19.5 C
Roma
Mer, 23 Settembre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Spiritualità Quando soffri di solitudine, la tua fede ha due opzioni

Quando soffri di solitudine, la tua fede ha due opzioni

Spiritualità

- Advertisement -

Sono pronto a soffrire per l’oblio e l’odio ingiusto?

Domenica molti sostenevano Gesù e lo acclamavano con rami e canti, ma qualche giorno dopo, il Giovedì Santo, quando cade la notte lo lasciano solo.

Gesù sperimenta allora la solitudine più assoluta: “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?” Soffre l’abbandono, l’umiliazione. Nel dolore di tanta solitudine si trova da solo con suo Padre.

E nel suo cuore vive ciò che spiega il profeta:

“Il Signore Dio mi ha aperto l’orecchio e io non ho opposto resistenza, non mi sono tirato indietro. Ho presentato il dorso ai flagellatori, la guancia a coloro che mi strappavano la barba; non ho sottratto la faccia agli insulti e agli sputi. Il Signore Dio mi assiste, per questo non resto confuso, per questo rendo la mia faccia dura come pietra, sapendo di non restare deluso” (Isaia 50, 5-7).

Si dona completamente senza opporre resistenza, e in questo abbassamento Dio gli va incontro:

“Non considerò un tesoro geloso la sua uguaglianza con Dio; ma spogliò se stesso, assumendo la condizione di servo e divenendo simile agli uomini; apparso in forma umana, umiliò se stesso facendosi obbediente fino alla morte e alla morte di croce” (Filippesi 2, 6-8).

È stato sottoposto a una morte ignominiosa. A una croce dolorosa. Il disprezzo, l’abbandono, l’oblio.

Aveva parlato con parole piene di saggezza. Aveva guarito malattie incurabili. Aveva rinnegato se stesso per amore. E in cambio ha ricevuto solo oblio e disprezzo. “Crocifiggilo”.

E la solitudine di una notte in un cortile, nella casa di Caifa. La sua ultima notte. Pietro lo ha seguito fino a quella casa. Poi lo ha rinnegato. Sua madre e le donne gli sono rimaste fedeli. Stavano vicine e piangevano.

Tanti hanno promesso fedeltà eterna e non sono stati capaci di mantenersi saldi. Non è facile. È nella croce che verifico la profondità della mia fede, la sua maturità.

Quando tutto scorre a un ritmo cadenzato non temo nulla. La mia fede mi sostiene. Quando non capisco, tra croci ingiuste e disumane, in questi momenti di solitudine profonda alla mia fede restano solo due vie: o cresce e matura in mezzo alla prova o si incrina per sempre e smetto di credere in quel Dio che mi ha abbandonato e mi ha lasciato solo. Ha preferito altri a me.

Penso alle umiliazioni che ha subito. Umiliarsi è annullarsi. Smettere di essere importante.
Soffrire l’oblio. Il disprezzo e la critica. L’ho sperimentato?

Sono pronto a soffrire l’oblio e l’odio ingiusto? Credo di no. Non sono mai preparato. Poter passare dalla Domenica delle Palme al Venerdì Santo è difficile. Serve una grazia speciale nell’anima. Una forza che venga dall’alto.

Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Quando soffri di solitudine, la tua fede ha due opzioni

Spiritualità

  

- Advertisement -

Sono pronto a soffrire per l’oblio e l’odio ingiusto?

Domenica molti sostenevano Gesù e lo acclamavano con rami e canti, ma qualche giorno dopo, il Giovedì Santo, quando cade la notte lo lasciano solo.

Gesù sperimenta allora la solitudine più assoluta: “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?” Soffre l’abbandono, l’umiliazione. Nel dolore di tanta solitudine si trova da solo con suo Padre.

E nel suo cuore vive ciò che spiega il profeta:

“Il Signore Dio mi ha aperto l’orecchio e io non ho opposto resistenza, non mi sono tirato indietro. Ho presentato il dorso ai flagellatori, la guancia a coloro che mi strappavano la barba; non ho sottratto la faccia agli insulti e agli sputi. Il Signore Dio mi assiste, per questo non resto confuso, per questo rendo la mia faccia dura come pietra, sapendo di non restare deluso” (Isaia 50, 5-7).

- Advertisement -

Si dona completamente senza opporre resistenza, e in questo abbassamento Dio gli va incontro:

“Non considerò un tesoro geloso la sua uguaglianza con Dio; ma spogliò se stesso, assumendo la condizione di servo e divenendo simile agli uomini; apparso in forma umana, umiliò se stesso facendosi obbediente fino alla morte e alla morte di croce” (Filippesi 2, 6-8).

È stato sottoposto a una morte ignominiosa. A una croce dolorosa. Il disprezzo, l’abbandono, l’oblio.

Aveva parlato con parole piene di saggezza. Aveva guarito malattie incurabili. Aveva rinnegato se stesso per amore. E in cambio ha ricevuto solo oblio e disprezzo. “Crocifiggilo”.

E la solitudine di una notte in un cortile, nella casa di Caifa. La sua ultima notte. Pietro lo ha seguito fino a quella casa. Poi lo ha rinnegato. Sua madre e le donne gli sono rimaste fedeli. Stavano vicine e piangevano.

Tanti hanno promesso fedeltà eterna e non sono stati capaci di mantenersi saldi. Non è facile. È nella croce che verifico la profondità della mia fede, la sua maturità.

Quando tutto scorre a un ritmo cadenzato non temo nulla. La mia fede mi sostiene. Quando non capisco, tra croci ingiuste e disumane, in questi momenti di solitudine profonda alla mia fede restano solo due vie: o cresce e matura in mezzo alla prova o si incrina per sempre e smetto di credere in quel Dio che mi ha abbandonato e mi ha lasciato solo. Ha preferito altri a me.

Penso alle umiliazioni che ha subito. Umiliarsi è annullarsi. Smettere di essere importante.
Soffrire l’oblio. Il disprezzo e la critica. L’ho sperimentato?

Sono pronto a soffrire l’oblio e l’odio ingiusto? Credo di no. Non sono mai preparato. Poter passare dalla Domenica delle Palme al Venerdì Santo è difficile. Serve una grazia speciale nell’anima. Una forza che venga dall’alto.

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
285FansMi piace
975FollowerSegui
13,000FollowerSegui
632FollowerSegui
118IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x