14.5 C
Roma
Dom, 25 Ottobre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Santi e Beati Santi Ribelli: Ildegarda di Bingen e il segreto della gioia

Santi Ribelli: Ildegarda di Bingen e il segreto della gioia

I Santi hanno un navigatore speciale per studiare percorsi adatti a centrare ogni anima.

- Advertisement -

Un progetto editoriale annuale chiamato Underground, per portare allo scoperto la corrente viva del pensiero cristiano. Il primo volume è Santi ribelli, scritto a più mani da appassionati per appassionare alle figure più controcorrente della storia. Eccone un assaggio.

I Santi hanno un navigatore speciale per studiare percorsi adatti a centrare ogni anima, Ildegarda si è presentata a casa mia con un vassoio pieno di dolci, i suoi biscotti della gioia.

Ricordo ancora quella sera tarda, passeggiavo con un’amica che non vedevo da tempo e lei mi confidò di come il suo corpo era cambiato seguendo la dieta della santa di Bingen, non in vista della prova costume ma del suo essere madre: i dottori le avevano dato per certo che non avrebbe avuto più figli a causa di certe sue disfunzioni, invece eccola mamma di due allegre pesti. Non usò la parola miracolo, ma sguardo. Io e lei condividevamo lo studio appassionato del Medioevo e questa sua esperienza concretissima di vita ci confermò quello che già sapevamo, la progressiva perdita di uno sguardo universale dell’uomo proprio a partire dal tempo che seguì l’età delle cattedrali.

La nostra chiacchierata finì con un invito che subito accolsi: «Prova i suoi biscotti della gioia, la ricetta è su internet!». È diventata la merenda preferita dei miei figli.

Mille anni mi separano da Ildegarda, e molto più. Lei tedesca di nobili origini, visitata da visioni potentissime, fondatrice di abbazie, scrittrice inesausta di teologia, musica, astronomia, cosmologia, poesia e tanto altro.

Nacque nel 1098 in Germania, ultima di dieci fratelli e fu messa in convento all’età di otto anni. Lì trovò la sua prima educatrice, quasi una madre: Jutta di Sponheim era aristocratica, ma con una vocazione profonda, trascorreva il tempo in clausura tra preghiere e l’ascolto, da una piccola finestra, dei lamenti della gente comune che da lei implorava benedizioni. Un vero angelo tra cielo e terra. Oltre a Jutta, Ildegarda scoprì in convento la voce di grandi autori cristiani, Dionigi l’Aeropagita e Agostino in primis. Ma già da piccolissima un’altra voce imperava sul suo cuore; era visitata da visioni che la prostravano, si trattava di una chiamata a cui lei cercò di resistere; poi le accolse e condivise i dubbi e il senso delle manifestazioni con S. Bernardo di Chiaravalle.

Fondò due monasteri, non senza sollevare invidie, maldicenze, accuse in ambito clericale. Le sue monache vestivano colori vivaci, cantavano, studiavano la medicina naturale. E lei, così legata all’umiltà della vita claustrale, non evitò di alzare lo sguardo fino all’imperatore quando ce ne fu bisogno: Federico Barbarossa confidava nei consigli di Ildegarda, ma quando oppose due antipapi ad Alessandro III si sentì redarguire da lei senza mezzi termini. Le voltò le spalle.

Questa figura così imponente, proclamata dottore della Chiesa nel 2012, potrebbe risultare lontana; invece mi sento di frequentarla con amichevolezza.

Ci sono tantissimi blog per mamme indaffarate sul web, però io preferisco rifugiarmi nelle parole di Ildegarda quando i pezzi della vita non collimano e stridono. Fossi stata studentessa mi sarei chiusa in una biblioteca a studiare tutto ciò che scrisse, ma ora non posso. Ho trovato un testo meraviglioso per avvicinarmi a questa santa, che ogni giorno di più sento tenera come una nonna e mirabile quanto una regina: si chiama Ildegarda, la potenza e la grazia e ne è autrice Lucia Tancredi. La Tancredi ha rielaborato il testo latino della Vita Hildegardis in una forma romanzata, ma storicamente fedele. Ne citerò qualche passaggio che ho consumato di sottolineature fin troppo entusiaste.

Il mondo moderno ha guadagnato una parola alquanto triste, femminismo; serenamente io giro le spalle a queste finte conquiste e faccio memoria del segreto della donna, guardando una santa i cui occhi – ovunque si posassero – trovavano materia di curiosità, lode e pieno affidamento al Padre del mondo; dal filo d’erba nel prato, alle doglie del parto di una donna, alle stelle del cielo.

Questo mondo che ci circonda, che qualcuno ci descrive come terra desolata dove veniamo al mondo soffrendo a ventre aperto, da cui è bene astenersi, è invece emanazione del Logos che tutto governa. Il mondo è creatura voluta dal Supremo fattore, nel quale il Figlio si è fatto fattura.

Ah! Eccoli qui i secoli bui! Sarebbe più onesto definirli i secoli universali, abitati da gente capace di una visione unitaria, nel micro e nel macro, non dispersiva né disperata, bensì innamorata … innamorata di Chi, in ogni briciola di reale ha impresso la sua digitale impronta celeste.

Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Santi Ribelli: Ildegarda di Bingen e il segreto della gioia

I Santi hanno un navigatore speciale per studiare percorsi adatti a centrare ogni anima.

  

- Advertisement -

Un progetto editoriale annuale chiamato Underground, per portare allo scoperto la corrente viva del pensiero cristiano. Il primo volume è Santi ribelli, scritto a più mani da appassionati per appassionare alle figure più controcorrente della storia. Eccone un assaggio.

I Santi hanno un navigatore speciale per studiare percorsi adatti a centrare ogni anima, Ildegarda si è presentata a casa mia con un vassoio pieno di dolci, i suoi biscotti della gioia.

Ricordo ancora quella sera tarda, passeggiavo con un’amica che non vedevo da tempo e lei mi confidò di come il suo corpo era cambiato seguendo la dieta della santa di Bingen, non in vista della prova costume ma del suo essere madre: i dottori le avevano dato per certo che non avrebbe avuto più figli a causa di certe sue disfunzioni, invece eccola mamma di due allegre pesti. Non usò la parola miracolo, ma sguardo. Io e lei condividevamo lo studio appassionato del Medioevo e questa sua esperienza concretissima di vita ci confermò quello che già sapevamo, la progressiva perdita di uno sguardo universale dell’uomo proprio a partire dal tempo che seguì l’età delle cattedrali.

La nostra chiacchierata finì con un invito che subito accolsi: «Prova i suoi biscotti della gioia, la ricetta è su internet!». È diventata la merenda preferita dei miei figli.

Mille anni mi separano da Ildegarda, e molto più. Lei tedesca di nobili origini, visitata da visioni potentissime, fondatrice di abbazie, scrittrice inesausta di teologia, musica, astronomia, cosmologia, poesia e tanto altro.

- Advertisement -

Nacque nel 1098 in Germania, ultima di dieci fratelli e fu messa in convento all’età di otto anni. Lì trovò la sua prima educatrice, quasi una madre: Jutta di Sponheim era aristocratica, ma con una vocazione profonda, trascorreva il tempo in clausura tra preghiere e l’ascolto, da una piccola finestra, dei lamenti della gente comune che da lei implorava benedizioni. Un vero angelo tra cielo e terra. Oltre a Jutta, Ildegarda scoprì in convento la voce di grandi autori cristiani, Dionigi l’Aeropagita e Agostino in primis. Ma già da piccolissima un’altra voce imperava sul suo cuore; era visitata da visioni che la prostravano, si trattava di una chiamata a cui lei cercò di resistere; poi le accolse e condivise i dubbi e il senso delle manifestazioni con S. Bernardo di Chiaravalle.

Fondò due monasteri, non senza sollevare invidie, maldicenze, accuse in ambito clericale. Le sue monache vestivano colori vivaci, cantavano, studiavano la medicina naturale. E lei, così legata all’umiltà della vita claustrale, non evitò di alzare lo sguardo fino all’imperatore quando ce ne fu bisogno: Federico Barbarossa confidava nei consigli di Ildegarda, ma quando oppose due antipapi ad Alessandro III si sentì redarguire da lei senza mezzi termini. Le voltò le spalle.

Questa figura così imponente, proclamata dottore della Chiesa nel 2012, potrebbe risultare lontana; invece mi sento di frequentarla con amichevolezza.

Ci sono tantissimi blog per mamme indaffarate sul web, però io preferisco rifugiarmi nelle parole di Ildegarda quando i pezzi della vita non collimano e stridono. Fossi stata studentessa mi sarei chiusa in una biblioteca a studiare tutto ciò che scrisse, ma ora non posso. Ho trovato un testo meraviglioso per avvicinarmi a questa santa, che ogni giorno di più sento tenera come una nonna e mirabile quanto una regina: si chiama Ildegarda, la potenza e la grazia e ne è autrice Lucia Tancredi. La Tancredi ha rielaborato il testo latino della Vita Hildegardis in una forma romanzata, ma storicamente fedele. Ne citerò qualche passaggio che ho consumato di sottolineature fin troppo entusiaste.

Il mondo moderno ha guadagnato una parola alquanto triste, femminismo; serenamente io giro le spalle a queste finte conquiste e faccio memoria del segreto della donna, guardando una santa i cui occhi – ovunque si posassero – trovavano materia di curiosità, lode e pieno affidamento al Padre del mondo; dal filo d’erba nel prato, alle doglie del parto di una donna, alle stelle del cielo.

Questo mondo che ci circonda, che qualcuno ci descrive come terra desolata dove veniamo al mondo soffrendo a ventre aperto, da cui è bene astenersi, è invece emanazione del Logos che tutto governa. Il mondo è creatura voluta dal Supremo fattore, nel quale il Figlio si è fatto fattura.

Ah! Eccoli qui i secoli bui! Sarebbe più onesto definirli i secoli universali, abitati da gente capace di una visione unitaria, nel micro e nel macro, non dispersiva né disperata, bensì innamorata … innamorata di Chi, in ogni briciola di reale ha impresso la sua digitale impronta celeste.

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
286FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
632FollowerSegui
123IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Libri consigliati

Le 217 domande di Gesù

Rut, la moabita

Seneca, tra libertà e suicidio

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x