22.6 C
Rome
martedì, 25 Giugno 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno C Santa famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe - Anno C - 30...

Santa famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe – Anno C – 30 dicembre 2018

Famiglia: nido e culla dell’esistenza umana






    Dal Vangelo secondo Luca.

    “I genitori di Gesù si recavano ogni anno a Gerusalemme per la festa di Pasqua. Quando egli ebbe dodici anni, vi salirono secondo la consuetudine della festa. Ma, trascorsi i giorni, mentre riprendevano la via del ritorno, il fanciullo Gesù rimase a Gerusalemme, senza che i genitori se ne accorgessero. Credendo che egli fosse nella comitiva, fecero una giornata di viaggio, e poi si misero a cercarlo tra i parenti e i conoscenti; non avendolo trovato, tornarono in cerca di lui a Gerusalemme.

    Dopo tre giorni lo trovarono nel tempio, seduto in mezzo ai maestri, mentre li ascoltava e li interrogava. E tutti quelli che l’udivano erano pieni di stupore per la sua intelligenza e le sue risposte.

    Al vederlo restarono stupiti, e sua madre gli disse: «Figlio, perché ci hai fatto questo? Ecco, tuo padre e io, angosciati, ti cercavamo». Ed egli rispose loro: «Perché mi cercavate? Non sapevate che io devo occuparmi delle cose del Padre mio?». Ma essi non compresero ciò che aveva detto loro.

    Scese dunque con loro e venne a Nazaret e stava loro sottomesso. Sua madre custodiva tutte queste cose nel suo cuore. E Gesù cresceva in sapienza, età e grazia davanti a Dio e agli uomini”.




    E’ evidente che Dio avendo scelto di nascere, come ogni uomo, ha voluto collocare se stesso nell’ambito di una famiglia: la santa famiglia di Nazaret composta da lui, dalla mamma Maria e dal padre giuridico Giuseppe.

    Come ogni famiglia è stata anch’ella provata duramente, messa in pericolo conoscendo il nomadismo e la precarietà avendo, al suo interno, le stesse dinamiche relazionali e dialogiche di ogni famiglia. Maria, la Madre di Gesù, assieme allo sposo e il figlio si recano a Gerusalemme, come era consuetudine, per la festa di Pasqua. Insorge un malinteso che causa lo smarrimento temporaneo di Gesù. I genitori, accortisi, si mettono in trepidante e comprensiva ricerca del figlio. Trovatolo, stranamente, in conversazione nel tempio con i maestri gli fanno presente il loro affanno, l’”angoscia” con cui lo hanno cercato.

    Quante volte tanti genitori si sono messi sulle strade a cercare i figli smarriti perché rapiti dalla droga, soggiogati dal piacere, attratti dalle lusinghe, delusi dalle amicizie. Quante volte i genitori si mettono in cerca dei figli smarriti nelle tempeste della vita, nella ricerca di un lavoro che non si trova. Quante volte, travolti dalle tempeste adolescenziali, i figli si smarriscono preda delle loro pulsioni, incantati dai loro facili progetti, abbandonati da coloro che li hanno ammaliati. I genitori, inquieti ma non domi, determinati e non distratti, si mettono in cerca per raggiungerli, salvarli, riaccoglierli in casa.

    Anche ciascuno di noi, spesso, smarrisce Dio nella propria vita perché ci lasciamo assorbire da mille altre occupazioni. Sull’esempio di Maria dobbiamo diventare cercatori. La molla che ci deve spingere ad andare alla ricerca di Dio deve essere l’amore verso di lui, come l’amore di una madre per il figlio la porta a cercarlo dappertutto. “È dalla porta di casa che escono i santi, quelli che sapranno dare e ricevere amore e che, per questo, sapranno essere felici”(Ermes Ronchi). La famiglia dunque è la prima cattedra di vita: è il primo luogo dove si assapora l’amore, il sapore di Dio, il desiderio della ricerca. E’ il nido, la culla dell’esistenza umana.




    Gesù nacque in una famiglia. Lui poteva venire spettacolarmente, o come un guerriero, un imperatore… No, no: viene come un figlio di famiglia, in una famiglia. Dio ha scelto di nascere in una famiglia umana, che ha formato Lui stesso. L’ha formata in uno sperduto villaggio della periferia dell’Impero Romano. Gesù è rimasto in quella periferia per trent’anni. E uno potrebbe dire: “Ma questo Dio che viene a salvarci, ha perso trent’anni lì? Ma ciò che era importante lì, era la famiglia! E questo non era uno spreco! Erano grandi santi: Maria, la donna più santa, immacolata, e Giuseppe, l’uomo più giusto… La famiglia. Ciascuna famiglia cristiana – come fecero Maria e Giuseppe – può anzitutto accogliere Gesù, ascoltarlo, parlare con Lui, custodirlo, proteggerlo, crescere con Lui; e così migliorare il mondo. Facciamo spazio nel nostro cuore e nelle nostre giornate al Signore. Così fecero anche Maria e Giuseppe, e non fu facile: quante difficoltà dovettero superare! Non era una famiglia finta, non era una famiglia irreale. E, come accadde in quei trent’anni a Nazaret, così può accadere anche per noi: far diventare normale l’amore e non l’odio, far diventare comune l’aiuto vicendevole, non l’indifferenza o l’inimicizia.

    (Udienza Generale, 17 dicembre 2014)




    Padre misericordioso, che ci hai nutriti alla tua mensa, donaci di seguire gli esempi della santa Famiglia, perché dopo le prove di questa vita siamo associati alla sua gloria in cielo. Per Cristo nostro Signore.



- Advertisement -
B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Santa famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe – Anno C – 30 dicembre 2018

Famiglia: nido e culla dell’esistenza umana






    Dal Vangelo secondo Luca.

    “I genitori di Gesù si recavano ogni anno a Gerusalemme per la festa di Pasqua. Quando egli ebbe dodici anni, vi salirono secondo la consuetudine della festa. Ma, trascorsi i giorni, mentre riprendevano la via del ritorno, il fanciullo Gesù rimase a Gerusalemme, senza che i genitori se ne accorgessero. Credendo che egli fosse nella comitiva, fecero una giornata di viaggio, e poi si misero a cercarlo tra i parenti e i conoscenti; non avendolo trovato, tornarono in cerca di lui a Gerusalemme.

    Dopo tre giorni lo trovarono nel tempio, seduto in mezzo ai maestri, mentre li ascoltava e li interrogava. E tutti quelli che l’udivano erano pieni di stupore per la sua intelligenza e le sue risposte.

    Al vederlo restarono stupiti, e sua madre gli disse: «Figlio, perché ci hai fatto questo? Ecco, tuo padre e io, angosciati, ti cercavamo». Ed egli rispose loro: «Perché mi cercavate? Non sapevate che io devo occuparmi delle cose del Padre mio?». Ma essi non compresero ciò che aveva detto loro.

    Scese dunque con loro e venne a Nazaret e stava loro sottomesso. Sua madre custodiva tutte queste cose nel suo cuore. E Gesù cresceva in sapienza, età e grazia davanti a Dio e agli uomini”.




    E’ evidente che Dio avendo scelto di nascere, come ogni uomo, ha voluto collocare se stesso nell’ambito di una famiglia: la santa famiglia di Nazaret composta da lui, dalla mamma Maria e dal padre giuridico Giuseppe.

    Come ogni famiglia è stata anch’ella provata duramente, messa in pericolo conoscendo il nomadismo e la precarietà avendo, al suo interno, le stesse dinamiche relazionali e dialogiche di ogni famiglia. Maria, la Madre di Gesù, assieme allo sposo e il figlio si recano a Gerusalemme, come era consuetudine, per la festa di Pasqua. Insorge un malinteso che causa lo smarrimento temporaneo di Gesù. I genitori, accortisi, si mettono in trepidante e comprensiva ricerca del figlio. Trovatolo, stranamente, in conversazione nel tempio con i maestri gli fanno presente il loro affanno, l’”angoscia” con cui lo hanno cercato.

    Quante volte tanti genitori si sono messi sulle strade a cercare i figli smarriti perché rapiti dalla droga, soggiogati dal piacere, attratti dalle lusinghe, delusi dalle amicizie. Quante volte i genitori si mettono in cerca dei figli smarriti nelle tempeste della vita, nella ricerca di un lavoro che non si trova. Quante volte, travolti dalle tempeste adolescenziali, i figli si smarriscono preda delle loro pulsioni, incantati dai loro facili progetti, abbandonati da coloro che li hanno ammaliati. I genitori, inquieti ma non domi, determinati e non distratti, si mettono in cerca per raggiungerli, salvarli, riaccoglierli in casa.

    Anche ciascuno di noi, spesso, smarrisce Dio nella propria vita perché ci lasciamo assorbire da mille altre occupazioni. Sull’esempio di Maria dobbiamo diventare cercatori. La molla che ci deve spingere ad andare alla ricerca di Dio deve essere l’amore verso di lui, come l’amore di una madre per il figlio la porta a cercarlo dappertutto. “È dalla porta di casa che escono i santi, quelli che sapranno dare e ricevere amore e che, per questo, sapranno essere felici”(Ermes Ronchi). La famiglia dunque è la prima cattedra di vita: è il primo luogo dove si assapora l’amore, il sapore di Dio, il desiderio della ricerca. E’ il nido, la culla dell’esistenza umana.




    Gesù nacque in una famiglia. Lui poteva venire spettacolarmente, o come un guerriero, un imperatore… No, no: viene come un figlio di famiglia, in una famiglia. Dio ha scelto di nascere in una famiglia umana, che ha formato Lui stesso. L’ha formata in uno sperduto villaggio della periferia dell’Impero Romano. Gesù è rimasto in quella periferia per trent’anni. E uno potrebbe dire: “Ma questo Dio che viene a salvarci, ha perso trent’anni lì? Ma ciò che era importante lì, era la famiglia! E questo non era uno spreco! Erano grandi santi: Maria, la donna più santa, immacolata, e Giuseppe, l’uomo più giusto… La famiglia. Ciascuna famiglia cristiana – come fecero Maria e Giuseppe – può anzitutto accogliere Gesù, ascoltarlo, parlare con Lui, custodirlo, proteggerlo, crescere con Lui; e così migliorare il mondo. Facciamo spazio nel nostro cuore e nelle nostre giornate al Signore. Così fecero anche Maria e Giuseppe, e non fu facile: quante difficoltà dovettero superare! Non era una famiglia finta, non era una famiglia irreale. E, come accadde in quei trent’anni a Nazaret, così può accadere anche per noi: far diventare normale l’amore e non l’odio, far diventare comune l’aiuto vicendevole, non l’indifferenza o l’inimicizia.

    (Udienza Generale, 17 dicembre 2014)




    Padre misericordioso, che ci hai nutriti alla tua mensa, donaci di seguire gli esempi della santa Famiglia, perché dopo le prove di questa vita siamo associati alla sua gloria in cielo. Per Cristo nostro Signore.



- Advertisement -
- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato di SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
272FansMi piace
800FollowerSegui
13,000FollowerSegui
578FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO