Cookie Consent by Free Privacy Policy website
15.2 C
Roma
Ven, 15 Ottobre 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno BSantissimo Corpo e Sangue di Cristo - Anno B - 6 giugno...

Santissimo Corpo e Sangue di Cristo – Anno B – 6 giugno 2021

“Nessun pezzo di pane è tanto piccolo da non poter essere spezzato in due”






    Dal Vangelo secondo Marco

    “Il primo giorno degli Àzzimi, quando si immolava la Pasqua, i discepoli dissero a Gesù: «Dove vuoi che andiamo a preparare, perché tu possa mangiare la Pasqua?». Allora mandò due dei suoi discepoli, dicendo loro: «Andate in città e vi verrà incontro un uomo con una brocca d’acqua; seguitelo. Là dove entrerà, dite al padrone di casa: “Il Maestro dice: Dov’è la mia stanza, in cui io possa mangiare la Pasqua con i miei discepoli? Egli vi mostrerà al piano superiore una grande sala arredata e già pronta; lì preparate la cena per noi». I discepoli andarono e, entrati in città, trovarono come aveva detto loro e prepararono la Pasqua. 
Mentre mangiavano, prese il pane e recitò la benedizione, lo spezzò e lo diede loro, dicendo: «Prendete, questo è il mio corpo». Poi prese un calice e rese grazie, lo diede loro e ne bevvero tutti. E disse loro: «Questo è il mio sangue dell’alleanza, che è versato per molti. In verità io vi dico che non berrò mai più del frutto della vite fino al giorno in cui lo berrò nuovo, nel regno di Dio»”.




    Il pane è l’alimento essenziale per ogni uomo. È l’alimento più semplice, farina ed acqua, è l’alimento più universale e più necessario, anzi, indispensabile, per tutti. A nessuno si deve negare un pezzo di pane per la sua sussistenza. Ognuno deve riportare a casa il pane per accudire la sua famiglia.

    Gesù, per parlare di sé, per lasciare al mondo un segno della sua presenza, ha scelto proprio il pane come simbolo del suo dono totale ed incondizionato. “Mentre mangiavano, prese il pane e recitò la benedizione, lo spezzò e lo diede loro, dicendo: «Prendete, questo è il mio corpo»”. Si, il pane come Corpo di Cristo. Quindi essenziale, semplice, universale, necessario, indispensabile come il pane. Non deve essere negato a nessuno a tutti occorre assicurarlo.

    L’immagine del pane e, quindi, in questa logica della Presenza eucaristica è portatrice anche di altre simbologie tutte accattivanti ed illuminanti. Il pane, costituito da farina, è il risultato del frumento macinato ed assemblato. Il frumento che lo compone è derivante da varie provenienze ma diventa un tutt’uno con l’acqua che lo unisce e lo impasta. I cristiani dovrebbero attingere da questa immagine, la copia, il modello comportamentale per unire le proprie vite, impastarle, per farle diventare presenza di Cristo. La comunità è proprio questo il risultato dell’unità amorevole e caritatevole di tutti i battezzati. Non ci sono, non debbono esserci distinzioni, fazioni, fratture, lacerazioni. L’unica frazione ammissibile è quella divisiva perché possa esserci distribuzione, condivisione. Gesù stesso prese fra le sue mani il pane e “lo spezzò”.

    Decurtare sé stessi, togliere a sé stessi per donare, condividere è uno dei gesti più intimi, più fraterni, più eloquenti per narrare attenzione e premura per gli altri. Qual è il pane che oggi occorre condividere con chi non ne ha? Tempo, risorse, attenzioni, prendersi cura, accogliere, custodire, tollerare, includere sono tutte pietanze e porzioni di un unico pane che deve essere donato, condiviso. Lo impone l’imperativo categorico della fraternità, della solidarietà. Chi ha troppo deve avere meno per donare a chi manca l’essenziale. Chi ha molto deve decurtarsi per donare a chi manca il necessario. Chi ha poco deve condividere con chi ha meno di lui. Chi non ha per sé deve aiutare gli altri a cercare per tutti. Ecco perché un proverbio africano recita: ”Nessun pezzo di pane è tanti piccolo da non poter essere spezzato in due”.

    Questa logica invocata da chi ha poco deve diventare l’azione concreta di chi, avendo di più, non si chiede egoisticamente in sé stesso ma condivide. Spezza. Proprio come Gesù “nascondendosi” nel Pane si è spezzato per donarsi a tutti. Nessuno escluso. Ognuno ha diritto ad avere un tozzo di pane. Averlo è dignità umana e cristiana.




    Il sacramento del Corpo e del Sangue del Signore
    è culmine e fonte di tutta la vita della Chiesa,
    pegno di benedizione e di salvezza per il mondo intero.
    Innalziamo la nostra preghiera unanime,
    perché da questo grande mistero
    scaturisca il dono della nostra unità e della pace.

    R. Per il mistero del tuo Corpo e del tuo Sangue, salvaci, Signore.

    Per la santa Chiesa,
    perché fortificata dal pane della vita,
    cammini nelle strade del mondo
    annunziando con le parole e con le opere il Vangelo di salvezza, preghiamo. R.

    Per i sacerdoti, ministri dell’altare,
    perché si conformino sempre più al mistero che celebrano
    per la lode di Dio e per l’edificazione del suo popolo, preghiamo. R.

    Per i fanciulli, che partecipano la prima volta al banchetto eucaristico,
    perché crescano in sapienza e grazia,
    portando nella famiglia e nella Chiesa l’annuncio della gioia pasquale, preghiamo. R.

    Per quanti si gloriano del nome cristiano,
    perché nell’Eucaristia, segno e vincolo di unità,
    ricompongano la piena comunione di fede e di amore, preghiamo. R.

    Per noi qui presenti,
    perché spezzando il pane di vita eterna
    impariamo a condividere anche il pane terreno
    e a soccorrere i fratelli che sono nell’indigenza e nel dolore, preghiamo. R.

    Signore Gesù,
    che nel sacramento del tuo Corpo e del tuo Sangue
    hai posto la sorgente dello Spirito che dà la vita,
    fa’ che la tua Chiesa,
    spezzando il pane in tua memoria,
    diventi il germe dell’umanità rinnovata,
    a lode di Dio Padre.
    Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.

    R. Amen.




    Donaci, o Signore, di godere pienamente della tua vita divina nel convito eterno, che ci hai fatto pregustare in questo sacramento del tuo Corpo e del tuo Sangue. Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.





Dal Vangelo secondo Marco

“Il primo giorno degli Àzzimi, quando si immolava la Pasqua, i discepoli dissero a Gesù: «Dove vuoi che andiamo a preparare, perché tu possa mangiare la Pasqua?». Allora mandò due dei suoi discepoli, dicendo loro: «Andate in città e vi verrà incontro un uomo con una brocca d’acqua; seguitelo. Là dove entrerà, dite al padrone di casa: “Il Maestro dice: Dov’è la mia stanza, in cui io possa mangiare la Pasqua con i miei discepoli? Egli vi mostrerà al piano superiore una grande sala arredata e già pronta; lì preparate la cena per noi». I discepoli andarono e, entrati in città, trovarono come aveva detto loro e prepararono la Pasqua. 
Mentre mangiavano, prese il pane e recitò la benedizione, lo spezzò e lo diede loro, dicendo: «Prendete, questo è il mio corpo». Poi prese un calice e rese grazie, lo diede loro e ne bevvero tutti. E disse loro: «Questo è il mio sangue dell’alleanza, che è versato per molti. In verità io vi dico che non berrò mai più del frutto della vite fino al giorno in cui lo berrò nuovo, nel regno di Dio»”.



Il pane è l’alimento essenziale per ogni uomo. È l’alimento più semplice, farina ed acqua, è l’alimento più universale e più necessario, anzi, indispensabile, per tutti. A nessuno si deve negare un pezzo di pane per la sua sussistenza. Ognuno deve riportare a casa il pane per accudire la sua famiglia.

Gesù, per parlare di sé, per lasciare al mondo un segno della sua presenza, ha scelto proprio il pane come simbolo del suo dono totale ed incondizionato. “Mentre mangiavano, prese il pane e recitò la benedizione, lo spezzò e lo diede loro, dicendo: «Prendete, questo è il mio corpo»”. Si, il pane come Corpo di Cristo. Quindi essenziale, semplice, universale, necessario, indispensabile come il pane. Non deve essere negato a nessuno a tutti occorre assicurarlo.

L’immagine del pane e, quindi, in questa logica della Presenza eucaristica è portatrice anche di altre simbologie tutte accattivanti ed illuminanti. Il pane, costituito da farina, è il risultato del frumento macinato ed assemblato. Il frumento che lo compone è derivante da varie provenienze ma diventa un tutt’uno con l’acqua che lo unisce e lo impasta. I cristiani dovrebbero attingere da questa immagine, la copia, il modello comportamentale per unire le proprie vite, impastarle, per farle diventare presenza di Cristo. La comunità è proprio questo il risultato dell’unità amorevole e caritatevole di tutti i battezzati. Non ci sono, non debbono esserci distinzioni, fazioni, fratture, lacerazioni. L’unica frazione ammissibile è quella divisiva perché possa esserci distribuzione, condivisione. Gesù stesso prese fra le sue mani il pane e “lo spezzò”.

Decurtare sé stessi, togliere a sé stessi per donare, condividere è uno dei gesti più intimi, più fraterni, più eloquenti per narrare attenzione e premura per gli altri. Qual è il pane che oggi occorre condividere con chi non ne ha? Tempo, risorse, attenzioni, prendersi cura, accogliere, custodire, tollerare, includere sono tutte pietanze e porzioni di un unico pane che deve essere donato, condiviso. Lo impone l’imperativo categorico della fraternità, della solidarietà. Chi ha troppo deve avere meno per donare a chi manca l’essenziale. Chi ha molto deve decurtarsi per donare a chi manca il necessario. Chi ha poco deve condividere con chi ha meno di lui. Chi non ha per sé deve aiutare gli altri a cercare per tutti. Ecco perché un proverbio africano recita: ”Nessun pezzo di pane è tanti piccolo da non poter essere spezzato in due”.

Questa logica invocata da chi ha poco deve diventare l’azione concreta di chi, avendo di più, non si chiede egoisticamente in sé stesso ma condivide. Spezza. Proprio come Gesù “nascondendosi” nel Pane si è spezzato per donarsi a tutti. Nessuno escluso. Ognuno ha diritto ad avere un tozzo di pane. Averlo è dignità umana e cristiana.



Il sacramento del Corpo e del Sangue del Signore
è culmine e fonte di tutta la vita della Chiesa,
pegno di benedizione e di salvezza per il mondo intero.
Innalziamo la nostra preghiera unanime,
perché da questo grande mistero
scaturisca il dono della nostra unità e della pace.

R. Per il mistero del tuo Corpo e del tuo Sangue, salvaci, Signore.

Per la santa Chiesa,
perché fortificata dal pane della vita,
cammini nelle strade del mondo
annunziando con le parole e con le opere il Vangelo di salvezza, preghiamo. R.

Per i sacerdoti, ministri dell’altare,
perché si conformino sempre più al mistero che celebrano
per la lode di Dio e per l’edificazione del suo popolo, preghiamo. R.

Per i fanciulli, che partecipano la prima volta al banchetto eucaristico,
perché crescano in sapienza e grazia,
portando nella famiglia e nella Chiesa l’annuncio della gioia pasquale, preghiamo. R.

Per quanti si gloriano del nome cristiano,
perché nell’Eucaristia, segno e vincolo di unità,
ricompongano la piena comunione di fede e di amore, preghiamo. R.

Per noi qui presenti,
perché spezzando il pane di vita eterna
impariamo a condividere anche il pane terreno
e a soccorrere i fratelli che sono nell’indigenza e nel dolore, preghiamo. R.

Signore Gesù,
che nel sacramento del tuo Corpo e del tuo Sangue
hai posto la sorgente dello Spirito che dà la vita,
fa’ che la tua Chiesa,
spezzando il pane in tua memoria,
diventi il germe dell’umanità rinnovata,
a lode di Dio Padre.
Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.

R. Amen.



Donaci, o Signore, di godere pienamente della tua vita divina nel convito eterno, che ci hai fatto pregustare in questo sacramento del tuo Corpo e del tuo Sangue. Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Santissimo Corpo e Sangue di Cristo – Anno B – 6 giugno 2021

“Nessun pezzo di pane è tanto piccolo da non poter essere spezzato in due”



Dal Vangelo secondo Marco

“Il primo giorno degli Àzzimi, quando si immolava la Pasqua, i discepoli dissero a Gesù: «Dove vuoi che andiamo a preparare, perché tu possa mangiare la Pasqua?». Allora mandò due dei suoi discepoli, dicendo loro: «Andate in città e vi verrà incontro un uomo con una brocca d’acqua; seguitelo. Là dove entrerà, dite al padrone di casa: “Il Maestro dice: Dov’è la mia stanza, in cui io possa mangiare la Pasqua con i miei discepoli? Egli vi mostrerà al piano superiore una grande sala arredata e già pronta; lì preparate la cena per noi». I discepoli andarono e, entrati in città, trovarono come aveva detto loro e prepararono la Pasqua. 
Mentre mangiavano, prese il pane e recitò la benedizione, lo spezzò e lo diede loro, dicendo: «Prendete, questo è il mio corpo». Poi prese un calice e rese grazie, lo diede loro e ne bevvero tutti. E disse loro: «Questo è il mio sangue dell’alleanza, che è versato per molti. In verità io vi dico che non berrò mai più del frutto della vite fino al giorno in cui lo berrò nuovo, nel regno di Dio»”.



Il pane è l’alimento essenziale per ogni uomo. È l’alimento più semplice, farina ed acqua, è l’alimento più universale e più necessario, anzi, indispensabile, per tutti. A nessuno si deve negare un pezzo di pane per la sua sussistenza. Ognuno deve riportare a casa il pane per accudire la sua famiglia.

Gesù, per parlare di sé, per lasciare al mondo un segno della sua presenza, ha scelto proprio il pane come simbolo del suo dono totale ed incondizionato. “Mentre mangiavano, prese il pane e recitò la benedizione, lo spezzò e lo diede loro, dicendo: «Prendete, questo è il mio corpo»”. Si, il pane come Corpo di Cristo. Quindi essenziale, semplice, universale, necessario, indispensabile come il pane. Non deve essere negato a nessuno a tutti occorre assicurarlo.

L’immagine del pane e, quindi, in questa logica della Presenza eucaristica è portatrice anche di altre simbologie tutte accattivanti ed illuminanti. Il pane, costituito da farina, è il risultato del frumento macinato ed assemblato. Il frumento che lo compone è derivante da varie provenienze ma diventa un tutt’uno con l’acqua che lo unisce e lo impasta. I cristiani dovrebbero attingere da questa immagine, la copia, il modello comportamentale per unire le proprie vite, impastarle, per farle diventare presenza di Cristo. La comunità è proprio questo il risultato dell’unità amorevole e caritatevole di tutti i battezzati. Non ci sono, non debbono esserci distinzioni, fazioni, fratture, lacerazioni. L’unica frazione ammissibile è quella divisiva perché possa esserci distribuzione, condivisione. Gesù stesso prese fra le sue mani il pane e “lo spezzò”.

Decurtare sé stessi, togliere a sé stessi per donare, condividere è uno dei gesti più intimi, più fraterni, più eloquenti per narrare attenzione e premura per gli altri. Qual è il pane che oggi occorre condividere con chi non ne ha? Tempo, risorse, attenzioni, prendersi cura, accogliere, custodire, tollerare, includere sono tutte pietanze e porzioni di un unico pane che deve essere donato, condiviso. Lo impone l’imperativo categorico della fraternità, della solidarietà. Chi ha troppo deve avere meno per donare a chi manca l’essenziale. Chi ha molto deve decurtarsi per donare a chi manca il necessario. Chi ha poco deve condividere con chi ha meno di lui. Chi non ha per sé deve aiutare gli altri a cercare per tutti. Ecco perché un proverbio africano recita: ”Nessun pezzo di pane è tanti piccolo da non poter essere spezzato in due”.

Questa logica invocata da chi ha poco deve diventare l’azione concreta di chi, avendo di più, non si chiede egoisticamente in sé stesso ma condivide. Spezza. Proprio come Gesù “nascondendosi” nel Pane si è spezzato per donarsi a tutti. Nessuno escluso. Ognuno ha diritto ad avere un tozzo di pane. Averlo è dignità umana e cristiana.



Il sacramento del Corpo e del Sangue del Signore
è culmine e fonte di tutta la vita della Chiesa,
pegno di benedizione e di salvezza per il mondo intero.
Innalziamo la nostra preghiera unanime,
perché da questo grande mistero
scaturisca il dono della nostra unità e della pace.

R. Per il mistero del tuo Corpo e del tuo Sangue, salvaci, Signore.

Per la santa Chiesa,
perché fortificata dal pane della vita,
cammini nelle strade del mondo
annunziando con le parole e con le opere il Vangelo di salvezza, preghiamo. R.

Per i sacerdoti, ministri dell’altare,
perché si conformino sempre più al mistero che celebrano
per la lode di Dio e per l’edificazione del suo popolo, preghiamo. R.

Per i fanciulli, che partecipano la prima volta al banchetto eucaristico,
perché crescano in sapienza e grazia,
portando nella famiglia e nella Chiesa l’annuncio della gioia pasquale, preghiamo. R.

Per quanti si gloriano del nome cristiano,
perché nell’Eucaristia, segno e vincolo di unità,
ricompongano la piena comunione di fede e di amore, preghiamo. R.

Per noi qui presenti,
perché spezzando il pane di vita eterna
impariamo a condividere anche il pane terreno
e a soccorrere i fratelli che sono nell’indigenza e nel dolore, preghiamo. R.

Signore Gesù,
che nel sacramento del tuo Corpo e del tuo Sangue
hai posto la sorgente dello Spirito che dà la vita,
fa’ che la tua Chiesa,
spezzando il pane in tua memoria,
diventi il germe dell’umanità rinnovata,
a lode di Dio Padre.
Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.

R. Amen.



Donaci, o Signore, di godere pienamente della tua vita divina nel convito eterno, che ci hai fatto pregustare in questo sacramento del tuo Corpo e del tuo Sangue. Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
645FollowerSegui
319IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Preghiera per proteggere la tua casa e scacciare gli spiriti cattivi

E' una lunga invocazione che chiede anzitutto l'intervento della gloria di Gesù Cristo E’ una preghiera potente in cui si invocano Gesù Cristo, la Madonna...

Libri consigliati

Paolo e il suo Vangelo

Immergersi nella storicità di Gesù

La teologia di papa Francesco

Le ultime parole del Crocifisso

Sposati e sii sottomessa, 2011

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x