5.8 C
Rome
Mer, 11 Dicembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Rut, la moabita

La straordinaria storia di Rut la Moabita

- Advertisement -
di: Roberto Mela

Don Cristiano d’Angelo è parroco di Bonistallo (PT), vicario episcopale per la pastorale e direttore dell’Ufficio catechistico della diocesi di Pistoia. Il 24 marzo 2017 ha conseguito il dottorato in teologia presso la Facoltà teologica dell’Italia centrale di Firenze difendendo la tesi in teologia biblica “Davide e Mical. Studio sulla redazione e la teologia di 1-2 Samuele”. È docente presso la stessa FTIC di Firenze.

Il volume è il reprint del volume apparso la prima volta nella collana Biblica delle EDB, nel 2004, opportunamente corretto. Libretto appassionante per la delicatezza della storia, l’intensità dei sentimenti e delle passioni, la tensione fra la Legge e l’amore tra le persone (in questo caso donne) che permette l’apertura di orizzonti nuovi, tale da fare di “Rut la moabita” la bisnonna del re David e una della quattro donne citate nella genealogia di Gesù riportata nel Vangelo di Matteo. L’attaccamento/incollatura/dābaq ‘im (Rt 2,8) della moabita Rut alla nuora Noemi permette alla (teoricamente) esclusa permanente dalla Legge dal fare parte del popolo israelita (cf. Nm Dt 23,4) di entrare a farne parte grazie all’amore di Booz per lei.

Unendo – forzando leggermente la Legge – l’istituto giuridico del levirato e quello del riscatto dei beni di un fratello ebreo morto o finito in miseria e a rischio di perdere l’eredità dei padri, Booz permette a Rut, che ha fatto corpo unico con Noemi – la vera interessata all’opera del riscattatore/gō’ēl –, di entrare a far parte di Israele. Con il campo di Noemi, Booz si “compra” anche Rut, che ha fatto corpo unico con la nuora, che alla sua partenza aveva venduto il campo di Betlemme (o che si vede costretta a farlo al suo ritorno).

L’amore e la fedeltà fra le due donne permette alla storia di muoversi nella direzione in parte diversa da quella testimoniata da altri testi post-esilici come quelli di Esdra e Neemia. Pur ambientato fittiziamente all’epoca dei Giudici – Rut è posto canonicamente fra i libri dei Giudici e quello di 1Samuele –, il libro si inquadra invece nella temperie post-esilica, che vede scontrarsi sensibilità diverse circa il mantenimento dell’identità giudaica con l’apertura o la chiusura di fronte all’universalismo e alle figure degli stranieri. Rut e Giona si pongono come testi animati da una mentalità opposta a quella di Esdra-Neemia.

Nella prima aperta del suo lavoro (pp. 17-142) D’angelo fornisce un’inquadratura storico-letteraria e teologica di Rut, seguendo lo sviluppo della trama notando il passaggio dalla terra sterile alla sterilità della vita in terra di Moab. In quella terra di rifugio dalla carestia, Noemi (“la Dolce”) perde il marito Elimelech (“Il mio Dio è re”), e i figli Machlon (“Languore”) e Chilion (“Consunzione”). Noemi, “La Dolce”, si avvia come Mara (“L’Amara”) per tornare a Betlemme (“Casa del pane”), avendo sentito che YHWH aveva donato pane a quella terra da cui era partita a causa della carestia.

La nuora Orpa (“Colei che volge il dorso”) la bacia e torna nella sua famiglia moabita. Rut (“L’Amica”), con lo spirito tipico dei patriarchi, si mette in movimento verso il futuro ignoto e gravido di incertezze e pericoli con un animo di profonda solidarietà con la nuora Noemi. In Betlemme si cerca la vita, il pane, dono della provvidenza del Santo. Noemi e Rut vi arrivano al tempo della raccolta dell’orzo (per questo il libro di Rut viene letto dagli ebrei nella festa di Shabuot, la Festa delle Settimane, la nostra Pentecoste, all’inizio dell’estate).

L’amore umano fra Rut e il parente prossimo Booz (“Con forza”), incoraggiato dalla saggia Noemi, permette all’azione invisibile di Dio di manifestarsi attraverso i sentimenti fondamentali degli esseri umani, che agiscono con leggi proprie, superano anche le strette maglie della Legge interpretata in senso ristrettivo e non “forzata” in un’interpretazione “larga” favorevole alla vita e all’espansione dell’amore fra le persone e i popoli.

Nel resto del suo volume (pp. 143-204) D’angelo analizza le interpretazioni che al libro biblico hanno dato il Targum e il Midras Rabba, analizzando anche la transizione dal testo biblico alla letteratura post-biblica, nella quale sempre più Rut è vista come il modello della proselita, mentre invece il testo biblico non menziona alcuna opera “religiosa” compiuta espressamente da Rut.

La bibliografia (pp. 205-214) precede l’indice degli argomenti e quello delle parole ebraiche.

Il volume di D’angelo si pone sulla scia di un forte recupero di questa operetta biblica nel sentire del cammino cristiano di molte comunità e gruppi biblici, dei fidanzati e degli sposi ecc.

Un libretto d’amore, di fedeltà fra donne, di scavalcamento della ferrea legge “maschile”.

Un libretto esplosivo anche per i nostri tempi.

 

ACQUISTA IL VOLUME

Originale: Settimana News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Rut, la moabita

La straordinaria storia di Rut la Moabita

  

- Advertisement -
di: Roberto Mela

Don Cristiano d’Angelo è parroco di Bonistallo (PT), vicario episcopale per la pastorale e direttore dell’Ufficio catechistico della diocesi di Pistoia. Il 24 marzo 2017 ha conseguito il dottorato in teologia presso la Facoltà teologica dell’Italia centrale di Firenze difendendo la tesi in teologia biblica “Davide e Mical. Studio sulla redazione e la teologia di 1-2 Samuele”. È docente presso la stessa FTIC di Firenze.

Il volume è il reprint del volume apparso la prima volta nella collana Biblica delle EDB, nel 2004, opportunamente corretto. Libretto appassionante per la delicatezza della storia, l’intensità dei sentimenti e delle passioni, la tensione fra la Legge e l’amore tra le persone (in questo caso donne) che permette l’apertura di orizzonti nuovi, tale da fare di “Rut la moabita” la bisnonna del re David e una della quattro donne citate nella genealogia di Gesù riportata nel Vangelo di Matteo. L’attaccamento/incollatura/dābaq ‘im (Rt 2,8) della moabita Rut alla nuora Noemi permette alla (teoricamente) esclusa permanente dalla Legge dal fare parte del popolo israelita (cf. Nm Dt 23,4) di entrare a farne parte grazie all’amore di Booz per lei.

Unendo – forzando leggermente la Legge – l’istituto giuridico del levirato e quello del riscatto dei beni di un fratello ebreo morto o finito in miseria e a rischio di perdere l’eredità dei padri, Booz permette a Rut, che ha fatto corpo unico con Noemi – la vera interessata all’opera del riscattatore/gō’ēl –, di entrare a far parte di Israele. Con il campo di Noemi, Booz si “compra” anche Rut, che ha fatto corpo unico con la nuora, che alla sua partenza aveva venduto il campo di Betlemme (o che si vede costretta a farlo al suo ritorno).

L’amore e la fedeltà fra le due donne permette alla storia di muoversi nella direzione in parte diversa da quella testimoniata da altri testi post-esilici come quelli di Esdra e Neemia. Pur ambientato fittiziamente all’epoca dei Giudici – Rut è posto canonicamente fra i libri dei Giudici e quello di 1Samuele –, il libro si inquadra invece nella temperie post-esilica, che vede scontrarsi sensibilità diverse circa il mantenimento dell’identità giudaica con l’apertura o la chiusura di fronte all’universalismo e alle figure degli stranieri. Rut e Giona si pongono come testi animati da una mentalità opposta a quella di Esdra-Neemia.

- Advertisement -

Nella prima aperta del suo lavoro (pp. 17-142) D’angelo fornisce un’inquadratura storico-letteraria e teologica di Rut, seguendo lo sviluppo della trama notando il passaggio dalla terra sterile alla sterilità della vita in terra di Moab. In quella terra di rifugio dalla carestia, Noemi (“la Dolce”) perde il marito Elimelech (“Il mio Dio è re”), e i figli Machlon (“Languore”) e Chilion (“Consunzione”). Noemi, “La Dolce”, si avvia come Mara (“L’Amara”) per tornare a Betlemme (“Casa del pane”), avendo sentito che YHWH aveva donato pane a quella terra da cui era partita a causa della carestia.

La nuora Orpa (“Colei che volge il dorso”) la bacia e torna nella sua famiglia moabita. Rut (“L’Amica”), con lo spirito tipico dei patriarchi, si mette in movimento verso il futuro ignoto e gravido di incertezze e pericoli con un animo di profonda solidarietà con la nuora Noemi. In Betlemme si cerca la vita, il pane, dono della provvidenza del Santo. Noemi e Rut vi arrivano al tempo della raccolta dell’orzo (per questo il libro di Rut viene letto dagli ebrei nella festa di Shabuot, la Festa delle Settimane, la nostra Pentecoste, all’inizio dell’estate).

L’amore umano fra Rut e il parente prossimo Booz (“Con forza”), incoraggiato dalla saggia Noemi, permette all’azione invisibile di Dio di manifestarsi attraverso i sentimenti fondamentali degli esseri umani, che agiscono con leggi proprie, superano anche le strette maglie della Legge interpretata in senso ristrettivo e non “forzata” in un’interpretazione “larga” favorevole alla vita e all’espansione dell’amore fra le persone e i popoli.

Nel resto del suo volume (pp. 143-204) D’angelo analizza le interpretazioni che al libro biblico hanno dato il Targum e il Midras Rabba, analizzando anche la transizione dal testo biblico alla letteratura post-biblica, nella quale sempre più Rut è vista come il modello della proselita, mentre invece il testo biblico non menziona alcuna opera “religiosa” compiuta espressamente da Rut.

La bibliografia (pp. 205-214) precede l’indice degli argomenti e quello delle parole ebraiche.

Il volume di D’angelo si pone sulla scia di un forte recupero di questa operetta biblica nel sentire del cammino cristiano di molte comunità e gruppi biblici, dei fidanzati e degli sposi ecc.

Un libretto d’amore, di fedeltà fra donne, di scavalcamento della ferrea legge “maschile”.

Un libretto esplosivo anche per i nostri tempi.

 

ACQUISTA IL VOLUME

- Advertisement -
Originale: Settimana News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
279FansMi piace
873FollowerSegui
13,000FollowerSegui
607FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Bibbia: poeti e poesie

Il Padre nostro e la tentazione

La grande città e la salvezza

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO