13.6 C
Roma
Mar, 1 Dicembre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Rubriche Culmen et Fons Si può suonare della musica durante la Consacrazione del pane e del...

Si può suonare della musica durante la Consacrazione del pane e del vino?

- Advertisement -

Il liturgista Finotti: pratica sbagliata, ecco cosa dice il Canone

Ci scrive un lettore: “la Consacrazione del pane e del vino è il momento supremo della santa messa. Durante questo momento “non ci deve essere musica di sottofondo”; è esatta questa affermazione? Allora è sbagliato, come avviene ad esempio nella mia parrocchia, se suonata una leggera musica in sottofondo?”.

ORAZIONI, PREGHIERE E TONO DELLA VOCE
«La risposta è data con chiarezza dal vigente Ordinamento Generale al Messale Romano», risponde il liturgista curatore della rivista Liturgia Culmen et Fons. Ecco i numeri al riguardo:

30. Tra le parti proprie del sacerdote, occupa il primo posto la Preghiera eucaristica, culmine di tutta la celebrazione. Seguono poi le orazioni, cioè: l’orazione di inizio (o colletta), l’orazione sulle offerte e l’orazione dopo la Comunione. Queste preghiere, dette dal sacerdote nella sua qualità di presidente dell’assemblea nella persona di Cristo, sono rivolte a Dio a nome dell’intero popolo santo e di tutti i presenti. Perciò giustamente si chiamano «orazioni presidenziali».
32. La natura delle parti «presidenziali» esige che esse siano proferite a voce alta e chiara e che siano ascoltate da tutti con attenzione. Perciò, mentre il sacerdote le dice, non si devono sovrapporre altre orazioni o canti, e l’organo e altri strumenti musicali devono tacere.

ESPRESSIVITA’ E CHIAREZZA
Il liturgista aggiunge che c’è anche un altro punto dell’Ordinamento Generale al Messale Roma di cui bisogna tener conto:

38. Nei testi che devono essere pronunziati a voce alta e chiara dal sacerdote, dal diacono, dal lettore o da tutti, la voce deve corrispondere al genere del testo, secondo che si tratti di una lettura, di un’orazione, di una monizione, di un’acclamazione, di un canto; deve anche corrispondere alla forma di celebrazione e alla solennità della riunione liturgica. Inoltre si tenga conto delle caratteristiche delle diverse lingue e della cultura specifica di ogni popolo. Nelle rubriche e nelle norme che seguono, aggiunge Finotti, le parole «dire» oppure «proclamare» devono essere intese in riferimento sia al canto che alla recita, tenuto conto dei principi sopra esposti.

LE TRE REGOLE DELLA SACROSANTUM CONCILIUM
Per completezza, precisa il liturgista, è bene ricordare il monito del Concilio Vaticano II nella Costituzione liturgica Sacrosanctum Concilium al n. 22:

1. Regolare la sacra liturgia compete unicamente all’autorità della Chiesa, la quale risiede nella Sede apostolica e, a norma del diritto, nel vescovo.
2. In base ai poteri concessi dal diritto, regolare la liturgia spetta, entro limiti determinati, anche alle competenti assemblee episcopali territoriali di vario genere legittimamente costituite.
3. Di conseguenza assolutamente nessun altro, anche se sacerdote, osi, di sua iniziativa, aggiungere, togliere o mutare alcunché in materia liturgica.

LA MUSICA VA EVITATA
«Se in passato la Chiesa – chiosa Finotti – ha permesso modalità liturgiche differenti – come la possibilità di accompagnare col suono dell’organo la recita silenziosa del Canone – si deve tuttavia ricordare che la liturgia va celebrata in conformità alle leggi stabilite nei libri liturgici vigenti».

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Si può suonare della musica durante la Consacrazione del pane e del vino?

- Advertisement -

Il liturgista Finotti: pratica sbagliata, ecco cosa dice il Canone

Ci scrive un lettore: “la Consacrazione del pane e del vino è il momento supremo della santa messa. Durante questo momento “non ci deve essere musica di sottofondo”; è esatta questa affermazione? Allora è sbagliato, come avviene ad esempio nella mia parrocchia, se suonata una leggera musica in sottofondo?”.

ORAZIONI, PREGHIERE E TONO DELLA VOCE
«La risposta è data con chiarezza dal vigente Ordinamento Generale al Messale Romano», risponde il liturgista curatore della rivista Liturgia Culmen et Fons. Ecco i numeri al riguardo:

30. Tra le parti proprie del sacerdote, occupa il primo posto la Preghiera eucaristica, culmine di tutta la celebrazione. Seguono poi le orazioni, cioè: l’orazione di inizio (o colletta), l’orazione sulle offerte e l’orazione dopo la Comunione. Queste preghiere, dette dal sacerdote nella sua qualità di presidente dell’assemblea nella persona di Cristo, sono rivolte a Dio a nome dell’intero popolo santo e di tutti i presenti. Perciò giustamente si chiamano «orazioni presidenziali».
32. La natura delle parti «presidenziali» esige che esse siano proferite a voce alta e chiara e che siano ascoltate da tutti con attenzione. Perciò, mentre il sacerdote le dice, non si devono sovrapporre altre orazioni o canti, e l’organo e altri strumenti musicali devono tacere.

ESPRESSIVITA’ E CHIAREZZA
Il liturgista aggiunge che c’è anche un altro punto dell’Ordinamento Generale al Messale Roma di cui bisogna tener conto:

38. Nei testi che devono essere pronunziati a voce alta e chiara dal sacerdote, dal diacono, dal lettore o da tutti, la voce deve corrispondere al genere del testo, secondo che si tratti di una lettura, di un’orazione, di una monizione, di un’acclamazione, di un canto; deve anche corrispondere alla forma di celebrazione e alla solennità della riunione liturgica. Inoltre si tenga conto delle caratteristiche delle diverse lingue e della cultura specifica di ogni popolo. Nelle rubriche e nelle norme che seguono, aggiunge Finotti, le parole «dire» oppure «proclamare» devono essere intese in riferimento sia al canto che alla recita, tenuto conto dei principi sopra esposti.

- Advertisement -

LE TRE REGOLE DELLA SACROSANTUM CONCILIUM
Per completezza, precisa il liturgista, è bene ricordare il monito del Concilio Vaticano II nella Costituzione liturgica Sacrosanctum Concilium al n. 22:

1. Regolare la sacra liturgia compete unicamente all’autorità della Chiesa, la quale risiede nella Sede apostolica e, a norma del diritto, nel vescovo.
2. In base ai poteri concessi dal diritto, regolare la liturgia spetta, entro limiti determinati, anche alle competenti assemblee episcopali territoriali di vario genere legittimamente costituite.
3. Di conseguenza assolutamente nessun altro, anche se sacerdote, osi, di sua iniziativa, aggiungere, togliere o mutare alcunché in materia liturgica.

LA MUSICA VA EVITATA
«Se in passato la Chiesa – chiosa Finotti – ha permesso modalità liturgiche differenti – come la possibilità di accompagnare col suono dell’organo la recita silenziosa del Canone – si deve tuttavia ricordare che la liturgia va celebrata in conformità alle leggi stabilite nei libri liturgici vigenti».

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
289FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
640FollowerSegui
138IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Libri consigliati

12 storie di ordinaria santità

Lo scandalo della tenerezza

Scelte di vita e vocazione

Ri-innamorarsi

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x