30.7 C
Rome
giovedì, 27 Giugno 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Fede e Devozione Sei pronto alla morte e a ciò che viene dopo?

Sei pronto alla morte e a ciò che viene dopo?

- Advertisement -

Alleggeriamoci dei carichi superflui e guardiamo a noi stessi con gli occhi di Dio

Gesù mi chiede di essere vigile e disposto a mettermi in cammino in qualsiasi momento. Di essere pronto al servizio, sempre. Forse è per questo che mi piace camminare con poco carico. Quando non lo faccio mi fa male la schiena. E resto confuso.

Vorrei avere un cuore che sia pronto sempre a camminare. Essere vigile e poter dare la vita in qualsiasi momento. Pensare sempre agli altri, e pensare sempre a Dio.

Voglio anelare alla patria celeste. Ma vivendo nel presente, accettarlo come luogo in cui servire e mostrare amore.

Voglio stare attento alla mia vita. Chi ha bisogno di me? Chi posso servire? Se vado con troppo carico non posso avere l’agilità necessaria per agire. Se mi focalizzo su ciò che non ho, su ciò che desidero, non sono capace di guardare al di là di ciò che mi riguarda.


LEGGI ANCHE: Chi sorride così al momento della morte?


Solo se sono libero e ancorato in Dio posso vivere tranquillamente, concentrato su chi ha bisogno della mia misericordia.

A volte l’idea di dover essere preparato… mi butta giù. Mi destabilizza pensare di poter essere nel luogo sbagliato quando arriverà il momento. A chi più è stato dato, sarà richiesto di più. E mi inquieta, perché io ho ricevuto. Davvero tanto.

Ma questo è un mio cruccio. Non sarà così. La mia paura è inchiodata alla croce, per sempre. Gesù mi ama incondizionatamente. Penso al “non temere” di Gesù, e mi calmo.

Essere vigili non significa voler cercare la perfezione a tutti i costi. Non consiste nell’essere perfetto quando morirò. Dio non aspetta che io muoia così da potermi giudicare. No, è solo una mia congettura umana.

Dio cammina al mio fianco e apre il suo cuore a me. Ha bisogno soltanto della mia piccolezza. E io voglio affidare a Lui le mie paure. Gesù mi ha salvato per sempre. Ogni giorno mi viene incontro e mi dà mille opportunità, più e più volte, senza stancarsi mai. E sarà così fino al mio ultimo alito di vita su questa terra. È un qualcosa in cui credo molto.

Lui ha un rapporto d’amore con ogni persona. Un rapporto unico e prezioso, che dura fino alla morte. Lui è al mio fianco, e lo sarà anche al momento della mia morte. Facendomi coraggio, sussurrandomi all’orecchio che mi ama, che mi sta aspettando a braccia aperte per vivere insieme nella Sua pienezza.


LEGGI ANCHE: Dopo la morte c’è l’aldilà?


E avrà in mano, per me, il tesoro inesauribile per il quale sono stato creato, che risponde ai desideri più profondi del mio essere.

Io devo solo camminare ed aprire la mia anima, rialzarmi se dovessi cadere ed avere fede: Gesù è accanto a me. Questo è il mio tesoro.

Mi chiede soltanto di non lasciar “scorrere” la vita. Di amare, senza riserva. Di non sonnecchiare, ma di essere vigile. Di stare attento e di non distrarmi. Di avere i sandali ai piedi ed essere sempre pronto ad andare: Gesù verrà con me. E mi esorta a non rilassarmi, a non “andare in pensione” prima del tempo.

 

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Sei pronto alla morte e a ciò che viene dopo?

  

- Advertisement -

Alleggeriamoci dei carichi superflui e guardiamo a noi stessi con gli occhi di Dio

Gesù mi chiede di essere vigile e disposto a mettermi in cammino in qualsiasi momento. Di essere pronto al servizio, sempre. Forse è per questo che mi piace camminare con poco carico. Quando non lo faccio mi fa male la schiena. E resto confuso.

Vorrei avere un cuore che sia pronto sempre a camminare. Essere vigile e poter dare la vita in qualsiasi momento. Pensare sempre agli altri, e pensare sempre a Dio.

Voglio anelare alla patria celeste. Ma vivendo nel presente, accettarlo come luogo in cui servire e mostrare amore.

Voglio stare attento alla mia vita. Chi ha bisogno di me? Chi posso servire? Se vado con troppo carico non posso avere l’agilità necessaria per agire. Se mi focalizzo su ciò che non ho, su ciò che desidero, non sono capace di guardare al di là di ciò che mi riguarda.


- Advertisement -

LEGGI ANCHE: Chi sorride così al momento della morte?


Solo se sono libero e ancorato in Dio posso vivere tranquillamente, concentrato su chi ha bisogno della mia misericordia.

A volte l’idea di dover essere preparato… mi butta giù. Mi destabilizza pensare di poter essere nel luogo sbagliato quando arriverà il momento. A chi più è stato dato, sarà richiesto di più. E mi inquieta, perché io ho ricevuto. Davvero tanto.

Ma questo è un mio cruccio. Non sarà così. La mia paura è inchiodata alla croce, per sempre. Gesù mi ama incondizionatamente. Penso al “non temere” di Gesù, e mi calmo.

Essere vigili non significa voler cercare la perfezione a tutti i costi. Non consiste nell’essere perfetto quando morirò. Dio non aspetta che io muoia così da potermi giudicare. No, è solo una mia congettura umana.

Dio cammina al mio fianco e apre il suo cuore a me. Ha bisogno soltanto della mia piccolezza. E io voglio affidare a Lui le mie paure. Gesù mi ha salvato per sempre. Ogni giorno mi viene incontro e mi dà mille opportunità, più e più volte, senza stancarsi mai. E sarà così fino al mio ultimo alito di vita su questa terra. È un qualcosa in cui credo molto.

Lui ha un rapporto d’amore con ogni persona. Un rapporto unico e prezioso, che dura fino alla morte. Lui è al mio fianco, e lo sarà anche al momento della mia morte. Facendomi coraggio, sussurrandomi all’orecchio che mi ama, che mi sta aspettando a braccia aperte per vivere insieme nella Sua pienezza.


LEGGI ANCHE: Dopo la morte c’è l’aldilà?


E avrà in mano, per me, il tesoro inesauribile per il quale sono stato creato, che risponde ai desideri più profondi del mio essere.

Io devo solo camminare ed aprire la mia anima, rialzarmi se dovessi cadere ed avere fede: Gesù è accanto a me. Questo è il mio tesoro.

Mi chiede soltanto di non lasciar “scorrere” la vita. Di amare, senza riserva. Di non sonnecchiare, ma di essere vigile. Di stare attento e di non distrarmi. Di avere i sandali ai piedi ed essere sempre pronto ad andare: Gesù verrà con me. E mi esorta a non rilassarmi, a non “andare in pensione” prima del tempo.

 

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato di SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
273FansMi piace
801FollowerSegui
13,000FollowerSegui
582FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Un solo Libro, due eredi

Libri Consigliati – Luglio 2018

Scelte di vita e vocazione

Libri consigliati – Dicembre 2018

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO