9.2 C
Roma
Gio, 4 Marzo 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Rubriche Risponde il teologo Se Dio è amore, perché esiste l’inferno? La risposta è nella libertà...

Se Dio è amore, perché esiste l’inferno? La risposta è nella libertà dell’uomo

Risponde don Francesco Vermigli, docente di Teologia dogmatica

- Advertisement -

Se Dio ama gli uomini, permette davvero che alcuni suoi figli vengano puniti atrocemente per l’eternità? Alla domanda del nostro lettore risponde don Francesco Vermigli, docente di teologia dogmatica: l’amore può essere accettato o rifiutato. L’uomo esercita la propria libertà, che può anche avere la conseguenza di allontanarlo per sempre da Dio quando questo rifiuto è compiuto in maniera volontaria e consapevole.

Ho letto diverse cose sull’inferno: qualcuno dice che non esiste, qualcuno dice che è vuoto… Nella tradizione cattolica però ci sono molte descrizioni, e diversi mistici raccontano di averne avuto visione. La mia domanda è: se Dio ama gli uomini, permette davvero che alcuni suoi figli vengano puniti atrocemente per l’eternità?

Alessio Coppetti

La questione che pone Alessio Coppetti è capitale. Egli non si chiede che cosa sia l’Inferno o che cosa si deve pensare della condizione dei dannati: ancora prima si chiede perché esiste l’Inferno. E se lo domanda a partire da un’affermazione teologica certa: l’identità più profonda, la qualifica più radicale del Dio cristiano come Dio Amore (cfr. 1Gv 4,8.16). Si potrebbe dunque riformulare in questi termini la domanda: se Dio è Amore, perché l’Inferno?
Prima ancora di rispondere alla domanda, è necessario sgombrare il campo dall’ipotesi dell’inesistenza dell’inferno, a cui allude la stessa lettera giunta alla redazione. Ricordiamo che il Catechismo della Chiesa Cattolica, ai numeri 1033-1037 si pone come l’ultimo anello di una lunga catena di agganci evangelici (Mt 13,42; Mt 25,41), di dichiarazioni del Magistero, di preghiera liturgica della Chiesa convergenti attorno alla fede nell’esistenza di una condizione di eterna separazione da Dio per i dannati.
Dunque, rispondere alla domanda «perché esiste l’Inferno se Dio è Amore?» deve essere capace di tenere assieme due affermazioni di fede: l’esistenza dell’inferno, di fronte a un Dio che viene creduto come lo stesso perfetto Amore. Forse la stessa qualifica di Dio come Amore può condurci a risolvere quest’impasse teologica.
Quando usiamo la categoria di «amore», dobbiamo ricordare che essa conduce con sé un corollario necessario: l’idea di «libertà». Non c’è amore senza libertà; per cui dove manca la libertà, non potrà mai esserci l’amore. L’amore può essere dunque accettato o rifiutato: in entrambi i casi l’uomo esercita la libertà, facoltà che attiene alla propria più concreta esistenza.
Ma quando la libertà viene applicata all’offerta di Amore di Dio, essa ha un peso inimmaginabile, è un atto umano grandioso; anzi è l’atto umano per eccellenza, perché riguarda la salvezza e la vita eterna, la stessa vita divina.
Dio ama liberamente l’uomo e chiede che liberamente l’uomo corrisponda a quest’offerta di amore. Negare che vi possa essere una separazione da Dio per l’eternità per colui che abbia rifiutato Dio volontariamente e consapevolmente (cioè in pienezza), verrebbe a colpire la serietà dell’atto umano più grande che possa essere compiuto.
V’è un ultimo passo da compiere, per quanto lo facciamo con trepidazione. L’amore, è vero, implica la libertà di colui che è destinatario dell’offerta di amore; ma la risposta non lascia indifferente colui che ama.
Amare significa lasciare liberi e lasciare liberi di subire le conseguenze del rifiuto; ma amare significa anche attendere la risposta dell’amato, desiderarla con tutto il cuore. Possiamo dunque ipotizzare che il Dio Amore non resti indifferente al rifiuto volontario e consapevole della sua offerta di salvezza? Proviamo a balbettare qualcosa, dicendo: questo mistero è grande (cfr. Ef 5,32); solo Dio stesso nella sua vita più intima lo sa e, forse, vive la sofferenza eterna per il rifiuto pieno della sua offerta di salvezza.

Originale: ToscanaOggi.it
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Se Dio è amore, perché esiste l’inferno? La risposta è nella libertà dell’uomo

Risponde don Francesco Vermigli, docente di Teologia dogmatica

- Advertisement -

Se Dio ama gli uomini, permette davvero che alcuni suoi figli vengano puniti atrocemente per l’eternità? Alla domanda del nostro lettore risponde don Francesco Vermigli, docente di teologia dogmatica: l’amore può essere accettato o rifiutato. L’uomo esercita la propria libertà, che può anche avere la conseguenza di allontanarlo per sempre da Dio quando questo rifiuto è compiuto in maniera volontaria e consapevole.

Ho letto diverse cose sull’inferno: qualcuno dice che non esiste, qualcuno dice che è vuoto… Nella tradizione cattolica però ci sono molte descrizioni, e diversi mistici raccontano di averne avuto visione. La mia domanda è: se Dio ama gli uomini, permette davvero che alcuni suoi figli vengano puniti atrocemente per l’eternità?

Alessio Coppetti

La questione che pone Alessio Coppetti è capitale. Egli non si chiede che cosa sia l’Inferno o che cosa si deve pensare della condizione dei dannati: ancora prima si chiede perché esiste l’Inferno. E se lo domanda a partire da un’affermazione teologica certa: l’identità più profonda, la qualifica più radicale del Dio cristiano come Dio Amore (cfr. 1Gv 4,8.16). Si potrebbe dunque riformulare in questi termini la domanda: se Dio è Amore, perché l’Inferno?
Prima ancora di rispondere alla domanda, è necessario sgombrare il campo dall’ipotesi dell’inesistenza dell’inferno, a cui allude la stessa lettera giunta alla redazione. Ricordiamo che il Catechismo della Chiesa Cattolica, ai numeri 1033-1037 si pone come l’ultimo anello di una lunga catena di agganci evangelici (Mt 13,42; Mt 25,41), di dichiarazioni del Magistero, di preghiera liturgica della Chiesa convergenti attorno alla fede nell’esistenza di una condizione di eterna separazione da Dio per i dannati.
Dunque, rispondere alla domanda «perché esiste l’Inferno se Dio è Amore?» deve essere capace di tenere assieme due affermazioni di fede: l’esistenza dell’inferno, di fronte a un Dio che viene creduto come lo stesso perfetto Amore. Forse la stessa qualifica di Dio come Amore può condurci a risolvere quest’impasse teologica.
Quando usiamo la categoria di «amore», dobbiamo ricordare che essa conduce con sé un corollario necessario: l’idea di «libertà». Non c’è amore senza libertà; per cui dove manca la libertà, non potrà mai esserci l’amore. L’amore può essere dunque accettato o rifiutato: in entrambi i casi l’uomo esercita la libertà, facoltà che attiene alla propria più concreta esistenza.
Ma quando la libertà viene applicata all’offerta di Amore di Dio, essa ha un peso inimmaginabile, è un atto umano grandioso; anzi è l’atto umano per eccellenza, perché riguarda la salvezza e la vita eterna, la stessa vita divina.
Dio ama liberamente l’uomo e chiede che liberamente l’uomo corrisponda a quest’offerta di amore. Negare che vi possa essere una separazione da Dio per l’eternità per colui che abbia rifiutato Dio volontariamente e consapevolmente (cioè in pienezza), verrebbe a colpire la serietà dell’atto umano più grande che possa essere compiuto.
V’è un ultimo passo da compiere, per quanto lo facciamo con trepidazione. L’amore, è vero, implica la libertà di colui che è destinatario dell’offerta di amore; ma la risposta non lascia indifferente colui che ama.
Amare significa lasciare liberi e lasciare liberi di subire le conseguenze del rifiuto; ma amare significa anche attendere la risposta dell’amato, desiderarla con tutto il cuore. Possiamo dunque ipotizzare che il Dio Amore non resti indifferente al rifiuto volontario e consapevole della sua offerta di salvezza? Proviamo a balbettare qualcosa, dicendo: questo mistero è grande (cfr. Ef 5,32); solo Dio stesso nella sua vita più intima lo sa e, forse, vive la sofferenza eterna per il rifiuto pieno della sua offerta di salvezza.

- Advertisement -
Originale: ToscanaOggi.it

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
294FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
641FollowerSegui
200IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

L’ateismo interroga la fede

Perché le suore indossano il velo?

Le lettere di Paolo

Morandini: Cambiare rotta

Marconi: L’infanzia di Maria

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x