12.6 C
Rome
Dom, 15 Dicembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Si fermino le mani dei violenti

Si fermino le mani dei violenti

- Advertisement -

Durante le celebrazioni pasquali il Papa ricorda le vittime di ingiustizie e conflitti che insanguinano il mondo ed esprime dolore per il crimine vile e insensato che ha fatto strage di innocenti in Pakistan.

«Si fermino le mani dei violenti che seminano terrore e morte, e nel mondo possano regnare l’amore, la giustizia e la riconciliazione». Il grido di pace del Papa si è levato in piazza San Pietro nella mattina del 28 marzo, lunedì dell’Angelo, al termine del Regina coeli. Un appello risuonato alto dopo l’ennesima strage terroristica — il massacro di oltre settanta persone, metà delle quali bambini, dilaniate domenica dall’esplosione innescata da un attentatore suicida a Lahore — che Francesco ha definito «crimine vile e insensato», ripetendo ancora una volta che «la violenza e l’odio omicida conducono solamente al dolore e alla distruzione», mentre «il rispetto e la fraternità sono l’unica via per giungere alla pace».

Il dolore per l’attentato in Pakistan si è unito alle preoccupazioni del Pontefice per tutte «le vittime del sopruso e della violenza» in varie parti del mondo. Francesco ne ha parlato, come di consueto, nel messaggio alla città e al mondo pronunciato dalla loggia centrale della basilica vaticana al termine della messa nella mattina di Pasqua. «Di fronte alle voragini spirituali e morali dell’umanità, di fronte ai vuoti che si aprono nei cuori e che provocano odio e morte, solo un’infinita misericordia può darci salvezza» ha ricordato elencando poi tutte le situazioni di conflitto e di ingiustizia che affliggono oggi l’umanità. A cominciare dalla Siria, per la quale il Papa ha invocato «la buona volontà e la collaborazione di tutti» allo scopo di realizzare «una società fraterna rispettosa della dignità e dei diritti di ogni cittadino».

Nei pensieri di Francesco anche gli altri Paesi del Mediterraneo e del Medio oriente, in particolare Iraq, Yemen e Libia. Per la Terra santa il Pontefice ha auspicato «una pace giusta e duratura tramite un negoziato diretto e sincero». E un analogo impegno ha chiesto per «raggiungere una soluzione definitiva alla guerra in Ucraina». Solidarietà e vicinanza ha poi espresso «alle vittime del terrorismo», definito «forma cieca ed efferata di violenza che non cessa di spargere sangue innocente in diverse parti del mondo». Tra i luoghi teatro dei recenti attacchi il Papa ha citato l’Iraq, dove venerdì un attentato ha provocato decine di morti a Iskanderiyah: una strage per la quale Francesco ha espresso il suo cordoglio anche in un telegramma al nunzio apostolico a Baghdad — a firma del cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato — auspicando che «in risposta a questa insensata azione di violenza, il popolo iracheno sia determinato nel respingere le vie dell’odio e del conflitto e lavori unito senza paura per un futuro basato sul rispetto reciproco, sulla solidarietà e sulla libertà».

In precedenza, nella veglia del sabato santo celebrata in San Pietro, il Papa aveva invitato i fedeli a rimuovere dai propri sepolcri i macigni che soffocano la speranza.

L’omelia della veglia 

Il messaggio alla città e al mondo 

La meditazione al Regina caeli 

– See more at: http://www.osservatoreromano.va/it/news/si-fermino-le-mani-dei-violenti#sthash.Ac3ZhkGm.dpuf

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Si fermino le mani dei violenti

  

- Advertisement -

Durante le celebrazioni pasquali il Papa ricorda le vittime di ingiustizie e conflitti che insanguinano il mondo ed esprime dolore per il crimine vile e insensato che ha fatto strage di innocenti in Pakistan.

«Si fermino le mani dei violenti che seminano terrore e morte, e nel mondo possano regnare l’amore, la giustizia e la riconciliazione». Il grido di pace del Papa si è levato in piazza San Pietro nella mattina del 28 marzo, lunedì dell’Angelo, al termine del Regina coeli. Un appello risuonato alto dopo l’ennesima strage terroristica — il massacro di oltre settanta persone, metà delle quali bambini, dilaniate domenica dall’esplosione innescata da un attentatore suicida a Lahore — che Francesco ha definito «crimine vile e insensato», ripetendo ancora una volta che «la violenza e l’odio omicida conducono solamente al dolore e alla distruzione», mentre «il rispetto e la fraternità sono l’unica via per giungere alla pace».

Il dolore per l’attentato in Pakistan si è unito alle preoccupazioni del Pontefice per tutte «le vittime del sopruso e della violenza» in varie parti del mondo. Francesco ne ha parlato, come di consueto, nel messaggio alla città e al mondo pronunciato dalla loggia centrale della basilica vaticana al termine della messa nella mattina di Pasqua. «Di fronte alle voragini spirituali e morali dell’umanità, di fronte ai vuoti che si aprono nei cuori e che provocano odio e morte, solo un’infinita misericordia può darci salvezza» ha ricordato elencando poi tutte le situazioni di conflitto e di ingiustizia che affliggono oggi l’umanità. A cominciare dalla Siria, per la quale il Papa ha invocato «la buona volontà e la collaborazione di tutti» allo scopo di realizzare «una società fraterna rispettosa della dignità e dei diritti di ogni cittadino».

Nei pensieri di Francesco anche gli altri Paesi del Mediterraneo e del Medio oriente, in particolare Iraq, Yemen e Libia. Per la Terra santa il Pontefice ha auspicato «una pace giusta e duratura tramite un negoziato diretto e sincero». E un analogo impegno ha chiesto per «raggiungere una soluzione definitiva alla guerra in Ucraina». Solidarietà e vicinanza ha poi espresso «alle vittime del terrorismo», definito «forma cieca ed efferata di violenza che non cessa di spargere sangue innocente in diverse parti del mondo». Tra i luoghi teatro dei recenti attacchi il Papa ha citato l’Iraq, dove venerdì un attentato ha provocato decine di morti a Iskanderiyah: una strage per la quale Francesco ha espresso il suo cordoglio anche in un telegramma al nunzio apostolico a Baghdad — a firma del cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato — auspicando che «in risposta a questa insensata azione di violenza, il popolo iracheno sia determinato nel respingere le vie dell’odio e del conflitto e lavori unito senza paura per un futuro basato sul rispetto reciproco, sulla solidarietà e sulla libertà».

- Advertisement -

In precedenza, nella veglia del sabato santo celebrata in San Pietro, il Papa aveva invitato i fedeli a rimuovere dai propri sepolcri i macigni che soffocano la speranza.

L’omelia della veglia 

Il messaggio alla città e al mondo 

La meditazione al Regina caeli 

– See more at: http://www.osservatoreromano.va/it/news/si-fermino-le-mani-dei-violenti#sthash.Ac3ZhkGm.dpuf

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
279FansMi piace
873FollowerSegui
13,000FollowerSegui
610FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Dai racconti orali ai Vangeli

Un solo Libro, due eredi

Bibbia: poeti e poesie

La preghiera, la sete, le radici

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO