Cookie Consent by Free Privacy Policy website
15.2 C
Roma
Ven, 15 Ottobre 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeRubricheRisponde il teologoSe a chiedere il battesimo per il figlio è una coppia non...

Se a chiedere il battesimo per il figlio è una coppia non sposata

Risponde padre Valerio Maurio, docente di Teologia sacramentaria

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Spesso, nelle parrocchie, a chiedere il battesimo per un bambino sono coppie conviventi, non sposate. Cosa fare in questi casi? La risposta del teologo.

Credo che ormai capiti spesso, nelle parrocchie, che a chiedere il battesimo per un bambino sia una coppia di genitori conviventi. Mi chiedo, in quel caso, cosa sia giusto fare: certo, per il bene del bambino è giusto battezzarlo, ma ai genitori non dovrebbe essere chiesto di sposarsi?

Lettera firmata

Risponde padre Valerio Maurio, docente di Teologia sacramentaria

Il lettore si pone giustamente una domanda che, partendo dalla concretezza della vita, si interroga sulla opportunità o meno di una determinata azione pastorale. Che genitori conviventi chiedano il battesimo per i propri figli è un dato sempre più comune nelle nostre comunità. D’altra parte, appartiene alla fede vissuta della Chiesa che i battezzati sono chiamati a vivere il loro amore coniugale attraverso il sacramento del matrimonio, cammino di santificazione e donazione reciproca, vissuto nello scorrere quotidiano dei giorni. In questa frase sono inserite alcune precisazioni che sono sottintese nella questione posta, non formalmente ma di fatto. Così, per semplificare i contorni del problema, l’ipotesi sulla quale proviamo a ragionare prevede che non vi sia alcun ostacolo al matrimonio sacramentale di una coppia che chiede il battesimo per il proprio figlio.
Un primo punto è certamente il bene del bambino che, per la nostra fede, è proprio il battesimo, qualora vi siano le condizioni sufficienti perché possa continuare il suo cammino di fede nella comunità ecclesiale. Di per sé la convivenza dei genitori non si presenta come un ostacolo. I genitori possono dare garanzie adeguate sul futuro del bambino, manifestando la volontà a seguirlo e accompagnarlo nel suo cammino di fede.
È vero, d’altra parte, che la situazione ipotizzata offrirebbe al pastore e alla comunità alla quale la coppia si rivolge l’opportunità di una reale evangelizzazione. Mostrare il valore del santo battesimo, dei suoi doni e della trasformazione di vita che offre e richiede sono un’occasione privilegiata per annunciare i fondamenti della fede. E certamente vale la pena aiutare i genitori del bambino a interrogarsi sulla loro vita di coppia, sull’amore che li unisce e su un futuro da continuare a costruire. Tuttavia, non sembra opportuno proporre la celebrazione sacramentale del matrimonio come condizione per il battesimo del figlio. Perché sempre più siamo chiamati a vivere la fede in una logica di libertà responsabile, come risposta riconoscente verso il dono ricevuto.
Questa riconoscenza matura attraverso tempi e modi legati alle storie personali, comprese quelle di coppia. Allora, l’ipotesi del lettore dovrebbe rimodularsi abbandonando la prospettiva di una richiesta fatta alla coppia, in modo più o meno pressante, per trasformarsi in un’attenzione pastorale al cammino di quella famiglia. L’attenzione non si fermerà alla celebrazione del battesimo, ma continuerà nel tempo, senza stancarsi, con l’obiettivo di far nascere nei due genitori il desiderio di consacrare il loro amore e la loro fecondità nel sacramento del matrimonio. Allora, con un’espressione tanto umana quanto teologica, sceglieranno di essere scelti nell’accoglienza reciproca, scoprendo la vocazione di partecipare come coppia all’amore di Cristo.
E mi piace chiudere questa riflessione con parole di ben altro spessore, che confermano l’orizzonte sul quale siamo invitati ad agire come comunità cristiana: «Il sacramento del matrimonio non è una convenzione sociale, un rito vuoto o il mero segno esterno di un impegno. Il matrimonio è un dono per la santificazione e la salvezza degli sposi… Il matrimonio è una vocazione in quanto è una risposta alla specifica chiamata a vivere l’amore coniugale come segno imperfetto dell’amore tra Cristo e la Chiesa. Pertanto, la decisione di sposarsi e formare una famiglia deve essere frutto di un discernimento vocazionale» (Francesco, Amoris laetitia, 72).

- Advertisement -
Originale: Toscana Oggi
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Se a chiedere il battesimo per il figlio è una coppia non sposata

Risponde padre Valerio Maurio, docente di Teologia sacramentaria

- Advertisement -

Spesso, nelle parrocchie, a chiedere il battesimo per un bambino sono coppie conviventi, non sposate. Cosa fare in questi casi? La risposta del teologo.

Credo che ormai capiti spesso, nelle parrocchie, che a chiedere il battesimo per un bambino sia una coppia di genitori conviventi. Mi chiedo, in quel caso, cosa sia giusto fare: certo, per il bene del bambino è giusto battezzarlo, ma ai genitori non dovrebbe essere chiesto di sposarsi?

Lettera firmata

Risponde padre Valerio Maurio, docente di Teologia sacramentaria

Il lettore si pone giustamente una domanda che, partendo dalla concretezza della vita, si interroga sulla opportunità o meno di una determinata azione pastorale. Che genitori conviventi chiedano il battesimo per i propri figli è un dato sempre più comune nelle nostre comunità. D’altra parte, appartiene alla fede vissuta della Chiesa che i battezzati sono chiamati a vivere il loro amore coniugale attraverso il sacramento del matrimonio, cammino di santificazione e donazione reciproca, vissuto nello scorrere quotidiano dei giorni. In questa frase sono inserite alcune precisazioni che sono sottintese nella questione posta, non formalmente ma di fatto. Così, per semplificare i contorni del problema, l’ipotesi sulla quale proviamo a ragionare prevede che non vi sia alcun ostacolo al matrimonio sacramentale di una coppia che chiede il battesimo per il proprio figlio.
Un primo punto è certamente il bene del bambino che, per la nostra fede, è proprio il battesimo, qualora vi siano le condizioni sufficienti perché possa continuare il suo cammino di fede nella comunità ecclesiale. Di per sé la convivenza dei genitori non si presenta come un ostacolo. I genitori possono dare garanzie adeguate sul futuro del bambino, manifestando la volontà a seguirlo e accompagnarlo nel suo cammino di fede.
È vero, d’altra parte, che la situazione ipotizzata offrirebbe al pastore e alla comunità alla quale la coppia si rivolge l’opportunità di una reale evangelizzazione. Mostrare il valore del santo battesimo, dei suoi doni e della trasformazione di vita che offre e richiede sono un’occasione privilegiata per annunciare i fondamenti della fede. E certamente vale la pena aiutare i genitori del bambino a interrogarsi sulla loro vita di coppia, sull’amore che li unisce e su un futuro da continuare a costruire. Tuttavia, non sembra opportuno proporre la celebrazione sacramentale del matrimonio come condizione per il battesimo del figlio. Perché sempre più siamo chiamati a vivere la fede in una logica di libertà responsabile, come risposta riconoscente verso il dono ricevuto.
Questa riconoscenza matura attraverso tempi e modi legati alle storie personali, comprese quelle di coppia. Allora, l’ipotesi del lettore dovrebbe rimodularsi abbandonando la prospettiva di una richiesta fatta alla coppia, in modo più o meno pressante, per trasformarsi in un’attenzione pastorale al cammino di quella famiglia. L’attenzione non si fermerà alla celebrazione del battesimo, ma continuerà nel tempo, senza stancarsi, con l’obiettivo di far nascere nei due genitori il desiderio di consacrare il loro amore e la loro fecondità nel sacramento del matrimonio. Allora, con un’espressione tanto umana quanto teologica, sceglieranno di essere scelti nell’accoglienza reciproca, scoprendo la vocazione di partecipare come coppia all’amore di Cristo.
E mi piace chiudere questa riflessione con parole di ben altro spessore, che confermano l’orizzonte sul quale siamo invitati ad agire come comunità cristiana: «Il sacramento del matrimonio non è una convenzione sociale, un rito vuoto o il mero segno esterno di un impegno. Il matrimonio è un dono per la santificazione e la salvezza degli sposi… Il matrimonio è una vocazione in quanto è una risposta alla specifica chiamata a vivere l’amore coniugale come segno imperfetto dell’amore tra Cristo e la Chiesa. Pertanto, la decisione di sposarsi e formare una famiglia deve essere frutto di un discernimento vocazionale» (Francesco, Amoris laetitia, 72).

- Advertisement -
Originale: Toscana Oggi

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
645FollowerSegui
319IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Preghiera per proteggere la tua casa e scacciare gli spiriti cattivi

E' una lunga invocazione che chiede anzitutto l'intervento della gloria di Gesù Cristo E’ una preghiera potente in cui si invocano Gesù Cristo, la Madonna...

Libri consigliati

Il Sacrificio

Il mondo mistico dell’ebraismo

Morandini: Cambiare rotta

I “beati” dell’Apocalisse

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x