8.1 C
Rome
Mar, 10 Dicembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno C Solennità di Tutti i Santi - Anno C - 1 novembre 2019

Solennità di Tutti i Santi – Anno C – 1 novembre 2019

Il paradiso è pieno non di uomini perfetti ma di peccatori perdonati






    Dal Vangelo secondo Matteo

    “In quel tempo, vedendo le folle, Gesù salì sul monte: si pose a sedere e si avvicinarono a lui i suoi discepoli. Si mise a parlare e insegnava loro dicendo:
    «Beati i poveri in spirito,
    perché di essi è il regno dei cieli.
    Beati quelli che sono nel pianto,
    perché saranno consolati.
    Beati i miti,
    perché avranno in eredità la terra.
    Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia,
    perché saranno saziati.
    Beati i misericordiosi,
    perché troveranno misericordia.
    Beati i puri di cuore,
    perché vedranno Dio.
    Beati gli operatori di pace,
    perché saranno chiamati figli di Dio.
    Beati i perseguitati per la giustizia,
    perché di essi è il regno dei cieli.
    Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli»”.




    «Credo la Chiesa una, santa, cattolica…». Questa affermazione è patrimonio della fede della chiesa ed è una vocazione alla quale siamo tutti chiamati attraverso il Battesimo che ci ha resi santi. Si potrebbe affermare che la vita del cristiano consiste nel “custodire” questa santità  depositata nel cuore di ogni figlio di Dio. Si nasce santi alla vita della chiesa attraverso il battesimo, dunque, la santità consiste nel non disperdere, depauperare questo tesoro, questo dono, questa condizione. La santità non è una condizione o un’aspirazione elitaria ma normale, comune, semplice, ordinaria condizione del battezzato. E’ la tensione che deve esserci nel cuore di ogni uomo che ha conosciuto e sperimentato la paternità di Dio. Dobbiamo essere il sale che conserva ciò che si è ricevuto in dono, la fiamma difesa dal soffio che la uccide perché possa illuminare.

    Molti cristiani, oggi, sono spiritualmente infartuati, eclissati. E’ tempo di curarsi dall’infarto spirituale! La grazia che ti cambia dentro c’è per tutti nel ravvedimento, nel riconoscersi peccatori. “Ma la Chiesa è formata da peccatori, lo vediamo ogni giorno. E questo è vero: siamo una Chiesa di peccatori; e noi peccatori siamo chiamati a lasciarci trasformare, rinnovare, santificare da Dio. C’è stata nella storia la tentazione di alcuni che affermavano: la Chiesa è solo la Chiesa dei puri, di quelli che sono totalmente coerenti, e gli altri vanno allontanati. Questo non è vero! Questa è un’eresia! La Chiesa, che è santa, non rifiuta i peccatori; non rifiuta tutti noi; non rifiuta perché chiama tutti, li accoglie, è aperta anche ai più lontani, chiama tutti a lasciarsi avvolgere dalla misericordia, dalla tenerezza e dal perdono del Padre, che offre a tutti la possibilità di incontrarlo, di camminare verso la santità. “Mah! Padre, io sono un peccatore, ho grandi peccati, come posso sentirmi parte della Chiesa?”. Caro fratello, cara sorella, è proprio questo che desidera il Signore; che tu gli dica: “Signore sono qui, con i miei peccati”. Qualcuno di voi è qui senza i propri peccati? Qualcuno di voi? Nessuno, nessuno di noi. Tutti portiamo con noi i nostri peccati. Ma il Signore vuole sentire che gli diciamo: “Perdonami, aiutami a camminare, trasforma il mio cuore!”. E il Signore può trasformare il cuore. Nella Chiesa, il Dio che incontriamo non è un giudice spietato, ma è come il Padre della parabola evangelica (Papa Francesco).

    In questo consiste la santità, non nell’essere perfetti ma nel ricercare ed accogliere il perdono di Dio. Il paradiso è pieno non di persone perfette ma di peccatori perdonati. Allora c’è posto per tutti.




    Celebrando oggi il consolante mistero della comunione dei santi,
    rivolgiamo con piena fiducia le nostre suppliche
    a colui che può esaudirci
    al di sopra di ogni nostro desiderio e di ogni nostro merito.

    R. Santifica la tua Chiesa, Signore.

    Padre santo, che sei in te stesso comunione di amore,
    benedici la Chiesa radunata nel tuo nome
    e rendila santa e santificatrice con i doni del tuo Spirito. R.

    Padre misericordioso,
    abbi pietà delle moltitudini che ancora non conoscono il tuo nome,
    e rivela ad ogni uomo la vocazione alla santità. R.

    Padre buono,
    benedici la famiglia, Chiesa domestica,
    perché realizzi al suo interno
    il modello dell’umanità riconciliata nell’amore
    e irradi intorno a sè il vangelo di pace. R.

    Padre dei poveri,
    suscita in mezzo a noi anime grandi,
    che sull’esempio dei santi sappiano spogliarsi dei beni della terra
    per rivestirsi del Cristo tuo Figlio. R.

    Dio glorioso, che chiami tutti i tuoi figli ad essere santi e immacolati nell’amore,
    per l’intercessione di Maria, regina di tutti i santi,
    converti i peccatori, conferma i credenti
    e accogli i nostri fratelli defunti nella santa Gerusalemme. R.

    Dio fedele,
    che in Cristo tuo Figlio
    ci hai dato il maestro e il modello di ogni santità,
    fà che vivendo nello spirito delle beatitudini,
    giungiamo a cantare in eterno il cantico nuovo
    nell’assemblea dei tuoi eletti.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    O Padre, unica fonte di ogni santità, mirabile in tutti i i tuoi Santi, fa’ che raggiungiamo anche noi la pienezza del tuo amore, per passare da questa mensa eucaristica, che ci sostiene nel pellegrinaggio terreno, al festoso banchetto del cielo. Per Cristo nostro Signore.








    Dal Vangelo secondo Matteo

    “In quel tempo, vedendo le folle, Gesù salì sul monte: si pose a sedere e si avvicinarono a lui i suoi discepoli. Si mise a parlare e insegnava loro dicendo:
    «Beati i poveri in spirito,
    perché di essi è il regno dei cieli.
    Beati quelli che sono nel pianto,
    perché saranno consolati.
    Beati i miti,
    perché avranno in eredità la terra.
    Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia,
    perché saranno saziati.
    Beati i misericordiosi,
    perché troveranno misericordia.
    Beati i puri di cuore,
    perché vedranno Dio.
    Beati gli operatori di pace,
    perché saranno chiamati figli di Dio.
    Beati i perseguitati per la giustizia,
    perché di essi è il regno dei cieli.
    Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli»”.




    «Credo la Chiesa una, santa, cattolica…». Questa affermazione è patrimonio della fede della chiesa ed è una vocazione alla quale siamo tutti chiamati attraverso il Battesimo che ci ha resi santi. Si potrebbe affermare che la vita del cristiano consiste nel “custodire” questa santità  depositata nel cuore di ogni figlio di Dio. Si nasce santi alla vita della chiesa attraverso il battesimo, dunque, la santità consiste nel non disperdere, depauperare questo tesoro, questo dono, questa condizione. La santità non è una condizione o un’aspirazione elitaria ma normale, comune, semplice, ordinaria condizione del battezzato. E’ la tensione che deve esserci nel cuore di ogni uomo che ha conosciuto e sperimentato la paternità di Dio. Dobbiamo essere il sale che conserva ciò che si è ricevuto in dono, la fiamma difesa dal soffio che la uccide perché possa illuminare.

    Molti cristiani, oggi, sono spiritualmente infartuati, eclissati. E’ tempo di curarsi dall’infarto spirituale! La grazia che ti cambia dentro c’è per tutti nel ravvedimento, nel riconoscersi peccatori. “Ma la Chiesa è formata da peccatori, lo vediamo ogni giorno. E questo è vero: siamo una Chiesa di peccatori; e noi peccatori siamo chiamati a lasciarci trasformare, rinnovare, santificare da Dio. C’è stata nella storia la tentazione di alcuni che affermavano: la Chiesa è solo la Chiesa dei puri, di quelli che sono totalmente coerenti, e gli altri vanno allontanati. Questo non è vero! Questa è un’eresia! La Chiesa, che è santa, non rifiuta i peccatori; non rifiuta tutti noi; non rifiuta perché chiama tutti, li accoglie, è aperta anche ai più lontani, chiama tutti a lasciarsi avvolgere dalla misericordia, dalla tenerezza e dal perdono del Padre, che offre a tutti la possibilità di incontrarlo, di camminare verso la santità. “Mah! Padre, io sono un peccatore, ho grandi peccati, come posso sentirmi parte della Chiesa?”. Caro fratello, cara sorella, è proprio questo che desidera il Signore; che tu gli dica: “Signore sono qui, con i miei peccati”. Qualcuno di voi è qui senza i propri peccati? Qualcuno di voi? Nessuno, nessuno di noi. Tutti portiamo con noi i nostri peccati. Ma il Signore vuole sentire che gli diciamo: “Perdonami, aiutami a camminare, trasforma il mio cuore!”. E il Signore può trasformare il cuore. Nella Chiesa, il Dio che incontriamo non è un giudice spietato, ma è come il Padre della parabola evangelica (Papa Francesco).

    In questo consiste la santità, non nell’essere perfetti ma nel ricercare ed accogliere il perdono di Dio. Il paradiso è pieno non di persone perfette ma di peccatori perdonati. Allora c’è posto per tutti.




    Celebrando oggi il consolante mistero della comunione dei santi,
    rivolgiamo con piena fiducia le nostre suppliche
    a colui che può esaudirci
    al di sopra di ogni nostro desiderio e di ogni nostro merito.

    R. Santifica la tua Chiesa, Signore.

    Padre santo, che sei in te stesso comunione di amore,
    benedici la Chiesa radunata nel tuo nome
    e rendila santa e santificatrice con i doni del tuo Spirito. R.

    Padre misericordioso,
    abbi pietà delle moltitudini che ancora non conoscono il tuo nome,
    e rivela ad ogni uomo la vocazione alla santità. R.

    Padre buono,
    benedici la famiglia, Chiesa domestica,
    perché realizzi al suo interno
    il modello dell’umanità riconciliata nell’amore
    e irradi intorno a sè il vangelo di pace. R.

    Padre dei poveri,
    suscita in mezzo a noi anime grandi,
    che sull’esempio dei santi sappiano spogliarsi dei beni della terra
    per rivestirsi del Cristo tuo Figlio. R.

    Dio glorioso, che chiami tutti i tuoi figli ad essere santi e immacolati nell’amore,
    per l’intercessione di Maria, regina di tutti i santi,
    converti i peccatori, conferma i credenti
    e accogli i nostri fratelli defunti nella santa Gerusalemme. R.

    Dio fedele,
    che in Cristo tuo Figlio
    ci hai dato il maestro e il modello di ogni santità,
    fà che vivendo nello spirito delle beatitudini,
    giungiamo a cantare in eterno il cantico nuovo
    nell’assemblea dei tuoi eletti.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    O Padre, unica fonte di ogni santità, mirabile in tutti i i tuoi Santi, fa’ che raggiungiamo anche noi la pienezza del tuo amore, per passare da questa mensa eucaristica, che ci sostiene nel pellegrinaggio terreno, al festoso banchetto del cielo. Per Cristo nostro Signore.



Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Solennità di Tutti i Santi – Anno C – 1 novembre 2019

Il paradiso è pieno non di uomini perfetti ma di peccatori perdonati






    Dal Vangelo secondo Matteo

    “In quel tempo, vedendo le folle, Gesù salì sul monte: si pose a sedere e si avvicinarono a lui i suoi discepoli. Si mise a parlare e insegnava loro dicendo:
    «Beati i poveri in spirito,
    perché di essi è il regno dei cieli.
    Beati quelli che sono nel pianto,
    perché saranno consolati.
    Beati i miti,
    perché avranno in eredità la terra.
    Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia,
    perché saranno saziati.
    Beati i misericordiosi,
    perché troveranno misericordia.
    Beati i puri di cuore,
    perché vedranno Dio.
    Beati gli operatori di pace,
    perché saranno chiamati figli di Dio.
    Beati i perseguitati per la giustizia,
    perché di essi è il regno dei cieli.
    Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli»”.




    «Credo la Chiesa una, santa, cattolica…». Questa affermazione è patrimonio della fede della chiesa ed è una vocazione alla quale siamo tutti chiamati attraverso il Battesimo che ci ha resi santi. Si potrebbe affermare che la vita del cristiano consiste nel “custodire” questa santità  depositata nel cuore di ogni figlio di Dio. Si nasce santi alla vita della chiesa attraverso il battesimo, dunque, la santità consiste nel non disperdere, depauperare questo tesoro, questo dono, questa condizione. La santità non è una condizione o un’aspirazione elitaria ma normale, comune, semplice, ordinaria condizione del battezzato. E’ la tensione che deve esserci nel cuore di ogni uomo che ha conosciuto e sperimentato la paternità di Dio. Dobbiamo essere il sale che conserva ciò che si è ricevuto in dono, la fiamma difesa dal soffio che la uccide perché possa illuminare.

    Molti cristiani, oggi, sono spiritualmente infartuati, eclissati. E’ tempo di curarsi dall’infarto spirituale! La grazia che ti cambia dentro c’è per tutti nel ravvedimento, nel riconoscersi peccatori. “Ma la Chiesa è formata da peccatori, lo vediamo ogni giorno. E questo è vero: siamo una Chiesa di peccatori; e noi peccatori siamo chiamati a lasciarci trasformare, rinnovare, santificare da Dio. C’è stata nella storia la tentazione di alcuni che affermavano: la Chiesa è solo la Chiesa dei puri, di quelli che sono totalmente coerenti, e gli altri vanno allontanati. Questo non è vero! Questa è un’eresia! La Chiesa, che è santa, non rifiuta i peccatori; non rifiuta tutti noi; non rifiuta perché chiama tutti, li accoglie, è aperta anche ai più lontani, chiama tutti a lasciarsi avvolgere dalla misericordia, dalla tenerezza e dal perdono del Padre, che offre a tutti la possibilità di incontrarlo, di camminare verso la santità. “Mah! Padre, io sono un peccatore, ho grandi peccati, come posso sentirmi parte della Chiesa?”. Caro fratello, cara sorella, è proprio questo che desidera il Signore; che tu gli dica: “Signore sono qui, con i miei peccati”. Qualcuno di voi è qui senza i propri peccati? Qualcuno di voi? Nessuno, nessuno di noi. Tutti portiamo con noi i nostri peccati. Ma il Signore vuole sentire che gli diciamo: “Perdonami, aiutami a camminare, trasforma il mio cuore!”. E il Signore può trasformare il cuore. Nella Chiesa, il Dio che incontriamo non è un giudice spietato, ma è come il Padre della parabola evangelica (Papa Francesco).

    In questo consiste la santità, non nell’essere perfetti ma nel ricercare ed accogliere il perdono di Dio. Il paradiso è pieno non di persone perfette ma di peccatori perdonati. Allora c’è posto per tutti.




    Celebrando oggi il consolante mistero della comunione dei santi,
    rivolgiamo con piena fiducia le nostre suppliche
    a colui che può esaudirci
    al di sopra di ogni nostro desiderio e di ogni nostro merito.

    R. Santifica la tua Chiesa, Signore.

    Padre santo, che sei in te stesso comunione di amore,
    benedici la Chiesa radunata nel tuo nome
    e rendila santa e santificatrice con i doni del tuo Spirito. R.

    Padre misericordioso,
    abbi pietà delle moltitudini che ancora non conoscono il tuo nome,
    e rivela ad ogni uomo la vocazione alla santità. R.

    Padre buono,
    benedici la famiglia, Chiesa domestica,
    perché realizzi al suo interno
    il modello dell’umanità riconciliata nell’amore
    e irradi intorno a sè il vangelo di pace. R.

    Padre dei poveri,
    suscita in mezzo a noi anime grandi,
    che sull’esempio dei santi sappiano spogliarsi dei beni della terra
    per rivestirsi del Cristo tuo Figlio. R.

    Dio glorioso, che chiami tutti i tuoi figli ad essere santi e immacolati nell’amore,
    per l’intercessione di Maria, regina di tutti i santi,
    converti i peccatori, conferma i credenti
    e accogli i nostri fratelli defunti nella santa Gerusalemme. R.

    Dio fedele,
    che in Cristo tuo Figlio
    ci hai dato il maestro e il modello di ogni santità,
    fà che vivendo nello spirito delle beatitudini,
    giungiamo a cantare in eterno il cantico nuovo
    nell’assemblea dei tuoi eletti.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    O Padre, unica fonte di ogni santità, mirabile in tutti i i tuoi Santi, fa’ che raggiungiamo anche noi la pienezza del tuo amore, per passare da questa mensa eucaristica, che ci sostiene nel pellegrinaggio terreno, al festoso banchetto del cielo. Per Cristo nostro Signore.



Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
279FansMi piace
873FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

I “beati” dell’Apocalisse

La tenerezza nel vangelo di Marco

Ri-innamorarsi

Paolo apostolo: vita e teologia

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO