26.7 C
Roma
Ven, 17 Settembre 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiFamiglia e Vita di CoppiaSinodo, la Chiesa in ascolto delle famiglie

Sinodo, la Chiesa in ascolto delle famiglie

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Sono entrati subito nel vivo i lavori sinodali, che si protraranno fino al 25 ottobre: lunedì, nella prima sessione dei lavori dell’assemblea, aperta da Papa Francesco domenica con la Messa e stamani con un discorso su senso e metodo del confronto, hanno preso la parola Gertrudiz Clara Rubio de Galindo e Andrés Salvador Galindo López, una coppia di sposi messicani, presenti come uditori, che hanno due figli e quattro nipoti.

Come riporta l’Osservatore Romano, hanno raccontato la loro testimonianza personale tra serie problematiche economiche, come la perdita del posto di lavoro, e l’impegno nella pastorale familiare scaturito da un pellegrinaggio al santuario mariano di Guadalupe. I due coniugi sono oggi segretari esecutivi della Commissione per la famiglia della Conferenza episcopale messicana e anche segretari del Celam per la zona del Messico-Centroamerica.

È poi intervenuto anche uno dei 258 padri sinodali presenti lunedì 5 ottobre nell’aula nuova del Sinodo. In questa fase iniziale gli interventi, che sono proseguiti nel pomeriggio e poi martedì mattina, vertono tutti sulla tematica dell’«ascolto delle sfide sulla famiglia», cioè la prima delle tre «unità di lavoro» in cui si articola l’assemblea.

A dare la parola per i primi interventi è stato il cardinale presidente delegato di turno André Vingt-Trois che, rivolgendo il saluto al Papa ha anche ricordato che l’obiettivo del Sinodo è cercare con convinzione e umiltà di far crescere la comunione, vivendo questa importante esperienza di Chiesa come un tempo di conversione.

Sono quindi intervenuti per le relazioni introduttive i cardinali Lorenzo Baldisseri, segretario generale del Sinodo dei vescovi, e Péter Erdő, relatore generale. In particolare, il segretario generale ha presentato novità e conferme della metodologia sinodale, rilanciando l’importanza dei tredici circuli minores che si riuniranno per la prima volta martedì pomeriggio. L’impegno, ha spiegato, è quello di rendere «più agile, dinamico ed efficace lo svolgimento dei lavori» proprio attraverso i circuli: infatti «il limitato numero di partecipanti e l’omogeneità linguistica consentono il dialogo franco, la condivisione delle idee, la maturazione del consenso». Nella sua relazione il segretario generale ha anche ricordato che a comporre l’assemblea è «un affresco della cattolicità in cui si riflettono la sensibilità e risuonano le voci di tutti i continenti».

- Advertisement -

Ha quindi preso la parola il relatore generale Erdo, soffermandosi sulle tre ampie linee guida che scandiscono i lavori: l’ascolto delle sfide sulla famiglia, il discernimento della vocazione familiare e la missione della famiglia oggi.

La relazione generale è stata poi presentata in tarda mattinata nella Sala stampa della Santa Sede, durante il primo briefing con i giornalisti, al quale con il direttorepadre Federico Lombardi sono intervenuti i cardinali Vingt-Trois ed Erdő el’arcivescovo Bruno Forte, segretario speciale di questo sinodo.

I lavori nell’aula sinodale sono cominciati e finiti con la preghiera presieduta dal Pontefice: alle 9 l’ora terza e alle 12.30 l’Angelus. Durante la preghiera mattutina, accompagnata dal canto del coro della Cappella sistina, il cardinale Óscar Andrés Rodríguez Maradiaga, arcivescovo di Tegucigalpa, ha tenuto l’omelia, invitando a seguire l’esortazione di san Paolo nella seconda lettera ai Corinzi (13, 11): «Siate gioiosi, tendete alla perfezione, fatevi coraggio a vicenda, abbiate gli stessi sentimenti, vivete in pace e il Dio dell’amore e della pace sarà con voi». È proprio questo spirito cristiano di gioia e di pace che deve caratterizzare i lavori dell’assemblea, ha rimarcato il porporato, perché non corrisponde certo a verità l’idea che veniamo qui come due bande opposte a difendere posizioni irriducibili. Il cardinale Rodríguez Maradiaga ha poi invitato a non cedere allo scoraggiamento di fronte agli attacchi e ai problemi della Chiesa, che non è in via di estinzione, e della famiglia. L’atteggiamento giusto è guardare avanti con coraggio, nota in conclusione l’Osservatore Romano. E in questa prospettiva si inserisce anche l’esperienza del sinodo che si rivolge a tutte le famiglie del mondo, credenti e non credenti, alle prese con diverse ideologie, contraddizioni culturali e sociali, e fragilità.

- Advertisement -
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Sinodo, la Chiesa in ascolto delle famiglie

- Advertisement -

Sono entrati subito nel vivo i lavori sinodali, che si protraranno fino al 25 ottobre: lunedì, nella prima sessione dei lavori dell’assemblea, aperta da Papa Francesco domenica con la Messa e stamani con un discorso su senso e metodo del confronto, hanno preso la parola Gertrudiz Clara Rubio de Galindo e Andrés Salvador Galindo López, una coppia di sposi messicani, presenti come uditori, che hanno due figli e quattro nipoti.

Come riporta l’Osservatore Romano, hanno raccontato la loro testimonianza personale tra serie problematiche economiche, come la perdita del posto di lavoro, e l’impegno nella pastorale familiare scaturito da un pellegrinaggio al santuario mariano di Guadalupe. I due coniugi sono oggi segretari esecutivi della Commissione per la famiglia della Conferenza episcopale messicana e anche segretari del Celam per la zona del Messico-Centroamerica.

È poi intervenuto anche uno dei 258 padri sinodali presenti lunedì 5 ottobre nell’aula nuova del Sinodo. In questa fase iniziale gli interventi, che sono proseguiti nel pomeriggio e poi martedì mattina, vertono tutti sulla tematica dell’«ascolto delle sfide sulla famiglia», cioè la prima delle tre «unità di lavoro» in cui si articola l’assemblea.

A dare la parola per i primi interventi è stato il cardinale presidente delegato di turno André Vingt-Trois che, rivolgendo il saluto al Papa ha anche ricordato che l’obiettivo del Sinodo è cercare con convinzione e umiltà di far crescere la comunione, vivendo questa importante esperienza di Chiesa come un tempo di conversione.

Sono quindi intervenuti per le relazioni introduttive i cardinali Lorenzo Baldisseri, segretario generale del Sinodo dei vescovi, e Péter Erdő, relatore generale. In particolare, il segretario generale ha presentato novità e conferme della metodologia sinodale, rilanciando l’importanza dei tredici circuli minores che si riuniranno per la prima volta martedì pomeriggio. L’impegno, ha spiegato, è quello di rendere «più agile, dinamico ed efficace lo svolgimento dei lavori» proprio attraverso i circuli: infatti «il limitato numero di partecipanti e l’omogeneità linguistica consentono il dialogo franco, la condivisione delle idee, la maturazione del consenso». Nella sua relazione il segretario generale ha anche ricordato che a comporre l’assemblea è «un affresco della cattolicità in cui si riflettono la sensibilità e risuonano le voci di tutti i continenti».

- Advertisement -

Ha quindi preso la parola il relatore generale Erdo, soffermandosi sulle tre ampie linee guida che scandiscono i lavori: l’ascolto delle sfide sulla famiglia, il discernimento della vocazione familiare e la missione della famiglia oggi.

La relazione generale è stata poi presentata in tarda mattinata nella Sala stampa della Santa Sede, durante il primo briefing con i giornalisti, al quale con il direttorepadre Federico Lombardi sono intervenuti i cardinali Vingt-Trois ed Erdő el’arcivescovo Bruno Forte, segretario speciale di questo sinodo.

I lavori nell’aula sinodale sono cominciati e finiti con la preghiera presieduta dal Pontefice: alle 9 l’ora terza e alle 12.30 l’Angelus. Durante la preghiera mattutina, accompagnata dal canto del coro della Cappella sistina, il cardinale Óscar Andrés Rodríguez Maradiaga, arcivescovo di Tegucigalpa, ha tenuto l’omelia, invitando a seguire l’esortazione di san Paolo nella seconda lettera ai Corinzi (13, 11): «Siate gioiosi, tendete alla perfezione, fatevi coraggio a vicenda, abbiate gli stessi sentimenti, vivete in pace e il Dio dell’amore e della pace sarà con voi». È proprio questo spirito cristiano di gioia e di pace che deve caratterizzare i lavori dell’assemblea, ha rimarcato il porporato, perché non corrisponde certo a verità l’idea che veniamo qui come due bande opposte a difendere posizioni irriducibili. Il cardinale Rodríguez Maradiaga ha poi invitato a non cedere allo scoraggiamento di fronte agli attacchi e ai problemi della Chiesa, che non è in via di estinzione, e della famiglia. L’atteggiamento giusto è guardare avanti con coraggio, nota in conclusione l’Osservatore Romano. E in questa prospettiva si inserisce anche l’esperienza del sinodo che si rivolge a tutte le famiglie del mondo, credenti e non credenti, alle prese con diverse ideologie, contraddizioni culturali e sociali, e fragilità.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
645FollowerSegui
316IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Preghiera per proteggere la tua casa e scacciare gli spiriti cattivi

E' una lunga invocazione che chiede anzitutto l'intervento della gloria di Gesù Cristo E’ una preghiera potente in cui si invocano Gesù Cristo, la Madonna...

Libri consigliati

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x