12.6 C
Rome
Dom, 15 Dicembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita cristiana Sindone, il regalo del Papa ai senzatetto

Sindone, il regalo del Papa ai senzatetto

- Advertisement -

Due pullman di poveri assistiti dalle parrocchie romane in arrivo a Torino per partecipare l’ostensione. Il vescovo elemosiniere Krajewski: «Preparano la strada al viaggio di Francesco»

ANDREA TORNIELLI
CITTÀ DEL VATICANO

Due pullman di pellegrini speciali sono in arrivo a Torino, a spese di Papa Francesco, per partecipare all’ostensione della Sindone. Sono indigenti, senzatetto o ammalati assistiti da due parrocchie della capitale. «È un modo per preparare la visita del Papa in programma per il prossimo 21 giugno: prima di lui arrivano i suoi poveri», spiega alla Stampa il vescovo elemosiniere Konrad Krajewski, che con i fondi destinati alla carità del Pontefice ha finanziato l’iniziativa.

Il primo gruppo, composto da cinquanta senzatetto, partirà questa mattina, dalla parrocchia romana di Santa Lucia in piazzale Clodio, cioè dal luogo dove già ricevono assistenza e pasti caldi. Ad accompagnarli sarà il parroco, don Antonio Nicolai. La visita alla Sindone è prevista giovedì. I poveri del Papa alloggeranno nei centri di accoglienza del Cottolengo e del Maria Adelaide, che ospitano durante tutto l’inverno persone senza fissa dimora. «Il viaggio – racconta don Nicolai – è stato offerto ai nostri fratelli indigenti da Papa Francesco che, venuto a conoscenza del pellegrinaggio, attraverso il suo elemosiniere addetto alla carità, ha voluto donare un contributo per queste persone che vivono nella precarietà con la convinzione che, come la Sindone, rappresentano il volto sofferente del Signore Gesù».

La prossima settimana l’esperienza sarà ripetuta da un gruppo più consistente, composto da settanta persone povere e senzatetto, che a bordo di un bus a due piani partiranno dalla parrocchia romana di Sant’Eustachio, pure loro accompagnati dal parroco e da alcuni volontari. Anche in questo caso la trasferta viene offerta da Papa Francesco.

Il vescovo Krajewski, al quale Bergoglio ha chiesto di non rimanere dietro la scrivania ma di portare personalmente gli aiuti in suo nome ai bisognosi, ha già organizzato nel marzo scorso la visita alla Cappella Sistina per un folto gruppo di poveri, conclusasi con una cena nei musei vaticani, e nei giorni scorsi anche un concerto che ha visto proprio i senzatetto occupare le prime file solitamente riservate alle autorità. Mentre continuano a funzionare a pieno ritmo, grazie al servizio quotidiano di molti volontari, le docce e il servizio barberia sotto il colonnato di San Pietro.

«Dobbiamo nutrire chi è in difficoltà non soltanto con il pane – spiega Krajewski – ma anche offrire occasioni per godere della bellezza, come è stato nel caso della visita alla Sistina, o per vivere come tanti altri pellegrini momenti importanti come nel caso dell’ostensione della sacra Sindone».

Il vescovo elemosiniere questa mattina sarà presente alla partenza del primo pullman, per offrire a ogni partecipante quella che chiama una «carezza» del Papa, un contributo per poter prendere qualche cappuccino e qualche bibita durante il viaggio.

Nel videomessaggio in occasione dell’ostensione televisiva del 30 marzo 2013, Papa Francesco aveva detto, riferendosi all’immagine dell’uomo della Sindone: «Questo volto sfigurato assomiglia a tanti volti di uomini e donne feriti da una vita non rispettosa della loro dignità». Proprio per questo ha inviato a Torino, ad aprirgli la strada, due gruppi di pellegrini per lui molto speciali.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Sindone, il regalo del Papa ai senzatetto

  

- Advertisement -

Due pullman di poveri assistiti dalle parrocchie romane in arrivo a Torino per partecipare l’ostensione. Il vescovo elemosiniere Krajewski: «Preparano la strada al viaggio di Francesco»

ANDREA TORNIELLI
CITTÀ DEL VATICANO

Due pullman di pellegrini speciali sono in arrivo a Torino, a spese di Papa Francesco, per partecipare all’ostensione della Sindone. Sono indigenti, senzatetto o ammalati assistiti da due parrocchie della capitale. «È un modo per preparare la visita del Papa in programma per il prossimo 21 giugno: prima di lui arrivano i suoi poveri», spiega alla Stampa il vescovo elemosiniere Konrad Krajewski, che con i fondi destinati alla carità del Pontefice ha finanziato l’iniziativa.

- Advertisement -

Il primo gruppo, composto da cinquanta senzatetto, partirà questa mattina, dalla parrocchia romana di Santa Lucia in piazzale Clodio, cioè dal luogo dove già ricevono assistenza e pasti caldi. Ad accompagnarli sarà il parroco, don Antonio Nicolai. La visita alla Sindone è prevista giovedì. I poveri del Papa alloggeranno nei centri di accoglienza del Cottolengo e del Maria Adelaide, che ospitano durante tutto l’inverno persone senza fissa dimora. «Il viaggio – racconta don Nicolai – è stato offerto ai nostri fratelli indigenti da Papa Francesco che, venuto a conoscenza del pellegrinaggio, attraverso il suo elemosiniere addetto alla carità, ha voluto donare un contributo per queste persone che vivono nella precarietà con la convinzione che, come la Sindone, rappresentano il volto sofferente del Signore Gesù».

La prossima settimana l’esperienza sarà ripetuta da un gruppo più consistente, composto da settanta persone povere e senzatetto, che a bordo di un bus a due piani partiranno dalla parrocchia romana di Sant’Eustachio, pure loro accompagnati dal parroco e da alcuni volontari. Anche in questo caso la trasferta viene offerta da Papa Francesco.

Il vescovo Krajewski, al quale Bergoglio ha chiesto di non rimanere dietro la scrivania ma di portare personalmente gli aiuti in suo nome ai bisognosi, ha già organizzato nel marzo scorso la visita alla Cappella Sistina per un folto gruppo di poveri, conclusasi con una cena nei musei vaticani, e nei giorni scorsi anche un concerto che ha visto proprio i senzatetto occupare le prime file solitamente riservate alle autorità. Mentre continuano a funzionare a pieno ritmo, grazie al servizio quotidiano di molti volontari, le docce e il servizio barberia sotto il colonnato di San Pietro.

«Dobbiamo nutrire chi è in difficoltà non soltanto con il pane – spiega Krajewski – ma anche offrire occasioni per godere della bellezza, come è stato nel caso della visita alla Sistina, o per vivere come tanti altri pellegrini momenti importanti come nel caso dell’ostensione della sacra Sindone».

Il vescovo elemosiniere questa mattina sarà presente alla partenza del primo pullman, per offrire a ogni partecipante quella che chiama una «carezza» del Papa, un contributo per poter prendere qualche cappuccino e qualche bibita durante il viaggio.

Nel videomessaggio in occasione dell’ostensione televisiva del 30 marzo 2013, Papa Francesco aveva detto, riferendosi all’immagine dell’uomo della Sindone: «Questo volto sfigurato assomiglia a tanti volti di uomini e donne feriti da una vita non rispettosa della loro dignità». Proprio per questo ha inviato a Torino, ad aprirgli la strada, due gruppi di pellegrini per lui molto speciali.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
279FansMi piace
873FollowerSegui
13,000FollowerSegui
610FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

I profeti minori “quadriformi”

La speranza di Giobbe

Dialoghi sulla preghiera del cuore

Libri – Diacone: un dossier di studio

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO