18.1 C
Rome
domenica, 20 Ottobre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita cristiana Quel “come” che impreziosisce il modo di amare.

Quel “come” che impreziosisce il modo di amare.

- Advertisement -

IL VANGELO STRABICO

V Domenica di Pasqua – C

(Atti 14, 21-27; Apocalisse 21, 1-5; Giovanni 13, 31-35)

A  cura di Benito Giorgetta

Quel “come” che impreziosisce il modo di amare

Ascoltiamo il Vangelo:

 

“Quando Giuda fu uscito [dal cenacolo], Gesù disse: «Ora il Figlio dell’uomo è stato glorificato, e Dio è stato glorificato in lui. Se Dio è stato glorificato in lui, anche Dio lo glorificherà da parte sua e lo glorificherà subito. 
Figlioli, ancora per poco sono con voi. Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri. Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri. 
Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avete amore gli uni per gli altri»”.

Nell’intimità del cenacolo Gesù ha vissuto con i suoi amici momenti indimenticabili per la gioia, l’intensità relazionale e i doni che ha lasciato. Ma vi è anche una nota di amarezza: il cuore di Giuda, intorbidito dal desiderio di possesso, lo porta a tradirlo. Nonostante tutto, Gesù, non si scoraggia, ma rilancia la posta in gioco e, sfidando tutti, consegna un comandamento nuovo: “Amatevi come io ho amato voi”. Un invito, un programma, una prova, ma aggiunge anche quale deve essere il modo attraverso il quale si devono far riconoscere: “ Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avrete amore gli uni per gli altri”. La divisa di questa squadra e il loro codice identificativo è l’amore reciproco.

Il condimento migliore per ogni tipo di relazione è sempre l’amore perché è la forma più alta e bella, più impegnativa e redditizia, quella che permette di consegnare noi stessi alla persona che abbiamo dinanzi, senza barriere, senza tornaconti, senza calcoli, senza desideri di ritorno, gratuitamente. L’amore cementa e solidifica i rapporti in un modo così particolare che li rende unici, apicali, particolari, irripetibili. Ma Gesù insegna ai dodici che dell’amore debbono essere la sorgente che dona, che emana, non il recipiente che vuole essere riempito ma acqua che disseta, abbraccio che include,  mente che non esclude nessuno, cuore che si dona. Ecco perché non solo invita ad amare ma dona se stesso come modello: “Come io ho amato voi”. Questo “come” da la caratura di un amore particolare, che non si lascia ingannare dall’apparenza, che non si lascia narcotizzare dalla bellezza estetica, che non si lascia imbrogliare dal calcolo. E’ un amore disarmante come lo è stato quello di chi l’ha insegnato dalla cattedra della croce. Quella croce, parafulmine dell’umanità ed Everest apicale di dono totale incondizionato, gratuito e preveniente, è scuola di vita, faro che illumina, calamita che attira.

Questo è un modo scandaloso di amare, estremo, controcorrente, spregiudicato, radicale, da sballo. Chi è capace di esprimerlo è un eroe, un martire che uccide se stesso per fare spazio agli altri, che toglie la vita a sé per donarla a chi gliela chiede. La casacca del cristiano non è di natura estetica ma sostanziale, non s’indossa ma si mostra, non si proclama, ma si vive. Dal modo di amare chi vede deve capire chi siamo. L’identità non è data da una registrazione anagrafica ma da uno spessore di vita, da una capacità di trasformare chi s’incontra perché ci si presenta disarmati o armati dalla solo volontà di amare in ogni circostanza, con intensità unica.

Questo è il lievito che solleverà il mondo, che lo renderà diverso, che rivelerà Dio a chi lo cerca perché lo troverà nel nostro abbraccio, nel nostro sorriso, nella capacità di perdonare, di comprendere. In sostanza Gesù ha chiesto di amare come ama lui perché vuole che siamo anche noi  apostoli investiti della sua stessa missione, salvare il  mondo non condannandolo, ma amandolo, usandogli misericordia. Perché, come il Padre è misericordioso per noi, noi lo dobbiamo essere per tutti. Dobbiamo essere sorgenti e non pozzanghere.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Quel “come” che impreziosisce il modo di amare.

  

- Advertisement -

IL VANGELO STRABICO

V Domenica di Pasqua – C

(Atti 14, 21-27; Apocalisse 21, 1-5; Giovanni 13, 31-35)

A  cura di Benito Giorgetta

Quel “come” che impreziosisce il modo di amare

- Advertisement -

Ascoltiamo il Vangelo:

 

“Quando Giuda fu uscito [dal cenacolo], Gesù disse: «Ora il Figlio dell’uomo è stato glorificato, e Dio è stato glorificato in lui. Se Dio è stato glorificato in lui, anche Dio lo glorificherà da parte sua e lo glorificherà subito. 
Figlioli, ancora per poco sono con voi. Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri. Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri. 
Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avete amore gli uni per gli altri»”.

Nell’intimità del cenacolo Gesù ha vissuto con i suoi amici momenti indimenticabili per la gioia, l’intensità relazionale e i doni che ha lasciato. Ma vi è anche una nota di amarezza: il cuore di Giuda, intorbidito dal desiderio di possesso, lo porta a tradirlo. Nonostante tutto, Gesù, non si scoraggia, ma rilancia la posta in gioco e, sfidando tutti, consegna un comandamento nuovo: “Amatevi come io ho amato voi”. Un invito, un programma, una prova, ma aggiunge anche quale deve essere il modo attraverso il quale si devono far riconoscere: “ Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avrete amore gli uni per gli altri”. La divisa di questa squadra e il loro codice identificativo è l’amore reciproco.

Il condimento migliore per ogni tipo di relazione è sempre l’amore perché è la forma più alta e bella, più impegnativa e redditizia, quella che permette di consegnare noi stessi alla persona che abbiamo dinanzi, senza barriere, senza tornaconti, senza calcoli, senza desideri di ritorno, gratuitamente. L’amore cementa e solidifica i rapporti in un modo così particolare che li rende unici, apicali, particolari, irripetibili. Ma Gesù insegna ai dodici che dell’amore debbono essere la sorgente che dona, che emana, non il recipiente che vuole essere riempito ma acqua che disseta, abbraccio che include,  mente che non esclude nessuno, cuore che si dona. Ecco perché non solo invita ad amare ma dona se stesso come modello: “Come io ho amato voi”. Questo “come” da la caratura di un amore particolare, che non si lascia ingannare dall’apparenza, che non si lascia narcotizzare dalla bellezza estetica, che non si lascia imbrogliare dal calcolo. E’ un amore disarmante come lo è stato quello di chi l’ha insegnato dalla cattedra della croce. Quella croce, parafulmine dell’umanità ed Everest apicale di dono totale incondizionato, gratuito e preveniente, è scuola di vita, faro che illumina, calamita che attira.

Questo è un modo scandaloso di amare, estremo, controcorrente, spregiudicato, radicale, da sballo. Chi è capace di esprimerlo è un eroe, un martire che uccide se stesso per fare spazio agli altri, che toglie la vita a sé per donarla a chi gliela chiede. La casacca del cristiano non è di natura estetica ma sostanziale, non s’indossa ma si mostra, non si proclama, ma si vive. Dal modo di amare chi vede deve capire chi siamo. L’identità non è data da una registrazione anagrafica ma da uno spessore di vita, da una capacità di trasformare chi s’incontra perché ci si presenta disarmati o armati dalla solo volontà di amare in ogni circostanza, con intensità unica.

Questo è il lievito che solleverà il mondo, che lo renderà diverso, che rivelerà Dio a chi lo cerca perché lo troverà nel nostro abbraccio, nel nostro sorriso, nella capacità di perdonare, di comprendere. In sostanza Gesù ha chiesto di amare come ama lui perché vuole che siamo anche noi  apostoli investiti della sua stessa missione, salvare il  mondo non condannandolo, ma amandolo, usandogli misericordia. Perché, come il Padre è misericordioso per noi, noi lo dobbiamo essere per tutti. Dobbiamo essere sorgenti e non pozzanghere.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
856FollowerSegui
13,000FollowerSegui
603FollowerSegui
57IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO