mariana, 32enne albanese, che si trovava ad Amatrice nel convento ‘Don Minozzi, in villeggiatura. Altre tre religiose sono state messe in salvo dai soccorritori, mentre si cerca ancora tra le macerie del convento le tre suore e i quattro ospiti della struttura che mancano all’appello dopo il sisma (Repubblica, 25 agosto).

…e amare
O come nonna Vitaliana che grazie alla sua prontezza ha messo al sicuro i suoi nipotini di 6 e 4 anni nascondendoli sotto il letto e facendo scudo col suo corpo ai due bambini e assicurandone così la salvezza. Sono stati estratti tutti e tre vivi e non corrono immediato pericolo. Purtroppo nonno Vito – invece – non ce l’ha fatta (Vanity Fair, 24 agosto).

Un “Grazie” ai soccorritori è doveroso…

Gli interventi dei vigili del fuoco che estraggono dalle macerie due bambini ancora vivi. L’applauso è liberatorio!

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
646FollowerSegui
223IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x