17.8 C
Roma
Dom, 16 Maggio 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiVita cristianaSono peccati i miei pensieri contro la religione?

Sono peccati i miei pensieri contro la religione?

Chi soffre di problemi depressivi e disturbi ossessivi compulsivi ha degli "alibi" legati alla malattia

- Advertisement -

Chi soffre di problemi depressivi e disturbi ossessivi compulsivi ha degli “alibi” legati alla malattia

Un lettore ci scrive:

“Buongiorno, mi chiamo Nicholas, ho 31 e sono tornato da un po’ di anni alla fede cattolica. Vorrei porvi una domanda su una questione molto seria che mi riguarda e della quale non riesco a parlarne con i sacerdoti della mia parrocchia. Sono depresso e in cura sia psichiatrica che farmacologica, poiché alla depressione associo anche dei deliri. Mi sta seguendo una specialista. Alcune volte ho delle crisi durante le quali dico o penso cose contro la religione. Io mi confesso spesso (in media ogni due settimane o ogni 20 giorni), ma mi continuo a chiedere se dove confessare queste crisi e soprattutto se esse sono peccati”.

Il teologo morale Don Mauro Cozzoli, raggiunto da Aleteia, è laconico: «La depressione è una malattia, la quale è un male fisico: non è un male morale e quindi un peccato. Perciò tali affermazioni contro la religione non vanno confessate. Questi pensieri, nella misura in cui non sono voluti e coltivati, ma vengono spontaneamente, non sono peccati». Il parlare in maniera lucida contro la religione, invece, «può configurare un peccato».

Lo psichiatra Emiliano Lambiase evidenzia che una descrizione simile a quella del nostro lettore, configurerebbe «un disturbo ossessivo compulsivo a contenuto religioso, che porta la mente ad avere una serie di pensieri ossessivi e di compulsioni comportamentali che possono essere di vario tipo, incluso, appunto quello religioso».

«Sarebbe importante comprendere – prosegue lo psichiatra – il contenuto di questi pensieri e di queste parole che si sente costretto a dire, così come dei deliri (lo sono veramente? O sono solo dei pensieri così distaccati dalla realtà che gli sembrano deliri? Anche la frequenza della confessione, e il dubbio morale sembra far propendere per un disturbo ossessivo». In ogni caso si prefigura un’assenza di lucidità nel momento in cui il ragazzo si esprime duramente contro il credo cristiano.

Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Sono peccati i miei pensieri contro la religione?

Chi soffre di problemi depressivi e disturbi ossessivi compulsivi ha degli "alibi" legati alla malattia

- Advertisement -

Chi soffre di problemi depressivi e disturbi ossessivi compulsivi ha degli “alibi” legati alla malattia

Un lettore ci scrive:

“Buongiorno, mi chiamo Nicholas, ho 31 e sono tornato da un po’ di anni alla fede cattolica. Vorrei porvi una domanda su una questione molto seria che mi riguarda e della quale non riesco a parlarne con i sacerdoti della mia parrocchia. Sono depresso e in cura sia psichiatrica che farmacologica, poiché alla depressione associo anche dei deliri. Mi sta seguendo una specialista. Alcune volte ho delle crisi durante le quali dico o penso cose contro la religione. Io mi confesso spesso (in media ogni due settimane o ogni 20 giorni), ma mi continuo a chiedere se dove confessare queste crisi e soprattutto se esse sono peccati”.

Il teologo morale Don Mauro Cozzoli, raggiunto da Aleteia, è laconico: «La depressione è una malattia, la quale è un male fisico: non è un male morale e quindi un peccato. Perciò tali affermazioni contro la religione non vanno confessate. Questi pensieri, nella misura in cui non sono voluti e coltivati, ma vengono spontaneamente, non sono peccati». Il parlare in maniera lucida contro la religione, invece, «può configurare un peccato».

Lo psichiatra Emiliano Lambiase evidenzia che una descrizione simile a quella del nostro lettore, configurerebbe «un disturbo ossessivo compulsivo a contenuto religioso, che porta la mente ad avere una serie di pensieri ossessivi e di compulsioni comportamentali che possono essere di vario tipo, incluso, appunto quello religioso».

«Sarebbe importante comprendere – prosegue lo psichiatra – il contenuto di questi pensieri e di queste parole che si sente costretto a dire, così come dei deliri (lo sono veramente? O sono solo dei pensieri così distaccati dalla realtà che gli sembrano deliri? Anche la frequenza della confessione, e il dubbio morale sembra far propendere per un disturbo ossessivo». In ogni caso si prefigura un’assenza di lucidità nel momento in cui il ragazzo si esprime duramente contro il credo cristiano.

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
650FollowerSegui
303IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Palumbo: La misericordia di Dio

“Se Dio è amore, tutto è amore”

Seneca, tra libertà e suicidio

La Shoah alla luce del Sinai

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x