10.9 C
Roma
Gio, 3 Dicembre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno A SS. Trinità - Anno A - 7 giugno 2020

SS. Trinità – Anno A – 7 giugno 2020

Non un Dio solitario ma comunitario






    Dal Vangelo secondo Giovanni

    «Dio ha tanto amato il mondo da dare il Figlio, unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna.
    Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui.
    Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio».




    Dio vuole a tutti i costi la salvezza del mondo. Per questo non rimane chiuso nel suo intimo ma avverte la necessità d’inviare nel mondo il Figlio che si immola per la nostra redenzione e, una volta ritornato al Padre, manda lo Spirito Santo perché ci aiuti a continuare la sua opera di salvezza donandola ad ogni uomo, di ogni tempo e di ogni regione geografica. Dio non resta raggomitolato in se stesso, ha necessità di donarsi, d’essere incontrato, di donarsi ad ognuno. Se è vero che “Dio è amore”, è nella natura stessa dell’amore non rimanere prigioniero ed isolato in se stesso ma è necessario che si doni, che si apra, si partecipi. L’amore sazia e vive di se stesso ma è portatore di una necessità: deve donarsi, deve aprirsi; è una legge intrinseca a se stesso. Questo ha fatto Dio nel suo piano di salvezza del mondo intero. Non ha chiuso le porte, non è rimasto prigioniero di se stesso ma, avvertendo la necessità di donarsi, è venuto nel mondo rivelandosi per quello che è: trino nelle persone uno nella divinità.

    Dio in questa scelta ha amato noi più di lui. Ha preferito noi a se stesso. Avendo creato l’uomo si è impegnato ad amarlo, rispettandolo nella sua libertà, che esprime al suo massimo grado, anche non accettando Dio, non accogliendolo, ma non per questo cessa di amarlo, anzi lo insegue, mendica il suo amore, la sua corrispondenza. Porta fino alle conseguenze, estremamente positive, l’amore: darsi sempre, darsi tutto, darsi immeritatamente, darsi a fondo perduto. Amare per amore. Amare da morire e morire d’amore.

    “Dio non ha mandato il Figlio per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato”. La Trinità non è qualcosa da comprendere mentalmente, come fosse una filosofia, ma una salvezza da ricevere, in cui credere, a cui abbandonarsi. E’, ancora una volta non dare, neppure l’assenso della mente, ma ricevere la forza per rialzarsi, accogliere la buona notizia che non siamo destinati a soccombere al nostro egoismo, alle nostre ferite, alle nostre chiusure, ma ad accettare che qualcuno ci salva, ci tiene in vita, alimenta la nostra speranza. Il nostro è un Dio che tende sempre la mano per dare e verso di lui dobbiamo solo allungare le nostre per ricevere, se poi apriamo il cuore sperimenteremo la consolazione della sua paternità, il balsamo delle sue parole rassicuranti e risanatrici perché intrise di attenzioni, rivelatrici del suo amore e capaci di donarsi in un moto perpetuo di gratuità assoluta e immeritata, ma proprio per questo manifestatrici del suo amore e della sua tenerezza viscerale per ognuno di noi.

    In virtù del fatto che Dio è perfetto e bastevole in se stesso, ha traboccato verso gli uomini la sua ricchezza partecipandola e donandola. Lui assimila e trasforma tutto di noi per farci assomigliare a sé. Quindi come da lui, gratuitamente riceviamo, così, come lui, gratuitamente dobbiamo dare chiamando gli altri a condividere con noi ciò che da lui abbiamo ricevuto. Non possiamo essere solitari, la nostra vocazione, come la natura di Dio è, strutturalmente, comunitaria. Questa è l’unica legge dell’amore: non chiudersi nei recinti, ma allargare continuamente i paletti.




    Fratelli carissimi,
    rivolgiamo la nostra unanime preghiera a Dio Padre,
    che ha rivelato al mondo il suo grande amore
    nel dono del Figlio unigenito e dello Spirito Santo.

    R. Signore Dio nostro, ascoltaci.

    Per la santa Chiesa,
    perché attesti al mondo intero la sua realtà di popolo di Dio,
    convocato dall’amore del Padre, per mezzo di Cristo,
    nella comunione di un solo Spirito, preghiamo. R.

    Per tutti i popoli della terra,
    perché illuminati dalla sapienza dello Spirito
    riconoscano in Gesù Cristo l’inviato del Padre,
    e siano radunati nell’unica Chiesa, preghiamo. R.

    Per tutti coloro che sono nella sofferenza e nella prova,
    perché sperimentino l’amore del Padre
    e la presenza consolante dello Spirito di Cristo, preghiamo. R.

    Per tutti gli uomini
    lacerati e sconvolti dalle violenze e dai conflitti,
    perché mediante l’azione dello Spirito
    si sentano figli dell’unico Padre e fratelli in Cristo,
    che nel suo sangue ha fatto pace fra cielo e terra, preghiamo. R.

    Per noi qui presenti,
    perché la grazia del Battesimo,
    conferitoci nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo,
    cresca e fruttifichi con un’adesione sempre più convinta e operosa, preghiamo. R.

    Guarda, o Padre, al volto del tuo Figlio,
    e accogli la preghiera di questa tua famiglia,
    perché fortificata dal dono dello Spirito,
    diventi segno e primizia dell’umanità
    partecipe del mistero uno e trino del tuo amore.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    Signore Dio nostro, la comunione al tuo sacramento, e la professione della nostra fede in te, unico Dio in tre persone, ci sia pegno di salvezza dell’anima e del corpo. Per Cristo nostro Signore.





Dal Vangelo secondo Giovanni

«Dio ha tanto amato il mondo da dare il Figlio, unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna.
Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui.
Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio».



Dio vuole a tutti i costi la salvezza del mondo. Per questo non rimane chiuso nel suo intimo ma avverte la necessità d’inviare nel mondo il Figlio che si immola per la nostra redenzione e, una volta ritornato al Padre, manda lo Spirito Santo perché ci aiuti a continuare la sua opera di salvezza donandola ad ogni uomo, di ogni tempo e di ogni regione geografica. Dio non resta raggomitolato in se stesso, ha necessità di donarsi, d’essere incontrato, di donarsi ad ognuno. Se è vero che “Dio è amore”, è nella natura stessa dell’amore non rimanere prigioniero ed isolato in se stesso ma è necessario che si doni, che si apra, si partecipi. L’amore sazia e vive di se stesso ma è portatore di una necessità: deve donarsi, deve aprirsi; è una legge intrinseca a se stesso. Questo ha fatto Dio nel suo piano di salvezza del mondo intero. Non ha chiuso le porte, non è rimasto prigioniero di se stesso ma, avvertendo la necessità di donarsi, è venuto nel mondo rivelandosi per quello che è: trino nelle persone uno nella divinità.

Dio in questa scelta ha amato noi più di lui. Ha preferito noi a se stesso. Avendo creato l’uomo si è impegnato ad amarlo, rispettandolo nella sua libertà, che esprime al suo massimo grado, anche non accettando Dio, non accogliendolo, ma non per questo cessa di amarlo, anzi lo insegue, mendica il suo amore, la sua corrispondenza. Porta fino alle conseguenze, estremamente positive, l’amore: darsi sempre, darsi tutto, darsi immeritatamente, darsi a fondo perduto. Amare per amore. Amare da morire e morire d’amore.

“Dio non ha mandato il Figlio per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato”. La Trinità non è qualcosa da comprendere mentalmente, come fosse una filosofia, ma una salvezza da ricevere, in cui credere, a cui abbandonarsi. E’, ancora una volta non dare, neppure l’assenso della mente, ma ricevere la forza per rialzarsi, accogliere la buona notizia che non siamo destinati a soccombere al nostro egoismo, alle nostre ferite, alle nostre chiusure, ma ad accettare che qualcuno ci salva, ci tiene in vita, alimenta la nostra speranza. Il nostro è un Dio che tende sempre la mano per dare e verso di lui dobbiamo solo allungare le nostre per ricevere, se poi apriamo il cuore sperimenteremo la consolazione della sua paternità, il balsamo delle sue parole rassicuranti e risanatrici perché intrise di attenzioni, rivelatrici del suo amore e capaci di donarsi in un moto perpetuo di gratuità assoluta e immeritata, ma proprio per questo manifestatrici del suo amore e della sua tenerezza viscerale per ognuno di noi.

In virtù del fatto che Dio è perfetto e bastevole in se stesso, ha traboccato verso gli uomini la sua ricchezza partecipandola e donandola. Lui assimila e trasforma tutto di noi per farci assomigliare a sé. Quindi come da lui, gratuitamente riceviamo, così, come lui, gratuitamente dobbiamo dare chiamando gli altri a condividere con noi ciò che da lui abbiamo ricevuto. Non possiamo essere solitari, la nostra vocazione, come la natura di Dio è, strutturalmente, comunitaria. Questa è l’unica legge dell’amore: non chiudersi nei recinti, ma allargare continuamente i paletti.



Fratelli carissimi,
rivolgiamo la nostra unanime preghiera a Dio Padre,
che ha rivelato al mondo il suo grande amore
nel dono del Figlio unigenito e dello Spirito Santo.

R. Signore Dio nostro, ascoltaci.

Per la santa Chiesa,
perché attesti al mondo intero la sua realtà di popolo di Dio,
convocato dall’amore del Padre, per mezzo di Cristo,
nella comunione di un solo Spirito, preghiamo. R.

Per tutti i popoli della terra,
perché illuminati dalla sapienza dello Spirito
riconoscano in Gesù Cristo l’inviato del Padre,
e siano radunati nell’unica Chiesa, preghiamo. R.

Per tutti coloro che sono nella sofferenza e nella prova,
perché sperimentino l’amore del Padre
e la presenza consolante dello Spirito di Cristo, preghiamo. R.

Per tutti gli uomini
lacerati e sconvolti dalle violenze e dai conflitti,
perché mediante l’azione dello Spirito
si sentano figli dell’unico Padre e fratelli in Cristo,
che nel suo sangue ha fatto pace fra cielo e terra, preghiamo. R.

Per noi qui presenti,
perché la grazia del Battesimo,
conferitoci nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo,
cresca e fruttifichi con un’adesione sempre più convinta e operosa, preghiamo. R.

Guarda, o Padre, al volto del tuo Figlio,
e accogli la preghiera di questa tua famiglia,
perché fortificata dal dono dello Spirito,
diventi segno e primizia dell’umanità
partecipe del mistero uno e trino del tuo amore.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



Signore Dio nostro, la comunione al tuo sacramento, e la professione della nostra fede in te, unico Dio in tre persone, ci sia pegno di salvezza dell’anima e del corpo. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

SS. Trinità – Anno A – 7 giugno 2020

Non un Dio solitario ma comunitario



Dal Vangelo secondo Giovanni

«Dio ha tanto amato il mondo da dare il Figlio, unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna.
Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui.
Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio».



Dio vuole a tutti i costi la salvezza del mondo. Per questo non rimane chiuso nel suo intimo ma avverte la necessità d’inviare nel mondo il Figlio che si immola per la nostra redenzione e, una volta ritornato al Padre, manda lo Spirito Santo perché ci aiuti a continuare la sua opera di salvezza donandola ad ogni uomo, di ogni tempo e di ogni regione geografica. Dio non resta raggomitolato in se stesso, ha necessità di donarsi, d’essere incontrato, di donarsi ad ognuno. Se è vero che “Dio è amore”, è nella natura stessa dell’amore non rimanere prigioniero ed isolato in se stesso ma è necessario che si doni, che si apra, si partecipi. L’amore sazia e vive di se stesso ma è portatore di una necessità: deve donarsi, deve aprirsi; è una legge intrinseca a se stesso. Questo ha fatto Dio nel suo piano di salvezza del mondo intero. Non ha chiuso le porte, non è rimasto prigioniero di se stesso ma, avvertendo la necessità di donarsi, è venuto nel mondo rivelandosi per quello che è: trino nelle persone uno nella divinità.

Dio in questa scelta ha amato noi più di lui. Ha preferito noi a se stesso. Avendo creato l’uomo si è impegnato ad amarlo, rispettandolo nella sua libertà, che esprime al suo massimo grado, anche non accettando Dio, non accogliendolo, ma non per questo cessa di amarlo, anzi lo insegue, mendica il suo amore, la sua corrispondenza. Porta fino alle conseguenze, estremamente positive, l’amore: darsi sempre, darsi tutto, darsi immeritatamente, darsi a fondo perduto. Amare per amore. Amare da morire e morire d’amore.

“Dio non ha mandato il Figlio per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato”. La Trinità non è qualcosa da comprendere mentalmente, come fosse una filosofia, ma una salvezza da ricevere, in cui credere, a cui abbandonarsi. E’, ancora una volta non dare, neppure l’assenso della mente, ma ricevere la forza per rialzarsi, accogliere la buona notizia che non siamo destinati a soccombere al nostro egoismo, alle nostre ferite, alle nostre chiusure, ma ad accettare che qualcuno ci salva, ci tiene in vita, alimenta la nostra speranza. Il nostro è un Dio che tende sempre la mano per dare e verso di lui dobbiamo solo allungare le nostre per ricevere, se poi apriamo il cuore sperimenteremo la consolazione della sua paternità, il balsamo delle sue parole rassicuranti e risanatrici perché intrise di attenzioni, rivelatrici del suo amore e capaci di donarsi in un moto perpetuo di gratuità assoluta e immeritata, ma proprio per questo manifestatrici del suo amore e della sua tenerezza viscerale per ognuno di noi.

In virtù del fatto che Dio è perfetto e bastevole in se stesso, ha traboccato verso gli uomini la sua ricchezza partecipandola e donandola. Lui assimila e trasforma tutto di noi per farci assomigliare a sé. Quindi come da lui, gratuitamente riceviamo, così, come lui, gratuitamente dobbiamo dare chiamando gli altri a condividere con noi ciò che da lui abbiamo ricevuto. Non possiamo essere solitari, la nostra vocazione, come la natura di Dio è, strutturalmente, comunitaria. Questa è l’unica legge dell’amore: non chiudersi nei recinti, ma allargare continuamente i paletti.



Fratelli carissimi,
rivolgiamo la nostra unanime preghiera a Dio Padre,
che ha rivelato al mondo il suo grande amore
nel dono del Figlio unigenito e dello Spirito Santo.

R. Signore Dio nostro, ascoltaci.

Per la santa Chiesa,
perché attesti al mondo intero la sua realtà di popolo di Dio,
convocato dall’amore del Padre, per mezzo di Cristo,
nella comunione di un solo Spirito, preghiamo. R.

Per tutti i popoli della terra,
perché illuminati dalla sapienza dello Spirito
riconoscano in Gesù Cristo l’inviato del Padre,
e siano radunati nell’unica Chiesa, preghiamo. R.

Per tutti coloro che sono nella sofferenza e nella prova,
perché sperimentino l’amore del Padre
e la presenza consolante dello Spirito di Cristo, preghiamo. R.

Per tutti gli uomini
lacerati e sconvolti dalle violenze e dai conflitti,
perché mediante l’azione dello Spirito
si sentano figli dell’unico Padre e fratelli in Cristo,
che nel suo sangue ha fatto pace fra cielo e terra, preghiamo. R.

Per noi qui presenti,
perché la grazia del Battesimo,
conferitoci nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo,
cresca e fruttifichi con un’adesione sempre più convinta e operosa, preghiamo. R.

Guarda, o Padre, al volto del tuo Figlio,
e accogli la preghiera di questa tua famiglia,
perché fortificata dal dono dello Spirito,
diventi segno e primizia dell’umanità
partecipe del mistero uno e trino del tuo amore.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



Signore Dio nostro, la comunione al tuo sacramento, e la professione della nostra fede in te, unico Dio in tre persone, ci sia pegno di salvezza dell’anima e del corpo. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
291FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
640FollowerSegui
140IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Libri consigliati

Il Vangelo di Marco

Attualità del decalogo

Le ultime parole del Crocifisso

Teilhard, rivoluzione teologica

Le sette parole di Maria

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x