14 C
Roma
Mer, 22 Gennaio 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita Ecclesiale Quando un prete si innamora

Quando un prete si innamora

- Advertisement -
di: Andrea Lebra
 

Sabato 9 febbraio 2019, nel corso della celebrazione eucaristica vespertina, il vescovo ha comunicato alla comunità parrocchiale di Cerano (Novara) che il parroco, Federico Sorrenti, avrebbe cessato, a partire dal giorno successivo, il suo servizio presbiterale, per essersi innamorato di una donna e per aver scelto di voler costruire una famiglia, avviando così un nuovo percorso di vita.

«Questa sua scelta così dirompente e di grande impatto anche per la vostra comunità – ha detto il vescovo – crea tanta sofferenza: alla nostra Chiesa diocesana, a me, e sono sicuro anche a voi, che avevate imparato ad apprezzarlo. Nello stesso tempo però la rispettiamo, riconoscendo la correttezza di don Federico nell’evitare di portare avanti ulteriormente il ministero in una situazione non coerente con lo stato di vita sacerdotale».

La notizia ha fatto scalpore ed è stata ripresa dagli organi di informazione anche a livello nazionale, con titoli altisonanti e fuorvianti, del tipo “Parroco innamorato lascia la tonaca e la Chiesa”.

Adesso che il clamore si è placato, avverto l’esigenza di esprimere una mia considerazione sull’accaduto, anche se non faccio parte della comunità parrocchiale di Cerano e sentendomi, comunque, membro del popolo di Dio riunito nella Chiesa che è a Novara.

A me sarebbe piaciuto che, nell’occasione, il vescovo avesse usato più o meno le parole del seguente tenore:

“Cari fratelli e care sorelle della comunità di Cerano,

questa sera sono qui a presiedere la celebrazione dell’eucarestia nella vostra chiesa per comunicarvi che don Federico da domani non potrà più essere vostro parroco.

Egli, infatti, si è innamorato di una nostra sorella nella fede e, con lei, ha deciso di costruire una famiglia e di avviare un nuovo percorso di vita che – sono sicuro – ricalcherà le caratteristiche che hanno segnato il servizio da lui prestato come presbitero per oltre quindici anni nella Chiesa di Novara: intelligenza, generosità, entusiasmo, passione nell’annunciare il vangelo di Gesù e vivacità nel testimoniare la bellezza della vita cristiana.

Considerata la carenza sempre più grave di presbiteri nella nostra Chiesa locale, vi confesso che a me, come vescovo, dispiace di non poter più fare affidamento sul ministero presbiterale di Federico.

Ma non deve dispiacere a voi.

Sono certo, infatti, che egli, assieme a sua moglie, potrà continuare, se lo desidera, a rimanere al vostro servizio, portando avanti, in stretto raccordo con il nuovo parroco che prossimamente nominerò, le iniziative pastorali avviate con il vostro coinvolgimento e con autentico stile sinodale.

Le attuali leggi canoniche, che potrebbero in futuro anche cambiare, stabiliscono che, per fare il prete, non si debba essere sposati.

Federico, quindi, non potrà più presiedere l’eucaristia e ricoprire il ruolo di parroco.

Come ogni buon cristiano, però, potrà continuare a porsi a servizio del popolo di Dio, sull’esempio del Signore Gesù che, per annunciare il Regno di Dio e per farci capire di essere venuto tra di noi non per essere servito ma per servire, si è chinato a lavare i piedi dei suoi discepoli.

Mettendo a frutto le conoscenze acquisite con gli studi teologici e con il ministero presbiterale esemplarmente esercitato prima a Novara (anche come vice-direttore dell’Ufficio diocesano di pastorale giovanile) e poi a Cerano, sono certo che Federico potrebbe continuare a svolgere a beneficio della Chiesa novarese un prezioso ministero nell’ambito dell’annuncio della parola di Dio, della testimonianza della carità e della vita di preghiera delle comunità.

Auguro a lui e a sua moglie un avvenire di luce e di gioia nel Signore.

Chiedo a tutti voi, parrocchiani di Cerano, di vivere questo evento con serenità e positività.

Siate grati a Federico – come lo sono io – per il bene che avete ricevuto nel suo esercizio del “sacerdozio ministeriale”. E continuate – nel caso che ciò fosse possibile – ad essere disponibili a collaborare con lui nell’esercizio del “sacerdozio comune” che compete a tutti i battezzati e che, al pari di quello ministeriale o gerarchico, partecipa dell’unico sacerdozio di Cristo”.

Originale: Settimana News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Quando un prete si innamora

  

- Advertisement -
di: Andrea Lebra
 

Sabato 9 febbraio 2019, nel corso della celebrazione eucaristica vespertina, il vescovo ha comunicato alla comunità parrocchiale di Cerano (Novara) che il parroco, Federico Sorrenti, avrebbe cessato, a partire dal giorno successivo, il suo servizio presbiterale, per essersi innamorato di una donna e per aver scelto di voler costruire una famiglia, avviando così un nuovo percorso di vita.

«Questa sua scelta così dirompente e di grande impatto anche per la vostra comunità – ha detto il vescovo – crea tanta sofferenza: alla nostra Chiesa diocesana, a me, e sono sicuro anche a voi, che avevate imparato ad apprezzarlo. Nello stesso tempo però la rispettiamo, riconoscendo la correttezza di don Federico nell’evitare di portare avanti ulteriormente il ministero in una situazione non coerente con lo stato di vita sacerdotale».

La notizia ha fatto scalpore ed è stata ripresa dagli organi di informazione anche a livello nazionale, con titoli altisonanti e fuorvianti, del tipo “Parroco innamorato lascia la tonaca e la Chiesa”.

Adesso che il clamore si è placato, avverto l’esigenza di esprimere una mia considerazione sull’accaduto, anche se non faccio parte della comunità parrocchiale di Cerano e sentendomi, comunque, membro del popolo di Dio riunito nella Chiesa che è a Novara.

A me sarebbe piaciuto che, nell’occasione, il vescovo avesse usato più o meno le parole del seguente tenore:

- Advertisement -

“Cari fratelli e care sorelle della comunità di Cerano,

questa sera sono qui a presiedere la celebrazione dell’eucarestia nella vostra chiesa per comunicarvi che don Federico da domani non potrà più essere vostro parroco.

Egli, infatti, si è innamorato di una nostra sorella nella fede e, con lei, ha deciso di costruire una famiglia e di avviare un nuovo percorso di vita che – sono sicuro – ricalcherà le caratteristiche che hanno segnato il servizio da lui prestato come presbitero per oltre quindici anni nella Chiesa di Novara: intelligenza, generosità, entusiasmo, passione nell’annunciare il vangelo di Gesù e vivacità nel testimoniare la bellezza della vita cristiana.

Considerata la carenza sempre più grave di presbiteri nella nostra Chiesa locale, vi confesso che a me, come vescovo, dispiace di non poter più fare affidamento sul ministero presbiterale di Federico.

Ma non deve dispiacere a voi.

Sono certo, infatti, che egli, assieme a sua moglie, potrà continuare, se lo desidera, a rimanere al vostro servizio, portando avanti, in stretto raccordo con il nuovo parroco che prossimamente nominerò, le iniziative pastorali avviate con il vostro coinvolgimento e con autentico stile sinodale.

Le attuali leggi canoniche, che potrebbero in futuro anche cambiare, stabiliscono che, per fare il prete, non si debba essere sposati.

Federico, quindi, non potrà più presiedere l’eucaristia e ricoprire il ruolo di parroco.

Come ogni buon cristiano, però, potrà continuare a porsi a servizio del popolo di Dio, sull’esempio del Signore Gesù che, per annunciare il Regno di Dio e per farci capire di essere venuto tra di noi non per essere servito ma per servire, si è chinato a lavare i piedi dei suoi discepoli.

Mettendo a frutto le conoscenze acquisite con gli studi teologici e con il ministero presbiterale esemplarmente esercitato prima a Novara (anche come vice-direttore dell’Ufficio diocesano di pastorale giovanile) e poi a Cerano, sono certo che Federico potrebbe continuare a svolgere a beneficio della Chiesa novarese un prezioso ministero nell’ambito dell’annuncio della parola di Dio, della testimonianza della carità e della vita di preghiera delle comunità.

Auguro a lui e a sua moglie un avvenire di luce e di gioia nel Signore.

Chiedo a tutti voi, parrocchiani di Cerano, di vivere questo evento con serenità e positività.

Siate grati a Federico – come lo sono io – per il bene che avete ricevuto nel suo esercizio del “sacerdozio ministeriale”. E continuate – nel caso che ciò fosse possibile – ad essere disponibili a collaborare con lui nell’esercizio del “sacerdozio comune” che compete a tutti i battezzati e che, al pari di quello ministeriale o gerarchico, partecipa dell’unico sacerdozio di Cristo”.

- Advertisement -
Originale: Settimana News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
280FansMi piace
873FollowerSegui
13,000FollowerSegui
615FollowerSegui
63IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Flavio Giuseppe: santo o traditore?

Le lettere di Paolo

Teilhard, rivoluzione teologica

La preghiera, la sete, le radici

La simbolica del grido nel Vangelo di Marco

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO