22.6 C
Rome
martedì, 25 Giugno 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Rubriche Storie Storie di adozione: dalla ferita che non guarirà mai, una vita rinata

Storie di adozione: dalla ferita che non guarirà mai, una vita rinata

Storie

- Advertisement -

La gioia di una figlia adottiva che ha accolto il proprio dolore e sperimenta una gratitudine sempre più matura per l’amore incondizionato dei suoi genitori

di Sangheeta Bonaiti

L’adozione non è ingiusta. È ingiusta la condizione che ha portato all’adozione, cioè l’abbandono. L’abbandono è brutto. Una cosa che nessuno vorrebbe. Ma se non ci fosse l’abbandono voi oggi non sareste genitori dei vostri figli. Io non sarei figlia di mio padre e mia madre. Quindi l’adozione è un regalo che ho ricevuto. La mia seconda occasione. La prima è stata la vita…33 anni fa potevo morire con mia mamma durante il parto. Invece sono viva. Potevo stare con mio padre e finire a morire in qualche villaggio. Potevo vivere ed ora essere vittima di schiavismo o di vendita degli organi o di pedofili…..chi vuole può aggiungere altro. Invece mio padre mi ha abbandonata. Mi ha lasciata in ospedale alle cure delle infermiere.Quindi l’abbandono è il mio dramma ma è anche la mia rinascita. Senza l’abbandono non sarei qui oggi. Non sarei figlia, amica, sorella, moglie, mamma oggi. Senza l’adozione io non sarei neanche viva, forse. Allora piantiamola di farci i sensi di colpa. Oh povero l’ho tolto da quella terra….quella terra quando era il momento non mi ha voluta. Non era casa. Non era luogo di amore. Non avevo amore. Due persone sono venute in quella terra e mi hanno fatta sentire amata, a casa, voluta. Ma cosa c’è in questa scelta? Un semplice atto di amore incondizionato. Che ha cambiato me, la mia vita ed il mondo. Perché oggi posso dire al mondo che l’adozione per me è una cosa buona e bella. Chi sceglie questa strada sa che il fantasma dell’abbandono sarà sempre lì nel cuore di suo figlio. E suo figlio dovrà farne i conti. Prima o poi. E soffrirà…di maledetto. Ne soffrirà e cadrà. Ma accanto avrà bisogno di voi, che siete i suoi genitori. Non altri, ma voi che lo avete scelto da quando è arrivato tra le vostre braccia. Ti abbraccio e capisco il tuo dolore. Ti voglio bene. Ti sono vicino. Se non mi vuoi, sappi che io ci sarò sempre per te. Non posso risolvere io il dolore che porti, non ti posso sollevare da esso. È il tuo dolore, la tua ferita, il tuo buio. Posso dirti che è possibile superarlo il dolore, attraverso l’amore, attraverso il lavoro su di sé, attraverso il lavoro con qualcuno che lo sappia affrontare. Ma io non posso risolverlo per te.Voi non potete salvare i vostri figli dallo spettro dell’abbandono. Non potete toglierlo. Perché affannarsi per togliere qualcosa, invece che dare qualcosa in più??? Toglierlo significa evitare il dolore, evitare il male, la ferita, il delirio, la disperazione? A meno che veniamo lobotomizzati, quel dolore non è possibile estirparlo. Che carte avete in mano per aiutare vostro figlio? Dite, quali sono le mosse che pensate di fare? Avete una speranza? Potete dire a vostro figlio che la sua vita vale, nonostante l’abbandono? Che ne è valsa la pena venire al mondo? Che ne è valsa la pena adottarlo? Perché un figlio ha solo bisogno di amore. Di essere amato. Esattamente così come è, lui ama nel suo modo. Ed ha bisogno di un padre ed una madre che nei fatti, nella concretezza dei fatti gli facciano capire che lo amano. Sempre e comunque.Che lo scelgono come figlio sempre, anche quando diventi brutto e cattivo. Anzi forse quel momento è proprio la prova del nove dell’amore. Mi tratti male, mi fai stare male, ma io ti amo lo stesso. Ti perdono, perché non capisci che ti voglio bene. Ripartiamo insieme. Sono qui per te. A volte si diventa brutti e cattivi perché non ci si sente amati abbastanza nel presente, oggi. Gli spettri contano. Ma anche il presente conta. L’ambiente familiare è fondamentale. Se già penso che non sarò mai padre e madre per davvero di quel figlio, che messaggio gli passo? Ma io genitore faccio un lavoro su di me? Cresco come genitore? Mi metto in discussione? O penso già di sapere io tutto? Quel figlio è con me perché io possa maturare come persona, come padre, come madre. E lui possa crescere nella consapevolezza di essere figlio, cioè di appartenere, di essere di qualcuno. Perché in fondo nella vita ci affanniamo tanto, ma nel cuore desideriamo solo e soltanto di essere amati, proprio così come siamo, povere e fragili creature bisognose di trovare la nostra casa, il nostro spazio nel mondo.

Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Storie di adozione: dalla ferita che non guarirà mai, una vita rinata

Storie

  

- Advertisement -

La gioia di una figlia adottiva che ha accolto il proprio dolore e sperimenta una gratitudine sempre più matura per l’amore incondizionato dei suoi genitori

di Sangheeta Bonaiti

L’adozione non è ingiusta. È ingiusta la condizione che ha portato all’adozione, cioè l’abbandono. L’abbandono è brutto. Una cosa che nessuno vorrebbe. Ma se non ci fosse l’abbandono voi oggi non sareste genitori dei vostri figli. Io non sarei figlia di mio padre e mia madre. Quindi l’adozione è un regalo che ho ricevuto. La mia seconda occasione. La prima è stata la vita…33 anni fa potevo morire con mia mamma durante il parto. Invece sono viva. Potevo stare con mio padre e finire a morire in qualche villaggio. Potevo vivere ed ora essere vittima di schiavismo o di vendita degli organi o di pedofili…..chi vuole può aggiungere altro. Invece mio padre mi ha abbandonata. Mi ha lasciata in ospedale alle cure delle infermiere.Quindi l’abbandono è il mio dramma ma è anche la mia rinascita. Senza l’abbandono non sarei qui oggi. Non sarei figlia, amica, sorella, moglie, mamma oggi. Senza l’adozione io non sarei neanche viva, forse. Allora piantiamola di farci i sensi di colpa. Oh povero l’ho tolto da quella terra….quella terra quando era il momento non mi ha voluta. Non era casa. Non era luogo di amore. Non avevo amore. Due persone sono venute in quella terra e mi hanno fatta sentire amata, a casa, voluta. Ma cosa c’è in questa scelta? Un semplice atto di amore incondizionato. Che ha cambiato me, la mia vita ed il mondo. Perché oggi posso dire al mondo che l’adozione per me è una cosa buona e bella. Chi sceglie questa strada sa che il fantasma dell’abbandono sarà sempre lì nel cuore di suo figlio. E suo figlio dovrà farne i conti. Prima o poi. E soffrirà…di maledetto. Ne soffrirà e cadrà. Ma accanto avrà bisogno di voi, che siete i suoi genitori. Non altri, ma voi che lo avete scelto da quando è arrivato tra le vostre braccia. Ti abbraccio e capisco il tuo dolore. Ti voglio bene. Ti sono vicino. Se non mi vuoi, sappi che io ci sarò sempre per te. Non posso risolvere io il dolore che porti, non ti posso sollevare da esso. È il tuo dolore, la tua ferita, il tuo buio. Posso dirti che è possibile superarlo il dolore, attraverso l’amore, attraverso il lavoro su di sé, attraverso il lavoro con qualcuno che lo sappia affrontare. Ma io non posso risolverlo per te.Voi non potete salvare i vostri figli dallo spettro dell’abbandono. Non potete toglierlo. Perché affannarsi per togliere qualcosa, invece che dare qualcosa in più??? Toglierlo significa evitare il dolore, evitare il male, la ferita, il delirio, la disperazione? A meno che veniamo lobotomizzati, quel dolore non è possibile estirparlo. Che carte avete in mano per aiutare vostro figlio? Dite, quali sono le mosse che pensate di fare? Avete una speranza? Potete dire a vostro figlio che la sua vita vale, nonostante l’abbandono? Che ne è valsa la pena venire al mondo? Che ne è valsa la pena adottarlo? Perché un figlio ha solo bisogno di amore. Di essere amato. Esattamente così come è, lui ama nel suo modo. Ed ha bisogno di un padre ed una madre che nei fatti, nella concretezza dei fatti gli facciano capire che lo amano. Sempre e comunque.Che lo scelgono come figlio sempre, anche quando diventi brutto e cattivo. Anzi forse quel momento è proprio la prova del nove dell’amore. Mi tratti male, mi fai stare male, ma io ti amo lo stesso. Ti perdono, perché non capisci che ti voglio bene. Ripartiamo insieme. Sono qui per te. A volte si diventa brutti e cattivi perché non ci si sente amati abbastanza nel presente, oggi. Gli spettri contano. Ma anche il presente conta. L’ambiente familiare è fondamentale. Se già penso che non sarò mai padre e madre per davvero di quel figlio, che messaggio gli passo? Ma io genitore faccio un lavoro su di me? Cresco come genitore? Mi metto in discussione? O penso già di sapere io tutto? Quel figlio è con me perché io possa maturare come persona, come padre, come madre. E lui possa crescere nella consapevolezza di essere figlio, cioè di appartenere, di essere di qualcuno. Perché in fondo nella vita ci affanniamo tanto, ma nel cuore desideriamo solo e soltanto di essere amati, proprio così come siamo, povere e fragili creature bisognose di trovare la nostra casa, il nostro spazio nel mondo.

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato di SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
272FansMi piace
800FollowerSegui
13,000FollowerSegui
578FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Lo scandalo della tenerezza

Parrocchia e civiltà urbana

Libri consigliati

Dieci parole per vivere

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO