21.7 C
Rome
giovedì, 22 Agosto 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Società e Politica Prosegue il martirio di Asia Bibi: negata la scarcerazione nonostante la sentenza!

Prosegue il martirio di Asia Bibi: negata la scarcerazione nonostante la sentenza!

La donna, madre di cinque figli, dunque resterà ancora in carcere.

- Advertisement -

A causa delle rivolte in piazza il Governo ha pavidamente scelto di assecondare i fondamentalisti e mettere in discussione la sentenza di innocenza

Sono bastati tre giorni di protesta feroce nella capitale pakistana di Islamabad, per far cedere il Governo e sospendere la scarcerazione di Asia Bibi fino a quando la sentenza di assoluzione non verrà riesaminata.

La donna, madre di cinque figli, dunque resterà ancora in carcere dopo una lotta giudiziaria e umana, lunga più di otto anni, durante i quali ha dovuto subire l’isolamento e la durezza delle carceri del suo paese, e che ha portato a minacce di morte per sé, la sua famiglia e il suo avvocato, Saif-ul-Mulook, che dopo la sentenza ha dovuto lasciare il Pakistan perché il Governo non voleva garantirne la sicurezza. Egli ha però dichiarato che continuerà a seguire Asia da lontano. «Nello scenario attuale, non è possibile per me vivere in Pakistan», ha spiegato «devo però restare vivo perché devo continuare la battaglia legale per Asia Bibi». E, sebbene anche la sua famiglia sia minacciata, ha assicurato che tornerà in Pakistan per difendere la sua cliente se l’ esercito gli garantirà sicurezza. Per l’avvocato la decisione del Governo non è stata una sorpresa anche se l’ha definita dolorosa. Il Governo, ha commentato l’avvocato, «non è stato nemmeno in grado di fare rispettare una sentenza della più alta corte del Paese» (Famiglia Cristiana).

La pressione dei radicali islamici

L’accordo raggiunto venerdì sera tra il governo pakistano e i radicali islamici che vogliono annullare la sentenza di assoluzione di Asia Bibi è “una vergogna”. Lo dichiara ad AsiaNews Kashif Hussain, scrittore e attivista, che contesta il patto siglato tra l’esecutivo di Imran Khan e i fondamentalisti del Tehreek-e-Labbaik Pakistan (TLP). L’accordo nasce con l’obiettivo di mettere fine alle manifestazioni che da giorni bloccano le maggiori città del Paese. “Non è accettabile”, continua lo scrittore, “che il gruppo islamico metta in discussione” il verdetto pronunciato dal massimo organo dello Stato. Questo è un rischio “per la stabilità dello Stato” .

Tre giorni fa, il premier Imran Khan aveva dato l’impressione di voler reagire alla pressione del TLP, accusandoli a sua volta di offendere l’Islam, ma alla fine ha ceduto alle pressioni della piazza e così è stato invece firmato l’accordo, per mano del ministro della Giustizia del Punjab, Raja Basharat, e di Noorul Haq Qadri, ministro per gli Affari religiosi, e Pir Muhammad Afzal Qadri, leader del Tlp.

Esso – spiega Asia News – si compone di cinque punti: il nome di Asia Bibi viene inserito nella Exit Control List (Ecl), che le impedirà di allontanarsi dal Paese; il governo non si opporrà alla richiesta di revisione della sentenza di assoluzione pronunciata dalla Corte suprema; l’esecutivo dovrà risarcire le vittime delle proteste; inoltre rilascerà i manifestanti arrestati nei giorni scorsi; da parte loro, gli estremisti del Tlp si scusano se le manifestazioni hanno “offeso i sentimenti delle persone”.

Secondo l’intesa, il governo dovrà risarcire le vittime delle proteste e rilasciare i manifestanti arrestati in questi giorni. Gli islamisti hanno annunciato la fine della protesta nazionale ma avvertendo che “se l’accordo non sarà applicato, scenderanno di nuovo in strada” (Vatican News).

Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Prosegue il martirio di Asia Bibi: negata la scarcerazione nonostante la sentenza!

La donna, madre di cinque figli, dunque resterà ancora in carcere.

  

- Advertisement -

A causa delle rivolte in piazza il Governo ha pavidamente scelto di assecondare i fondamentalisti e mettere in discussione la sentenza di innocenza

Sono bastati tre giorni di protesta feroce nella capitale pakistana di Islamabad, per far cedere il Governo e sospendere la scarcerazione di Asia Bibi fino a quando la sentenza di assoluzione non verrà riesaminata.

La donna, madre di cinque figli, dunque resterà ancora in carcere dopo una lotta giudiziaria e umana, lunga più di otto anni, durante i quali ha dovuto subire l’isolamento e la durezza delle carceri del suo paese, e che ha portato a minacce di morte per sé, la sua famiglia e il suo avvocato, Saif-ul-Mulook, che dopo la sentenza ha dovuto lasciare il Pakistan perché il Governo non voleva garantirne la sicurezza. Egli ha però dichiarato che continuerà a seguire Asia da lontano. «Nello scenario attuale, non è possibile per me vivere in Pakistan», ha spiegato «devo però restare vivo perché devo continuare la battaglia legale per Asia Bibi». E, sebbene anche la sua famiglia sia minacciata, ha assicurato che tornerà in Pakistan per difendere la sua cliente se l’ esercito gli garantirà sicurezza. Per l’avvocato la decisione del Governo non è stata una sorpresa anche se l’ha definita dolorosa. Il Governo, ha commentato l’avvocato, «non è stato nemmeno in grado di fare rispettare una sentenza della più alta corte del Paese» (Famiglia Cristiana).

La pressione dei radicali islamici

L’accordo raggiunto venerdì sera tra il governo pakistano e i radicali islamici che vogliono annullare la sentenza di assoluzione di Asia Bibi è “una vergogna”. Lo dichiara ad AsiaNews Kashif Hussain, scrittore e attivista, che contesta il patto siglato tra l’esecutivo di Imran Khan e i fondamentalisti del Tehreek-e-Labbaik Pakistan (TLP). L’accordo nasce con l’obiettivo di mettere fine alle manifestazioni che da giorni bloccano le maggiori città del Paese. “Non è accettabile”, continua lo scrittore, “che il gruppo islamico metta in discussione” il verdetto pronunciato dal massimo organo dello Stato. Questo è un rischio “per la stabilità dello Stato” .

- Advertisement -

Tre giorni fa, il premier Imran Khan aveva dato l’impressione di voler reagire alla pressione del TLP, accusandoli a sua volta di offendere l’Islam, ma alla fine ha ceduto alle pressioni della piazza e così è stato invece firmato l’accordo, per mano del ministro della Giustizia del Punjab, Raja Basharat, e di Noorul Haq Qadri, ministro per gli Affari religiosi, e Pir Muhammad Afzal Qadri, leader del Tlp.

Esso – spiega Asia News – si compone di cinque punti: il nome di Asia Bibi viene inserito nella Exit Control List (Ecl), che le impedirà di allontanarsi dal Paese; il governo non si opporrà alla richiesta di revisione della sentenza di assoluzione pronunciata dalla Corte suprema; l’esecutivo dovrà risarcire le vittime delle proteste; inoltre rilascerà i manifestanti arrestati nei giorni scorsi; da parte loro, gli estremisti del Tlp si scusano se le manifestazioni hanno “offeso i sentimenti delle persone”.

Secondo l’intesa, il governo dovrà risarcire le vittime delle proteste e rilasciare i manifestanti arrestati in questi giorni. Gli islamisti hanno annunciato la fine della protesta nazionale ma avvertendo che “se l’accordo non sarà applicato, scenderanno di nuovo in strada” (Vatican News).

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
845FollowerSegui
13,000FollowerSegui
594FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Immergersi nella storicità di Gesù

Dieci parole per vivere

La ricerca storica su Gesù

La grande città e la salvezza

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO