14.5 C
Roma
Dom, 25 Ottobre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Religioni Religioni: un’alleanza per l’umanità

Religioni: un’alleanza per l’umanità

- Advertisement -
di: Agenzia FIDES

Un ringraziamento per la sollecitudine mostrata da papa Francesco per poveri e bisognosi nel tempo della pandemia, e la proposta di «intensificare» la collaborazione e lo scambio di esperienze con le istituzioni cattoliche, in modo da «creare una comunità delle religioni celesti al servizio dell’umanità». Sono questi i messaggi chiave contenuti in una lettera rivolta a papa Francesco dall’Ayatollah iraniano Alireza Arafi, Rettore dell’Università internazionale Al Mustafa di Qom, a nome del Seminario dell’Iran – di cui è capo – e dei professori di quella prestigiosa comunità accademica sciita.

La sventura della diffusione del coronavirus si legge nella missiva, pervenuta all’Agenzia Fides, «ha causato sofferenze per Paesi e nazioni», turbando anche studiosi e leader religiosi. I maestri religiosi e i loro allievi, a Qom e in tutto l’Iran – scrive l’Ayatollah «invocano misericordia di Dio per chi ha perso la propria vita e guarigione per chi è ammalato», e «esprimono la loro gratitudine per il papa e per tutti coloro che hanno a cuore i deboli e i bisognosi», sottolineando nel contempo l’importanza di attenersi ai piani delineati a partire dalle raccomandazioni degli esperti e degli scienziati» «Secondo la logica delle religioni rivelate» si legge nel messaggio «i disastri naturali sono fenomeni di allarme che mettono alla prova l’umanità» e rappresentano anche una circostanza in cui «approfondire la propria origine e la possibilità di risorgere» in cui può emergere anche un fecondo spirito di empatia e dedizione.

Un approccio corretto a tali accidenti – spiega l’Ayatollah iraniano – deve evitare contrapposizioni menzognere tra scienza e religione, e deve infondere anche nei gruppi dirigenti la sollecitudine a favorire la coesione sociale. Capi religiosi e teologi – nota l’alto esponente sciita – hanno la responsabilità ulteriore di rafforzare le fondamenta della propria fede «proteggere la società da anomalie e contaminazioni, tener presente la forza eterna di Dio Onnipotente, promuovere la preghiera e le suppliche alla presenza di Dio», per affrontare insieme altre altre emergenze contemporanee come «ingiustizia, discriminazione, sanzioni disumane, crisi ambientali, guerra, terrorismo, produzione de strumenti di distruzione di massa».

L’Ayatollah Alireza Arafi aggiunge con orgoglio che in Iran «in questi giorni siamo stati testimoni di indescrivibili manifestazioni di solidarietà popolare e di mobilitazione volontaria» che ha unito istituzioni governative e persone di tutti i gruppi religiosi, e ha visto in prima fila infermieri, dottori, studenti, élite accademiche e tanti giovani, «sotto la guida dei leader supremi della Rivoluzione Islamica», e conclude annunciando che il Seminario e i suoi professori, studiosi e studenti sono pronti a intensificare lo scambio scientifico, culturale e le esperienze di reciproco sostegno, aprendo un nuovo capitolo di collaborazione «in special mondo le istituzioni cattoliche», in modo da formare una «comunità delle religioni rivelate al servizio dell’umanità».

Originale: Settimana News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Religioni: un’alleanza per l’umanità

  

- Advertisement -
di: Agenzia FIDES

Un ringraziamento per la sollecitudine mostrata da papa Francesco per poveri e bisognosi nel tempo della pandemia, e la proposta di «intensificare» la collaborazione e lo scambio di esperienze con le istituzioni cattoliche, in modo da «creare una comunità delle religioni celesti al servizio dell’umanità». Sono questi i messaggi chiave contenuti in una lettera rivolta a papa Francesco dall’Ayatollah iraniano Alireza Arafi, Rettore dell’Università internazionale Al Mustafa di Qom, a nome del Seminario dell’Iran – di cui è capo – e dei professori di quella prestigiosa comunità accademica sciita.

La sventura della diffusione del coronavirus si legge nella missiva, pervenuta all’Agenzia Fides, «ha causato sofferenze per Paesi e nazioni», turbando anche studiosi e leader religiosi. I maestri religiosi e i loro allievi, a Qom e in tutto l’Iran – scrive l’Ayatollah «invocano misericordia di Dio per chi ha perso la propria vita e guarigione per chi è ammalato», e «esprimono la loro gratitudine per il papa e per tutti coloro che hanno a cuore i deboli e i bisognosi», sottolineando nel contempo l’importanza di attenersi ai piani delineati a partire dalle raccomandazioni degli esperti e degli scienziati» «Secondo la logica delle religioni rivelate» si legge nel messaggio «i disastri naturali sono fenomeni di allarme che mettono alla prova l’umanità» e rappresentano anche una circostanza in cui «approfondire la propria origine e la possibilità di risorgere» in cui può emergere anche un fecondo spirito di empatia e dedizione.

Un approccio corretto a tali accidenti – spiega l’Ayatollah iraniano – deve evitare contrapposizioni menzognere tra scienza e religione, e deve infondere anche nei gruppi dirigenti la sollecitudine a favorire la coesione sociale. Capi religiosi e teologi – nota l’alto esponente sciita – hanno la responsabilità ulteriore di rafforzare le fondamenta della propria fede «proteggere la società da anomalie e contaminazioni, tener presente la forza eterna di Dio Onnipotente, promuovere la preghiera e le suppliche alla presenza di Dio», per affrontare insieme altre altre emergenze contemporanee come «ingiustizia, discriminazione, sanzioni disumane, crisi ambientali, guerra, terrorismo, produzione de strumenti di distruzione di massa».

L’Ayatollah Alireza Arafi aggiunge con orgoglio che in Iran «in questi giorni siamo stati testimoni di indescrivibili manifestazioni di solidarietà popolare e di mobilitazione volontaria» che ha unito istituzioni governative e persone di tutti i gruppi religiosi, e ha visto in prima fila infermieri, dottori, studenti, élite accademiche e tanti giovani, «sotto la guida dei leader supremi della Rivoluzione Islamica», e conclude annunciando che il Seminario e i suoi professori, studiosi e studenti sono pronti a intensificare lo scambio scientifico, culturale e le esperienze di reciproco sostegno, aprendo un nuovo capitolo di collaborazione «in special mondo le istituzioni cattoliche», in modo da formare una «comunità delle religioni rivelate al servizio dell’umanità».

- Advertisement -
Originale: Settimana News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
286FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
632FollowerSegui
123IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Libri consigliati

I profeti minori “quadriformi”

Le lettere di Paolo

La grande città e la salvezza

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x