17.4 C
Roma
Sab, 5 Dicembre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Approfondimenti Qual è il trono che secondo la Bibbia durerà per sempre?

Qual è il trono che secondo la Bibbia durerà per sempre?

Se la maggior parte dei troni verrà distrutta, questo è eterno

- Advertisement -

Se la maggior parte dei troni verrà distrutta, questo è eterno

Nel corso della storia, i regni sono nati e caduti e gli imperi hanno conquistato e sono stati distrutti. Spesso i leader di queste Nazioni si sono seduti su un trono fisico che rappresentava la loro autorità e il loro potere.

Molti leader ornavano riccamente i loro troni, rendendoli più di un semplice pezzo di mobilio. Per alcuni leader era come se il trono fosse la fonte del potere, e molti combattevano chi ci si sedeva. Questi troni sono venuti meno dopo poche generazioni. È un potere temporale fugace, che spesso corrompeva la persona che lo deteneva.

C’è però un trono profetizzato nell’Antico Testamento che dura fino a oggi e durerà per tutta l’eternità.

Dio ha parlato al re Davide attraverso il profeta Samuele di un trono eterno:

“Io assicurerò dopo di te la discendenza uscita dalle tue viscere, e renderò stabile il suo regno. Egli edificherà una casa al mio nome e io renderò stabile per sempre il trono del suo regno. Io gli sarò padre ed egli mi sarà figlio” (2 Samuele 7, 12-14).

Se in qualche modo questo è stato realizzato mediante il figlio di Davide, Salomone, è stato realizzato definitivamente attraverso Gesù Cristo, il vero Figlio di Davide. Egli è il Messia della linea di Davide e colui che realizza questa profezia stabilendo un nuovo regno che non ha confini o un regno terreno.

Gesù stesso ha descritto dove sia questo trono parlando con gli apostoli:

“E Gesù disse loro: ‘In verità vi dico: voi che mi avete seguito, nella nuova creazione, quando il Figlio dell’uomo sarà seduto sul trono della sua gloria, siederete anche voi su dodici troni a giudicare le dodici tribù di Israele’” (Matteo 19, 28).

Gesù descrive poi come alla fine del mondo Egli tornerà sulla Terra in modo spettacolare:

“Quando il Figlio dell’uomo verrà nella sua gloria con tutti i suoi angeli, si siederà sul trono della sua gloria. E saranno riunite davanti a lui tutte le genti, ed egli separerà gli uni dagli altri, come il pastore separa le pecore dai capri, e porrà le pecore alla sua destra e i capri alla sinistra” (Matteo 25, 31-33)

Il Libro dell’Apocalisse conferma l’esistenza di questo trono eterno nella Gerusalemme celeste:

“Subito fui rapito in estasi. Ed ecco, c’era un trono nel cielo, e sul trono uno stava seduto. Colui che stava seduto era simile nell’aspetto a diaspro e cornalina. Un arcobaleno simile a smeraldo avvolgeva il trono. Attorno al trono, poi, c’erano ventiquattro seggi e sui seggi stavano seduti ventiquattro vegliardi avvolti in candide vesti con corone d’oro sul capo. Dal trono uscivano lampi, voci e tuoni; sette lampade accese ardevano davanti al trono, simbolo dei sette spiriti di Dio. Davanti al trono vi era come un mare trasparente simile a cristallo” (Apocalisse 4, 2-6).

Quando si riflette su questo trono, ci dovrebbe ricordare dove riporre la nostra fiducia. I leader terreni nasceranno e cadranno, e se dobbiamo promuovere verità e giustizia nella società, questi leader non sono tuttavia quelli in cui dovremmo confidare in modo pieno e definitivo.

Siamo figli di un Re che governa il mondo nell’amore e nella misericordia, e il suo è un trono eterno che brillerà quando questo mondo arriverà alla fine. Questo pensiero dovrebbe darci pace.

Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Qual è il trono che secondo la Bibbia durerà per sempre?

Se la maggior parte dei troni verrà distrutta, questo è eterno

- Advertisement -

Se la maggior parte dei troni verrà distrutta, questo è eterno

Nel corso della storia, i regni sono nati e caduti e gli imperi hanno conquistato e sono stati distrutti. Spesso i leader di queste Nazioni si sono seduti su un trono fisico che rappresentava la loro autorità e il loro potere.

Molti leader ornavano riccamente i loro troni, rendendoli più di un semplice pezzo di mobilio. Per alcuni leader era come se il trono fosse la fonte del potere, e molti combattevano chi ci si sedeva. Questi troni sono venuti meno dopo poche generazioni. È un potere temporale fugace, che spesso corrompeva la persona che lo deteneva.

C’è però un trono profetizzato nell’Antico Testamento che dura fino a oggi e durerà per tutta l’eternità.

Dio ha parlato al re Davide attraverso il profeta Samuele di un trono eterno:

“Io assicurerò dopo di te la discendenza uscita dalle tue viscere, e renderò stabile il suo regno. Egli edificherà una casa al mio nome e io renderò stabile per sempre il trono del suo regno. Io gli sarò padre ed egli mi sarà figlio” (2 Samuele 7, 12-14).

- Advertisement -

Se in qualche modo questo è stato realizzato mediante il figlio di Davide, Salomone, è stato realizzato definitivamente attraverso Gesù Cristo, il vero Figlio di Davide. Egli è il Messia della linea di Davide e colui che realizza questa profezia stabilendo un nuovo regno che non ha confini o un regno terreno.

Gesù stesso ha descritto dove sia questo trono parlando con gli apostoli:

“E Gesù disse loro: ‘In verità vi dico: voi che mi avete seguito, nella nuova creazione, quando il Figlio dell’uomo sarà seduto sul trono della sua gloria, siederete anche voi su dodici troni a giudicare le dodici tribù di Israele’” (Matteo 19, 28).

Gesù descrive poi come alla fine del mondo Egli tornerà sulla Terra in modo spettacolare:

“Quando il Figlio dell’uomo verrà nella sua gloria con tutti i suoi angeli, si siederà sul trono della sua gloria. E saranno riunite davanti a lui tutte le genti, ed egli separerà gli uni dagli altri, come il pastore separa le pecore dai capri, e porrà le pecore alla sua destra e i capri alla sinistra” (Matteo 25, 31-33)

Il Libro dell’Apocalisse conferma l’esistenza di questo trono eterno nella Gerusalemme celeste:

“Subito fui rapito in estasi. Ed ecco, c’era un trono nel cielo, e sul trono uno stava seduto. Colui che stava seduto era simile nell’aspetto a diaspro e cornalina. Un arcobaleno simile a smeraldo avvolgeva il trono. Attorno al trono, poi, c’erano ventiquattro seggi e sui seggi stavano seduti ventiquattro vegliardi avvolti in candide vesti con corone d’oro sul capo. Dal trono uscivano lampi, voci e tuoni; sette lampade accese ardevano davanti al trono, simbolo dei sette spiriti di Dio. Davanti al trono vi era come un mare trasparente simile a cristallo” (Apocalisse 4, 2-6).

Quando si riflette su questo trono, ci dovrebbe ricordare dove riporre la nostra fiducia. I leader terreni nasceranno e cadranno, e se dobbiamo promuovere verità e giustizia nella società, questi leader non sono tuttavia quelli in cui dovremmo confidare in modo pieno e definitivo.

Siamo figli di un Re che governa il mondo nell’amore e nella misericordia, e il suo è un trono eterno che brillerà quando questo mondo arriverà alla fine. Questo pensiero dovrebbe darci pace.

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
291FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
641FollowerSegui
141IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Libri consigliati

Le 217 domande di Gesù

Lo Spirito nell’agire umano

Razzismo 2.0, l’odio online

Le 110 parabole di papa Francesco

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x