11 C
Roma
Gio, 22 Ottobre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita Ecclesiale Restituzione per Bose

Restituzione per Bose

- Advertisement -
di: Autori vari

Sua Santità Papa Francesco,
Conoscendo la Sua attenzione pastorale e l’affetto che La lega al Suo gregge, scriviamo perché ricorriamo a Lei per un motivo che riteniamo molto importante.
Il motivo è la situazione in cui si trovano oggi moltissimi credenti che da decenni frequentano la Comunità di Bose come luogo di riflessione, preghiera, formazione, portando poi la loro testimonianza e il loro impegno nelle parrocchie e nei luoghi in cui vivono e lavorano. Tantissime persone che, non solo in Italia, in questi giorni provano grande sofferenza, sconforto e smarrimento per le notizie che provengono dalla Comunità in seguito al decreto singolare della Santa Sede del 13 maggio. Anche tanti altri credenti, che di Bose hanno solo sentito parlare, stanno in questo momento esprimendo sui media la loro inquietudine, temendo di essere lasciati “nella nebbia” rispetto ai loro interrogativi, affidandosi però a notizie contraddittorie che possono far anche molto male.
Anche noi scriventi, piccolo ma forse rappresentativo gruppo, abbiamo seguito con apprensione le cronache di queste giornate, abbiamo pregato nei giorni di Pentecoste lo Spirito perché la Comunità, adeguatamente supportata, riuscisse a mostrare gesti esemplari di misericordia; ora siamo smarriti perché non comprendiamo il protrarsi di questo silenzio in merito a quanto deciso. No, non è curiosità, Santo Padre, nemmeno vogliamo cadere nella tentazione di “io son di Paolo, io di Apollo e io di Cefa”, al contrario: abbiamo bisogno di trasparenza per dare testimonianza di unità, di partecipazione piena alla sofferenza di tutte le persone coinvolte, per capire l’ottica della Chiesa, che oggi è intervenuta secondo finalità che non conosciamo e, non informati, non comprendiamo.
Siamo consapevoli delle necessarie cautele di discrezione sui vissuti e sulle relazioni , ma non comprendiamo perché proprio le persone coinvolte non possano conoscere i motivi delle decisioni, mentre noi abbiamo invece bisogno di capire in quale contesto viviamo la nostra fede, quali siano gli ostacoli che dovremo anche noi ora affrontare. Non riusciamo infatti a intuire verso quali lidi la Comunità verrà accompagnata e in che forme diverse potrà continuare a esprimere, senza le persone che costituiscono le sue storiche radici, continuità piena rispetto allo sforzo di radicalità evangelica e di dialogo ecumenico.
Per parte nostra, per essere fedeli al dovere della testimonianza alla Verità come essenziale vocazione battesimale, abbiamo pensato di non poterci permettere di restare unicamente spettatori. Dopo aver riflettuto, pregato per la Comunità, le persone coinvolte, le gerarchie ecclesiastiche, per noi stessi, riteniamo ora di dover chiedere il dono della fiducia di essere ritenuti Cristiani sempre in cammino, ma già abbastanza adulti per riuscire a comprendere la complessità della situazione.
Santità, temiamo di essere tentati dall’inerzia, ma abbiamo pensato che forse Lei si aspetti da noi, credenti che tanto hanno ricevuto dai carismi della Chiesa post conciliare, una disponibilità a restituire con la nostra testimonianza il sigillo di quanto abbiamo avuto negli anni, anche dalla Comunità di Bose. Domandiamo di conoscere il modo per dimostrarlo, ricevendo piena luce sugli obiettivi e le finalità di un intervento, non solito, da parte della Chiesa.
Siamo fiduciosi, Papa Francesco, che la Sua sollecitudine verso ogni forma di sofferenza e la Sua instancabile missione di parresia, Le faranno comprendere fino in fondo la nostra sofferta richiesta. Preghiamo per Lei, come spesso ci chiede, perché possa continuare sempre su questa via, che ha aperto tanti cuori e regalato tanti momenti di autentica Speranza.
Con deferente affetto.

Rosamaria Nebiolo
Ennio Tomaselli
Simona Martinotti
Carla Lino
Mariangela Zoccola
Federica Bosso
Gianni Raposio
Lorenzo Raposio
Paola Bosso
Mario Bonfanti, Maria Grazia Rossi
Valter Rizzi
Luisa Mennuti
Riccardo Morello
Anselma Mannucci
Stefano Belfiore

Originale: Settimana News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Restituzione per Bose

  

- Advertisement -
di: Autori vari

Sua Santità Papa Francesco,
Conoscendo la Sua attenzione pastorale e l’affetto che La lega al Suo gregge, scriviamo perché ricorriamo a Lei per un motivo che riteniamo molto importante.
Il motivo è la situazione in cui si trovano oggi moltissimi credenti che da decenni frequentano la Comunità di Bose come luogo di riflessione, preghiera, formazione, portando poi la loro testimonianza e il loro impegno nelle parrocchie e nei luoghi in cui vivono e lavorano. Tantissime persone che, non solo in Italia, in questi giorni provano grande sofferenza, sconforto e smarrimento per le notizie che provengono dalla Comunità in seguito al decreto singolare della Santa Sede del 13 maggio. Anche tanti altri credenti, che di Bose hanno solo sentito parlare, stanno in questo momento esprimendo sui media la loro inquietudine, temendo di essere lasciati “nella nebbia” rispetto ai loro interrogativi, affidandosi però a notizie contraddittorie che possono far anche molto male.
Anche noi scriventi, piccolo ma forse rappresentativo gruppo, abbiamo seguito con apprensione le cronache di queste giornate, abbiamo pregato nei giorni di Pentecoste lo Spirito perché la Comunità, adeguatamente supportata, riuscisse a mostrare gesti esemplari di misericordia; ora siamo smarriti perché non comprendiamo il protrarsi di questo silenzio in merito a quanto deciso. No, non è curiosità, Santo Padre, nemmeno vogliamo cadere nella tentazione di “io son di Paolo, io di Apollo e io di Cefa”, al contrario: abbiamo bisogno di trasparenza per dare testimonianza di unità, di partecipazione piena alla sofferenza di tutte le persone coinvolte, per capire l’ottica della Chiesa, che oggi è intervenuta secondo finalità che non conosciamo e, non informati, non comprendiamo.
Siamo consapevoli delle necessarie cautele di discrezione sui vissuti e sulle relazioni , ma non comprendiamo perché proprio le persone coinvolte non possano conoscere i motivi delle decisioni, mentre noi abbiamo invece bisogno di capire in quale contesto viviamo la nostra fede, quali siano gli ostacoli che dovremo anche noi ora affrontare. Non riusciamo infatti a intuire verso quali lidi la Comunità verrà accompagnata e in che forme diverse potrà continuare a esprimere, senza le persone che costituiscono le sue storiche radici, continuità piena rispetto allo sforzo di radicalità evangelica e di dialogo ecumenico.
Per parte nostra, per essere fedeli al dovere della testimonianza alla Verità come essenziale vocazione battesimale, abbiamo pensato di non poterci permettere di restare unicamente spettatori. Dopo aver riflettuto, pregato per la Comunità, le persone coinvolte, le gerarchie ecclesiastiche, per noi stessi, riteniamo ora di dover chiedere il dono della fiducia di essere ritenuti Cristiani sempre in cammino, ma già abbastanza adulti per riuscire a comprendere la complessità della situazione.
Santità, temiamo di essere tentati dall’inerzia, ma abbiamo pensato che forse Lei si aspetti da noi, credenti che tanto hanno ricevuto dai carismi della Chiesa post conciliare, una disponibilità a restituire con la nostra testimonianza il sigillo di quanto abbiamo avuto negli anni, anche dalla Comunità di Bose. Domandiamo di conoscere il modo per dimostrarlo, ricevendo piena luce sugli obiettivi e le finalità di un intervento, non solito, da parte della Chiesa.
Siamo fiduciosi, Papa Francesco, che la Sua sollecitudine verso ogni forma di sofferenza e la Sua instancabile missione di parresia, Le faranno comprendere fino in fondo la nostra sofferta richiesta. Preghiamo per Lei, come spesso ci chiede, perché possa continuare sempre su questa via, che ha aperto tanti cuori e regalato tanti momenti di autentica Speranza.
Con deferente affetto.

Rosamaria Nebiolo
Ennio Tomaselli
Simona Martinotti
Carla Lino
Mariangela Zoccola
Federica Bosso
Gianni Raposio
Lorenzo Raposio
Paola Bosso
Mario Bonfanti, Maria Grazia Rossi
Valter Rizzi
Luisa Mennuti
Riccardo Morello
Anselma Mannucci
Stefano Belfiore

- Advertisement -
Originale: Settimana News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
286FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
631FollowerSegui
122IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Libri consigliati

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x