23.9 C
Rome
sabato, 21 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Sacramenti Santa Sede: nessuno violi il segreto della Confessione

Santa Sede: nessuno violi il segreto della Confessione

Nessuna “azione politica o iniziativa legislativa”, si sottolinea nel testo pubblicato, forzi l’inviolabilità del sigillo sacramentale

- Advertisement -

Lei faceva cenno a un certo pregiudizio negativo nei confronti della Chiesa cattolica. Si vorrebbe che la Chiesa si conformasse agli ordinamenti civili degli Stati in certe materie?

R. – Qualche volta sì, si sente un po’ una ingiustificabile pretesa che la Chiesa in qualche materia arrivi ad omologare il proprio ordinamento giuridico agli ordinamenti civili degli Stati nei quali agisce, si trova a vivere, come se fosse quella l’unica garanzia di correttezza e rettitudine. Ma la Chiesa ha dentro sé stessa le possibilità di avere tutta la correttezza e la rettitudine possibili ed immaginabili. Ciò non incide, naturalmente, sul fatto che lo Stato proceda a modo proprio: questo è logico, ci mancherebbe altro. E si deve collaborare, ma in tutto quello che non è foro sacramentale.

La Nota si sofferma sull’assoluta inviolabilità del sigillo sacramentale, su cui si è espresso anche Papa Francesco nell’udienza che ha concesso ai partecipanti al Corso. In particolare cosa si dice?

R. – Di non assumere una mentalità relativistica a proposito del sigillo sacramentale, facendo di nuovo riferimento alla base teologica e quindi al fatto stesso che la gente che assolve è Dio stesso. Quindi il sigillo sacramentale e la riservatezza connaturata al foro interno, anch’essa sacramentale, sono elementi da ricordare e ai quali soprattutto i confessori devono riferirsi continuamente.

Si citano anche “foro interno extra-sacramentale” e “direzione spirituale”. Di cosa si tratta?

R. – Per esempio la direzione spirituale, ovvero la guida delle anime verso il discernimento, per sapere quello che Dio vuole da un’anima: questo è un colloquio e quindi non fa parte, non è un Sacramento evidentemente. Si va da un sacerdote, si chiede un consiglio e, in questo senso, non è detto che debba essere per forza solo un sacerdote, può essere una persona della quale si ha profonda stima sotto il profilo proprio della santità di vita, della correttezza di comportamento, della carità. Allora, questo è un ambito che è segreto ma è extra-sacramentale, quindi non è soggetto alla stessa disciplina del sigillo, però richiede una particolare riservatezza.

Quindi quale obiettivo vuole raggiungere la Nota?

R. – Ripassare la chiarezza di idee a tutti coloro che sono ministri del Sacramento della Confessione e allertare coloro che hanno aperto qualche crepa su questo punto. E ridare sempre maggior fiducia, anche in questo tempo, ai penitenti che si vengono a confessare e alle persone che vengono ad aprire l’animo per avere dei consigli. E quindi, in ultima analisi, aiutare la causa del sacrificio di Cristo che è venuto a togliere i peccati del mondo. 

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Santa Sede: nessuno violi il segreto della Confessione

Nessuna “azione politica o iniziativa legislativa”, si sottolinea nel testo pubblicato, forzi l’inviolabilità del sigillo sacramentale

  

- Advertisement -

Lei faceva cenno a un certo pregiudizio negativo nei confronti della Chiesa cattolica. Si vorrebbe che la Chiesa si conformasse agli ordinamenti civili degli Stati in certe materie?

R. – Qualche volta sì, si sente un po’ una ingiustificabile pretesa che la Chiesa in qualche materia arrivi ad omologare il proprio ordinamento giuridico agli ordinamenti civili degli Stati nei quali agisce, si trova a vivere, come se fosse quella l’unica garanzia di correttezza e rettitudine. Ma la Chiesa ha dentro sé stessa le possibilità di avere tutta la correttezza e la rettitudine possibili ed immaginabili. Ciò non incide, naturalmente, sul fatto che lo Stato proceda a modo proprio: questo è logico, ci mancherebbe altro. E si deve collaborare, ma in tutto quello che non è foro sacramentale.

La Nota si sofferma sull’assoluta inviolabilità del sigillo sacramentale, su cui si è espresso anche Papa Francesco nell’udienza che ha concesso ai partecipanti al Corso. In particolare cosa si dice?

R. – Di non assumere una mentalità relativistica a proposito del sigillo sacramentale, facendo di nuovo riferimento alla base teologica e quindi al fatto stesso che la gente che assolve è Dio stesso. Quindi il sigillo sacramentale e la riservatezza connaturata al foro interno, anch’essa sacramentale, sono elementi da ricordare e ai quali soprattutto i confessori devono riferirsi continuamente.

Si citano anche “foro interno extra-sacramentale” e “direzione spirituale”. Di cosa si tratta?

- Advertisement -

R. – Per esempio la direzione spirituale, ovvero la guida delle anime verso il discernimento, per sapere quello che Dio vuole da un’anima: questo è un colloquio e quindi non fa parte, non è un Sacramento evidentemente. Si va da un sacerdote, si chiede un consiglio e, in questo senso, non è detto che debba essere per forza solo un sacerdote, può essere una persona della quale si ha profonda stima sotto il profilo proprio della santità di vita, della correttezza di comportamento, della carità. Allora, questo è un ambito che è segreto ma è extra-sacramentale, quindi non è soggetto alla stessa disciplina del sigillo, però richiede una particolare riservatezza.

Quindi quale obiettivo vuole raggiungere la Nota?

R. – Ripassare la chiarezza di idee a tutti coloro che sono ministri del Sacramento della Confessione e allertare coloro che hanno aperto qualche crepa su questo punto. E ridare sempre maggior fiducia, anche in questo tempo, ai penitenti che si vengono a confessare e alle persone che vengono ad aprire l’animo per avere dei consigli. E quindi, in ultima analisi, aiutare la causa del sacrificio di Cristo che è venuto a togliere i peccati del mondo. 

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO