22.2 C
Roma
Ven, 17 Settembre 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiFamiglia e Vita di CoppiaSinodo, guardare la famiglia con lo sguardo di Gesù

Sinodo, guardare la famiglia con lo sguardo di Gesù

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Un percorso sinodale, un itinerario ecclesiale: dall’extra omnes al compelle intrare. Forse si potrebbe riassumere così il lavoro dei tredici Circuli minores, che ieri hanno concluso il confronto aperto sulla prima parte dell’Instrumentum laboris, il documento base dell’assemblea ordinaria sulla famiglia.

Il lavoro di «aggiornamento» frutto del dibattito e del collazionare le diverse realtà culturali ed ecclesiali sullo stesso tema, è stato certamente un apporto di ricchezza, condiviso dai padri. E così il Sinodo ora si presenta, nonostante tutte le inevitabili forzature mediatiche, essenzialmente comeevento ecclesiale, che vuole porsi sotto il primato del Vangelo e guidato dallo Spirito Santo.

Mantenendo quindi intatta la sua caratteristica peculiare legata non tanto al tema in discussione, ma al metodo adottato su insistenza di papa Francesco: libertà di interventi, discussione franca, confronto fraterno, ascolto reciproco. I padri sinodali hanno fatto confluire al Sinodo il loro pensiero di vescovi e pastori ma, proprio per questo, hanno cercato di farsi anche eco delle diversità e del fermento suscitati nelle Chiese locali.

«Il dibattito, il dialogo è importante all’interno dei Circoli, ritengo che questo sia un processo sano, è il metodo della Chiesa che ci porta alla comunione», ha detto nel corso del briefing di ieri il presidente della Conferenza episcopale degli Stati Uniti Kurtz. Al quale ha fatto eco l’arcivescovo di Madrid Carlos Osoro Sierra: «Nessuno ci sta dicendo quello che dobbiamo dire». Questo ha fatto emergere l’esigenza di un parlare della famiglia non in termini astratti o idealizzati, l’imparare a leggere i segni dei tempi, ad usare un linguaggio positivo, comprensibile e che favorisca l’incontro e la prossimità con i contemporanei. E quindi non a un ripiegamento sul «così si è sempre fatto», dove il «sempre» indica a volte solo qualche generazione di credenti e non raggiunge mai la variopinta diversità delle comunità ecclesiali sorte dal crogiolo del Mediterraneo e diffusesi fino ai confini della terra, né tanto meno il parlare e l’agire di Gesù di Nazaret.

E proprio la necessità di un linguaggio semplice, comprensibile e attraente sul modello di Cristo è stato evocato come una necessità dai padri sinodali. Il nodo è infatti questo: narrare alla famiglia umana l’immutabile buona notizia del messaggio cristiano con parole, gesti, atteggiamenti, cioè con un linguaggio di vita in grado di parlare al cuore e alla mente degli uomini e delle donne di oggi, di riscaldare quei cuori.

- Advertisement -

E guardare alle singole persone e alle realtà delle famiglie con lo sguardo che aveva Gesù, che si interessava prima della loro vita e poi, chiamando per nome il peccato, annunciava al peccatore il perdono e la misericordia di Dio, di quel «Padre suo» che non vuole la condanna del peccatore ma che questi si converta e viva in pienezza. Perché è solo in questo sguardo conforme allo sguardo del Figlio di Dio che sta la capacità della Chiesa di essere oggi «esperta in umanità» e di essere profezia nel mondo.

- Advertisement -
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Sinodo, guardare la famiglia con lo sguardo di Gesù

- Advertisement -

Un percorso sinodale, un itinerario ecclesiale: dall’extra omnes al compelle intrare. Forse si potrebbe riassumere così il lavoro dei tredici Circuli minores, che ieri hanno concluso il confronto aperto sulla prima parte dell’Instrumentum laboris, il documento base dell’assemblea ordinaria sulla famiglia.

Il lavoro di «aggiornamento» frutto del dibattito e del collazionare le diverse realtà culturali ed ecclesiali sullo stesso tema, è stato certamente un apporto di ricchezza, condiviso dai padri. E così il Sinodo ora si presenta, nonostante tutte le inevitabili forzature mediatiche, essenzialmente comeevento ecclesiale, che vuole porsi sotto il primato del Vangelo e guidato dallo Spirito Santo.

Mantenendo quindi intatta la sua caratteristica peculiare legata non tanto al tema in discussione, ma al metodo adottato su insistenza di papa Francesco: libertà di interventi, discussione franca, confronto fraterno, ascolto reciproco. I padri sinodali hanno fatto confluire al Sinodo il loro pensiero di vescovi e pastori ma, proprio per questo, hanno cercato di farsi anche eco delle diversità e del fermento suscitati nelle Chiese locali.

«Il dibattito, il dialogo è importante all’interno dei Circoli, ritengo che questo sia un processo sano, è il metodo della Chiesa che ci porta alla comunione», ha detto nel corso del briefing di ieri il presidente della Conferenza episcopale degli Stati Uniti Kurtz. Al quale ha fatto eco l’arcivescovo di Madrid Carlos Osoro Sierra: «Nessuno ci sta dicendo quello che dobbiamo dire». Questo ha fatto emergere l’esigenza di un parlare della famiglia non in termini astratti o idealizzati, l’imparare a leggere i segni dei tempi, ad usare un linguaggio positivo, comprensibile e che favorisca l’incontro e la prossimità con i contemporanei. E quindi non a un ripiegamento sul «così si è sempre fatto», dove il «sempre» indica a volte solo qualche generazione di credenti e non raggiunge mai la variopinta diversità delle comunità ecclesiali sorte dal crogiolo del Mediterraneo e diffusesi fino ai confini della terra, né tanto meno il parlare e l’agire di Gesù di Nazaret.

E proprio la necessità di un linguaggio semplice, comprensibile e attraente sul modello di Cristo è stato evocato come una necessità dai padri sinodali. Il nodo è infatti questo: narrare alla famiglia umana l’immutabile buona notizia del messaggio cristiano con parole, gesti, atteggiamenti, cioè con un linguaggio di vita in grado di parlare al cuore e alla mente degli uomini e delle donne di oggi, di riscaldare quei cuori.

- Advertisement -

E guardare alle singole persone e alle realtà delle famiglie con lo sguardo che aveva Gesù, che si interessava prima della loro vita e poi, chiamando per nome il peccato, annunciava al peccatore il perdono e la misericordia di Dio, di quel «Padre suo» che non vuole la condanna del peccatore ma che questi si converta e viva in pienezza. Perché è solo in questo sguardo conforme allo sguardo del Figlio di Dio che sta la capacità della Chiesa di essere oggi «esperta in umanità» e di essere profezia nel mondo.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
645FollowerSegui
316IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Preghiera per proteggere la tua casa e scacciare gli spiriti cattivi

E' una lunga invocazione che chiede anzitutto l'intervento della gloria di Gesù Cristo E’ una preghiera potente in cui si invocano Gesù Cristo, la Madonna...

Libri consigliati

“Beati” nel nostro tempo

Ri-innamorarsi

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x