8.1 C
Rome
Mer, 11 Dicembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Società e Politica Shoah: baratro di disumanità

Shoah: baratro di disumanità

È difficile spiegare perché in quell’universo di violenza, solitudine e orrore, alcuni uomini, donne e anche alcuni ragazzi siano stati capaci di reagire e di pensare più che a sé stessi agli altri.

- Advertisement -
di: Frediano Sessi

Ho incontrato Frediano Sessi per la prima volta circa trenta anni fa, in occasione di una assemblea scolastica, quando parlò agli studenti dello sterminio degli ebrei (Shoah): dalle leggi razziali ai campi di concentramento. Ricordo che aveva saputo trasmettere ai giovani il senso di un progressivo e inaudito baratro di disumanità senza che ciò fosse esattamente percepito, nella gran parte dei casi, da chi lo stava vivendo, sia gli aguzzini e sia, forse, le stesse vittime (Giordano Cavallari, curatore dell’intervista).

Caro Frediano in questi anni sei tornato molto a parlarne e a scriverne, sino al tuo ultimo libro L’angelo di Auschwitz: Mala Zimetbaum l’ebrea che sfidò i nazisti, Marsilio, 2019. Vuoi dire perché hai tanto studiato, scritto, parlato di ciò? Cosa c’è di fondamentale, per te?

Innanzitutto, sono arrivato alla constatazione che lo sterminio degli ebrei d’Europa e l’uccisione sistematica degli oppositori al regime nazista (e di tutti coloro che secondo i valori nazisti non appartenevano alla razza ariana: malati di mente, disabili, sinti e rom ecc.), fu opera di uomini e donne che oggi definiremmo «normali», tutt’altro che mostri violenti e sadici, che avevano aderito a un’utopia secondo loro salvifica, ai fini della costruzione di una «nuova Europa millenaria».

Tra loro c’erano in senso stretto gli esecutori dello sterminio e anche coloro, ed erano assai più numerosi, che lo condividevano, formando una rete di sostegno al progetto generale.

In secondo luogo, quelle che lo storico Raul Hilberg chiama «le procedure dello sterminio e della violenza nazista», vale a dire gli atti legislativi e amministrativi che portarono alla guerra di aggressione, all’apertura dei campi di concentramento e a tutti quei provvedimenti che riguardarono gli ebrei e tutti gli altri esclusi dalla cittadinanza ariana tedesca, furono il frutto di uno Stato dittatoriale ma pur sempre governato da leggi e modalità di approccio alla realtà che si possono definire «razionali» frutto di procedure previste dalle leggi; non demoniache come ancora oggi molti sostengono.

Questi due elementi: la razionalità e la responsabilità di una intera comunità di popolo, pur all’interno di un sistema politico come quello nazista, rendono quel periodo storico molto vicino a noi. Se l’uomo civilizzato e colto ha accettato di sterminare degli innocenti per realizzare un progetto «millenario» razionale come era la costruzione di un «nuovo ordine europeo», allora quella storia può anche riproporsi.  Intendo dire che è sempre possibile pensare a una nuova Europa degli europei!

«A molti, individui o popoli, può accadere di ritenere, più o meno consapevolmente, che ogni straniero è nemico. Per lo più questa convinzione giace in fondo agli animi come una infezione latente», scrive Primo Levi nell’introduzione a Se questo è un uomo, ricordando al lettore che quel pensiero, quando diventa pratica sociale assunta dai governi, alimenta la paura dell’altro e genera forme nuove di segregazione.

«La storia dei campi di distruzione – prosegue Levi – dovrebbe venire intesa da tutti come sinistro segnale di pericolo», perché dalla xenofobia si può passare, quasi senza rendersene conto, al razzismo e alle forme più sottili e spesso condivise di violenza ed esclusione.

Le pratiche di odio, violenza, esclusione verso l’altro diverso da me, pericoloso per la mia comunità, non escludono che chi le sostiene sia poi capace di amore e solidarietà nei confronti dei propri famigliari e simili. Basterà leggere le lettere di Himmler, il capo supremo delle SS, alla moglie e ai figli per rendersene conto.

Puoi tratteggiare, necessariamente in estrema sintesi, la vicenda di Mala che tu minuziosamente, attraverso tutte le fonti disponibili, hai ricostruito per i lettori italiani?

È la storia di una giovane ebrea, poco più che ventenne, di nome Mala Zimetbaum. Deportata da Anversa nel Lager di Auschwitz, fin da subito viene segnalata dalle SS alla sorvegliante capo del campo delle donne, per la sua conoscenza delle lingue: parlava il tedesco, il francese, il polacco, il fiammingo e l’yiddish.

Così dopo le prime settimane terribili in quarantena, dove già più del 30 per cento delle donne ebree internate perdevano la vita, Mala viene scelta come interprete e portaordini. In quella posizione che le consente una certa libertà di movimento, la giovane decide di prestare soccorso alle donne ebree internate che incontra nel Lager; dapprima decine poi centinaia.

Mala era una ragazza intelligente e coraggiosa e, dopo il trauma dei primi giorni in Lager, decide di resistere e di contrastare la forza omicida dei nazisti.

Vuoi spendere due parole sul metodo, da te peraltro utilizzato per altre pubblicazioni a carattere approfondito: come si costruisce un libro così? Come lo definisci: un libro di storia, un saggio o quasi un romanzo tragico eppure profondo nello scavo dell’animo umano?

Ho visitato luoghi e archivi del Belgio, paese dal quale venne deportata, e del campo di Auschwitz; ho ricostruito il suo itinerario di vita, dal momento dell’arresto al momento del suo tentativo di fuga dal Lager, inseguendo tutte le tracce (documenti e testimonianze credibili).

Ho inoltre potuto disporre di una serie di lettere che, come detenuta interprete, Mala poté spedire dal campo ai suoi famigliari, cercando di avvertirli, senza allarmare la censura dei tedeschi, che Auschwitz era un campo di sterminio; ho visto le fotografie conservate nell’archivio di Mechelen. Inoltre ho fatto una ricerca accurata di tutte le memorie scritte di ex deportate che hanno parlato di lei: più di trecento, tra testi in italiano, tedesco, francese, polacco e neerlandese. Senza dimenticare la visita dei luoghi, delle case, delle strade e dei settori dei Lager dove visse (a forte Breendonk, nella caserma di Mechelen e a Birkenau).

Proprio a Birkenau ho potuto censire le ultime tracce della sua vita: una ciocca di capelli, scritte incise sui muri della prigione del Blocco 11 ecc. Anche alcuni film dei primi anni dopo la liberazione parlano un po’ di lei. E’ una ricerca durata 5, 6 anni.

Importante è stata anche la ricostruzione dei contesti storici dell’Europa e delle città e località in cui Mala ha vissuto. Occorreva ricostruire la vita quotidiana che aveva vissuto, fare vedere al lettore quel che lei aveva visto e anche soffermarsi sugli uomini e le donne, prigionieri o carnefici che aveva incontrato.

Il problema però era come utilizzare questo materiale: scrivere un saggio classico mi è sembrato inutile, troppo elitario; per cui pur mantenendo il registro del saggio storico, con note e rimandi ai documenti e ad altri studi, ho cercato di scrivere il testo come se fosse un racconto storico.

Tu dici una storia/romanzo tragico che scava nell’animo umano? Direi di sì, ma non solo nell’animo di Mala e dei suoi carnefici. Vorrei che la vita di Mala ci parlasse oggi dei valori e delle scelte che ha fatto per salvare le vite degli altri, fino a rinunciare alla sua.

La vicenda di Mala Zimetbaum e di Edek Galinski è forse stata rivestita, come scrivi, di una certa aura di mito, ma è certamente originale e toccante. Io vi ho ritrovato le domande che percorrono i grandi libri sull’universo concentrazionario, a partire da Primo Levi. Te ne pongo alcune perché tu ne possa fare qui un breve cenno. Cos’è la bontà in situazioni estreme? Come è possibile restare umani in un mondo disumano? Perché Mala, con poche altre persone, forse, è riuscita a conservare umanità e bontà e tante altre no? L’universo concentrazionario ha visto aguzzini perfetti e pure, se così si può dire, vittime perfette; eppure si sono date queste eccezioni (da una parte e dall’altra): è possibile darne una ragione ultima?

No, è difficile spiegare perché in quell’universo di violenza, solitudine e orrore, alcuni uomini, donne e anche alcuni ragazzi siano stati capaci di reagire e di pensare più che a sé stessi agli altri.

Originale: Settimana News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Shoah: baratro di disumanità

È difficile spiegare perché in quell’universo di violenza, solitudine e orrore, alcuni uomini, donne e anche alcuni ragazzi siano stati capaci di reagire e di pensare più che a sé stessi agli altri.

  

- Advertisement -
di: Frediano Sessi

Ho incontrato Frediano Sessi per la prima volta circa trenta anni fa, in occasione di una assemblea scolastica, quando parlò agli studenti dello sterminio degli ebrei (Shoah): dalle leggi razziali ai campi di concentramento. Ricordo che aveva saputo trasmettere ai giovani il senso di un progressivo e inaudito baratro di disumanità senza che ciò fosse esattamente percepito, nella gran parte dei casi, da chi lo stava vivendo, sia gli aguzzini e sia, forse, le stesse vittime (Giordano Cavallari, curatore dell’intervista).

Caro Frediano in questi anni sei tornato molto a parlarne e a scriverne, sino al tuo ultimo libro L’angelo di Auschwitz: Mala Zimetbaum l’ebrea che sfidò i nazisti, Marsilio, 2019. Vuoi dire perché hai tanto studiato, scritto, parlato di ciò? Cosa c’è di fondamentale, per te?

Innanzitutto, sono arrivato alla constatazione che lo sterminio degli ebrei d’Europa e l’uccisione sistematica degli oppositori al regime nazista (e di tutti coloro che secondo i valori nazisti non appartenevano alla razza ariana: malati di mente, disabili, sinti e rom ecc.), fu opera di uomini e donne che oggi definiremmo «normali», tutt’altro che mostri violenti e sadici, che avevano aderito a un’utopia secondo loro salvifica, ai fini della costruzione di una «nuova Europa millenaria».

Tra loro c’erano in senso stretto gli esecutori dello sterminio e anche coloro, ed erano assai più numerosi, che lo condividevano, formando una rete di sostegno al progetto generale.

In secondo luogo, quelle che lo storico Raul Hilberg chiama «le procedure dello sterminio e della violenza nazista», vale a dire gli atti legislativi e amministrativi che portarono alla guerra di aggressione, all’apertura dei campi di concentramento e a tutti quei provvedimenti che riguardarono gli ebrei e tutti gli altri esclusi dalla cittadinanza ariana tedesca, furono il frutto di uno Stato dittatoriale ma pur sempre governato da leggi e modalità di approccio alla realtà che si possono definire «razionali» frutto di procedure previste dalle leggi; non demoniache come ancora oggi molti sostengono.

Questi due elementi: la razionalità e la responsabilità di una intera comunità di popolo, pur all’interno di un sistema politico come quello nazista, rendono quel periodo storico molto vicino a noi. Se l’uomo civilizzato e colto ha accettato di sterminare degli innocenti per realizzare un progetto «millenario» razionale come era la costruzione di un «nuovo ordine europeo», allora quella storia può anche riproporsi.  Intendo dire che è sempre possibile pensare a una nuova Europa degli europei!

- Advertisement -

«A molti, individui o popoli, può accadere di ritenere, più o meno consapevolmente, che ogni straniero è nemico. Per lo più questa convinzione giace in fondo agli animi come una infezione latente», scrive Primo Levi nell’introduzione a Se questo è un uomo, ricordando al lettore che quel pensiero, quando diventa pratica sociale assunta dai governi, alimenta la paura dell’altro e genera forme nuove di segregazione.

«La storia dei campi di distruzione – prosegue Levi – dovrebbe venire intesa da tutti come sinistro segnale di pericolo», perché dalla xenofobia si può passare, quasi senza rendersene conto, al razzismo e alle forme più sottili e spesso condivise di violenza ed esclusione.

Le pratiche di odio, violenza, esclusione verso l’altro diverso da me, pericoloso per la mia comunità, non escludono che chi le sostiene sia poi capace di amore e solidarietà nei confronti dei propri famigliari e simili. Basterà leggere le lettere di Himmler, il capo supremo delle SS, alla moglie e ai figli per rendersene conto.

Puoi tratteggiare, necessariamente in estrema sintesi, la vicenda di Mala che tu minuziosamente, attraverso tutte le fonti disponibili, hai ricostruito per i lettori italiani?

È la storia di una giovane ebrea, poco più che ventenne, di nome Mala Zimetbaum. Deportata da Anversa nel Lager di Auschwitz, fin da subito viene segnalata dalle SS alla sorvegliante capo del campo delle donne, per la sua conoscenza delle lingue: parlava il tedesco, il francese, il polacco, il fiammingo e l’yiddish.

Così dopo le prime settimane terribili in quarantena, dove già più del 30 per cento delle donne ebree internate perdevano la vita, Mala viene scelta come interprete e portaordini. In quella posizione che le consente una certa libertà di movimento, la giovane decide di prestare soccorso alle donne ebree internate che incontra nel Lager; dapprima decine poi centinaia.

Mala era una ragazza intelligente e coraggiosa e, dopo il trauma dei primi giorni in Lager, decide di resistere e di contrastare la forza omicida dei nazisti.

Vuoi spendere due parole sul metodo, da te peraltro utilizzato per altre pubblicazioni a carattere approfondito: come si costruisce un libro così? Come lo definisci: un libro di storia, un saggio o quasi un romanzo tragico eppure profondo nello scavo dell’animo umano?

Ho visitato luoghi e archivi del Belgio, paese dal quale venne deportata, e del campo di Auschwitz; ho ricostruito il suo itinerario di vita, dal momento dell’arresto al momento del suo tentativo di fuga dal Lager, inseguendo tutte le tracce (documenti e testimonianze credibili).

Ho inoltre potuto disporre di una serie di lettere che, come detenuta interprete, Mala poté spedire dal campo ai suoi famigliari, cercando di avvertirli, senza allarmare la censura dei tedeschi, che Auschwitz era un campo di sterminio; ho visto le fotografie conservate nell’archivio di Mechelen. Inoltre ho fatto una ricerca accurata di tutte le memorie scritte di ex deportate che hanno parlato di lei: più di trecento, tra testi in italiano, tedesco, francese, polacco e neerlandese. Senza dimenticare la visita dei luoghi, delle case, delle strade e dei settori dei Lager dove visse (a forte Breendonk, nella caserma di Mechelen e a Birkenau).

Proprio a Birkenau ho potuto censire le ultime tracce della sua vita: una ciocca di capelli, scritte incise sui muri della prigione del Blocco 11 ecc. Anche alcuni film dei primi anni dopo la liberazione parlano un po’ di lei. E’ una ricerca durata 5, 6 anni.

Importante è stata anche la ricostruzione dei contesti storici dell’Europa e delle città e località in cui Mala ha vissuto. Occorreva ricostruire la vita quotidiana che aveva vissuto, fare vedere al lettore quel che lei aveva visto e anche soffermarsi sugli uomini e le donne, prigionieri o carnefici che aveva incontrato.

Il problema però era come utilizzare questo materiale: scrivere un saggio classico mi è sembrato inutile, troppo elitario; per cui pur mantenendo il registro del saggio storico, con note e rimandi ai documenti e ad altri studi, ho cercato di scrivere il testo come se fosse un racconto storico.

Tu dici una storia/romanzo tragico che scava nell’animo umano? Direi di sì, ma non solo nell’animo di Mala e dei suoi carnefici. Vorrei che la vita di Mala ci parlasse oggi dei valori e delle scelte che ha fatto per salvare le vite degli altri, fino a rinunciare alla sua.

La vicenda di Mala Zimetbaum e di Edek Galinski è forse stata rivestita, come scrivi, di una certa aura di mito, ma è certamente originale e toccante. Io vi ho ritrovato le domande che percorrono i grandi libri sull’universo concentrazionario, a partire da Primo Levi. Te ne pongo alcune perché tu ne possa fare qui un breve cenno. Cos’è la bontà in situazioni estreme? Come è possibile restare umani in un mondo disumano? Perché Mala, con poche altre persone, forse, è riuscita a conservare umanità e bontà e tante altre no? L’universo concentrazionario ha visto aguzzini perfetti e pure, se così si può dire, vittime perfette; eppure si sono date queste eccezioni (da una parte e dall’altra): è possibile darne una ragione ultima?

No, è difficile spiegare perché in quell’universo di violenza, solitudine e orrore, alcuni uomini, donne e anche alcuni ragazzi siano stati capaci di reagire e di pensare più che a sé stessi agli altri.

- Advertisement -
Originale: Settimana News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
279FansMi piace
873FollowerSegui
13,000FollowerSegui
607FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

I “beati” dell’Apocalisse

“Beati” nel nostro tempo

La simbolica del grido nel Vangelo di Marco

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO