7.5 C
Roma
Dom, 18 Aprile 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiPapa“Spegniamo tv e radio e pensiamo alla vita. Scopriremo Dio”

“Spegniamo tv e radio e pensiamo alla vita. Scopriremo Dio”

- Advertisement -

Il Papa a Santa Marta: «Se facciamo questo, in mezzo alle cose brutte» si potrà vedere «la bellezza della speranza del Signore. E tutti saremo pieni di gioia»

DOMENICO AGASSO JR
CITTÀ DEL VATICANO

Bastano 5 minuti per vedere la «bellezza della speranza di Dio». Semplicemente stando «seduti, senza radio, senza tv, e pensare alla propria storia: le benedizioni e i guai, tutto. In mezzo alle cose brutte, se oggi facciamo questo, scopriremo l’amore di Dio, la sua misericordia». In questo modo, «tutti noi saremo pieni di gioia». È l’invito di papa Francesco, lanciato nell’omelia di questa mattina, 6 aprile 2017, nella Cappella di Casa Santa Marta. 

 

 

Il Pontefice – riporta Radio Vaticana – sottolinea che il Signore è sempre fedelealla Sua alleanza: lo è con Abramo e alla salvezza promessa in suo Figlio Gesù Cristo.  

 

Abramo è al centro della liturgia di oggi: nella Prima lettura si racconta dell’alleanza che Dio compie con lui, chiamato «padre» da Gesù e dai farisei, nel Vangelo odierno, perché è la persona che incomincia a generare «questo popolo che oggi è la Chiesa». Il «fondatore» si fida e obbedisce quando è chiamato ad andarsene in un’altra terra che riceverà in eredità. Sperimenta così che il Signore non inganna. Lui ha fede e speranza, crede quando gli viene comunicato che avrà un figlio «a 100 anni» nonostante «la moglie sterile»: «Credette contro ogni speranza».  

 

Rileva Francesco: «Se qualcuno cercasse di fare la descrizione della vita di Abramo, potrebbe dire: “Questo è un sognatore”». Ha un sogno speciale, «quel sogno della speranza», non da matto. 

 

E non sono finite le sue prove: «Dopo avere avuto il figlio, figlio ragazzo, adolescente, gli viene chiesto di offrirlo in sacrificio: obbedì e andò avanti contro ogni speranza. E questo – evidenzia il Vescovo di Roma – è nostro padre Abramo, che va avanti, avanti, avanti, e quando Gesù dice che Abramo vide il suo giorno, vide Gesù, fu pieno di gioia. Sì: vide in promessa quello e quella gioia di vedere la pienezza della promessa dell’alleanza, la gioia di vedere che Dio non lo aveva ingannato, che Dio è sempre fedele alla sua alleanza». 

 

Per il Papa, tutto ciò è come quando si pensa al proprio padre che se ne è andato, e si ricordano «le cose buone di papà» e si pensa: «Ma è grande papà!».  

 

Continua il Pontefice: il patto, da parte di Abramo, consiste nell’obbedienza continua. «Sempre». Dall’altra parte, il Signore promette di renderlo «padre di una moltitudine di nazioni. Non ti chiamerai più Abram ma Abramo», lo informa. E Abramo Gli crede. Sempre. 

 

Inoltre nella Genesi Dio gli dice che la sua discendenza sarà numerosa come le stelle del cielo e la sabbia che è in riva del mare. Ecco che così oggi ognuno può dire: «Io sono una di quelle stelle. Io sono un granello della sabbia».  

 

Il Papa prosegue spiegando che tra Abramo e gli uomini di ogni epoca c’è l’altra storia: quella del Signore Padre dei Cieli e di Gesù Suo Figlio, che per questo motivo afferma ai farisei che Abramo ha esultato nella speranza di vedere il «mio giorno. Lo vide e fu pieno di gioia». Questo è proprio il messaggio cristiano per eccellenza. Perciò, la Chiesa esorta oggi a fermarsi un momento e a «guardare» le «nostre radici, nostro padre» che «ci ha fatto popolo, cielo pieno di stelle, spiagge piene di granelli di sabbia».  

 

Il consiglio papale è «guardare la storia», perché «io non sono solo, sono un popolo. Andiamo insieme. La Chiesa è un popolo». Ma non un popolo qualunque, è quello «sognato da Dio, un popolo che ha dato un padre sulla Terra che obbedì, e abbiamo un fratello che ha dato la sua vita per noi, per farci popolo. E così possiamo guardare il Padre, ringraziare; guardare Gesù, ringraziare; e guardare Abramo e noi, che siamo parte del cammino».  

 

Il Papa desidera per tutti che oggi sia «un giorno di memoria», ponendo un accento: «In questa grande storia, nella cornice di Dio e Gesù, c’è la piccola storia di ognuno di noi».  

 

Ecco l’appello: «Vi invito a prendere, oggi, cinque minuti, dieci minuti, seduti, senza radio, senza tv; seduti, e pensare alla propria storia: le benedizioni e i guai, tutto. Le grazie e i peccati: tutto. E guardare lì la fedeltà di quel Dio che è rimasto fedele alla sua alleanza, è rimasto fedele alla promessa che aveva fatto ad Abramo, è rimasto fedele alla salvezza che aveva promesso in suo Figlio Gesù. Sono sicuro che in mezzo alle cose forse brutte – perché tutti ne abbiamo, tante cose brutte, nella vita – se oggi facciamo questo, scopriremo la bellezza dell’amore di Dio, la bellezza della sua misericordia, la bellezza della speranza. E sono sicuro – conclude – che tutti noi saremo pieni di gioia».  

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

“Spegniamo tv e radio e pensiamo alla vita. Scopriremo Dio”

- Advertisement -

Il Papa a Santa Marta: «Se facciamo questo, in mezzo alle cose brutte» si potrà vedere «la bellezza della speranza del Signore. E tutti saremo pieni di gioia»

DOMENICO AGASSO JR
CITTÀ DEL VATICANO

Bastano 5 minuti per vedere la «bellezza della speranza di Dio». Semplicemente stando «seduti, senza radio, senza tv, e pensare alla propria storia: le benedizioni e i guai, tutto. In mezzo alle cose brutte, se oggi facciamo questo, scopriremo l’amore di Dio, la sua misericordia». In questo modo, «tutti noi saremo pieni di gioia». È l’invito di papa Francesco, lanciato nell’omelia di questa mattina, 6 aprile 2017, nella Cappella di Casa Santa Marta. 

 

 

Il Pontefice – riporta Radio Vaticana – sottolinea che il Signore è sempre fedelealla Sua alleanza: lo è con Abramo e alla salvezza promessa in suo Figlio Gesù Cristo.  

- Advertisement -

 

Abramo è al centro della liturgia di oggi: nella Prima lettura si racconta dell’alleanza che Dio compie con lui, chiamato «padre» da Gesù e dai farisei, nel Vangelo odierno, perché è la persona che incomincia a generare «questo popolo che oggi è la Chiesa». Il «fondatore» si fida e obbedisce quando è chiamato ad andarsene in un’altra terra che riceverà in eredità. Sperimenta così che il Signore non inganna. Lui ha fede e speranza, crede quando gli viene comunicato che avrà un figlio «a 100 anni» nonostante «la moglie sterile»: «Credette contro ogni speranza».  

 

Rileva Francesco: «Se qualcuno cercasse di fare la descrizione della vita di Abramo, potrebbe dire: “Questo è un sognatore”». Ha un sogno speciale, «quel sogno della speranza», non da matto. 

 

E non sono finite le sue prove: «Dopo avere avuto il figlio, figlio ragazzo, adolescente, gli viene chiesto di offrirlo in sacrificio: obbedì e andò avanti contro ogni speranza. E questo – evidenzia il Vescovo di Roma – è nostro padre Abramo, che va avanti, avanti, avanti, e quando Gesù dice che Abramo vide il suo giorno, vide Gesù, fu pieno di gioia. Sì: vide in promessa quello e quella gioia di vedere la pienezza della promessa dell’alleanza, la gioia di vedere che Dio non lo aveva ingannato, che Dio è sempre fedele alla sua alleanza». 

 

Per il Papa, tutto ciò è come quando si pensa al proprio padre che se ne è andato, e si ricordano «le cose buone di papà» e si pensa: «Ma è grande papà!».  

 

Continua il Pontefice: il patto, da parte di Abramo, consiste nell’obbedienza continua. «Sempre». Dall’altra parte, il Signore promette di renderlo «padre di una moltitudine di nazioni. Non ti chiamerai più Abram ma Abramo», lo informa. E Abramo Gli crede. Sempre. 

 

Inoltre nella Genesi Dio gli dice che la sua discendenza sarà numerosa come le stelle del cielo e la sabbia che è in riva del mare. Ecco che così oggi ognuno può dire: «Io sono una di quelle stelle. Io sono un granello della sabbia».  

 

Il Papa prosegue spiegando che tra Abramo e gli uomini di ogni epoca c’è l’altra storia: quella del Signore Padre dei Cieli e di Gesù Suo Figlio, che per questo motivo afferma ai farisei che Abramo ha esultato nella speranza di vedere il «mio giorno. Lo vide e fu pieno di gioia». Questo è proprio il messaggio cristiano per eccellenza. Perciò, la Chiesa esorta oggi a fermarsi un momento e a «guardare» le «nostre radici, nostro padre» che «ci ha fatto popolo, cielo pieno di stelle, spiagge piene di granelli di sabbia».  

 

Il consiglio papale è «guardare la storia», perché «io non sono solo, sono un popolo. Andiamo insieme. La Chiesa è un popolo». Ma non un popolo qualunque, è quello «sognato da Dio, un popolo che ha dato un padre sulla Terra che obbedì, e abbiamo un fratello che ha dato la sua vita per noi, per farci popolo. E così possiamo guardare il Padre, ringraziare; guardare Gesù, ringraziare; e guardare Abramo e noi, che siamo parte del cammino».  

 

Il Papa desidera per tutti che oggi sia «un giorno di memoria», ponendo un accento: «In questa grande storia, nella cornice di Dio e Gesù, c’è la piccola storia di ognuno di noi».  

 

Ecco l’appello: «Vi invito a prendere, oggi, cinque minuti, dieci minuti, seduti, senza radio, senza tv; seduti, e pensare alla propria storia: le benedizioni e i guai, tutto. Le grazie e i peccati: tutto. E guardare lì la fedeltà di quel Dio che è rimasto fedele alla sua alleanza, è rimasto fedele alla promessa che aveva fatto ad Abramo, è rimasto fedele alla salvezza che aveva promesso in suo Figlio Gesù. Sono sicuro che in mezzo alle cose forse brutte – perché tutti ne abbiamo, tante cose brutte, nella vita – se oggi facciamo questo, scopriremo la bellezza dell’amore di Dio, la bellezza della sua misericordia, la bellezza della speranza. E sono sicuro – conclude – che tutti noi saremo pieni di gioia».  

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
647FollowerSegui
226IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x