11.1 C
Rome
lunedì, 20 Maggio 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Sant’Óscar Romero ricorda che ogni cattolico deve essere martire, testimone

Sant’Óscar Romero ricorda che ogni cattolico deve essere martire, testimone

Il messaggio di sant’Óscar Romero è rivolto a tutti “senza eccezioni

- Advertisement -

Così Papa Francesco che stamani ha ricevuto in Aula Paolo VI circa 5mila pellegrini giunti da El Salvador per la canonizzazione, ieri, dell’arcivescovo di San Salvador

Il messaggio di sant’Óscar Romero è rivolto a tutti “senza eccezioni”: lui ripeteva con forza che “ogni cattolico deve essere martire, perché martire vuol dire testimone” del messaggio di Dio agli uomini. Lo sottolinea Papa Francesco che questa mattina ha ricevuto in udienza circa 5mila pellegrini provenienti da El Salvador. E’ palpabile la loro gioia per la canonizzazione di mons. Romero, l’arcivescovo di San Salvador, difensore dei poveri, ucciso in odium fidei, il 24 marzo del 1980, mentre celebrava la Messa. La sua memoria è  anche “un’occasione eccezionale per inviare un messaggio di pace e riconciliazione a tutti i popoli dell’America Latina”, dice il Papa nel discorso in spagnolo.

Annunciare a tutti il suo messaggio di libertà

Dio “ci chiama ad annunciare il suo messaggio di libertà a tutta l’umanità, ricorda ancora il Pontefice. Solo in Lui, infatti, possiamo essere liberi dal peccato, dall’odio nei nostri cuori – e mons. Romero fu “vittima dell’odio” –  liberi totalmente da amare. Si tratta di una vera libertà “già sulla terra”, che “passa per la preoccupazione per l’uomo concreto”, per risvegliare in ogni cuore “la speranza della salvezza”.

Esempio e stimolo

Sant’Óscar Romero ha incarnato l’immagine del Buon Pastore che offre la vita per le sue pecore, dice Francesco. E’, dunque, “un esempio e uno stimolo” per i vescovi di El Salvador: “esempio di predilezione per i più bisognosi della misericordia di Dio”, e stimolo per testimoniare l’amore di Cristo e la sollecitudine per la Chiesa, sapendo coordinare l’azione di ciascuno dei suoi membri e collaborando con le altre Chiesa particolari con zelante affetto collegiale. E l’auspicio del Papa è che questo sia di aiuto a essere per tutti segno di questa unità nella pluralità, che caratterizza il santo popolo di Dio.

La denuncia dei mali del mondo

Il Papa esorta, poi, sacerdoti e religiosi presenti a essere “servitori del popolo sacerdotale” e a lavorare instancabilmente “per incanalare l’infinito desiderio di Dio di perdonare coloro che si pentono della loro miseria e per aprire il cuore dei vostri fratelli e sorelle alla tenerezza dell’amore di Dio, anche attraverso la denuncia profetica dei mali del mondo”. Sant’Óscar Romero vedeva, infatti, il sacerdote posto in mezzo a due grandi abissi: quello dell’infinita misericordia di Dio e quello dell’infinita miseria degli uomini. E proprio a sacerdoti e vescovi Francesco chiede con forza di prendersi cura del “santo popolo fedele di Dio”, di non scandalizzarlo.

El Salvador, segnato dalla violenza nella storia recente, va avanti

Per tutto questo, c’è bisogno di essere in comunione con la Chiesa, tant’è vero che mons. Romero si riferiva alla cresima come al “sacramento dei martiri”. Papa Francesco si rivolge, infine, con amore e premura agli abitanti di El Salvador, che esprimono la loro fede viva in diverse forme di religiosità popolare. Ricorda anche che nel Paese centramericano non è mancato il flagello della divisione e della guerra, una violenza che si è fatta sentire con forza nella storia recente, ma questo popolo resiste e va avanti. E che non pochi  salvadoregni hanno dovuto abbandonare la propria terra in cerca di un futuro migliore. Per questo, il Papa chiede a Maria di prendersi cura, con tenerezza, degli abitanti di El Salvador.

Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Sant’Óscar Romero ricorda che ogni cattolico deve essere martire, testimone

Il messaggio di sant’Óscar Romero è rivolto a tutti “senza eccezioni

  

- Advertisement -

Così Papa Francesco che stamani ha ricevuto in Aula Paolo VI circa 5mila pellegrini giunti da El Salvador per la canonizzazione, ieri, dell’arcivescovo di San Salvador

Il messaggio di sant’Óscar Romero è rivolto a tutti “senza eccezioni”: lui ripeteva con forza che “ogni cattolico deve essere martire, perché martire vuol dire testimone” del messaggio di Dio agli uomini. Lo sottolinea Papa Francesco che questa mattina ha ricevuto in udienza circa 5mila pellegrini provenienti da El Salvador. E’ palpabile la loro gioia per la canonizzazione di mons. Romero, l’arcivescovo di San Salvador, difensore dei poveri, ucciso in odium fidei, il 24 marzo del 1980, mentre celebrava la Messa. La sua memoria è  anche “un’occasione eccezionale per inviare un messaggio di pace e riconciliazione a tutti i popoli dell’America Latina”, dice il Papa nel discorso in spagnolo.

Annunciare a tutti il suo messaggio di libertà

Dio “ci chiama ad annunciare il suo messaggio di libertà a tutta l’umanità, ricorda ancora il Pontefice. Solo in Lui, infatti, possiamo essere liberi dal peccato, dall’odio nei nostri cuori – e mons. Romero fu “vittima dell’odio” –  liberi totalmente da amare. Si tratta di una vera libertà “già sulla terra”, che “passa per la preoccupazione per l’uomo concreto”, per risvegliare in ogni cuore “la speranza della salvezza”.

Esempio e stimolo

- Advertisement -

Sant’Óscar Romero ha incarnato l’immagine del Buon Pastore che offre la vita per le sue pecore, dice Francesco. E’, dunque, “un esempio e uno stimolo” per i vescovi di El Salvador: “esempio di predilezione per i più bisognosi della misericordia di Dio”, e stimolo per testimoniare l’amore di Cristo e la sollecitudine per la Chiesa, sapendo coordinare l’azione di ciascuno dei suoi membri e collaborando con le altre Chiesa particolari con zelante affetto collegiale. E l’auspicio del Papa è che questo sia di aiuto a essere per tutti segno di questa unità nella pluralità, che caratterizza il santo popolo di Dio.

La denuncia dei mali del mondo

Il Papa esorta, poi, sacerdoti e religiosi presenti a essere “servitori del popolo sacerdotale” e a lavorare instancabilmente “per incanalare l’infinito desiderio di Dio di perdonare coloro che si pentono della loro miseria e per aprire il cuore dei vostri fratelli e sorelle alla tenerezza dell’amore di Dio, anche attraverso la denuncia profetica dei mali del mondo”. Sant’Óscar Romero vedeva, infatti, il sacerdote posto in mezzo a due grandi abissi: quello dell’infinita misericordia di Dio e quello dell’infinita miseria degli uomini. E proprio a sacerdoti e vescovi Francesco chiede con forza di prendersi cura del “santo popolo fedele di Dio”, di non scandalizzarlo.

El Salvador, segnato dalla violenza nella storia recente, va avanti

Per tutto questo, c’è bisogno di essere in comunione con la Chiesa, tant’è vero che mons. Romero si riferiva alla cresima come al “sacramento dei martiri”. Papa Francesco si rivolge, infine, con amore e premura agli abitanti di El Salvador, che esprimono la loro fede viva in diverse forme di religiosità popolare. Ricorda anche che nel Paese centramericano non è mancato il flagello della divisione e della guerra, una violenza che si è fatta sentire con forza nella storia recente, ma questo popolo resiste e va avanti. E che non pochi  salvadoregni hanno dovuto abbandonare la propria terra in cerca di un futuro migliore. Per questo, il Papa chiede a Maria di prendersi cura, con tenerezza, degli abitanti di El Salvador.

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
271FansMi piace
762FollowerSegui
13,000FollowerSegui
568FollowerSegui
55IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO