21.6 C
Roma
Mar, 3 Agosto 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeRubricheLibri ConsigliatiSigismondi: preti e vescovi, passioni e tentazioni

Sigismondi: preti e vescovi, passioni e tentazioni

Neanche i ministri ordinati sono esenti dalle “passioni” e dalle “tentazioni”, benché siano qualificati dalla lex orandi come “peccatori fiduciosi” e “servi premurosi”.

Scheda Prodotto

*Acquistando su Amazon da questo link, aiuterai SpeSalvi.it a sostenersi senza costi aggiuntivi o spese varie.

Copertina

516zU+RjNoL._SX346_BO1,204,203,200_

Scheda Prodotto

516zU+RjNoL._SX346_BO1,204,203,200_

*Acquistando su Amazon da questo link, aiuterai SpeSalvi.it a sostenersi senza costi aggiuntivi o spese varie.

- Advertisement -
di: M. Michela Nicolais

Neanche i ministri ordinati sono esenti dalle “passioni” e dalle “tentazioni”, benché siano qualificati dalla lex orandi come “peccatori fiduciosi” e “servi premurosi”. Parte da qui mons. Gualtiero Sigismondi, vescovo di Foligno, presidente della Commissione episcopale per il clero e la vita consacrata e assistente ecclesiastico generale dell’Azione cattolica italiana, per parlare di Passioni del prete, tentazioni di un vescovo, come recita il titolo del suo ultimo libro, pubblicato dall’AVE.

«Se l’infedeltà di un prete si annida nell’attesa ansiosa di una promozione, quella di un vescovo si cela nella subdola pretesa di un trasferimento imminente», sostiene il presule, che non usa mezze misure: «L’investimento di grazia che abilita a salire all’altare di Dio non sopporta il “collasso spirituale” della mediocrità, “terreno di coltura” del clericalismo, che interpreta il ministero ordinato come un potere da esercitare piuttosto che come un servizio gratuito e generoso da offrire», come non si stanca di ripetere Papa Francesco. Fedeli, umili, mansueti, docili, zelanti, gli aggettivi che si attagliano meglio a preti e vescovi, chiamati in primo luogo ad essere «servi integerrimi, che rifuggono dalle ambiguità, dai compromessi, dai sotterfugi, lasciandosi guidare in ogni cosa dalla rettitudine di intenzioni».

«È premuroso – scrive Sigismondi sulla scorta di Bergoglio – quel servo la cui autorevolezza, che raccoglie la stima di tutti, gli deriva dalla capacità di vigilare su se stesso, di sfidare la tendenza all’inerzia, l’inclinazione allo scetticismo, la comoda scelta della passività o, al contrario, dell’attivismo».

Alla malinconia di chi «cerca i propri interessi, non quelli di Cristo», deve contrapporsi quella malinconia buona di cui parla Romano Guardini, citando Soren Kierkegaard, «espressione del fatto che siamo creature limitate e tuttavia viviamo, per così dire, porta a porta con Dio».

«La Chiesa non ha bisogno di ministri di culto a tempo determinato e responsabilità limitata, ma di “discepoli-missionari” più appassionati e più affiatati, che non ricusano di praticare le opere di misericordia pastorale, di cui non esiste un elenco completo, ma una lista da compilare».

È l’identikit da cui deriva l’identità più profonda del sacerdote, declinata da Sigismondi attraverso una serie di esigenti imperativi: «Accogliere, custodire e meditare la parola di Dio, senza temere di svegliare e di precedere l’aurora avanti al tabernacolo. Salire sull’altare e all’ambone sena disertare il confessionale, non solo come ministri del perdono, ma anche come penitenti. Uscire dalla sagrestia verso il sagrato, raggiungendo i crocicchi delle strade, senza rimanere all’ombra della torre campanaria. Visitare le famiglie assiduamente, senza indugio, amplificando il suono a distesa delle campane con lo squillo dei campanelli delle case. Passare dai corsi ai percorsi di fede, opera pastorale d’importanza strategica, senza rinunciare a combattere la ‘febbre degli eventi’. Lasciare ai poveri il compito di dettare l’agenda, senza tirarsi indietro, poiché l’attenzione agli ultimi è il ‘termometro’ della carità pastorale. Promuovere la vita comune e fraterna, senza ridurla a una coincidenza di interessi egoistici e senza escludere a priori la comunione dei beni».

Condire il tutto con l’olio prezioso della fraternità sacerdotale, l’avvertenza che da sfondo. Molto dettagliata la parte finale del volume, dedicata allo “scrutinio” delle tentazioni nel servizio episcopale: «La dignità dell’episcopato, come non sopporta il culto della personalità, che fa del vescovo un funzionario, un avventizio, un migratore, un burocrate di passaggio, così non tollera il lamento permanente di chi, compulsivamente, controlla il polso e misura la febbre della comunità che gli è affidata».

Scheda Prodotto

516zU+RjNoL._SX346_BO1,204,203,200_

*Acquistando su Amazon da questo link, aiuterai SpeSalvi.it a sostenersi senza costi aggiuntivi o spese varie.

Scheda Prodotto

*Acquistando su Amazon da questo link, aiuterai SpeSalvi.it a sostenersi senza costi aggiuntivi o spese varie.

Copertina

516zU+RjNoL._SX346_BO1,204,203,200_
Originale: Settimana News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Sigismondi: preti e vescovi, passioni e tentazioni

Neanche i ministri ordinati sono esenti dalle “passioni” e dalle “tentazioni”, benché siano qualificati dalla lex orandi come “peccatori fiduciosi” e “servi premurosi”.

Scheda Prodotto

*Acquistando su Amazon da questo link, aiuterai SpeSalvi.it a sostenersi senza costi aggiuntivi o spese varie.

Copertina

516zU+RjNoL._SX346_BO1,204,203,200_
- Advertisement -
di: M. Michela Nicolais

Neanche i ministri ordinati sono esenti dalle “passioni” e dalle “tentazioni”, benché siano qualificati dalla lex orandi come “peccatori fiduciosi” e “servi premurosi”. Parte da qui mons. Gualtiero Sigismondi, vescovo di Foligno, presidente della Commissione episcopale per il clero e la vita consacrata e assistente ecclesiastico generale dell’Azione cattolica italiana, per parlare di Passioni del prete, tentazioni di un vescovo, come recita il titolo del suo ultimo libro, pubblicato dall’AVE.

«Se l’infedeltà di un prete si annida nell’attesa ansiosa di una promozione, quella di un vescovo si cela nella subdola pretesa di un trasferimento imminente», sostiene il presule, che non usa mezze misure: «L’investimento di grazia che abilita a salire all’altare di Dio non sopporta il “collasso spirituale” della mediocrità, “terreno di coltura” del clericalismo, che interpreta il ministero ordinato come un potere da esercitare piuttosto che come un servizio gratuito e generoso da offrire», come non si stanca di ripetere Papa Francesco. Fedeli, umili, mansueti, docili, zelanti, gli aggettivi che si attagliano meglio a preti e vescovi, chiamati in primo luogo ad essere «servi integerrimi, che rifuggono dalle ambiguità, dai compromessi, dai sotterfugi, lasciandosi guidare in ogni cosa dalla rettitudine di intenzioni».

«È premuroso – scrive Sigismondi sulla scorta di Bergoglio – quel servo la cui autorevolezza, che raccoglie la stima di tutti, gli deriva dalla capacità di vigilare su se stesso, di sfidare la tendenza all’inerzia, l’inclinazione allo scetticismo, la comoda scelta della passività o, al contrario, dell’attivismo».

Alla malinconia di chi «cerca i propri interessi, non quelli di Cristo», deve contrapporsi quella malinconia buona di cui parla Romano Guardini, citando Soren Kierkegaard, «espressione del fatto che siamo creature limitate e tuttavia viviamo, per così dire, porta a porta con Dio».

«La Chiesa non ha bisogno di ministri di culto a tempo determinato e responsabilità limitata, ma di “discepoli-missionari” più appassionati e più affiatati, che non ricusano di praticare le opere di misericordia pastorale, di cui non esiste un elenco completo, ma una lista da compilare».

- Advertisement -

È l’identikit da cui deriva l’identità più profonda del sacerdote, declinata da Sigismondi attraverso una serie di esigenti imperativi: «Accogliere, custodire e meditare la parola di Dio, senza temere di svegliare e di precedere l’aurora avanti al tabernacolo. Salire sull’altare e all’ambone sena disertare il confessionale, non solo come ministri del perdono, ma anche come penitenti. Uscire dalla sagrestia verso il sagrato, raggiungendo i crocicchi delle strade, senza rimanere all’ombra della torre campanaria. Visitare le famiglie assiduamente, senza indugio, amplificando il suono a distesa delle campane con lo squillo dei campanelli delle case. Passare dai corsi ai percorsi di fede, opera pastorale d’importanza strategica, senza rinunciare a combattere la ‘febbre degli eventi’. Lasciare ai poveri il compito di dettare l’agenda, senza tirarsi indietro, poiché l’attenzione agli ultimi è il ‘termometro’ della carità pastorale. Promuovere la vita comune e fraterna, senza ridurla a una coincidenza di interessi egoistici e senza escludere a priori la comunione dei beni».

Condire il tutto con l’olio prezioso della fraternità sacerdotale, l’avvertenza che da sfondo. Molto dettagliata la parte finale del volume, dedicata allo “scrutinio” delle tentazioni nel servizio episcopale: «La dignità dell’episcopato, come non sopporta il culto della personalità, che fa del vescovo un funzionario, un avventizio, un migratore, un burocrate di passaggio, così non tollera il lamento permanente di chi, compulsivamente, controlla il polso e misura la febbre della comunità che gli è affidata».

- Advertisement -

Scheda Prodotto

*Acquistando su Amazon da questo link, aiuterai SpeSalvi.it a sostenersi senza costi aggiuntivi o spese varie.

Copertina

516zU+RjNoL._SX346_BO1,204,203,200_
Tratto da: Settimana News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
649FollowerSegui
312IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Le 217 domande di Gesù

Ezechiele quadriforme

Eva e il serpente

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x