32.6 C
Rome
mercoledì, 26 Giugno 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Spiritualità Salmo 35: Un canto amaro

Salmo 35: Un canto amaro

Chi parla in questo Salmo?

- Advertisement -
di: Giovanni Giavini
Chi era il suo autore?

Domanda: chi parla in questo Salmo? Certamente un ebreo prima di Cristo, anche se già quasi un suo discepolo; è soprattutto un uomo amareggiato, deluso, sconcertato, assetato di giustizia; non riesce a parlare se non a fiotti, senza troppa logica, la sua preghiera ne risulta parecchio disordinata, benché comprensibile e molto vicina a quella di chi deve affrontare la vita con gioie e dolori in alternanza e a sorpresa. Non è esperienza più o meno di tutti noi mortali?

Proviamo a scavare in questo Salmo, pur dandogli un certo ordine a nostro servizio, e semplificandolo, anche perché un po’ lungo.

Il Salmo si apre con l’invito a Dio a prendere armi, come quelle di 2000 e oltre anni fa: scudo, corazza, lancia. Contro certi nemici di un Suo servo maltrattato. Costui, innominato e quasi – direbbe Pirandello – un signor “uno nessuno e centomila”, ha amici amati e ora feroci: «Senza motivo mi hanno teso una rete, mi hanno scavato una fossa… Sorgevano testimoni violenti… mi rendevano male per bene… Essi godono della mia caduta, si radunano contro di me per colpirmi di sorpresa… contro di me digrignano i denti… parlano di pace e tramano inganni e dicono: Bene, i nostri occhi hanno visto e l’abbiamo divorato»!

Un amico vero e deluso

Che cosa invece aveva fatto il povero salmista? «Io, quand’erano malati, vestivo di sacco, mi affliggevo con digiuno, la mia preghiera (per loro) riecheggiava nel mio petto. Accorrevo come per un amico, come per un fratello, mi prostravo nel dolore come in lutto per la madre»!

Sorprende non poco questo amore per gli altri diventati poi, chissà perché (capita…), suoi feroci divoratori. La delusione sua quindi è lampante, amarissima, dolorosa. Ne nasce il desiderio di giustizia da parte del suo Dio, perché – si sottende – anche Lui resta coinvolto: una vittoria schiacciante dei nemici significherebbe sconfitta anche per YHWH, per il Dio «che libera il povero dal più forte, il povero e il misero da chi li rapina… e vuole la pace del suo servo». Questa infatti era la forte fede del salmista (come la nostra?).

Di qui la supplica accorata a quel Dio anche ottimo combattente e ben armato: «Fino a quando o Signore stai a guardare? Siano svergognati e confusi quanti attentano alla mia vita… siano come pula al vento e l’angelo del Signore (una disgrazia? una peste? guai come le famose piaghe d’Egitto sul terribile Faraone e il suo esercito?) li insegua e disperda… Li colga una rovina improvvisa, li catturi la rete che hanno tesa e nella rovina siano travolti».

Evidentemente, siamo ancora lontani dall’evangelo del perdono e della salvezza per tutti. Però è vero che anche il Padre di Gesù non è un buonista per il quale tutto va bene e che non ha interesse alla difesa del povero e dei suoi diritti, specialmente del povero che invoca e che aveva amato anche il nemico (così era stato già l’antico salmista).

La pace invocata

Questa dunque era, per allora, la pace che quel servo di Dio aspettava, invocava, desiderava con tutte le sue disarmate forze. Il Salmo suppone un intervento (finalmente!) di Dio per la pace del suo servo, benché non ne parli. Tuttavia lo si intravvede dalle espressioni di lode e ringraziamento del salmista, che vuol coinvolgere in esse anche altri: «la grande assemblea, un popolo numeroso… Esulti e gioisca chi ama il mio diritto (la mia giustizia) e dica sempre: Grande è il Signore che vuole la pace del suo servo. La mia lingua mediterà la tua giustizia (interessante questo scambio tra la mia giustizia e quella di Dio: intrecciate) e canterò la tua lode per sempre».

Pur con i suoi limiti, dunque, anche questo Salmo contiene e propone qualche preziosa perla anche per la preghiera di noi credenti o mal-credenti che siamo.

Certo, noi oggi abbiamo alle spalle e davanti agli occhi del cuore un altro e straordinario Servo di YHWH: uomo dei dolori, che conosce il patire, maltrattato da tanta gente, eppure vincitore del male e della morte, capace di pregare sulla croce per i malfattori e offrire anche a loro il suo Paradiso. Lui ci invita ogni giorno a chiedere il perdono e la remissione e a darla ai nostri debitori (cosa che, forse, qualche volta sappiamo fare… sulla sua scia e alla luce della sua preghiera).

Con papa Francesco

Abbiamo toccato anche un importante aspetto della Parola di Dio. È evidente che essa s’è sviluppata lungo una storia di millenni, in vari momenti e forme, e continua anche oggi il suo cammino nelle Chiese e nell’umanità. Ogni epoca è chiamata ad ascoltarla e a viverla, anche ad approfondirne la ricchezza insondabile. Senza rimpianti banali del passato (peccati e disastri ci furono sempre assieme a meravigliosi segni di bene e santità), aperti anche a novità: ce lo richiama spesso papa Francesco (cf. la sua Evangelii gaudium).

L’epoca moderna e post-moderna è carica di guai e di profezie di sventura, ma pure di segni positivi; tra questi l’esigenza di non arroccarci sul “s’è sempre detto e fatto così”, ma di ricuperare l’essenziale e il mistero del Vangelo pasquale e di riproporlo anche in linguaggi e forme nuove, più adatte all’uomo d’oggi. Bell’impegno per papi, vescovi, clero, teologi, catechisti, anziani e giovani… Senza timori, anzi sempre disponibili al Dio che, nascosto specialmente in Cristo, vuole la pace dei suoi servi.

Riprendendo qui Pirandello, potremmo dire che nel Salmo 35 si esprimeva «uno, Gesù – il Gesù pasquale – e 100 mila»? Sì, pur con qualche illuminata precisazione. Da qui l’invito a leggerlo e a pregarlo così com’è nella Bibbia, secondo l’ultima versione della CEI (o in altre versioni moderne). Ce ne sentiremo coinvolti tutti, credenti o dubbiosi che siamo, magari sconcertati da tanti mali personali o sociali e dai silenzi di Dio. E vorremmo anche condividere il canto della fede con un «popolo numeroso». In particolare con la gioia pasquale.

Originale: Settimana News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Salmo 35: Un canto amaro

Chi parla in questo Salmo?

  

- Advertisement -
di: Giovanni Giavini
Chi era il suo autore?

Domanda: chi parla in questo Salmo? Certamente un ebreo prima di Cristo, anche se già quasi un suo discepolo; è soprattutto un uomo amareggiato, deluso, sconcertato, assetato di giustizia; non riesce a parlare se non a fiotti, senza troppa logica, la sua preghiera ne risulta parecchio disordinata, benché comprensibile e molto vicina a quella di chi deve affrontare la vita con gioie e dolori in alternanza e a sorpresa. Non è esperienza più o meno di tutti noi mortali?

Proviamo a scavare in questo Salmo, pur dandogli un certo ordine a nostro servizio, e semplificandolo, anche perché un po’ lungo.

Il Salmo si apre con l’invito a Dio a prendere armi, come quelle di 2000 e oltre anni fa: scudo, corazza, lancia. Contro certi nemici di un Suo servo maltrattato. Costui, innominato e quasi – direbbe Pirandello – un signor “uno nessuno e centomila”, ha amici amati e ora feroci: «Senza motivo mi hanno teso una rete, mi hanno scavato una fossa… Sorgevano testimoni violenti… mi rendevano male per bene… Essi godono della mia caduta, si radunano contro di me per colpirmi di sorpresa… contro di me digrignano i denti… parlano di pace e tramano inganni e dicono: Bene, i nostri occhi hanno visto e l’abbiamo divorato»!

Un amico vero e deluso

Che cosa invece aveva fatto il povero salmista? «Io, quand’erano malati, vestivo di sacco, mi affliggevo con digiuno, la mia preghiera (per loro) riecheggiava nel mio petto. Accorrevo come per un amico, come per un fratello, mi prostravo nel dolore come in lutto per la madre»!

Sorprende non poco questo amore per gli altri diventati poi, chissà perché (capita…), suoi feroci divoratori. La delusione sua quindi è lampante, amarissima, dolorosa. Ne nasce il desiderio di giustizia da parte del suo Dio, perché – si sottende – anche Lui resta coinvolto: una vittoria schiacciante dei nemici significherebbe sconfitta anche per YHWH, per il Dio «che libera il povero dal più forte, il povero e il misero da chi li rapina… e vuole la pace del suo servo». Questa infatti era la forte fede del salmista (come la nostra?).

- Advertisement -

Di qui la supplica accorata a quel Dio anche ottimo combattente e ben armato: «Fino a quando o Signore stai a guardare? Siano svergognati e confusi quanti attentano alla mia vita… siano come pula al vento e l’angelo del Signore (una disgrazia? una peste? guai come le famose piaghe d’Egitto sul terribile Faraone e il suo esercito?) li insegua e disperda… Li colga una rovina improvvisa, li catturi la rete che hanno tesa e nella rovina siano travolti».

Evidentemente, siamo ancora lontani dall’evangelo del perdono e della salvezza per tutti. Però è vero che anche il Padre di Gesù non è un buonista per il quale tutto va bene e che non ha interesse alla difesa del povero e dei suoi diritti, specialmente del povero che invoca e che aveva amato anche il nemico (così era stato già l’antico salmista).

La pace invocata

Questa dunque era, per allora, la pace che quel servo di Dio aspettava, invocava, desiderava con tutte le sue disarmate forze. Il Salmo suppone un intervento (finalmente!) di Dio per la pace del suo servo, benché non ne parli. Tuttavia lo si intravvede dalle espressioni di lode e ringraziamento del salmista, che vuol coinvolgere in esse anche altri: «la grande assemblea, un popolo numeroso… Esulti e gioisca chi ama il mio diritto (la mia giustizia) e dica sempre: Grande è il Signore che vuole la pace del suo servo. La mia lingua mediterà la tua giustizia (interessante questo scambio tra la mia giustizia e quella di Dio: intrecciate) e canterò la tua lode per sempre».

Pur con i suoi limiti, dunque, anche questo Salmo contiene e propone qualche preziosa perla anche per la preghiera di noi credenti o mal-credenti che siamo.

Certo, noi oggi abbiamo alle spalle e davanti agli occhi del cuore un altro e straordinario Servo di YHWH: uomo dei dolori, che conosce il patire, maltrattato da tanta gente, eppure vincitore del male e della morte, capace di pregare sulla croce per i malfattori e offrire anche a loro il suo Paradiso. Lui ci invita ogni giorno a chiedere il perdono e la remissione e a darla ai nostri debitori (cosa che, forse, qualche volta sappiamo fare… sulla sua scia e alla luce della sua preghiera).

Con papa Francesco

Abbiamo toccato anche un importante aspetto della Parola di Dio. È evidente che essa s’è sviluppata lungo una storia di millenni, in vari momenti e forme, e continua anche oggi il suo cammino nelle Chiese e nell’umanità. Ogni epoca è chiamata ad ascoltarla e a viverla, anche ad approfondirne la ricchezza insondabile. Senza rimpianti banali del passato (peccati e disastri ci furono sempre assieme a meravigliosi segni di bene e santità), aperti anche a novità: ce lo richiama spesso papa Francesco (cf. la sua Evangelii gaudium).

L’epoca moderna e post-moderna è carica di guai e di profezie di sventura, ma pure di segni positivi; tra questi l’esigenza di non arroccarci sul “s’è sempre detto e fatto così”, ma di ricuperare l’essenziale e il mistero del Vangelo pasquale e di riproporlo anche in linguaggi e forme nuove, più adatte all’uomo d’oggi. Bell’impegno per papi, vescovi, clero, teologi, catechisti, anziani e giovani… Senza timori, anzi sempre disponibili al Dio che, nascosto specialmente in Cristo, vuole la pace dei suoi servi.

Riprendendo qui Pirandello, potremmo dire che nel Salmo 35 si esprimeva «uno, Gesù – il Gesù pasquale – e 100 mila»? Sì, pur con qualche illuminata precisazione. Da qui l’invito a leggerlo e a pregarlo così com’è nella Bibbia, secondo l’ultima versione della CEI (o in altre versioni moderne). Ce ne sentiremo coinvolti tutti, credenti o dubbiosi che siamo, magari sconcertati da tanti mali personali o sociali e dai silenzi di Dio. E vorremmo anche condividere il canto della fede con un «popolo numeroso». In particolare con la gioia pasquale.

- Advertisement -
Originale: Settimana News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato di SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
272FansMi piace
805FollowerSegui
13,000FollowerSegui
582FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Il “counseling” pastorale

Palumbo: La misericordia di Dio

Dieci parole per vivere

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO